9.2 C
Roma
Gio, 4 Marzo 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Approfondimenti Perché San Giuseppe è associato al 1° maggio?

Perché San Giuseppe è associato al 1° maggio?

Ispirazione a vivere la festa del lavoro nell’isolamento per la pandemia

- Advertisement -

Ispirazione a vivere la festa del lavoro nell’isolamento per la pandemia

di Anne-Catherine Jova

Ormai da varie settimane, la quarantena imposta dalla crisi del Covid-19 ha turbato la vita professionale quotidiana di milioni di persone. Come organizzarsi? Quali obiettivi fissare? Come mantenere il contatto con la squadra o i clienti?

Di fronte alle tante domande che tutti si pongono, ecco una proposta: meditare sul lavoro contemplando la figura di San Giuseppe operaio, nella sua festa del 1° maggio.

Ogni giorno, dall’inizio della quarantena, ciascuno è stato portato a cambiare la propria routine quotidiana e a rivedere e adattare il proprio orario. Il lavoro, la vita di ogni giorno, i rapporti sociali… tutto deve essere reinventato. Siamo ansiosi, non sappiamo come fare, sorgono mille e una domande.

Come vivere, a immagine dello sposo di Maria, il lavoro in un’epoca di isolamento e di quarantena? Ho parlato con fra’ Dominique Joseph, monaco della Famiglia di San Giuseppe e direttore dell’Istituto Custodio Redemptoris, e con padre Gonzalo Mazarrasa, che condivide una meditazione quotidiana.

Da quando San Giuseppe è associato al 1° maggio?

Fra’ Dominique Joseph: In realtà è una cosa piuttosto recente. Il 1° maggio 1955, Papa Pio XII ha proposto San Giuseppe come patrono e modello dei lavoratori, e ha istituito la festa liturgica di San Giuseppe operaio.È stato il contesto politico e sociale a dar luogo a quella decisione: il Papa voleva evangelizzare la festa del lavoro.

Molte fraternità e confraternite, soprattutto di falegnami, hanno contribuito alla preparazione di questa dichiarazione. L’onore concesso a San Giuseppe aveva aiutato a scoprire la dignità e il significato del lavoro.

Non bisogna soprattutto dimenticare che Gesù stesso ha voluto identificarsi con i lavoratori, visto che il Vangelo lo definisce “il figlio del falegname” (Mt 13, 55).

Come vivere questa festa quest’anno?

Fra’ Dominique Joseph: C’è sicuramente un lato paradossale nella celebrazione della festa del lavoro in un’epoca di quarantena. Siamo tutti più o meno fermi nei nostri progetti.

Nel nostro monastero a Saint Joseph de Mont-Rouge, in Francia, il 1° maggio è in genere occasione di un importante pellegrinaggio a San Giuseppe, ma per la prima volta questa tradizione cinquantenaria sarà interrotta.

Ricordiamo che il 1° maggio celebriamo fondamentalmente il mistero dell’Incarnazione. Come ci ricorda il Concilio Vaticano II, “con l’incarnazione il Figlio di Dio si è unito in certo modo ad ogni uomo. Ha lavorato con mani d’uomo” (Gaudium et Spes, 22).

Il lavoro a cui siamo chiamati oggi può sembrare diverso. Il contesto è differente, le specializzazioni cambiano, ma è sempre lo stesso mistero. In altri termini, se l’isolamento, la quarantena, ci spinge a stare a casa, è anche un’opportunità per meditare su queste “mani d’uomo”. Cosa ne facciamo? Come consideriamo il nostro lavoro e quello altrui?

Cos’ha imparato Gesù nella bottega di San Giuseppe?

Fra’ Dominique Joseph: Tra le virtù che si praticano nella bottega di Nazareth, la coscienza professionale è una delle più importanti, perché il lavoro, come spiega San Giovanni Paolo II, è “un bene dell’uomo che trasforma la natura e rende l’uomo in un certo senso più uomo” (Redemptoris Custos, 23).

Il lavoro pesante è una conseguenza del peccato (Genesi 3, 19), ma il lavoro in sé è un dono di Dio. Il lavoro, soprattutto quello manuale, è importante nella vita umana e nella formazione dell’uomo.

Gesù ha imparato ad essere un uomo nella bottega di San Giuseppe. Seguendo il suo esempio, siamo invitati a fare lo stesso.

Non è una questione di essere lavoro dipendenti, e men che meno pigri. Attraverso la figura di San Giuseppe, così discreto nel suo banco nella bottega di Nazareth, scopriamo la bellezza del lavoro. Lo ha fatto per amor di Dio, in modo equilibrato, ed è certamente la lezione più bella che Gesù potesse imparare.

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Perché San Giuseppe è associato al 1° maggio?

Ispirazione a vivere la festa del lavoro nell’isolamento per la pandemia

- Advertisement -

Ispirazione a vivere la festa del lavoro nell’isolamento per la pandemia

di Anne-Catherine Jova

Ormai da varie settimane, la quarantena imposta dalla crisi del Covid-19 ha turbato la vita professionale quotidiana di milioni di persone. Come organizzarsi? Quali obiettivi fissare? Come mantenere il contatto con la squadra o i clienti?

Di fronte alle tante domande che tutti si pongono, ecco una proposta: meditare sul lavoro contemplando la figura di San Giuseppe operaio, nella sua festa del 1° maggio.

Ogni giorno, dall’inizio della quarantena, ciascuno è stato portato a cambiare la propria routine quotidiana e a rivedere e adattare il proprio orario. Il lavoro, la vita di ogni giorno, i rapporti sociali… tutto deve essere reinventato. Siamo ansiosi, non sappiamo come fare, sorgono mille e una domande.

- Advertisement -

Come vivere, a immagine dello sposo di Maria, il lavoro in un’epoca di isolamento e di quarantena? Ho parlato con fra’ Dominique Joseph, monaco della Famiglia di San Giuseppe e direttore dell’Istituto Custodio Redemptoris, e con padre Gonzalo Mazarrasa, che condivide una meditazione quotidiana.

Da quando San Giuseppe è associato al 1° maggio?

Fra’ Dominique Joseph: In realtà è una cosa piuttosto recente. Il 1° maggio 1955, Papa Pio XII ha proposto San Giuseppe come patrono e modello dei lavoratori, e ha istituito la festa liturgica di San Giuseppe operaio.È stato il contesto politico e sociale a dar luogo a quella decisione: il Papa voleva evangelizzare la festa del lavoro.

Molte fraternità e confraternite, soprattutto di falegnami, hanno contribuito alla preparazione di questa dichiarazione. L’onore concesso a San Giuseppe aveva aiutato a scoprire la dignità e il significato del lavoro.

Non bisogna soprattutto dimenticare che Gesù stesso ha voluto identificarsi con i lavoratori, visto che il Vangelo lo definisce “il figlio del falegname” (Mt 13, 55).

Come vivere questa festa quest’anno?

Fra’ Dominique Joseph: C’è sicuramente un lato paradossale nella celebrazione della festa del lavoro in un’epoca di quarantena. Siamo tutti più o meno fermi nei nostri progetti.

Nel nostro monastero a Saint Joseph de Mont-Rouge, in Francia, il 1° maggio è in genere occasione di un importante pellegrinaggio a San Giuseppe, ma per la prima volta questa tradizione cinquantenaria sarà interrotta.

Ricordiamo che il 1° maggio celebriamo fondamentalmente il mistero dell’Incarnazione. Come ci ricorda il Concilio Vaticano II, “con l’incarnazione il Figlio di Dio si è unito in certo modo ad ogni uomo. Ha lavorato con mani d’uomo” (Gaudium et Spes, 22).

Il lavoro a cui siamo chiamati oggi può sembrare diverso. Il contesto è differente, le specializzazioni cambiano, ma è sempre lo stesso mistero. In altri termini, se l’isolamento, la quarantena, ci spinge a stare a casa, è anche un’opportunità per meditare su queste “mani d’uomo”. Cosa ne facciamo? Come consideriamo il nostro lavoro e quello altrui?

Cos’ha imparato Gesù nella bottega di San Giuseppe?

Fra’ Dominique Joseph: Tra le virtù che si praticano nella bottega di Nazareth, la coscienza professionale è una delle più importanti, perché il lavoro, come spiega San Giovanni Paolo II, è “un bene dell’uomo che trasforma la natura e rende l’uomo in un certo senso più uomo” (Redemptoris Custos, 23).

Il lavoro pesante è una conseguenza del peccato (Genesi 3, 19), ma il lavoro in sé è un dono di Dio. Il lavoro, soprattutto quello manuale, è importante nella vita umana e nella formazione dell’uomo.

Gesù ha imparato ad essere un uomo nella bottega di San Giuseppe. Seguendo il suo esempio, siamo invitati a fare lo stesso.

Non è una questione di essere lavoro dipendenti, e men che meno pigri. Attraverso la figura di San Giuseppe, così discreto nel suo banco nella bottega di Nazareth, scopriamo la bellezza del lavoro. Lo ha fatto per amor di Dio, in modo equilibrato, ed è certamente la lezione più bella che Gesù potesse imparare.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
294FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
200IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Il Libro della Sapienza

Un solo Libro, due eredi

Vincere ansietà e paure

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x