20.3 C
Rome
venerdì, 20 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Risponde il teologo Perché Dio ha creato l’uomo?

Perché Dio ha creato l’uomo?

- Advertisement -

Questa settimana il teologo risponde a una domanda «classica», da catechismo. Risponde padre Athos Turchi, docente di Filosofia alla Facoltà teologica dell’Italia Centrale.

Perché Dio ha creato l’uomo? Mi è capitato di riflettere su questa domanda, e ho trovato sul Catechismo questa affermazione: «Dio, infinitamente perfetto e beato in se stesso, per un disegno di pura bontà, ha liberamente creato l’uomo per renderlo partecipe della sua vita beata». Cosa significa esattamente? E su cosa è basata questa verità di fede? 

Ezio Paoletti

Non è facile dire quello che passa nella mente di Dio. Bisognerebbe sentire lui stesso. Che cosa ci ha trovato d’interessante nella creazione dell’umanità, dal momento che neppure è andato tutto per il verso giusto? La domanda del lettore però investe anche molto altro: gli angeli, le cose, gli spazi, il creato tutto… Perché Dio si è messo in un’impresa così enorme? Che cosa gliene viene? Che cosa lo ha spinto a tanto?

Ritengo che siano domande che rimarranno senza una risposta certa. Tra l’altro la creazione è una faccenda così «strana» e meravigliosa che dà adito a pensare che non sia possibile come tale, ma che la realtà sia quella che è, da sempre e senza Dio, senza esseri sacri, senza aver a che fare con altre presenze se non quelle che sono date a noi di vedere e sperimentare. In effetti nella filosofia antica un Dio che crei è impensato e impensabile, perché o dal Principio (Dio) emana il molteplice, e allora quello che noi vediamo in questo mondo è lo stesso Dio, come l’acqua del lavandino è la stessa acqua della sorgente; oppure quello che c’è, il mondo, è da sempre così com’è, e questo complica ancor più le cose, perché – razionalmente – non avrebbero una giustificazione. La creazione invece permetterebbe di spiegare tante cose, ma la difficoltà sta proprio in ciò che dice il lettore: è possibile che un Dio, anzi l’unico e assoluto Dio, abbia ideato e attuato una produzione così immane senza di per sé avere una necessità, un minimo bisogno, un senso specifico per creare?

Ma si può fare anche la domanda opposta: a noi creature che ce ne viene ad essere creati? Se non fossimo mai esistiti non è che potremmo lamentarci, dal momento che eravamo nulla e il nulla non si lamenta perché non esiste e basta. A che pro farci vivere per capirne poco anche il senso?

Veramente a pensare a fondo la creazione se ne rimane sbigottiti e sconcertati.

L’unica risposta che possiamo abbozzare a me pare sia quella di una analogia con la generazione umana: Dio sta alla creazione come una mamma sta al figlio. Perché una donna, o meglio perché i genitori, mettono al mondo un figlio? Le risposte sono infinite, ma se ci si pensa bene nessuna è stringente e necessaria. Di fatto non sappiamo perché si mettano al mondo figlioli, se non andiamo a descrivere come la cosa avvenga fisicamente. Che senso ha un figlio? La banalità alla quale abbiamo ridotto questo avvenimento non ci permette di valutare a fondo la domanda. Comunque sia nessuno saprebbe dire perché vuole un figlio. Adamo quando vide la donna partorire ne fu così meravigliato che disse: «Ti chiamerai Eva, perché sei la madre della vita». Donna vuol dire dunque: la madre, la sorgente, la fonte della vita. In questa logica perciò il figlio non è generato per un «fine o scopo» ma perché è vita, è essere, è esistenza che abita il cuore della madre. La madre nonostante sia diversa dal figlio tuttavia abita nel figlio e viceversa, e mai possiamo dissociarci dal seno di nostra madre perché da lei abbiamo esistenza. Quando una donna desidera un figlio è come se dentro di lei la vita prema e strabocchi, come quando una botte sempre più zeppa d’acqua si schianta, dire vita o dire donna è la stessa cosa e la vita non si trattiene perché è emanativa di se stessa.

Ecco Dio è addirittura la Vita per sé e, dal suo essere Trino, la Vita preme perché altre cose possano partecipare a questa esistenza e Dio, ricco di amore, fa partecipi dell’essere altro tipo di cose che, sebbene provengano dal nulla, tuttavia in quanto amate da Dio diventano degne di esistenza. L’amore «est diffusivum sui» – l’amore è diffusivo di se stesso – dicevano gli antichi e nella creazione Dio ama e pone nell’esistenza oggetti del suo amore al punto che, come nell’uomo, ci si stampa la sua immagine e somiglianza.

Dice San Paolo che la corporeità (sottolineo la corporeità) è capace di svelare pienamente (dico pienamente) la divinità (cf. Col 2,9). Pensi il lettore che enormità esplosiva d’essere è capace l’uomo: svela pienamente l’infinito Dio. Ora la corporeità è unica, dice S. Giovanni Paolo II, l’uomo cioè è un solo corpo sebbene sia dato in due modalità o persone: maschile e femminile. Perciò quando l’uomo e la donna procreano sono un unico essere, una sola carne, anzi sono la Vita piena e totale. In questo atto d’amore umano credo che possiamo vederci la risposta più profonda, sebbene analogica, al perché la creazione sia stata attuata.

Athos Turchi

– See more at: http://www.toscanaoggi.it/Rubriche/Risponde-il-teologo/Perche-Dio-ha-creato-l-uomo#sthash.BN98kgMK.dpuf

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Perché Dio ha creato l’uomo?

  

- Advertisement -

Questa settimana il teologo risponde a una domanda «classica», da catechismo. Risponde padre Athos Turchi, docente di Filosofia alla Facoltà teologica dell’Italia Centrale.

Perché Dio ha creato l’uomo? Mi è capitato di riflettere su questa domanda, e ho trovato sul Catechismo questa affermazione: «Dio, infinitamente perfetto e beato in se stesso, per un disegno di pura bontà, ha liberamente creato l’uomo per renderlo partecipe della sua vita beata». Cosa significa esattamente? E su cosa è basata questa verità di fede? 

Ezio Paoletti

Non è facile dire quello che passa nella mente di Dio. Bisognerebbe sentire lui stesso. Che cosa ci ha trovato d’interessante nella creazione dell’umanità, dal momento che neppure è andato tutto per il verso giusto? La domanda del lettore però investe anche molto altro: gli angeli, le cose, gli spazi, il creato tutto… Perché Dio si è messo in un’impresa così enorme? Che cosa gliene viene? Che cosa lo ha spinto a tanto?

Ritengo che siano domande che rimarranno senza una risposta certa. Tra l’altro la creazione è una faccenda così «strana» e meravigliosa che dà adito a pensare che non sia possibile come tale, ma che la realtà sia quella che è, da sempre e senza Dio, senza esseri sacri, senza aver a che fare con altre presenze se non quelle che sono date a noi di vedere e sperimentare. In effetti nella filosofia antica un Dio che crei è impensato e impensabile, perché o dal Principio (Dio) emana il molteplice, e allora quello che noi vediamo in questo mondo è lo stesso Dio, come l’acqua del lavandino è la stessa acqua della sorgente; oppure quello che c’è, il mondo, è da sempre così com’è, e questo complica ancor più le cose, perché – razionalmente – non avrebbero una giustificazione. La creazione invece permetterebbe di spiegare tante cose, ma la difficoltà sta proprio in ciò che dice il lettore: è possibile che un Dio, anzi l’unico e assoluto Dio, abbia ideato e attuato una produzione così immane senza di per sé avere una necessità, un minimo bisogno, un senso specifico per creare?

Ma si può fare anche la domanda opposta: a noi creature che ce ne viene ad essere creati? Se non fossimo mai esistiti non è che potremmo lamentarci, dal momento che eravamo nulla e il nulla non si lamenta perché non esiste e basta. A che pro farci vivere per capirne poco anche il senso?

Veramente a pensare a fondo la creazione se ne rimane sbigottiti e sconcertati.

- Advertisement -

L’unica risposta che possiamo abbozzare a me pare sia quella di una analogia con la generazione umana: Dio sta alla creazione come una mamma sta al figlio. Perché una donna, o meglio perché i genitori, mettono al mondo un figlio? Le risposte sono infinite, ma se ci si pensa bene nessuna è stringente e necessaria. Di fatto non sappiamo perché si mettano al mondo figlioli, se non andiamo a descrivere come la cosa avvenga fisicamente. Che senso ha un figlio? La banalità alla quale abbiamo ridotto questo avvenimento non ci permette di valutare a fondo la domanda. Comunque sia nessuno saprebbe dire perché vuole un figlio. Adamo quando vide la donna partorire ne fu così meravigliato che disse: «Ti chiamerai Eva, perché sei la madre della vita». Donna vuol dire dunque: la madre, la sorgente, la fonte della vita. In questa logica perciò il figlio non è generato per un «fine o scopo» ma perché è vita, è essere, è esistenza che abita il cuore della madre. La madre nonostante sia diversa dal figlio tuttavia abita nel figlio e viceversa, e mai possiamo dissociarci dal seno di nostra madre perché da lei abbiamo esistenza. Quando una donna desidera un figlio è come se dentro di lei la vita prema e strabocchi, come quando una botte sempre più zeppa d’acqua si schianta, dire vita o dire donna è la stessa cosa e la vita non si trattiene perché è emanativa di se stessa.

Ecco Dio è addirittura la Vita per sé e, dal suo essere Trino, la Vita preme perché altre cose possano partecipare a questa esistenza e Dio, ricco di amore, fa partecipi dell’essere altro tipo di cose che, sebbene provengano dal nulla, tuttavia in quanto amate da Dio diventano degne di esistenza. L’amore «est diffusivum sui» – l’amore è diffusivo di se stesso – dicevano gli antichi e nella creazione Dio ama e pone nell’esistenza oggetti del suo amore al punto che, come nell’uomo, ci si stampa la sua immagine e somiglianza.

Dice San Paolo che la corporeità (sottolineo la corporeità) è capace di svelare pienamente (dico pienamente) la divinità (cf. Col 2,9). Pensi il lettore che enormità esplosiva d’essere è capace l’uomo: svela pienamente l’infinito Dio. Ora la corporeità è unica, dice S. Giovanni Paolo II, l’uomo cioè è un solo corpo sebbene sia dato in due modalità o persone: maschile e femminile. Perciò quando l’uomo e la donna procreano sono un unico essere, una sola carne, anzi sono la Vita piena e totale. In questo atto d’amore umano credo che possiamo vederci la risposta più profonda, sebbene analogica, al perché la creazione sia stata attuata.

Athos Turchi

– See more at: http://www.toscanaoggi.it/Rubriche/Risponde-il-teologo/Perche-Dio-ha-creato-l-uomo#sthash.BN98kgMK.dpuf

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO