13.9 C
Roma
Dom, 18 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno BPasqua di Risurrezione - Anno B - 4 aprile 2021

Pasqua di Risurrezione – Anno B – 4 aprile 2021

Il tripudio e la sinfonia della vita che vince la morte






    Dal vangelo secondo Giovanni

    “Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.
    Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».
    Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
    Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
    Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti”.




    Messa a morte la morte, Gesù ridà vita al suo corpo che era stato deposto nella tomba per ricevere l’imbalsamazione prima di chiudere definitivamente, dinanzi ad essa, il grande masso. La vita esplode quel mattino, l’ottavo della settimana, da dentro il sepolcro. La morte non può avere il sopravvento su colui che ha creato la vita. Il rigore, la rigidità della morte e la mancanza del soffio vitale non possono essere la condizione di chi quel soffio lo aveva inalato nel corpo del primo uomo e quindi in tutta l’umanità. In Dio non c’è spazio per il soffio gelido della morte, in lui trionfa il caldo alito della vita. Quel ”ruah” (spirito e alito vitale) di cui il libro della Genesi ci racconta essere stato alitato sull’uomo da Dio, compreso il corpo di Cristo, “nato da donna”, non è mai stato annullato o spento e, dopo il breve riposo tombale, esplode in tutta la sua virulenza, in tutta la sua bellezza e con tutta la sua mai spenta o sbiadita vitalità.

    Cristo risorge da morte. Cristo ha vinto, attraverso la sua passione, il nemico peggiore dell’uomo. Mai nessuno era ed è arrivato a tanto. Mai nessuno, nell’esperienza terrena, lo potrà mai fare. Risorgeremo tutti ma solo alla fine della storia umana per proiettarci nell’eternità di Dio. In questo tempo di attesa è comunque possibile sconfiggere tutte le morti che gli uomini si portano dentro di cui ognuno, per la sua parte ne avverte il morso. Siamo chiamati ad essere uomini di risurrezione cioè di vita, di speranza, di rinascite. Dobbiamo togliere il masso dai nostri sepolcri esistenziali, relazionali, economici, religiosi, politici, sentimentali. Come le donne e i due apostoli che vanno verso il sepolcro di Cristo lo trovano spalancato perché un angelo l’ha ribaltata, così noi dobbiamo approcciarci ai sepolcri degli altri e, da angeli, dobbiamo scoperchiarli per ridare vita, speranza e gioia a chi porta i segni mortiferi nella sua esistenza. In questo tempo pandemico dove la morte ha bussato e bussa alle porte delle nostre intimità familiari seminando dolore, paure, sconfitte. In questa circostanza in cui per immunizzarci siamo costretti a privarci di quanto più nobile ed identitario l’uomo possiede, cioè la capacità relazionale, dobbiamo trovare nuovi modi per non far mancare l’ossigeno della fraternità e gli abbracci della solidarietà.

    Il nostro modo di relazionarci da “amputati”, da mascherati, da diffidenti gli uni verso gli altri, deve mutare desiderando nuove forme, apprezzandole quelle che avevamo prima, inventarne di nuove. Ora che ne abbiamo patito la mancanza dobbiamo costruire nuovi ponti relazionali, nuove strade per giungere agli altri, nuove modalità per costruire intrecci fecondi, fraterni con ogni persona che incontriamo. Anche questa novità di vita di cui avvertiamo fortemente l’esigenza è Pasqua, è vita, è gioia, è speranza. Questo passaggio che tutti dobbiamo occasionare e generare dalla nostra vita in quella degli altri è Pasqua proprio perché Pasqua significa passaggio. Ed ecco che un disagio, una privazione diventano opportunità. Come opportunità è credere ed aderire al fatto storico che Cristo è risorto davvero. Con lui possiamo, se lo vogliamo, risorge anche noi.

    Tutti abbiamo bisogno di sorsi di speranza per riprendere il cammino. In tutti c’è il desiderio di nuove primavere e di nuove fioriture. Il nostro amore fraterno, le nostre premure per il prossimo, possano essere il tiepido sole che riscalda l’altro. Allora sarà Pasqua. Papa Francesco ha detto: ”Superiamo l’individualismo,

    passiamo dall'”io” al “noi”. “Mettiamo l’io fra parentesi, questo è il tempo del ‘noi’”. La Pasqua è il trionfo e la sinfonia armoniosa del “noi”, ma con Dio risorto.




    In questo giorno santissimo,
    in cui la potenza dello Spirito
    ci crea come uomini nuovi a immagine del Signore risorto
    e fa di tutti noi il suo popolo santo,
    innalziamo la nostra preghiera unanime,
    perché la gioia della Pasqua si estenda nel mondo intero.

    R. Per la santa risurrezione del tuo Figlio, ascoltaci, o Padre.

    Per la Chiesa di Dio,
    perché abbia sempre più viva coscienza di essere la comunità pasquale,
    generata dal Cristo
    umiliato sulla croce e glorificato nella risurrezione, preghiamo. R.

    Per tutti i battezzati,
    perché nell’aspersione del sangue e dell’acqua,
    che scaturiscano dal costato di Cristo,
    rinnovino la grazia della loro rinascita nello Spirito, preghiamo. R.

    Per l’umanità intera,
    perché si diffonda nel mondo il lieto annunzio
    che in Cristo si è fatta pace
    fra l’uomo e Dio, l’uomo e se stesso, l’uomo e i suoi fratelli, preghiamo. R.

    Per le nostre famiglie,
    perché in ogni casa si celebri nella sincerità e nella verità l’evento pasquale,
    e si condivida il dono del Signore
    con la festosa ospitalità ai piccoli, ai poveri e ai sofferenti, preghiamo. R.

    Per tutte le sorelle e i fratelli defunti,
    perché fin da ora siano commensali al banchetto eterno,
    nell’attesa della risurrezione dei corpi alla fine dei tempi, preghiamo. R.

    O Padre, che nella risurrezione del tuo Figlio
    dissolvi ogni paura
    e rendi possibile ciò che il nostro cuore non osa sperare,
    concedi ad ogni uomo che si dice cristiano
    di rinnovarsi nel pensiero e nelle opere
    con la fede di chi nel Battesimo si sente risorto.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    Proteggi sempre la tua Chiesa, Dio onnipotente, con l’inesauribile forza del tuo amore, perché, rinnovata dai sacramenti pasquali, giunga alla gloria della risurrezione. Per Cristo nostro Signore.





Dal vangelo secondo Giovanni

“Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.
Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».
Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti”.



Messa a morte la morte, Gesù ridà vita al suo corpo che era stato deposto nella tomba per ricevere l’imbalsamazione prima di chiudere definitivamente, dinanzi ad essa, il grande masso. La vita esplode quel mattino, l’ottavo della settimana, da dentro il sepolcro. La morte non può avere il sopravvento su colui che ha creato la vita. Il rigore, la rigidità della morte e la mancanza del soffio vitale non possono essere la condizione di chi quel soffio lo aveva inalato nel corpo del primo uomo e quindi in tutta l’umanità. In Dio non c’è spazio per il soffio gelido della morte, in lui trionfa il caldo alito della vita. Quel ”ruah” (spirito e alito vitale) di cui il libro della Genesi ci racconta essere stato alitato sull’uomo da Dio, compreso il corpo di Cristo, “nato da donna”, non è mai stato annullato o spento e, dopo il breve riposo tombale, esplode in tutta la sua virulenza, in tutta la sua bellezza e con tutta la sua mai spenta o sbiadita vitalità.

Cristo risorge da morte. Cristo ha vinto, attraverso la sua passione, il nemico peggiore dell’uomo. Mai nessuno era ed è arrivato a tanto. Mai nessuno, nell’esperienza terrena, lo potrà mai fare. Risorgeremo tutti ma solo alla fine della storia umana per proiettarci nell’eternità di Dio. In questo tempo di attesa è comunque possibile sconfiggere tutte le morti che gli uomini si portano dentro di cui ognuno, per la sua parte ne avverte il morso. Siamo chiamati ad essere uomini di risurrezione cioè di vita, di speranza, di rinascite. Dobbiamo togliere il masso dai nostri sepolcri esistenziali, relazionali, economici, religiosi, politici, sentimentali. Come le donne e i due apostoli che vanno verso il sepolcro di Cristo lo trovano spalancato perché un angelo l’ha ribaltata, così noi dobbiamo approcciarci ai sepolcri degli altri e, da angeli, dobbiamo scoperchiarli per ridare vita, speranza e gioia a chi porta i segni mortiferi nella sua esistenza. In questo tempo pandemico dove la morte ha bussato e bussa alle porte delle nostre intimità familiari seminando dolore, paure, sconfitte. In questa circostanza in cui per immunizzarci siamo costretti a privarci di quanto più nobile ed identitario l’uomo possiede, cioè la capacità relazionale, dobbiamo trovare nuovi modi per non far mancare l’ossigeno della fraternità e gli abbracci della solidarietà.

Il nostro modo di relazionarci da “amputati”, da mascherati, da diffidenti gli uni verso gli altri, deve mutare desiderando nuove forme, apprezzandole quelle che avevamo prima, inventarne di nuove. Ora che ne abbiamo patito la mancanza dobbiamo costruire nuovi ponti relazionali, nuove strade per giungere agli altri, nuove modalità per costruire intrecci fecondi, fraterni con ogni persona che incontriamo. Anche questa novità di vita di cui avvertiamo fortemente l’esigenza è Pasqua, è vita, è gioia, è speranza. Questo passaggio che tutti dobbiamo occasionare e generare dalla nostra vita in quella degli altri è Pasqua proprio perché Pasqua significa passaggio. Ed ecco che un disagio, una privazione diventano opportunità. Come opportunità è credere ed aderire al fatto storico che Cristo è risorto davvero. Con lui possiamo, se lo vogliamo, risorge anche noi.

Tutti abbiamo bisogno di sorsi di speranza per riprendere il cammino. In tutti c’è il desiderio di nuove primavere e di nuove fioriture. Il nostro amore fraterno, le nostre premure per il prossimo, possano essere il tiepido sole che riscalda l’altro. Allora sarà Pasqua. Papa Francesco ha detto: ”Superiamo l’individualismo,

passiamo dall'”io” al “noi”. “Mettiamo l’io fra parentesi, questo è il tempo del ‘noi’”. La Pasqua è il trionfo e la sinfonia armoniosa del “noi”, ma con Dio risorto.



In questo giorno santissimo,
in cui la potenza dello Spirito
ci crea come uomini nuovi a immagine del Signore risorto
e fa di tutti noi il suo popolo santo,
innalziamo la nostra preghiera unanime,
perché la gioia della Pasqua si estenda nel mondo intero.

R. Per la santa risurrezione del tuo Figlio, ascoltaci, o Padre.

Per la Chiesa di Dio,
perché abbia sempre più viva coscienza di essere la comunità pasquale,
generata dal Cristo
umiliato sulla croce e glorificato nella risurrezione, preghiamo. R.

Per tutti i battezzati,
perché nell’aspersione del sangue e dell’acqua,
che scaturiscano dal costato di Cristo,
rinnovino la grazia della loro rinascita nello Spirito, preghiamo. R.

Per l’umanità intera,
perché si diffonda nel mondo il lieto annunzio
che in Cristo si è fatta pace
fra l’uomo e Dio, l’uomo e se stesso, l’uomo e i suoi fratelli, preghiamo. R.

Per le nostre famiglie,
perché in ogni casa si celebri nella sincerità e nella verità l’evento pasquale,
e si condivida il dono del Signore
con la festosa ospitalità ai piccoli, ai poveri e ai sofferenti, preghiamo. R.

Per tutte le sorelle e i fratelli defunti,
perché fin da ora siano commensali al banchetto eterno,
nell’attesa della risurrezione dei corpi alla fine dei tempi, preghiamo. R.

O Padre, che nella risurrezione del tuo Figlio
dissolvi ogni paura
e rendi possibile ciò che il nostro cuore non osa sperare,
concedi ad ogni uomo che si dice cristiano
di rinnovarsi nel pensiero e nelle opere
con la fede di chi nel Battesimo si sente risorto.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



Proteggi sempre la tua Chiesa, Dio onnipotente, con l’inesauribile forza del tuo amore, perché, rinnovata dai sacramenti pasquali, giunga alla gloria della risurrezione. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Pasqua di Risurrezione – Anno B – 4 aprile 2021

Il tripudio e la sinfonia della vita che vince la morte



Dal vangelo secondo Giovanni

“Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.
Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».
Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti”.



Messa a morte la morte, Gesù ridà vita al suo corpo che era stato deposto nella tomba per ricevere l’imbalsamazione prima di chiudere definitivamente, dinanzi ad essa, il grande masso. La vita esplode quel mattino, l’ottavo della settimana, da dentro il sepolcro. La morte non può avere il sopravvento su colui che ha creato la vita. Il rigore, la rigidità della morte e la mancanza del soffio vitale non possono essere la condizione di chi quel soffio lo aveva inalato nel corpo del primo uomo e quindi in tutta l’umanità. In Dio non c’è spazio per il soffio gelido della morte, in lui trionfa il caldo alito della vita. Quel ”ruah” (spirito e alito vitale) di cui il libro della Genesi ci racconta essere stato alitato sull’uomo da Dio, compreso il corpo di Cristo, “nato da donna”, non è mai stato annullato o spento e, dopo il breve riposo tombale, esplode in tutta la sua virulenza, in tutta la sua bellezza e con tutta la sua mai spenta o sbiadita vitalità.

Cristo risorge da morte. Cristo ha vinto, attraverso la sua passione, il nemico peggiore dell’uomo. Mai nessuno era ed è arrivato a tanto. Mai nessuno, nell’esperienza terrena, lo potrà mai fare. Risorgeremo tutti ma solo alla fine della storia umana per proiettarci nell’eternità di Dio. In questo tempo di attesa è comunque possibile sconfiggere tutte le morti che gli uomini si portano dentro di cui ognuno, per la sua parte ne avverte il morso. Siamo chiamati ad essere uomini di risurrezione cioè di vita, di speranza, di rinascite. Dobbiamo togliere il masso dai nostri sepolcri esistenziali, relazionali, economici, religiosi, politici, sentimentali. Come le donne e i due apostoli che vanno verso il sepolcro di Cristo lo trovano spalancato perché un angelo l’ha ribaltata, così noi dobbiamo approcciarci ai sepolcri degli altri e, da angeli, dobbiamo scoperchiarli per ridare vita, speranza e gioia a chi porta i segni mortiferi nella sua esistenza. In questo tempo pandemico dove la morte ha bussato e bussa alle porte delle nostre intimità familiari seminando dolore, paure, sconfitte. In questa circostanza in cui per immunizzarci siamo costretti a privarci di quanto più nobile ed identitario l’uomo possiede, cioè la capacità relazionale, dobbiamo trovare nuovi modi per non far mancare l’ossigeno della fraternità e gli abbracci della solidarietà.

Il nostro modo di relazionarci da “amputati”, da mascherati, da diffidenti gli uni verso gli altri, deve mutare desiderando nuove forme, apprezzandole quelle che avevamo prima, inventarne di nuove. Ora che ne abbiamo patito la mancanza dobbiamo costruire nuovi ponti relazionali, nuove strade per giungere agli altri, nuove modalità per costruire intrecci fecondi, fraterni con ogni persona che incontriamo. Anche questa novità di vita di cui avvertiamo fortemente l’esigenza è Pasqua, è vita, è gioia, è speranza. Questo passaggio che tutti dobbiamo occasionare e generare dalla nostra vita in quella degli altri è Pasqua proprio perché Pasqua significa passaggio. Ed ecco che un disagio, una privazione diventano opportunità. Come opportunità è credere ed aderire al fatto storico che Cristo è risorto davvero. Con lui possiamo, se lo vogliamo, risorge anche noi.

Tutti abbiamo bisogno di sorsi di speranza per riprendere il cammino. In tutti c’è il desiderio di nuove primavere e di nuove fioriture. Il nostro amore fraterno, le nostre premure per il prossimo, possano essere il tiepido sole che riscalda l’altro. Allora sarà Pasqua. Papa Francesco ha detto: ”Superiamo l’individualismo,

passiamo dall'”io” al “noi”. “Mettiamo l’io fra parentesi, questo è il tempo del ‘noi’”. La Pasqua è il trionfo e la sinfonia armoniosa del “noi”, ma con Dio risorto.



In questo giorno santissimo,
in cui la potenza dello Spirito
ci crea come uomini nuovi a immagine del Signore risorto
e fa di tutti noi il suo popolo santo,
innalziamo la nostra preghiera unanime,
perché la gioia della Pasqua si estenda nel mondo intero.

R. Per la santa risurrezione del tuo Figlio, ascoltaci, o Padre.

Per la Chiesa di Dio,
perché abbia sempre più viva coscienza di essere la comunità pasquale,
generata dal Cristo
umiliato sulla croce e glorificato nella risurrezione, preghiamo. R.

Per tutti i battezzati,
perché nell’aspersione del sangue e dell’acqua,
che scaturiscano dal costato di Cristo,
rinnovino la grazia della loro rinascita nello Spirito, preghiamo. R.

Per l’umanità intera,
perché si diffonda nel mondo il lieto annunzio
che in Cristo si è fatta pace
fra l’uomo e Dio, l’uomo e se stesso, l’uomo e i suoi fratelli, preghiamo. R.

Per le nostre famiglie,
perché in ogni casa si celebri nella sincerità e nella verità l’evento pasquale,
e si condivida il dono del Signore
con la festosa ospitalità ai piccoli, ai poveri e ai sofferenti, preghiamo. R.

Per tutte le sorelle e i fratelli defunti,
perché fin da ora siano commensali al banchetto eterno,
nell’attesa della risurrezione dei corpi alla fine dei tempi, preghiamo. R.

O Padre, che nella risurrezione del tuo Figlio
dissolvi ogni paura
e rendi possibile ciò che il nostro cuore non osa sperare,
concedi ad ogni uomo che si dice cristiano
di rinnovarsi nel pensiero e nelle opere
con la fede di chi nel Battesimo si sente risorto.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



Proteggi sempre la tua Chiesa, Dio onnipotente, con l’inesauribile forza del tuo amore, perché, rinnovata dai sacramenti pasquali, giunga alla gloria della risurrezione. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
647FollowerSegui
226IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Le 217 domande di Gesù

I settanta volti della Torah

Perché le suore indossano il velo?

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x