18.5 C
Roma
Lun, 6 Aprile 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C XVI Domenica Tempo Ordinario - Anno C - 17 luglio 2016

XVI Domenica Tempo Ordinario – Anno C – 17 luglio 2016

- Advertisement -

 IL VANGELO STRABICO

XVI Domenica Tempo Ordinario – C

(Gènesi 18, 1-10; Colossèsi 1, 24-28; Luca 10, 38-42)

A  cura di Benito Giorgetta

Prima le persone poi le cose, prima la relazione poi la sistemazione

Ascoltiamo il Vangelo:

“In quel tempo, mentre erano in cammino, Gesù entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò. 
Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi. Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta»”.

Gesù sa accettare l’ospitalità, anzi l’apprezza e se ne compiace. E’ davvero un Dio dal cuore squisitamente umano, quell’Emmanuele che è venuto a calpestare il suolo della terra, a mischiarsi nella storia degli uomini. La abita da cittadino e con tute le modulazioni sentimentali tipiche di ogni essere umano. In quanto Dio, non poteva non essere perfetto, ma perfetto anche come uomo e l’ospitalità accettata da Marta e Maria ne è una prova, non solo perché viene ricevuto in casa ma anche perché, evidentemente, era amico di questa famiglia. In essa trova refrigerio e rigenerazione alla stanchezze fisiche e al logorio relazionale. Nonostante debba andare a Gerusalemme per il compimento, non disdegna fermarsi. Non passa oltre come non passò oltre il buon samaritano. Per lui ogni incontro diventa un obiettivo, uno scopo, una possibilità di sazietà relazionale.

Sono due sorelle quelle che gli aprono la porta di casa e quella del cuore, essendo un gesto di squisita amicizia e intimità familiare. Marta e Maria. Ma il loro modo di comportarsi è differente, opposto. Una si accovaccia a lui e gode della presenza e ascolta. Maestro e discepola. Cuore nel cuore, compenetrazione e sintonia, musica e ascolto, condivisione piena e totale.

L’altra è indaffarata a preparare qualcosa. E lui amichevolmente la riprende, non perché sta sbagliando ma perché è troppo affannata, non avendo l’opportunità di ascoltare, donare, incontrare il volto di chi è arrivato. Molte volte si può far digiunare lo stomaco quando il cuore si può saziare. Difatti quando si ama ci si dimentica perfino di mangiare, addirittura passano pure gli stimoli della fame., perché il cuore rapisce e assolutizza. Prima le persone poi le cose. A Cesare le cose a Dio il cuore!

La centralità e l’insostituibilità della persona. La persona come punto di partenza e di arrivo. Le cose, dopo, possono aspettare, non si deteriorano. Il rapporto con le persone deve essere preferenziale, è un “prodotto” da consumare in giornata, fresco per non perderne la fragranza, l’intensità. Maria accovacciata ai piedi del Maestro è l’immagine di chi è docile all’ascolto, di chi sa farsi grembo che accoglie per poi generare, produrre a sua volta, a moltiplicare la vita, l’amicizia, gli affetti. L’ascolto è come le cellule staminali totipotenti, sono cioè capaci di trasformarsi in ogni elemento utile alla buona relazione, alla relazione prolifica e satura di sentimenti nobili, amicali e capaci di creare, generare nuovi rapporti, nuove relazioni.

L’ascolto dell’altro è diventare terreno fertile che accoglie il seme e lo trasforma in pianta fruttifera. Quanta necessità di ascolto c’è nel mondo di oggi ubriaco di rumori. Dobbiamo abbassare e decibel dell’inquinamento acustico ed aumentare quelli dell’interiorità che è tanto malata, ferita e poco ascoltata. Il rumore delle coscienze, delle esistenze inquiete e turbate è come quel bosco che cresce e nessuno sente, rispetto all’albero che cade e crea fragore. È necessario ascoltare il “rumore” della crescita rispetto al frastuono delle cadute rovinose. E attorno a noi, se ci accovacciamo all’altro, scopriremo tanti elementi di crescita rispetto ai rumori rovinosi, invadenti e straripanti che fanno più clamore. Ma sono inutili.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

XVI Domenica Tempo Ordinario – Anno C – 17 luglio 2016

  

- Advertisement -

 IL VANGELO STRABICO

XVI Domenica Tempo Ordinario – C

(Gènesi 18, 1-10; Colossèsi 1, 24-28; Luca 10, 38-42)

A  cura di Benito Giorgetta

Prima le persone poi le cose, prima la relazione poi la sistemazione

- Advertisement -

Ascoltiamo il Vangelo:

“In quel tempo, mentre erano in cammino, Gesù entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò. 
Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi. Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta»”.

Gesù sa accettare l’ospitalità, anzi l’apprezza e se ne compiace. E’ davvero un Dio dal cuore squisitamente umano, quell’Emmanuele che è venuto a calpestare il suolo della terra, a mischiarsi nella storia degli uomini. La abita da cittadino e con tute le modulazioni sentimentali tipiche di ogni essere umano. In quanto Dio, non poteva non essere perfetto, ma perfetto anche come uomo e l’ospitalità accettata da Marta e Maria ne è una prova, non solo perché viene ricevuto in casa ma anche perché, evidentemente, era amico di questa famiglia. In essa trova refrigerio e rigenerazione alla stanchezze fisiche e al logorio relazionale. Nonostante debba andare a Gerusalemme per il compimento, non disdegna fermarsi. Non passa oltre come non passò oltre il buon samaritano. Per lui ogni incontro diventa un obiettivo, uno scopo, una possibilità di sazietà relazionale.

Sono due sorelle quelle che gli aprono la porta di casa e quella del cuore, essendo un gesto di squisita amicizia e intimità familiare. Marta e Maria. Ma il loro modo di comportarsi è differente, opposto. Una si accovaccia a lui e gode della presenza e ascolta. Maestro e discepola. Cuore nel cuore, compenetrazione e sintonia, musica e ascolto, condivisione piena e totale.

L’altra è indaffarata a preparare qualcosa. E lui amichevolmente la riprende, non perché sta sbagliando ma perché è troppo affannata, non avendo l’opportunità di ascoltare, donare, incontrare il volto di chi è arrivato. Molte volte si può far digiunare lo stomaco quando il cuore si può saziare. Difatti quando si ama ci si dimentica perfino di mangiare, addirittura passano pure gli stimoli della fame., perché il cuore rapisce e assolutizza. Prima le persone poi le cose. A Cesare le cose a Dio il cuore!

La centralità e l’insostituibilità della persona. La persona come punto di partenza e di arrivo. Le cose, dopo, possono aspettare, non si deteriorano. Il rapporto con le persone deve essere preferenziale, è un “prodotto” da consumare in giornata, fresco per non perderne la fragranza, l’intensità. Maria accovacciata ai piedi del Maestro è l’immagine di chi è docile all’ascolto, di chi sa farsi grembo che accoglie per poi generare, produrre a sua volta, a moltiplicare la vita, l’amicizia, gli affetti. L’ascolto è come le cellule staminali totipotenti, sono cioè capaci di trasformarsi in ogni elemento utile alla buona relazione, alla relazione prolifica e satura di sentimenti nobili, amicali e capaci di creare, generare nuovi rapporti, nuove relazioni.

L’ascolto dell’altro è diventare terreno fertile che accoglie il seme e lo trasforma in pianta fruttifera. Quanta necessità di ascolto c’è nel mondo di oggi ubriaco di rumori. Dobbiamo abbassare e decibel dell’inquinamento acustico ed aumentare quelli dell’interiorità che è tanto malata, ferita e poco ascoltata. Il rumore delle coscienze, delle esistenze inquiete e turbate è come quel bosco che cresce e nessuno sente, rispetto all’albero che cade e crea fragore. È necessario ascoltare il “rumore” della crescita rispetto al frastuono delle cadute rovinose. E attorno a noi, se ci accovacciamo all’altro, scopriremo tanti elementi di crescita rispetto ai rumori rovinosi, invadenti e straripanti che fanno più clamore. Ma sono inutili.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
285FansMi piace
930FollowerSegui
13,000FollowerSegui
631FollowerSegui
70IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Interrogare la sofferenza

Desiderio e sequela

Wilmer: Mosè, lezioni di deserto

Immergersi nella storicità di Gesù

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO