19.2 C
Roma
Dom, 9 Maggio 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiVita cristianaPrima uomini, poi santi!

Prima uomini, poi santi!

- Advertisement -

Perché la Grazia (soprannaturale) presuppone sempre l’umano. Non è forse già una grazia la nostra natura?

Tutta la Scrittura è centrata sul dono dell’incarnazione: Dio si fa uomo perché l’uomo si faccia Dio. Questo mistero d’amore rimane ora come allora, di difficile comprensione per chi vive in fuga da sé. Il Regno dei Cieli (già e non ancora) passa per il presente (qui ed ora)! Senza l’apporto della tua storia, del tuo passato (lì ed allora) la fede rischia di diventare una fuga dal reale, un’astrazione disincarnata alternativa a una deludente realtà.

Questo ci porta ad una domanda: La nostra è una fede dinamica, viva, che va a sanare il nostro passato, che porta a compimento il nostro presente o una “pia religione” statica, stereotipata, in casi limite persino “alienante”, basata sull’osservanza maniacale di precetti e regole ma che trascura l’umano?

La Grazia presuppone l’umano

Quando sul monte Dio rivela il suo nome: Ehyeh ʾAšer ʾEhyeh Io Sono Colui Che E’, Che Era, E che Sempre Sarà, si pone in una Relazione triplice con l’uomo che tocca passato, presente e futuro. Qualcosa di Sanante, Strutturante, Sperante. Che non inscatola la persona, non la chiude in sé stessa, ma la guida verso una Pluralità.
E’ importante notare che lo Spirito non crea ex-nihilo, da zero, ma porta a compimento l’esistente.

La Spiritualità deve necessariamente poggiare sull’umano, altrimenti cade nel vuoto, è sorretta dal nulla. Pensiamo a tutti quei percorsi spiritualizzati devianti, che riducono tutto alla presunta volontà di Dio, tralasciando quella del fedele, così da generare conflitti interni alla persona. “Io ti ho posto davanti la vita e la morte, la benedizione e la maledizione; scegli…” (Deuteronomio 30,19) 

C’è sempre una scelta che ogni uomo deve compiere: Si o No, Male o Bene, ma questa non deve mai essere imposta. La dittatura del bene è la suprema espressione del male!

L’uomo ha bisogno di sentirsi amato, compreso, rispettato, solo in un secondo momento arato e seminato, nel pieno rispetto dei suoi tempi, aspettandone i frutti. Non dobbiamo clonare fedeli imponendo loro una metodologia, dobbiamo formare persone amandole!

Il guaio è che oggi molte realtà, forse inconsapevolmente, propongono percorsi di fede che non mirano realmente ad indagare e sanare le povertà del singolo, ma a coprirle con la spiritualità, sfavorendo un reale incontro tra uomo e Grazia.

Arriviamo così a persone che vivono la vita in funzione della comunità o del gruppo, quando dovrebbe essere l’opposto, il gruppo o la comunità in funzione della vita.

Prima uomini e poi Santi…

L’esperienza della Chiesa primitiva, cioè dei discepoli e degli apostoli di Gesù, rimane paradigmatica, un esempio da prendere come riferimento. Furono chiamati da Gesù “affinché stessero con lui” (Mc 3, 14-15).

Aver vissuto quotidianamente con il Signore li ha prima di tutto fatti maturare umanamente e psicologicamente come uomini e donne. Gesù ha messo al primo posto la loro maturazione umana facendo in modo che venissero fuori tutti i loro difetti, le loro debolezze, i loro progetti umani, la loro natura. Il Signore ha preso per mano gli apostoli, li ha amati e guidati fino alla Pentecoste, facendo compiere loro un cammino di umiltà, cioè di verità e di luce su loro stessi. Solo così avrebbero potuto essere pronti a fare l’esperienza della discesa dello Spirito Santo. Prima uomini e poi Santi.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Prima uomini, poi santi!

- Advertisement -

Perché la Grazia (soprannaturale) presuppone sempre l’umano. Non è forse già una grazia la nostra natura?

Tutta la Scrittura è centrata sul dono dell’incarnazione: Dio si fa uomo perché l’uomo si faccia Dio. Questo mistero d’amore rimane ora come allora, di difficile comprensione per chi vive in fuga da sé. Il Regno dei Cieli (già e non ancora) passa per il presente (qui ed ora)! Senza l’apporto della tua storia, del tuo passato (lì ed allora) la fede rischia di diventare una fuga dal reale, un’astrazione disincarnata alternativa a una deludente realtà.

Questo ci porta ad una domanda: La nostra è una fede dinamica, viva, che va a sanare il nostro passato, che porta a compimento il nostro presente o una “pia religione” statica, stereotipata, in casi limite persino “alienante”, basata sull’osservanza maniacale di precetti e regole ma che trascura l’umano?

La Grazia presuppone l’umano

Quando sul monte Dio rivela il suo nome: Ehyeh ʾAšer ʾEhyeh Io Sono Colui Che E’, Che Era, E che Sempre Sarà, si pone in una Relazione triplice con l’uomo che tocca passato, presente e futuro. Qualcosa di Sanante, Strutturante, Sperante. Che non inscatola la persona, non la chiude in sé stessa, ma la guida verso una Pluralità.
E’ importante notare che lo Spirito non crea ex-nihilo, da zero, ma porta a compimento l’esistente.

- Advertisement -

La Spiritualità deve necessariamente poggiare sull’umano, altrimenti cade nel vuoto, è sorretta dal nulla. Pensiamo a tutti quei percorsi spiritualizzati devianti, che riducono tutto alla presunta volontà di Dio, tralasciando quella del fedele, così da generare conflitti interni alla persona. “Io ti ho posto davanti la vita e la morte, la benedizione e la maledizione; scegli…” (Deuteronomio 30,19) 

C’è sempre una scelta che ogni uomo deve compiere: Si o No, Male o Bene, ma questa non deve mai essere imposta. La dittatura del bene è la suprema espressione del male!

L’uomo ha bisogno di sentirsi amato, compreso, rispettato, solo in un secondo momento arato e seminato, nel pieno rispetto dei suoi tempi, aspettandone i frutti. Non dobbiamo clonare fedeli imponendo loro una metodologia, dobbiamo formare persone amandole!

Il guaio è che oggi molte realtà, forse inconsapevolmente, propongono percorsi di fede che non mirano realmente ad indagare e sanare le povertà del singolo, ma a coprirle con la spiritualità, sfavorendo un reale incontro tra uomo e Grazia.

Arriviamo così a persone che vivono la vita in funzione della comunità o del gruppo, quando dovrebbe essere l’opposto, il gruppo o la comunità in funzione della vita.

Prima uomini e poi Santi…

L’esperienza della Chiesa primitiva, cioè dei discepoli e degli apostoli di Gesù, rimane paradigmatica, un esempio da prendere come riferimento. Furono chiamati da Gesù “affinché stessero con lui” (Mc 3, 14-15).

Aver vissuto quotidianamente con il Signore li ha prima di tutto fatti maturare umanamente e psicologicamente come uomini e donne. Gesù ha messo al primo posto la loro maturazione umana facendo in modo che venissero fuori tutti i loro difetti, le loro debolezze, i loro progetti umani, la loro natura. Il Signore ha preso per mano gli apostoli, li ha amati e guidati fino alla Pentecoste, facendo compiere loro un cammino di umiltà, cioè di verità e di luce su loro stessi. Solo così avrebbero potuto essere pronti a fare l’esperienza della discesa dello Spirito Santo. Prima uomini e poi Santi.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
650FollowerSegui
292IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Paolo e il suo Vangelo

Dell’essere e dell’amore

Governo pastorale, «nobile lavoro»

Teilhard, rivoluzione teologica

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x