25.7 C
Roma
Lun, 13 Luglio 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Santi e Beati Perché alcuni santi sono raffigurati con dei teschi accanto?

Perché alcuni santi sono raffigurati con dei teschi accanto?

- Advertisement -

Sembra strano e morboso… beh, è esattamente quello il punto

Nel guardare l’arte cristiana, è molto comune notare dei teschi accanto a un santo. In alcuni casi il santo regge il teschio tra le mani e lo guarda negli occhi vuoti. Perché? Non è un po’ morboso?

Ebbene, sì, ed è esattamente questo il punto.

I teschi sono presenti nei ritratti dei santi per sottolineare la loro saggezza e la costante consapevolezza della propria mortalità. La morte era costantemente nei loro pensieri, e questo li spingeva a cercare in tutti i modi di raggiungere la perfezione.

Nel corso dei secoli la Chiesa e molti santi hanno usato la frase latina “memento mori” (“ricordati che devi morire”) per evidenziare questa pratica spirituale. È un semplice riconoscimento che “polvere tu sei e in polvere tornerai!”, come ci viene detto all’inizio di ogni Quaresima. Questa frase ci ricorda che la nostra vita sulla terra è molto breve e che non conosciamo il giorno o l’ora in cui Cristo verrà a chiamarci.

Alcuni santi si sono spinti oltre mettendo un teschio sulla propria scrivania, come San Gerardo. Secondo Padre John Bartunek, “quando fu scelto come pontefice, Papa Alessandro VIII chiese al grande artista barocco Bernini di scolpire una piccola bara in marmo. La pose sulla sua scrivania per ricordargli che un giorno sarebbe morto e avrebbe dato conto al Signore su come abbia vissuto il suo incarico di Papa”.

Per quanto vogliamo sfuggirle, la morte verrà per ciascuno di noi. Non è stata trovata alcuna “fonte della giovinezza” che permetta di ringiovanire, e la scienza deve ancora creare una pillola che garantisca la vita eterna sulla terra (e non lo farà mai).

Moriamo tutti. I Santi ricordavano questo semplice fatto e non volevano dimenticarlo. Sapevano che Dio li avrebbe giudicati quando sarebbero morti e non volevano apparire davanti a Lui a mani vuote.

È sano pensare alla nostra morte, ha dei grandi benefici spirituali. Se non abbiamo una sana paura della morte, dimenticheremo i nostri doveri da cristiani qui sulla terra.

Leggi anche: L’importanza di visitare un cimitero con i propri bambini

Allo stesso tempo, è anche sano desiderare – in un certo senso – la morte. Dobbiamo renderci conto che se viviamo vicini a Dio, la morte ci garantirà l’accesso alla vita eterna. Per noi la morte è sia una maledizione che una benedizione. È la punizione dovuta al mondo caduto, ma è anche un dono che ci rende più vicini alla perfetta unione con Dio.

I santi lo avevano compreso. E per riconoscere la loro saggezza, gli artisti li hanno dipinti reggendo dei teschi o con dei crani accanto a loro.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Perché alcuni santi sono raffigurati con dei teschi accanto?

  

- Advertisement -

Sembra strano e morboso… beh, è esattamente quello il punto

Nel guardare l’arte cristiana, è molto comune notare dei teschi accanto a un santo. In alcuni casi il santo regge il teschio tra le mani e lo guarda negli occhi vuoti. Perché? Non è un po’ morboso?

Ebbene, sì, ed è esattamente questo il punto.

I teschi sono presenti nei ritratti dei santi per sottolineare la loro saggezza e la costante consapevolezza della propria mortalità. La morte era costantemente nei loro pensieri, e questo li spingeva a cercare in tutti i modi di raggiungere la perfezione.

Nel corso dei secoli la Chiesa e molti santi hanno usato la frase latina “memento mori” (“ricordati che devi morire”) per evidenziare questa pratica spirituale. È un semplice riconoscimento che “polvere tu sei e in polvere tornerai!”, come ci viene detto all’inizio di ogni Quaresima. Questa frase ci ricorda che la nostra vita sulla terra è molto breve e che non conosciamo il giorno o l’ora in cui Cristo verrà a chiamarci.

- Advertisement -

Alcuni santi si sono spinti oltre mettendo un teschio sulla propria scrivania, come San Gerardo. Secondo Padre John Bartunek, “quando fu scelto come pontefice, Papa Alessandro VIII chiese al grande artista barocco Bernini di scolpire una piccola bara in marmo. La pose sulla sua scrivania per ricordargli che un giorno sarebbe morto e avrebbe dato conto al Signore su come abbia vissuto il suo incarico di Papa”.

Per quanto vogliamo sfuggirle, la morte verrà per ciascuno di noi. Non è stata trovata alcuna “fonte della giovinezza” che permetta di ringiovanire, e la scienza deve ancora creare una pillola che garantisca la vita eterna sulla terra (e non lo farà mai).

Moriamo tutti. I Santi ricordavano questo semplice fatto e non volevano dimenticarlo. Sapevano che Dio li avrebbe giudicati quando sarebbero morti e non volevano apparire davanti a Lui a mani vuote.

È sano pensare alla nostra morte, ha dei grandi benefici spirituali. Se non abbiamo una sana paura della morte, dimenticheremo i nostri doveri da cristiani qui sulla terra.

Leggi anche: L’importanza di visitare un cimitero con i propri bambini

Allo stesso tempo, è anche sano desiderare – in un certo senso – la morte. Dobbiamo renderci conto che se viviamo vicini a Dio, la morte ci garantirà l’accesso alla vita eterna. Per noi la morte è sia una maledizione che una benedizione. È la punizione dovuta al mondo caduto, ma è anche un dono che ci rende più vicini alla perfetta unione con Dio.

I santi lo avevano compreso. E per riconoscere la loro saggezza, gli artisti li hanno dipinti reggendo dei teschi o con dei crani accanto a loro.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
285FansMi piace
949FollowerSegui
13,000FollowerSegui
625FollowerSegui
99IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Le lettere di Paolo

Wénin: Abramo

La Shoah alla luce del Sinai

Guida alla Grecia biblica

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x
È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO