13.7 C
Rome
giovedì, 17 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Storie Perché Dio ha reso le donne così sensibili?

Perché Dio ha reso le donne così sensibili?

- Advertisement -

Per gli uomini non è facile capire perché le donne piangono così facilmente. Piangono perché sono tristi, piangono perché sono felici, piangono per l’emozione, piangono perché deluse… C’è una lacrima per ogni cosa. Sant’Agostino ha detto che le lacrime di sua madre di fronte al Tabernacolo erano come “il sangue del suo cuore stillato in lacrime nei suoi occhi”.

Una volta un giovane chiese alla madre:

– Mamma, perché piangi? E lei rispose:

– Perché sono una donna…

– Ma… non capisco.

La madre si avvicinò a lui, lo abbracciò e disse:

– Amore mio, non lo capirai mai!

… Più tardi, il ragazzo chiese al padre:

– Papà, perché a volte la mamma piange senza motivo? L’uomo rispose:

– Tutte le donne piangono sempre senza motivo…

Il padre non fu in grado di dire altro.

Il ragazzo poi crebbe e si fece uomo. Di tanto in tanto si poneva la stessa domanda: Perché mai le donne piangono senza averne motivo?

Una volta l’uomo si inginocchiò e chiese a Dio:

– Signore, dimmi… Perché le donne piangono così facilmente? E Dio disse:

– Quando ho creato la donna, dovevo fare qualcosa di davvero speciale. Le diedi delle spalle forti, in grado di sopportare il peso del mondo intero… ma sufficientemente morbide per consolarlo. Le ho dato un’immensa forza interiore, in modo che potesse sopportare il dolore della maternità e il disprezzo che viene spesso dai propri figli. Le ho dato la forza di continuare sempre a prendersi cura della famiglia, senza lamentarsi, nonostante le malattie e la stanchezza. Le ho dato la sensibilità di amare i suoi figli in qualsiasi circostanza, anche quando la fanno soffrire molto…

LEGGI ANCHE: Qual è la forza della preghiera di una madre per un figlio?

Questa sensibilità permette di scacciare ogni tristezza, pianto o sofferenza del figlio, di condividere le ansie, i dubbi e le paure dell’adolescenza. Tuttavia, perché potesse sopportare tutto questo, figlio mio… le ho dato le lacrime. Sono soltanto sue, da usare in caso di necessità. In ogni lacrima versata, la donna spande un po’ d’amore. Queste gocce d’amore si dissolvono nell’aria e salvano l’umanità.

L’uomo rispose con un profondo sospiro:

– Ora capisco la sofferenza di mia madre, di mia sorella, di mia moglie… Grazie, Dio mio!

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Perché Dio ha reso le donne così sensibili?

  

- Advertisement -

Per gli uomini non è facile capire perché le donne piangono così facilmente. Piangono perché sono tristi, piangono perché sono felici, piangono per l’emozione, piangono perché deluse… C’è una lacrima per ogni cosa. Sant’Agostino ha detto che le lacrime di sua madre di fronte al Tabernacolo erano come “il sangue del suo cuore stillato in lacrime nei suoi occhi”.

Una volta un giovane chiese alla madre:

– Mamma, perché piangi? E lei rispose:

– Perché sono una donna…

– Ma… non capisco.

- Advertisement -

La madre si avvicinò a lui, lo abbracciò e disse:

– Amore mio, non lo capirai mai!

… Più tardi, il ragazzo chiese al padre:

– Papà, perché a volte la mamma piange senza motivo? L’uomo rispose:

– Tutte le donne piangono sempre senza motivo…

Il padre non fu in grado di dire altro.

Il ragazzo poi crebbe e si fece uomo. Di tanto in tanto si poneva la stessa domanda: Perché mai le donne piangono senza averne motivo?

Una volta l’uomo si inginocchiò e chiese a Dio:

– Signore, dimmi… Perché le donne piangono così facilmente? E Dio disse:

– Quando ho creato la donna, dovevo fare qualcosa di davvero speciale. Le diedi delle spalle forti, in grado di sopportare il peso del mondo intero… ma sufficientemente morbide per consolarlo. Le ho dato un’immensa forza interiore, in modo che potesse sopportare il dolore della maternità e il disprezzo che viene spesso dai propri figli. Le ho dato la forza di continuare sempre a prendersi cura della famiglia, senza lamentarsi, nonostante le malattie e la stanchezza. Le ho dato la sensibilità di amare i suoi figli in qualsiasi circostanza, anche quando la fanno soffrire molto…

LEGGI ANCHE: Qual è la forza della preghiera di una madre per un figlio?

Questa sensibilità permette di scacciare ogni tristezza, pianto o sofferenza del figlio, di condividere le ansie, i dubbi e le paure dell’adolescenza. Tuttavia, perché potesse sopportare tutto questo, figlio mio… le ho dato le lacrime. Sono soltanto sue, da usare in caso di necessità. In ogni lacrima versata, la donna spande un po’ d’amore. Queste gocce d’amore si dissolvono nell’aria e salvano l’umanità.

L’uomo rispose con un profondo sospiro:

– Ora capisco la sofferenza di mia madre, di mia sorella, di mia moglie… Grazie, Dio mio!

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
603FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Accompagnare gli adulti nella fede

La speranza di Giobbe

La simbolica del grido nel Vangelo di Marco

Le lettere di Paolo

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO