20.7 C
Rome
mercoledì, 16 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana Perchè questa sera è diversa da tutte le altre sere?

Perchè questa sera è diversa da tutte le altre sere?

- Advertisement -

Il 4 aprile coincidono la Veglia pasquale cristiana e il Seder della Pasqua ebraica.Il racconto della liberazione dalla schiavitù dell’Egitto

“Perchè questa sera è diversa da tutte le altre sere? Perchè questa sera mangiamo solo azzimi? Perchè erbe amare?”. E’ il più piccolo di casa, con le sue domande, ad introdurre il rito familiare dellaPasqua ebraica che si compie con l’Haggadah, il racconto dell’uscita dall’Egitto degli ebrei che Dio libera dal giogo della schiavitù. Durante il seder, cioè la cena domestica con la quale si celebra la festa, l’haggadah viene letta e cantata, così che la memoria si trasmetta di generazione in generazione.

Quest’anno il racconto del libro dell’Esodo echeggerà quasi in contemporanea nelle case ebraiche e nelle chiese dove i fedeli si riuniranno per celebrare la veglia pasquale ripercorrendo attraverso le letture dell’Antico Testamento la storia della salvezza e dell’alleanza tra Dio e il suo popolo.

Nel 2015, infatti, il periodo di Pesach – dal 4 all’11 aprile – incrocia la festa più importante della cristianità. In particolare, il 4 aprile, quando la Chiesa cattolica celebra la “Madre di tutte le veglie”, i “fratelli maggiori” ebrei festeggeranno il seder di Pesach, dopo quello della vigilia di venerdì 3 aprile (in Diaspora, cioè fuori da Israele, il seder di Pasqua viene ripetuto per due sere consecutive).

Pasqua cristiana e Pasqua ebraica si riconcorrono e raramente coincidono. La prima segue il calendario gregoriano per cattolici e protestanti, quello giuliano per gli ortodossi, allineandosi solo a volte anche all’interno del mondo cristiano. La Pasqua ebraica è fissata, come prescrive la Bibbia, al 14 del mese di Nisan del calendario ebraico che è un calendario lunisolare e dovrebbe corrispondere al plenilunio successivo all’equinozio di primavera (21 marzo). Il Concilio di Nicea del 325 stabilì, invece, che laPasqua cristiana cada la domenica successiva alla prima luna piena di primavera.

Pesach in ebraico significa “passaggio” e quindi il cambiamento dalla schiavitù alla libertà, ma anche il “passaggio” di Dio sull’Egitto e sulle case degli ebrei segnate con il sangue dell’agnello per salvarli dallo sterminio dei primogeniti. Anche la Pasqua cristiana, che affonda evidentemente le sue radici in quella ebraica, pone un passaggio, dalla morte del peccato alla vita nuova in Cristo, un passaggio segnato dall’acqua del battesimo così come la libertà del popolo ebraico si è compiuta attraverso le acque del Mar Rosso.

In ricordo del fatto che quando furono liberati dalla schiavitù gli Ebrei lasciarono l’Egitto tanto in fretta da non avere il tempo di far lievitare il pane, per tutti gli otto giorni della ricorrenza è assolutamente vietato cibarsi di qualsiasi alimento lievitato o anche solo di possederlo. Si deve invece far uso di matzà, il pane azzimo, un pane non lievitato e scondito, che è anche un simbolo della durezza della schiavitù. Per questo i giorni precedenti la festa di Pesach sono dedicati a una scrupolosa e radicale pulizia di ogni angolo della casa per eliminare anche i piccoli residui di sostanze lievitate. Un costume rimasto nella stessa lingua italiana dove“pulizie di Pasqua” è sinonimo delle “pulizie di primavera”.

Accanto al piatto rituale con agnello, erbe amare, l’uovo sodo(simbolo del ciclo del tempo), c’è il bicchiere per il profeta Elia, il quinto dei quattro bicchieri che scandiscono il seder e che verrà riempito quasi alla fine della celebrazione. Il bicchiere di Elia “lascia la porta aperta alla speranza e all’incertezza. Confida nell’arrivo del Messia e prova ad immaginare un futuro ancora inconoscibile (Haggadah, Elena Loewenthal).

Non si tratta solo di commemorare un evento lontano millenni perchè “in ogni generazione si è tenuti a considerare se stessi come se personalmente fossimo usciti dall’Egitto“.

Nel messaggio che inviò alla comunità ebraica di Roma e al Rabbino capo Di Segni in occasione della Pasqua del 2013, papa Francescoscrisse: “L’Onnipotente che ha liberato il suo popolo dalla schiavitù dell’Egitto per guidarlo alla Terra Promessa, continui a liberarvi da ogni male e ad accompagnarvi con la sua benedizione”.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Perchè questa sera è diversa da tutte le altre sere?

  

- Advertisement -

Il 4 aprile coincidono la Veglia pasquale cristiana e il Seder della Pasqua ebraica.Il racconto della liberazione dalla schiavitù dell’Egitto

“Perchè questa sera è diversa da tutte le altre sere? Perchè questa sera mangiamo solo azzimi? Perchè erbe amare?”. E’ il più piccolo di casa, con le sue domande, ad introdurre il rito familiare dellaPasqua ebraica che si compie con l’Haggadah, il racconto dell’uscita dall’Egitto degli ebrei che Dio libera dal giogo della schiavitù. Durante il seder, cioè la cena domestica con la quale si celebra la festa, l’haggadah viene letta e cantata, così che la memoria si trasmetta di generazione in generazione.

Quest’anno il racconto del libro dell’Esodo echeggerà quasi in contemporanea nelle case ebraiche e nelle chiese dove i fedeli si riuniranno per celebrare la veglia pasquale ripercorrendo attraverso le letture dell’Antico Testamento la storia della salvezza e dell’alleanza tra Dio e il suo popolo.

- Advertisement -

Nel 2015, infatti, il periodo di Pesach – dal 4 all’11 aprile – incrocia la festa più importante della cristianità. In particolare, il 4 aprile, quando la Chiesa cattolica celebra la “Madre di tutte le veglie”, i “fratelli maggiori” ebrei festeggeranno il seder di Pesach, dopo quello della vigilia di venerdì 3 aprile (in Diaspora, cioè fuori da Israele, il seder di Pasqua viene ripetuto per due sere consecutive).

Pasqua cristiana e Pasqua ebraica si riconcorrono e raramente coincidono. La prima segue il calendario gregoriano per cattolici e protestanti, quello giuliano per gli ortodossi, allineandosi solo a volte anche all’interno del mondo cristiano. La Pasqua ebraica è fissata, come prescrive la Bibbia, al 14 del mese di Nisan del calendario ebraico che è un calendario lunisolare e dovrebbe corrispondere al plenilunio successivo all’equinozio di primavera (21 marzo). Il Concilio di Nicea del 325 stabilì, invece, che laPasqua cristiana cada la domenica successiva alla prima luna piena di primavera.

Pesach in ebraico significa “passaggio” e quindi il cambiamento dalla schiavitù alla libertà, ma anche il “passaggio” di Dio sull’Egitto e sulle case degli ebrei segnate con il sangue dell’agnello per salvarli dallo sterminio dei primogeniti. Anche la Pasqua cristiana, che affonda evidentemente le sue radici in quella ebraica, pone un passaggio, dalla morte del peccato alla vita nuova in Cristo, un passaggio segnato dall’acqua del battesimo così come la libertà del popolo ebraico si è compiuta attraverso le acque del Mar Rosso.

In ricordo del fatto che quando furono liberati dalla schiavitù gli Ebrei lasciarono l’Egitto tanto in fretta da non avere il tempo di far lievitare il pane, per tutti gli otto giorni della ricorrenza è assolutamente vietato cibarsi di qualsiasi alimento lievitato o anche solo di possederlo. Si deve invece far uso di matzà, il pane azzimo, un pane non lievitato e scondito, che è anche un simbolo della durezza della schiavitù. Per questo i giorni precedenti la festa di Pesach sono dedicati a una scrupolosa e radicale pulizia di ogni angolo della casa per eliminare anche i piccoli residui di sostanze lievitate. Un costume rimasto nella stessa lingua italiana dove“pulizie di Pasqua” è sinonimo delle “pulizie di primavera”.

Accanto al piatto rituale con agnello, erbe amare, l’uovo sodo(simbolo del ciclo del tempo), c’è il bicchiere per il profeta Elia, il quinto dei quattro bicchieri che scandiscono il seder e che verrà riempito quasi alla fine della celebrazione. Il bicchiere di Elia “lascia la porta aperta alla speranza e all’incertezza. Confida nell’arrivo del Messia e prova ad immaginare un futuro ancora inconoscibile (Haggadah, Elena Loewenthal).

Non si tratta solo di commemorare un evento lontano millenni perchè “in ogni generazione si è tenuti a considerare se stessi come se personalmente fossimo usciti dall’Egitto“.

Nel messaggio che inviò alla comunità ebraica di Roma e al Rabbino capo Di Segni in occasione della Pasqua del 2013, papa Francescoscrisse: “L’Onnipotente che ha liberato il suo popolo dalla schiavitù dell’Egitto per guidarlo alla Terra Promessa, continui a liberarvi da ogni male e ad accompagnarvi con la sua benedizione”.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
601FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Wilmer: Mosè, lezioni di deserto

A scuola di preghiera

Il Vangelo di Marco

Rileggere il Decalogo

Lo Spirito nell’agire umano

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO