17.9 C
Roma
Gio, 1 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Fede e Devozione Perché i cattolici recitano il Rosario?

Perché i cattolici recitano il Rosario?

- Advertisement -

Il Rosario è un’“arma spirituale”, e Maria è “vincitrice delle eresie”. Ecco perché

Per secoli, la Chiesa ha intensificato la recita del Rosario nei momenti di lotta. San Domenico lo considerava un’arma spirituale, e i papi hanno definito Maria “vincitrice delle eresie”, invocando il suo aiuto per combattere questioni che andavano dal catarismo al comunismo.

La devozione per il Rosario si è sviluppata lentamente nel corso di circa 500 anni.

Si tratta di una preghiera costituita dalla recita di Ave Maria, in gruppi di dieci, con ogni gruppo preceduto da un Padre Nostro e concluso da un Gloria. Durante il Rosario, si meditano i misteri della vita di Cristo e di Maria.

La tradizione popolare attribuisce l’origine del Rosario a San Domenico (1170-1221), ma le ricerche storiche mostrano che questa devozione si è sviluppata a poco a poco nel corso del tempo. Lo stesso San Giovanni Paolo II sembra affermarlo nella sua lettera Rosarium Virginis Mariae (2002), che inizia ricordando che il Rosario si è sviluppato “gradualmente nel secondo millennio al soffio dello Spirito di Dio”.

Anche se non si conosce esattamente la storia delle origini del Rosario, padre Etienne Richer spiega su Mariology che alla fine dell’XI secolo, ovvero quasi un secolo prima di San Domenico, “già si conosceva e si praticava una devozione mariana caratterizzata da numerose Ave Maria, con prostrazioni ritmiche in onore della Madonna, prima in commemorazione delle sue gioie e poi in ricordo delle sue sofferenze”. Il nome “Rosario” sorse associato a questa pratica.

Nella stessa epoca, fratelli e monaci cistercensi che non riuscivano a memorizzare i 150 salmi che il loro ordine recitava ogni settimana recitavano 150 Padre Nostro. I laici avrebbero poi copiato questa forma di pregare, ma sostituendo il Padre Nostro con l’Ave Maria. Il nome dato a questa devozione fu “Salterio di Maria”.

Verso il 1200 si dice che la Madonna apparve a San Domenico e gli disse: “Recita il mio salterio e insegnalo alla tua gente. Quella preghiera non fallirà mai”. San Domenico diffuse la devozione al Salterio di Maria, e come afferma padre Richter questa devozione venne “inserita in forma divina nella vocazione personale di San Domenico”.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Perché i cattolici recitano il Rosario?

  

- Advertisement -

Il Rosario è un’“arma spirituale”, e Maria è “vincitrice delle eresie”. Ecco perché

Per secoli, la Chiesa ha intensificato la recita del Rosario nei momenti di lotta. San Domenico lo considerava un’arma spirituale, e i papi hanno definito Maria “vincitrice delle eresie”, invocando il suo aiuto per combattere questioni che andavano dal catarismo al comunismo.

La devozione per il Rosario si è sviluppata lentamente nel corso di circa 500 anni.

Si tratta di una preghiera costituita dalla recita di Ave Maria, in gruppi di dieci, con ogni gruppo preceduto da un Padre Nostro e concluso da un Gloria. Durante il Rosario, si meditano i misteri della vita di Cristo e di Maria.

La tradizione popolare attribuisce l’origine del Rosario a San Domenico (1170-1221), ma le ricerche storiche mostrano che questa devozione si è sviluppata a poco a poco nel corso del tempo. Lo stesso San Giovanni Paolo II sembra affermarlo nella sua lettera Rosarium Virginis Mariae (2002), che inizia ricordando che il Rosario si è sviluppato “gradualmente nel secondo millennio al soffio dello Spirito di Dio”.

- Advertisement -

Anche se non si conosce esattamente la storia delle origini del Rosario, padre Etienne Richer spiega su Mariology che alla fine dell’XI secolo, ovvero quasi un secolo prima di San Domenico, “già si conosceva e si praticava una devozione mariana caratterizzata da numerose Ave Maria, con prostrazioni ritmiche in onore della Madonna, prima in commemorazione delle sue gioie e poi in ricordo delle sue sofferenze”. Il nome “Rosario” sorse associato a questa pratica.

Nella stessa epoca, fratelli e monaci cistercensi che non riuscivano a memorizzare i 150 salmi che il loro ordine recitava ogni settimana recitavano 150 Padre Nostro. I laici avrebbero poi copiato questa forma di pregare, ma sostituendo il Padre Nostro con l’Ave Maria. Il nome dato a questa devozione fu “Salterio di Maria”.

Verso il 1200 si dice che la Madonna apparve a San Domenico e gli disse: “Recita il mio salterio e insegnalo alla tua gente. Quella preghiera non fallirà mai”. San Domenico diffuse la devozione al Salterio di Maria, e come afferma padre Richter questa devozione venne “inserita in forma divina nella vocazione personale di San Domenico”.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
632FollowerSegui
119IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Libri consigliati

Attualità del decalogo

La speranza di Giobbe

Il mondo mistico dell’ebraismo

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x