20.9 C
Roma
Mer, 21 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Religioni Papa sul dialogo ebraico-cattolico: serve cooperazione più intensa sui mali di oggi

Papa sul dialogo ebraico-cattolico: serve cooperazione più intensa sui mali di oggi

Messaggio del Papa all’International Catholic-Jewish Liaison Committee (Ilc)

- Advertisement -

Messaggio del Papa all’International Catholic-Jewish Liaison Committee (Ilc), riunito a Roma: è cosa buona che affrontiate questioni attuali, come la recrudescenza dell’antisemitismo e la persecuzione dei cristiani

Roberta Gisotti – Città del Vaticano

“Mai si sbaglia nel cercare il dialogo”, lo ribadisce Francesco nel saluto rivolto stamane ai partecipanti al 24 mo incontro, in corso a Roma, del Comitato internazionale di collegamento cattolico-ebraico, istituito nel 1970, piattaforma di raccordo tra la Commissione della Santa Sede per i rapporti religiosi con l’ebraismo e il Comitato internazionale ebraico per le consultazioni interreligiose. La riunione incentrata sul tema “Popoli, idee e confini in movimento” è in corso – fino a domani – a Roma, ospitata nella sede della Conferenza episcopale italiana.

Riscoperta, fraternità, impegno a favore degli altri

Rammenta il Papa che il dialogo ebraico cattolico “ha dato buoni frutti” dalla Dichiarazione conciliare Nostra Aetate sulle relazioni della Chiesa cattolica con le religioni non cristiane, promulgata nel 1965. “Condividiamo – sottolinea – una ricca eredità spirituale, che può e deve essere sempre più valorizzata, crescendo nella riscoperta reciproca, nella fraternità e nel comune impegno a favore degli altri. In questo senso il vostro incontro – osserva Francesco – vuole contribuire a sviluppare convergenze e promuovere una cooperazione più intensa. È cosa buona che affrontiate anche questioni attuali, come l’atteggiamento nei riguardi dei rifugiati e la ricerca dei modi con cui aiutarli, la lotta contro la preoccupante recrudescenza dell’antisemitismo, la riflessione sulla persecuzione dei cristiani in diverse parti del mondo, la situazione del dialogo ebraico-cattolico in Italia e in Israele e le sue prospettive su più ampia scala”.

Non solo di tolleranza ma rispetto tra le religioni

Da qui l’incoraggiamento del Papa a “quanti sono impegnanti professionalmente nel dialogo ebraico – cristiano”, “perché il dialogo – spiega – è la via per conoscerci meglio e per collaborare a creare un clima non solo di tolleranza, ma anche di rispetto tra le religioni. La nostra forza – aggiunge – è quella mite dell’incontro, non dell’estremismo che oggi affiora da varie parti e che conduce solo allo scontro”. Come ricorda la Scrittura – conclude – ‘l’inganno è nel cuore di chi trama il male, la gioia invece è di chi promuove la pace’. Infine la preghiera di Francesco “perché il vostro trovarvi insieme sia un incontrarvi in pace e per la pace” e la benedizione di Dio che “vi dia la tenacia della mitezza e il coraggio della pazienza”.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Papa sul dialogo ebraico-cattolico: serve cooperazione più intensa sui mali di oggi

Messaggio del Papa all’International Catholic-Jewish Liaison Committee (Ilc)

  

- Advertisement -

Messaggio del Papa all’International Catholic-Jewish Liaison Committee (Ilc), riunito a Roma: è cosa buona che affrontiate questioni attuali, come la recrudescenza dell’antisemitismo e la persecuzione dei cristiani

Roberta Gisotti – Città del Vaticano

“Mai si sbaglia nel cercare il dialogo”, lo ribadisce Francesco nel saluto rivolto stamane ai partecipanti al 24 mo incontro, in corso a Roma, del Comitato internazionale di collegamento cattolico-ebraico, istituito nel 1970, piattaforma di raccordo tra la Commissione della Santa Sede per i rapporti religiosi con l’ebraismo e il Comitato internazionale ebraico per le consultazioni interreligiose. La riunione incentrata sul tema “Popoli, idee e confini in movimento” è in corso – fino a domani – a Roma, ospitata nella sede della Conferenza episcopale italiana.

Riscoperta, fraternità, impegno a favore degli altri

Rammenta il Papa che il dialogo ebraico cattolico “ha dato buoni frutti” dalla Dichiarazione conciliare Nostra Aetate sulle relazioni della Chiesa cattolica con le religioni non cristiane, promulgata nel 1965. “Condividiamo – sottolinea – una ricca eredità spirituale, che può e deve essere sempre più valorizzata, crescendo nella riscoperta reciproca, nella fraternità e nel comune impegno a favore degli altri. In questo senso il vostro incontro – osserva Francesco – vuole contribuire a sviluppare convergenze e promuovere una cooperazione più intensa. È cosa buona che affrontiate anche questioni attuali, come l’atteggiamento nei riguardi dei rifugiati e la ricerca dei modi con cui aiutarli, la lotta contro la preoccupante recrudescenza dell’antisemitismo, la riflessione sulla persecuzione dei cristiani in diverse parti del mondo, la situazione del dialogo ebraico-cattolico in Italia e in Israele e le sue prospettive su più ampia scala”.

- Advertisement -

Non solo di tolleranza ma rispetto tra le religioni

Da qui l’incoraggiamento del Papa a “quanti sono impegnanti professionalmente nel dialogo ebraico – cristiano”, “perché il dialogo – spiega – è la via per conoscerci meglio e per collaborare a creare un clima non solo di tolleranza, ma anche di rispetto tra le religioni. La nostra forza – aggiunge – è quella mite dell’incontro, non dell’estremismo che oggi affiora da varie parti e che conduce solo allo scontro”. Come ricorda la Scrittura – conclude – ‘l’inganno è nel cuore di chi trama il male, la gioia invece è di chi promuove la pace’. Infine la preghiera di Francesco “perché il vostro trovarvi insieme sia un incontrarvi in pace e per la pace” e la benedizione di Dio che “vi dia la tenacia della mitezza e il coraggio della pazienza”.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
631FollowerSegui
122IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Le 217 domande di Gesù

Il Padre nostro e la tentazione

Libri Consigliati – Marzo 2019

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x