12.1 C
Roma
Mer, 2 Dicembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C XVII Domenica Tempo Ordinario - Anno C - 24 luglio 2016

XVII Domenica Tempo Ordinario – Anno C – 24 luglio 2016

- Advertisement -

IL VANGELO STRABICO

XVII Domenica Tempo Ordinario – C

(Genèsi 18, 21-21. 23-32; Colossèsi 2, 12-14; Luca 11, 1-13)

A  cura di Benito Giorgetta

Pregare è “fare il pieno” di Dio

Ascoltiamo il Vangelo:

“Gesù si trovava in un luogo a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli». Ed egli disse loro: «Quando pregate, dite: “Padre, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno; dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano, e perdona a noi i nostri peccati, anche noi infatti perdoniamo a ogni nostro debitore, e non abbandonarci alla tentazione”».

Poi disse loro: «Se uno di voi ha un amico e a mezzanotte va da lui a dirgli: “Amico, prestami tre pani, perché è giunto da me un amico da un viaggio e non ho nulla da offrirgli”; e se quello dall’interno gli risponde: “Non m’importunare, la porta è già chiusa, io e i miei bambini siamo a letto, non posso alzarmi per darti i pani”, vi dico che, anche se non si alzerà a darglieli perché è suo amico, almeno per la sua invadenza si alzerà a dargliene quanti gliene occorrono.

Ebbene, io vi dico: chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chiunque chiede riceve e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto.

Quale padre tra voi, se il figlio gli chiede un pesce, gli darà una serpe al posto del pesce? O se gli chiede un uovo, gli darà uno scorpione? Se voi dunque, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro del cielo darà lo Spirito Santo a quelli che glielo chiedono!»”.

 

In genere, quando si prega, se si prega, siamo soliti rivolgerci a Dio in modo diretto, ma in forma singolare. Gesù, a cui viene chiesto d’insegnare a pregare, suggerisce un altro modo: quello plurale. Non chiedere solo per se stessi ma per tutti, non lodare da solo ma in coro. Si perché Dio no è Padre di figli soli ma di una moltitudine di fratelli, unici e irripetibili, a lui tutti cari e per lui tutti importanti. Uscire dal proprio recinto, fare squadra, essere e sentirsi popolo, comunità, ecco il segreto. D’altronde lo aveva anche detto Gesù stesso: “In verità vi dico: se due di voi sopra la terra si accorderanno per domandare qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli ve la concederà. Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro” (Mt 18,19-20). Il segreto è l’unità la pluralità.

Per molti pregare è chiedere. Per Gesù No. Per lui pregare è attaccarsi alla vita, attaccare la bocca alla fontana, alla sorgente. E’ nutrirsi di bocconi e sorsi d’aria che beneficano e bonificano il cuore, la mente, la vita tutta intera. Pregare è “fare il pieno” di Dio, è diventare zolla che accoglie la sua presenza, il suo seme. Pregare, per Gesù è far scorrere nel sentiero del proprio cuore i volti, le immagini, le situazioni dei fratelli. E’ come vedere un film in cui i protagonisti sono le necessità dei fratelli e non quelle proprie.

La madre di tutte le preghiere è quella che ci fa invocare Dio col nome di Padre. Padre come fonte viva, Padre perché inizio di percorsi inediti, Padre perché datore di vita, di ogni forma di vita. Padre perché da lui dipende tutto. Padre perché lui provvede a tutti. Padre perché Dio a cui chiediamo Dio, perché lui non può che dare se stesso.

Un Padre che, però, prima di dare deve essere riconosciuto, amato, accolto. “Sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà….” Perché accade questo, perché si crede in questo ci si può rivolgere a lui per attirare lo sguardo sulle necessità quotidiane che lui, tra l’altro, conosce già perché ci ama e,  “perfino i capelli del nostro capo sono contati”. Un Padre che non ci abbandona nella prova ma ci dà forza, tenendoci sulle sue ginocchia, per non farci soccombere dinanzi alla tentazione.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

XVII Domenica Tempo Ordinario – Anno C – 24 luglio 2016

- Advertisement -

IL VANGELO STRABICO

XVII Domenica Tempo Ordinario – C

(Genèsi 18, 21-21. 23-32; Colossèsi 2, 12-14; Luca 11, 1-13)

A  cura di Benito Giorgetta

Pregare è “fare il pieno” di Dio

- Advertisement -

Ascoltiamo il Vangelo:

“Gesù si trovava in un luogo a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli». Ed egli disse loro: «Quando pregate, dite: “Padre, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno; dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano, e perdona a noi i nostri peccati, anche noi infatti perdoniamo a ogni nostro debitore, e non abbandonarci alla tentazione”».

Poi disse loro: «Se uno di voi ha un amico e a mezzanotte va da lui a dirgli: “Amico, prestami tre pani, perché è giunto da me un amico da un viaggio e non ho nulla da offrirgli”; e se quello dall’interno gli risponde: “Non m’importunare, la porta è già chiusa, io e i miei bambini siamo a letto, non posso alzarmi per darti i pani”, vi dico che, anche se non si alzerà a darglieli perché è suo amico, almeno per la sua invadenza si alzerà a dargliene quanti gliene occorrono.

Ebbene, io vi dico: chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chiunque chiede riceve e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto.

Quale padre tra voi, se il figlio gli chiede un pesce, gli darà una serpe al posto del pesce? O se gli chiede un uovo, gli darà uno scorpione? Se voi dunque, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro del cielo darà lo Spirito Santo a quelli che glielo chiedono!»”.

 

In genere, quando si prega, se si prega, siamo soliti rivolgerci a Dio in modo diretto, ma in forma singolare. Gesù, a cui viene chiesto d’insegnare a pregare, suggerisce un altro modo: quello plurale. Non chiedere solo per se stessi ma per tutti, non lodare da solo ma in coro. Si perché Dio no è Padre di figli soli ma di una moltitudine di fratelli, unici e irripetibili, a lui tutti cari e per lui tutti importanti. Uscire dal proprio recinto, fare squadra, essere e sentirsi popolo, comunità, ecco il segreto. D’altronde lo aveva anche detto Gesù stesso: “In verità vi dico: se due di voi sopra la terra si accorderanno per domandare qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli ve la concederà. Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro” (Mt 18,19-20). Il segreto è l’unità la pluralità.

Per molti pregare è chiedere. Per Gesù No. Per lui pregare è attaccarsi alla vita, attaccare la bocca alla fontana, alla sorgente. E’ nutrirsi di bocconi e sorsi d’aria che beneficano e bonificano il cuore, la mente, la vita tutta intera. Pregare è “fare il pieno” di Dio, è diventare zolla che accoglie la sua presenza, il suo seme. Pregare, per Gesù è far scorrere nel sentiero del proprio cuore i volti, le immagini, le situazioni dei fratelli. E’ come vedere un film in cui i protagonisti sono le necessità dei fratelli e non quelle proprie.

La madre di tutte le preghiere è quella che ci fa invocare Dio col nome di Padre. Padre come fonte viva, Padre perché inizio di percorsi inediti, Padre perché datore di vita, di ogni forma di vita. Padre perché da lui dipende tutto. Padre perché lui provvede a tutti. Padre perché Dio a cui chiediamo Dio, perché lui non può che dare se stesso.

Un Padre che, però, prima di dare deve essere riconosciuto, amato, accolto. “Sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà….” Perché accade questo, perché si crede in questo ci si può rivolgere a lui per attirare lo sguardo sulle necessità quotidiane che lui, tra l’altro, conosce già perché ci ama e,  “perfino i capelli del nostro capo sono contati”. Un Padre che non ci abbandona nella prova ma ci dà forza, tenendoci sulle sue ginocchia, per non farci soccombere dinanzi alla tentazione.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
290FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
640FollowerSegui
138IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x