19.7 C
Roma
Sab, 24 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Fede e Devozione Parlo con Dio, ma perché non risponde mai?

Parlo con Dio, ma perché non risponde mai?

- Advertisement -

Ho avuto difficoltà a spiegarlo, ma mia moglie ha trovato la risposta perfetta

Ormai è una donnina, ma ricordo ancora quando la mia figlia maggiore era una piccolina che giaceva nel lettino più piccolo della stanza più piccola della nostra piccola casa di Falls Church, in Virginia (Stati Uniti).

Avevo raccontato una storia a lei e a sua sorella, e avevo dato loro il bacio della buonanotte quando, mentre io ero già per metà fuori dalla stanza, mi ha posto la fatidica domanda:

“Papà, io parlo con Dio, ma perché lui non mi risponde mai?”

Stavo entrando nella fase cruciale della mia paternità. Venivo chiamato a guidare spiritualmente quella giovane anima attraverso la confusione della vita.

La sua domanda era un dubbio che io stesso avevo affrontato in precedenza, ma non avevo mai dovuto spiegare la cosa a una persona di 6 anni. Ho respirato a fondo e ho iniziato a parlare.

Prima ho provato dicendo: “Io sto molto tempo con te senza parlare. Anche Lui”.

Volevo spiegarle che l’intimità non si concentra sulla conversazione, ma sulla presenza. Sappiamo che è così perché la solitudine non denota una mancanza di parole, ma una mancanza di presenza.

Ricordo ancora un incubo che ho avuto da bambino, dal quale mi sono svegliato terrorizzato. Poi ho sentito mio padre tossire dalla sua stanza e la paura è scomparsa immediatamente. Solo sapere che era lì, la sua semplice presenza, ha cambiato tutto.

Stare in una casa vuota è del tutto diverso da starci con qualcuno, chiunque sia. La presenza cambia tutto.

Se le parole cambiassero tutto, Facebook ci renderebbe felici. Ma non lo fa.

Se le parole definissero la nostra interazione, quando racconti a qualcuno che sei andato a un’udienza generale con il papa ti chiederebbe: “E cosa ha detto?” E invece no, in realtà ti chiede: “Quanto eri vicino?”

Per questo stesso principio, la Sola Scriptura non è sufficiente; hai bisogno della Sua Presenza Reale nei Sacramenti.

La presenza silenziosa di Gesù è sempre stato il Suo aspetto migliore. Se si classificasse in categorie tutta l’arte cristiana del mondo, la categoria più affollata sarebbe quella delle rappresentazioni di Gesù bambino tra le braccia della madre, quando ancora non poteva parlare, e morto in croce, quando non poteva più parlare.

Ho raccontato tutto questo a mia figlia. Dalla sua espressione non sembrava convinta. E allora le ho detto: “Anche se Lui ci parla molto. Nella Bibbia e a Messa”.

A volte ascoltiamo le parole di Gesù nel nostro cuore, ma in genere le leggiamo nelle Scritture; le parole specifiche che ha ispirato perché le ascoltassimo.

E non sono semplici parole, ma parole bellissime. Parole per tutte le occasioni. Parole che rispondono a qualsiasi anelito. Parole che sorprendono e ci sfidano. Parole cariche del potere dello Spirito Santo. Parole perché ciascuno di noi rifletta in solitudine e parole perché tutti noi comprendiamo insieme.

Le comunicazioni più preziose di altre persone sono spesso parole speciali che hanno lasciato per noi: una lettera d’amore, un biglietto di incoraggiamento dei genitori, frammenti di idee scritti da un nonno nel suo studio prima di morire. Con la Sua Parola, Gesù ci ha lasciato molto di più.

L’espressione di mia figlia non è cambiata, e allora ho proseguito: “Ed è chiaro che ci parla!”, ho detto. “Ci parla attraverso migliaia di voci”.

Ci sono le voci certificate del Catechismo, i concili, le encicliche. Poi ci sono le letture spirituali dei Suoi amici speciali, i santi. Ma c’è anche molto di più.

Immaginate se tutta la nostra famiglia dipendesse da una comunicazione individuale per arrivare fino al nonno cercando informazioni e consigli per ciascuno. Sarebbe assurdo. Non funzionerebbe.

O immaginate un’impresa in cui tutte le comunicazioni dovessero arrivare direttamente a me attraverso un capo supremo. Sarebbe inefficiente, dittatoriale e disumano. Dio non è stupido né inefficiente, né dittatoriale o disumano.

Egli ci parla attraverso tutta una comunità organizzata, informata e in sintonia con il Suo amore, una comunità capace di trasmettere al di là delle barriere comunicative, come gli apostoli a Pentecoste.

Ma la mia bambina sembrava piuttosto preoccupata dalla mia veemenza appassionata – che a quel punto aveva attirato mia moglie nella stanza.

E meno male che è arrivata. Mentre io mi sforzavo di essere il padre saggio, lei già dominava facilmente la saggezza pratica della maternità, ha percepito il desiderio di comunicazione del cuoricino di una bambina e ha capito all’istante l’esatta profondità della sua comprensione, per cui è andata dritta al cuore della questione.

Ha detto: “Tom, ti sta solo punzecchiando per rimanere sveglia ancora un po’. Cecilia, ora basta. È il momento di dormire”.

E mentre mi chiudevo la porta alle spalle, ho sentito Cecilia ridacchiare.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Parlo con Dio, ma perché non risponde mai?

  

- Advertisement -

Ho avuto difficoltà a spiegarlo, ma mia moglie ha trovato la risposta perfetta

Ormai è una donnina, ma ricordo ancora quando la mia figlia maggiore era una piccolina che giaceva nel lettino più piccolo della stanza più piccola della nostra piccola casa di Falls Church, in Virginia (Stati Uniti).

Avevo raccontato una storia a lei e a sua sorella, e avevo dato loro il bacio della buonanotte quando, mentre io ero già per metà fuori dalla stanza, mi ha posto la fatidica domanda:

“Papà, io parlo con Dio, ma perché lui non mi risponde mai?”

Stavo entrando nella fase cruciale della mia paternità. Venivo chiamato a guidare spiritualmente quella giovane anima attraverso la confusione della vita.

- Advertisement -

La sua domanda era un dubbio che io stesso avevo affrontato in precedenza, ma non avevo mai dovuto spiegare la cosa a una persona di 6 anni. Ho respirato a fondo e ho iniziato a parlare.

Prima ho provato dicendo: “Io sto molto tempo con te senza parlare. Anche Lui”.

Volevo spiegarle che l’intimità non si concentra sulla conversazione, ma sulla presenza. Sappiamo che è così perché la solitudine non denota una mancanza di parole, ma una mancanza di presenza.

Ricordo ancora un incubo che ho avuto da bambino, dal quale mi sono svegliato terrorizzato. Poi ho sentito mio padre tossire dalla sua stanza e la paura è scomparsa immediatamente. Solo sapere che era lì, la sua semplice presenza, ha cambiato tutto.

Stare in una casa vuota è del tutto diverso da starci con qualcuno, chiunque sia. La presenza cambia tutto.

Se le parole cambiassero tutto, Facebook ci renderebbe felici. Ma non lo fa.

Se le parole definissero la nostra interazione, quando racconti a qualcuno che sei andato a un’udienza generale con il papa ti chiederebbe: “E cosa ha detto?” E invece no, in realtà ti chiede: “Quanto eri vicino?”

Per questo stesso principio, la Sola Scriptura non è sufficiente; hai bisogno della Sua Presenza Reale nei Sacramenti.

La presenza silenziosa di Gesù è sempre stato il Suo aspetto migliore. Se si classificasse in categorie tutta l’arte cristiana del mondo, la categoria più affollata sarebbe quella delle rappresentazioni di Gesù bambino tra le braccia della madre, quando ancora non poteva parlare, e morto in croce, quando non poteva più parlare.

Ho raccontato tutto questo a mia figlia. Dalla sua espressione non sembrava convinta. E allora le ho detto: “Anche se Lui ci parla molto. Nella Bibbia e a Messa”.

A volte ascoltiamo le parole di Gesù nel nostro cuore, ma in genere le leggiamo nelle Scritture; le parole specifiche che ha ispirato perché le ascoltassimo.

E non sono semplici parole, ma parole bellissime. Parole per tutte le occasioni. Parole che rispondono a qualsiasi anelito. Parole che sorprendono e ci sfidano. Parole cariche del potere dello Spirito Santo. Parole perché ciascuno di noi rifletta in solitudine e parole perché tutti noi comprendiamo insieme.

Le comunicazioni più preziose di altre persone sono spesso parole speciali che hanno lasciato per noi: una lettera d’amore, un biglietto di incoraggiamento dei genitori, frammenti di idee scritti da un nonno nel suo studio prima di morire. Con la Sua Parola, Gesù ci ha lasciato molto di più.

L’espressione di mia figlia non è cambiata, e allora ho proseguito: “Ed è chiaro che ci parla!”, ho detto. “Ci parla attraverso migliaia di voci”.

Ci sono le voci certificate del Catechismo, i concili, le encicliche. Poi ci sono le letture spirituali dei Suoi amici speciali, i santi. Ma c’è anche molto di più.

Immaginate se tutta la nostra famiglia dipendesse da una comunicazione individuale per arrivare fino al nonno cercando informazioni e consigli per ciascuno. Sarebbe assurdo. Non funzionerebbe.

O immaginate un’impresa in cui tutte le comunicazioni dovessero arrivare direttamente a me attraverso un capo supremo. Sarebbe inefficiente, dittatoriale e disumano. Dio non è stupido né inefficiente, né dittatoriale o disumano.

Egli ci parla attraverso tutta una comunità organizzata, informata e in sintonia con il Suo amore, una comunità capace di trasmettere al di là delle barriere comunicative, come gli apostoli a Pentecoste.

Ma la mia bambina sembrava piuttosto preoccupata dalla mia veemenza appassionata – che a quel punto aveva attirato mia moglie nella stanza.

E meno male che è arrivata. Mentre io mi sforzavo di essere il padre saggio, lei già dominava facilmente la saggezza pratica della maternità, ha percepito il desiderio di comunicazione del cuoricino di una bambina e ha capito all’istante l’esatta profondità della sua comprensione, per cui è andata dritta al cuore della questione.

Ha detto: “Tom, ti sta solo punzecchiando per rimanere sveglia ancora un po’. Cecilia, ora basta. È il momento di dormire”.

E mentre mi chiudevo la porta alle spalle, ho sentito Cecilia ridacchiare.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
632FollowerSegui
123IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x