20.8 C
Rome
martedì, 15 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Culmen et Fons Perché in Quaresima non si recitano il «Gloria» e l’«Alleluia»?

Perché in Quaresima non si recitano il «Gloria» e l’«Alleluia»?

Risponde il Teologo - Culmen et Fons

- Advertisement -

Una domanda su come cambia la celebrazione della Messa in tempo quaresimale. Risponde padre Lamberto Crociani, docente di Liturgia alla facoltà teologica dell’Italia centrale.

Durante la celebrazione eucaristica recitiamo la preghiera del Gloria, il canto dell’Alleluia dopo l’ascolto delle letture, dopo l’omelia professiamo la nostra fede con la preghiera del Credo. Come mai durante il periodo quaresimale non si recita il Gloria e il canto dell’Alleluia viene sostituito con la formula «Gloria e lode a te o Cristo»?

Marco Giraldi

La sua lettera, gentile lettore, toccava alcuni aspetti diversi e significativi: per questo l’abbiamo divisa in due parti. Iniziamo, questa settimana, a rispondere alla prima questione relativa al significato liturgico-teologico della Quaresima.

La Quaresima si presenta con alcune caratteristiche esterne che la differenziano da tutti gli altri tempi dell’anno liturgico: la prima è relativa alla soppressione dell’alleluia non solo nella Messa, ma anche nella Liturgia delle Ore, l’altra che esclude il Gloria dalla celebrazione domenicale e una terza, che lei non cita, e che sopprime il canto del Te Deumdopo la seconda lettura dell’Ufficio o dopo il cantico e la proclamazione del Vangelo.

Ora la liturgia celebra solo il Signore Risorto in ogni tempo dell’anno, in ogni celebrazione delle feste della Madre di Dio, degli Apostoli e dei Santi, come pure nella celebrazione esequiale: la comunità dei credenti volge la sua attenzione al Risorto anche il Venerdì santo, quando all’inizio dell’adorazione della Croce canta: «Adoriamo la tua Croce Signore, lodiamo e glorifichiamo la tua santa Risurrezione…».  Eppure in Quaresima – ma anche in Avvento, tempo tremendo e gioioso dell’attesa del Signore glorioso – la Chiesa latina la Domenica, che da sempre è giorno in cui non si digiuna perché celebra in modo tipico la Risurrezione, non canta l’inno di lode all’Agnello Risorto che vive perennemente immolato. Il motivo è lo stesso per cui l’alleluia (lodate il Signore) viene soppresso fino alla notte della Risurrezione.

La risposta di per sé è semplice, perché la Quaresima, e per certi aspetti l’Avvento, è un tempo «penitenziale» che in qualche modo penalizza il significato della domenica.

Nata come tempo di preparazione alla celebrazione dei sacramenti dell’iniziazione cristiana nella grande veglia della Risurrezione, caratterizzata fin dall’inizio, secondo la tradizione più antica, dal digiuno del vescovo e dei catecumeni e di chiunque tra i cristiani avesse voluto almeno tre giorni prima dell’amministrazione dei sacramenti, già dal tempo di papa Leone Magno la Quaresima ha assunto in sé il senso di tempo particolarmente legato alla conversione, quindi al digiuno, che come lo stesso papa Leone ricorda nelle sue omelie, è prima di tutto astensione dal peccato. Ugualmente la soppressione dell’alleluia è legata alla stessa motivazione penitenziale e siccome non è possibile non fare festa per la proclamazione evangelica, lo stesso viene sostituito con espressioni similari. (Per la storia si veda almeno Righetti, Storia liturgica, I, p.212).

Ben diversa è la visione della Chiesa bizantina che definisce i giorni del digiuno come giorni dell’alleluia ed inizia lo stesso ufficio del Venerdì santo con il canto degli alleluia: non lo tralascia mai durante tutto l’anno prima della proclamazione del Vangelo.

Lamberto Crociani

Originale: Toscana Oggi
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Perché in Quaresima non si recitano il «Gloria» e l’«Alleluia»?

Risponde il Teologo - Culmen et Fons

  

- Advertisement -

Una domanda su come cambia la celebrazione della Messa in tempo quaresimale. Risponde padre Lamberto Crociani, docente di Liturgia alla facoltà teologica dell’Italia centrale.

Durante la celebrazione eucaristica recitiamo la preghiera del Gloria, il canto dell’Alleluia dopo l’ascolto delle letture, dopo l’omelia professiamo la nostra fede con la preghiera del Credo. Come mai durante il periodo quaresimale non si recita il Gloria e il canto dell’Alleluia viene sostituito con la formula «Gloria e lode a te o Cristo»?

Marco Giraldi

La sua lettera, gentile lettore, toccava alcuni aspetti diversi e significativi: per questo l’abbiamo divisa in due parti. Iniziamo, questa settimana, a rispondere alla prima questione relativa al significato liturgico-teologico della Quaresima.

La Quaresima si presenta con alcune caratteristiche esterne che la differenziano da tutti gli altri tempi dell’anno liturgico: la prima è relativa alla soppressione dell’alleluia non solo nella Messa, ma anche nella Liturgia delle Ore, l’altra che esclude il Gloria dalla celebrazione domenicale e una terza, che lei non cita, e che sopprime il canto del Te Deumdopo la seconda lettura dell’Ufficio o dopo il cantico e la proclamazione del Vangelo.

- Advertisement -

Ora la liturgia celebra solo il Signore Risorto in ogni tempo dell’anno, in ogni celebrazione delle feste della Madre di Dio, degli Apostoli e dei Santi, come pure nella celebrazione esequiale: la comunità dei credenti volge la sua attenzione al Risorto anche il Venerdì santo, quando all’inizio dell’adorazione della Croce canta: «Adoriamo la tua Croce Signore, lodiamo e glorifichiamo la tua santa Risurrezione…».  Eppure in Quaresima – ma anche in Avvento, tempo tremendo e gioioso dell’attesa del Signore glorioso – la Chiesa latina la Domenica, che da sempre è giorno in cui non si digiuna perché celebra in modo tipico la Risurrezione, non canta l’inno di lode all’Agnello Risorto che vive perennemente immolato. Il motivo è lo stesso per cui l’alleluia (lodate il Signore) viene soppresso fino alla notte della Risurrezione.

La risposta di per sé è semplice, perché la Quaresima, e per certi aspetti l’Avvento, è un tempo «penitenziale» che in qualche modo penalizza il significato della domenica.

Nata come tempo di preparazione alla celebrazione dei sacramenti dell’iniziazione cristiana nella grande veglia della Risurrezione, caratterizzata fin dall’inizio, secondo la tradizione più antica, dal digiuno del vescovo e dei catecumeni e di chiunque tra i cristiani avesse voluto almeno tre giorni prima dell’amministrazione dei sacramenti, già dal tempo di papa Leone Magno la Quaresima ha assunto in sé il senso di tempo particolarmente legato alla conversione, quindi al digiuno, che come lo stesso papa Leone ricorda nelle sue omelie, è prima di tutto astensione dal peccato. Ugualmente la soppressione dell’alleluia è legata alla stessa motivazione penitenziale e siccome non è possibile non fare festa per la proclamazione evangelica, lo stesso viene sostituito con espressioni similari. (Per la storia si veda almeno Righetti, Storia liturgica, I, p.212).

Ben diversa è la visione della Chiesa bizantina che definisce i giorni del digiuno come giorni dell’alleluia ed inizia lo stesso ufficio del Venerdì santo con il canto degli alleluia: non lo tralascia mai durante tutto l’anno prima della proclamazione del Vangelo.

Lamberto Crociani

- Advertisement -
Originale: Toscana Oggi

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
602FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Dieci parole per vivere

Palumbo: La misericordia di Dio

Gibran: Lazzaro e la sua amata

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO