19.6 C
Rome
martedì, 15 Ottobre 2019
  • MEDIA

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Spiritualità Professione esorcista, un ministero di misericordia

Professione esorcista, un ministero di misericordia

Spiritualità

- Advertisement -

Padre Cesare Truqui racconta la sua formazione di esorcista al fianco di don Amorth e il suo incontro con Satana

“Essere esorcista significa esercitare un ministero di misericordia. Un altro modo di stare vicino a persone che soffrono” (p. 15) è così che Padre Cesare Truqui, esorcista e allievo di Padre Gabriele Amorth, descrive questa particolare vocazione del suo essere sacerdote, nel volume scritto a quattro mani con la vaticanista Chiara Santomiero ed edito da Piemme, dal titolo “Professione Esorcista. I più sconvolgenti casi di possessione e liberazione“.

Il volume spiega con calma e prendendo per mano il lettore che l’esorcismo è prima di tutto un atto di fede, quella del sacerdote, e quella della Chiesa tutta. Non c’è nulla di romantico o di avventuroso, c’è però la percezione precisa che Satana c’è e opera per disperdere il gregge di Dio. Che è bene sapere che questa presenza invisibile ma reale esiste, sebbene sia essenziale non ridurre ogni cosa alla presenza maligna. La maggior parte delle volte basta un buon psichiatra o in generale un medico che sappia capire e interpretare le esigenze reali del malato. Ma esiste anche quel raro caso in cui ad intervenire deve essere un sacerdote, e un sacerdote preparato specificatamente a quel compito.

Truqui racconta la sua formazione di esorcista, il suo “discepolato” con padre Amorth che egli considera il suo maestro, e i primi incontri con il demonio. Il primo caso di reale e totale possessione lo incontrò durante il periodo antecedente la GMG del 2000, la presenza di Satana. Ci vollero anni – racconta – per scacciare definitivamente il diavolo e fu necessaria anche la preghiera di Benedetto XVI.

Ma la vita dell’esorcista non ruota – e non deve ruotare – attorno al maligno, bensì attorno alla preghiera incessante per Gesù Cristo e la Vergine Maria, è questo l’insegnamento e l’avvertimento che padre Amorth ha lasciato ai propri discepoli: fatevi aiutare dalla Madre di Dio, è lei che schiaccia la testa del serpente, dopo tutto, no?

Nel libro, oltre ai ricordi e alle esperienze fatte dal sacerdote dopo oltre un decennio di ordinazione presbiteriale, c’è un capitolo dal titolo “Papa Francesco e il diavolo” in cui si spiega che la naturalezza con cui il pontefice parla di Satana è dovuta al suo essere latino americano, ma che ogni intervento del Pontefice sull’argomento è sempre puntualmente radicato nella dottrina. Francesco, che pure ama le metafore colorite, non le usa mai quando parla del diavolo:

Bergoglio non usa metafore, né minimizza, anzi, costringe a occuparsi del diavolo come persona reale, senza indulgere alla curiosità. In un’omelia dell’11 ottobre 2013, Francesco ha ricordato che “la presenza del demonio è nella prima pagina della Bibbia e la Bibbia finisce anche con la presenza del demonio, con la vittoria di Dio sul demonio”. Tradotto: il nemico non è una metafora. (p. 63-64)

Un libro insomma che sfugge al razionalismo e al contempo tiene a distanza la superstizione. Se Satana è reale (e lo è) va trattato con intelligenza, ma senza ansia perché il suo potere è limitato e il suo destino è la sconfitta…

 

ACQUISTA QUI IL VOLUME

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Professione esorcista, un ministero di misericordia

Spiritualità

  

- Advertisement -

Padre Cesare Truqui racconta la sua formazione di esorcista al fianco di don Amorth e il suo incontro con Satana

“Essere esorcista significa esercitare un ministero di misericordia. Un altro modo di stare vicino a persone che soffrono” (p. 15) è così che Padre Cesare Truqui, esorcista e allievo di Padre Gabriele Amorth, descrive questa particolare vocazione del suo essere sacerdote, nel volume scritto a quattro mani con la vaticanista Chiara Santomiero ed edito da Piemme, dal titolo “Professione Esorcista. I più sconvolgenti casi di possessione e liberazione“.

Il volume spiega con calma e prendendo per mano il lettore che l’esorcismo è prima di tutto un atto di fede, quella del sacerdote, e quella della Chiesa tutta. Non c’è nulla di romantico o di avventuroso, c’è però la percezione precisa che Satana c’è e opera per disperdere il gregge di Dio. Che è bene sapere che questa presenza invisibile ma reale esiste, sebbene sia essenziale non ridurre ogni cosa alla presenza maligna. La maggior parte delle volte basta un buon psichiatra o in generale un medico che sappia capire e interpretare le esigenze reali del malato. Ma esiste anche quel raro caso in cui ad intervenire deve essere un sacerdote, e un sacerdote preparato specificatamente a quel compito.

Truqui racconta la sua formazione di esorcista, il suo “discepolato” con padre Amorth che egli considera il suo maestro, e i primi incontri con il demonio. Il primo caso di reale e totale possessione lo incontrò durante il periodo antecedente la GMG del 2000, la presenza di Satana. Ci vollero anni – racconta – per scacciare definitivamente il diavolo e fu necessaria anche la preghiera di Benedetto XVI.

Ma la vita dell’esorcista non ruota – e non deve ruotare – attorno al maligno, bensì attorno alla preghiera incessante per Gesù Cristo e la Vergine Maria, è questo l’insegnamento e l’avvertimento che padre Amorth ha lasciato ai propri discepoli: fatevi aiutare dalla Madre di Dio, è lei che schiaccia la testa del serpente, dopo tutto, no?

- Advertisement -

Nel libro, oltre ai ricordi e alle esperienze fatte dal sacerdote dopo oltre un decennio di ordinazione presbiteriale, c’è un capitolo dal titolo “Papa Francesco e il diavolo” in cui si spiega che la naturalezza con cui il pontefice parla di Satana è dovuta al suo essere latino americano, ma che ogni intervento del Pontefice sull’argomento è sempre puntualmente radicato nella dottrina. Francesco, che pure ama le metafore colorite, non le usa mai quando parla del diavolo:

Bergoglio non usa metafore, né minimizza, anzi, costringe a occuparsi del diavolo come persona reale, senza indulgere alla curiosità. In un’omelia dell’11 ottobre 2013, Francesco ha ricordato che “la presenza del demonio è nella prima pagina della Bibbia e la Bibbia finisce anche con la presenza del demonio, con la vittoria di Dio sul demonio”. Tradotto: il nemico non è una metafora. (p. 63-64)

Un libro insomma che sfugge al razionalismo e al contempo tiene a distanza la superstizione. Se Satana è reale (e lo è) va trattato con intelligenza, ma senza ansia perché il suo potere è limitato e il suo destino è la sconfitta…

 

ACQUISTA QUI IL VOLUME

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
602FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Le tre lettere di Giovanni

Fusco: La gioia dell’ascolto

Desiderio e sequela

Paolo apostolo: vita e teologia

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO