26.2 C
Rome
mercoledì, 26 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Papa: sopra ogni città c'è lo stesso cielo

Papa: sopra ogni città c’è lo stesso cielo

- Advertisement -

Decine di migliaia di persone hanno partecipato in Piazza San Pietro al Regina Caeli del Papa nella Solennità dell’Ascensione del Signore. Francesco ha affermato che da quell’evento per ogni cristiano è possibile vivere e testimoniare la fede dovunque perché da tutte le città del mondo si può alzare lo sguardo con speranza verso il cielo abitato dal Dio fatto uomo. Quindi, nel giorno dedicato a loro, il Papa ha fatto gli auguri a tutte le mamme.

Nell’Ascensione di Gesù al cielo, avvenuta quaranta giorni dopo la Pasqua, si contempla “il mistero di Gesù che esce dal nostro spazio terreno per entrare nella pienezza della gloria di Dio, portando con sé la nostra umanità”. Il Papa nota che i discepoli non sono tristi per il fatto che Gesù non sia più fisicamente in mezzo a loro, ma tornano con gioia a Gerusalemme, la città che aveva rifiutato il Maestro: “Da quel giorno per gli Apostoli e per ogni discepolo di Cristo è stato possibile abitare a Gerusalemme e in tutte le città del mondo, anche in quelle più travagliate dall’ingiustizia e dalla violenza, perché sopra ogni città c’è lo stesso cielo ed ogni abitante può alzare lo sguardo con speranza. Gesù, Dio, è uomo vero, col suo corpo di uomo è in cielo! E questa è la nostra speranza, è l’àncora nostra, che è là, e noi siamo saldi in questa speranza, se guardiamo il cielo. In questo cielo abita quel Dio che si è rivelato così vicino da prendere il volto di un uomo, Gesù di Nazaret. Egli rimane per sempre il Dio-con-noi – ricordiamo questo: Emmanuel, Dio con noi – e non ci lascia soli!”.

I discepoli possono ora annunciare a tutti la vita nuova che viene dal Crocifisso Risorto: “Questa è la testimonianza – fatta non solo con le parole ma anche con la vita quotidiana – la testimonianza che ogni domenica dovrebbe uscire dalla nostre chiese per entrare durante la settimana nelle case, negli uffici, a scuola, nei luoghi di ritrovo e di divertimento, negli ospedali, nelle carceri, nelle case per gli anziani, nei luoghi affollati degli immigrati, nelle periferie della città…”.

E’ una testimonianza resa possibile dalla Spirito Santo: “Qui sta il segreto di questa missione: la presenza tra noi del Signore risorto, che con il dono dello Spirito continua ad aprire la nostra mente e il nostro cuore, per annunciare il suo amore e la sua misericordia anche negli ambienti più refrattari delle nostre città. È lo Spirito Santo il vero artefice della multiforme testimonianza che la Chiesa e ogni battezzato rendono nel mondo. Pertanto, non possiamo mai trascurare il raccoglimento nella preghiera per lodare Dio e invocare il dono dello Spirito”.

Il Papa si unisce quindi spiritualmente ai fedeli radunati al Santuario di Pompei per la tradizionale Supplica alla Madonna del Rosario. Poi ricorda che oggi ricorre la 50ª Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, voluta dal Concilio Vaticano II nella consapevolezza dell’importanza cruciale delle comunicazioni, che «possono gettare ponti tra le persone, le famiglie, i gruppi sociali, i popoli. E questo sia nell’ambiente fisico sia in quello digitale» (Messaggio 2016): “Rivolgo a tutti gli operatori della comunicazione un saluto cordiale, e auspico che il nostro modo di comunicare nella Chiesa abbia sempre un chiaro stile evangelico, uno stile che unisca la verità e la misericordia”.

Infine, il Papa ricorda che in tanti Paesi oggi si celebra la festa della mamma: “Ricordiamo con gratitudine e affetto tutte le mamme, quelle che sono oggi in piazza, le nostre mamme, quelle che ancora sono fra noi e quelle che sono andate in cielo, affidandole a Maria, la mamma di Gesù. E insieme per tutte le mamme preghiamo l’Ave Maria…”.

Francesco ha salutato partecipanti alla sesta edizione della Marcia per la Vita.Decine di migliaia di persone hanno partecipato in Piazza San Pietro al Regina Caeli del Papa nella Solennità dell’Ascensione del Signore. Francesco ha affermato che da quell’evento per ogni cristiano è possibile vivere e testimoniare la fede dovunque perché da tutte le città del mondo si può alzare lo sguardo con speranza verso il cielo abitato dal Dio fatto uomo. Quindi, nel giorno dedicato a loro, il Papa ha fatto gli auguri a tutte le mamme.

Nell’Ascensione di Gesù al cielo, avvenuta quaranta giorni dopo la Pasqua, si contempla “il mistero di Gesù che esce dal nostro spazio terreno per entrare nella pienezza della gloria di Dio, portando con sé la nostra umanità”. Il Papa nota che i discepoli non sono tristi per il fatto che Gesù non sia più fisicamente in mezzo a loro, ma tornano con gioia a Gerusalemme, la città che aveva rifiutato il Maestro: “Da quel giorno per gli Apostoli e per ogni discepolo di Cristo è stato possibile abitare a Gerusalemme e in tutte le città del mondo, anche in quelle più travagliate dall’ingiustizia e dalla violenza, perché sopra ogni città c’è lo stesso cielo ed ogni abitante può alzare lo sguardo con speranza. Gesù, Dio, è uomo vero, col suo corpo di uomo è in cielo! E questa è la nostra speranza, è l’àncora nostra, che è là, e noi siamo saldi in questa speranza, se guardiamo il cielo. In questo cielo abita quel Dio che si è rivelato così vicino da prendere il volto di un uomo, Gesù di Nazaret. Egli rimane per sempre il Dio-con-noi – ricordiamo questo: Emmanuel, Dio con noi – e non ci lascia soli!”.

I discepoli possono ora annunciare a tutti la vita nuova che viene dal Crocifisso Risorto: “Questa è la testimonianza – fatta non solo con le parole ma anche con la vita quotidiana – la testimonianza che ogni domenica dovrebbe uscire dalla nostre chiese per entrare durante la settimana nelle case, negli uffici, a scuola, nei luoghi di ritrovo e di divertimento, negli ospedali, nelle carceri, nelle case per gli anziani, nei luoghi affollati degli immigrati, nelle periferie della città…”.

E’ una testimonianza resa possibile dalla Spirito Santo: “Qui sta il segreto di questa missione: la presenza tra noi del Signore risorto, che con il dono dello Spirito continua ad aprire la nostra mente e il nostro cuore, per annunciare il suo amore e la sua misericordia anche negli ambienti più refrattari delle nostre città. È lo Spirito Santo il vero artefice della multiforme testimonianza che la Chiesa e ogni battezzato rendono nel mondo. Pertanto, non possiamo mai trascurare il raccoglimento nella preghiera per lodare Dio e invocare il dono dello Spirito”.

Il Papa si unisce quindi spiritualmente ai fedeli radunati al Santuario di Pompei per la tradizionale Supplica alla Madonna del Rosario. Poi ricorda che oggi ricorre la 50ª Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, voluta dal Concilio Vaticano II nella consapevolezza dell’importanza cruciale delle comunicazioni, che «possono gettare ponti tra le persone, le famiglie, i gruppi sociali, i popoli. E questo sia nell’ambiente fisico sia in quello digitale» (Messaggio 2016): “Rivolgo a tutti gli operatori della comunicazione un saluto cordiale, e auspico che il nostro modo di comunicare nella Chiesa abbia sempre un chiaro stile evangelico, uno stile che unisca la verità e la misericordia”.

Infine, il Papa ricorda che in tanti Paesi oggi si celebra la festa della mamma: “Ricordiamo con gratitudine e affetto tutte le mamme, quelle che sono oggi in piazza, le nostre mamme, quelle che ancora sono fra noi e quelle che sono andate in cielo, affidandole a Maria, la mamma di Gesù. E insieme per tutte le mamme preghiamo l’Ave Maria…”.

Francesco ha salutato partecipanti alla sesta edizione della Marcia per la Vita.
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Papa: sopra ogni città c’è lo stesso cielo

  

- Advertisement -

Decine di migliaia di persone hanno partecipato in Piazza San Pietro al Regina Caeli del Papa nella Solennità dell’Ascensione del Signore. Francesco ha affermato che da quell’evento per ogni cristiano è possibile vivere e testimoniare la fede dovunque perché da tutte le città del mondo si può alzare lo sguardo con speranza verso il cielo abitato dal Dio fatto uomo. Quindi, nel giorno dedicato a loro, il Papa ha fatto gli auguri a tutte le mamme.

Nell’Ascensione di Gesù al cielo, avvenuta quaranta giorni dopo la Pasqua, si contempla “il mistero di Gesù che esce dal nostro spazio terreno per entrare nella pienezza della gloria di Dio, portando con sé la nostra umanità”. Il Papa nota che i discepoli non sono tristi per il fatto che Gesù non sia più fisicamente in mezzo a loro, ma tornano con gioia a Gerusalemme, la città che aveva rifiutato il Maestro: “Da quel giorno per gli Apostoli e per ogni discepolo di Cristo è stato possibile abitare a Gerusalemme e in tutte le città del mondo, anche in quelle più travagliate dall’ingiustizia e dalla violenza, perché sopra ogni città c’è lo stesso cielo ed ogni abitante può alzare lo sguardo con speranza. Gesù, Dio, è uomo vero, col suo corpo di uomo è in cielo! E questa è la nostra speranza, è l’àncora nostra, che è là, e noi siamo saldi in questa speranza, se guardiamo il cielo. In questo cielo abita quel Dio che si è rivelato così vicino da prendere il volto di un uomo, Gesù di Nazaret. Egli rimane per sempre il Dio-con-noi – ricordiamo questo: Emmanuel, Dio con noi – e non ci lascia soli!”.

I discepoli possono ora annunciare a tutti la vita nuova che viene dal Crocifisso Risorto: “Questa è la testimonianza – fatta non solo con le parole ma anche con la vita quotidiana – la testimonianza che ogni domenica dovrebbe uscire dalla nostre chiese per entrare durante la settimana nelle case, negli uffici, a scuola, nei luoghi di ritrovo e di divertimento, negli ospedali, nelle carceri, nelle case per gli anziani, nei luoghi affollati degli immigrati, nelle periferie della città…”.

E’ una testimonianza resa possibile dalla Spirito Santo: “Qui sta il segreto di questa missione: la presenza tra noi del Signore risorto, che con il dono dello Spirito continua ad aprire la nostra mente e il nostro cuore, per annunciare il suo amore e la sua misericordia anche negli ambienti più refrattari delle nostre città. È lo Spirito Santo il vero artefice della multiforme testimonianza che la Chiesa e ogni battezzato rendono nel mondo. Pertanto, non possiamo mai trascurare il raccoglimento nella preghiera per lodare Dio e invocare il dono dello Spirito”.

Il Papa si unisce quindi spiritualmente ai fedeli radunati al Santuario di Pompei per la tradizionale Supplica alla Madonna del Rosario. Poi ricorda che oggi ricorre la 50ª Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, voluta dal Concilio Vaticano II nella consapevolezza dell’importanza cruciale delle comunicazioni, che «possono gettare ponti tra le persone, le famiglie, i gruppi sociali, i popoli. E questo sia nell’ambiente fisico sia in quello digitale» (Messaggio 2016): “Rivolgo a tutti gli operatori della comunicazione un saluto cordiale, e auspico che il nostro modo di comunicare nella Chiesa abbia sempre un chiaro stile evangelico, uno stile che unisca la verità e la misericordia”.

- Advertisement -

Infine, il Papa ricorda che in tanti Paesi oggi si celebra la festa della mamma: “Ricordiamo con gratitudine e affetto tutte le mamme, quelle che sono oggi in piazza, le nostre mamme, quelle che ancora sono fra noi e quelle che sono andate in cielo, affidandole a Maria, la mamma di Gesù. E insieme per tutte le mamme preghiamo l’Ave Maria…”.

Francesco ha salutato partecipanti alla sesta edizione della Marcia per la Vita.Decine di migliaia di persone hanno partecipato in Piazza San Pietro al Regina Caeli del Papa nella Solennità dell’Ascensione del Signore. Francesco ha affermato che da quell’evento per ogni cristiano è possibile vivere e testimoniare la fede dovunque perché da tutte le città del mondo si può alzare lo sguardo con speranza verso il cielo abitato dal Dio fatto uomo. Quindi, nel giorno dedicato a loro, il Papa ha fatto gli auguri a tutte le mamme.

Nell’Ascensione di Gesù al cielo, avvenuta quaranta giorni dopo la Pasqua, si contempla “il mistero di Gesù che esce dal nostro spazio terreno per entrare nella pienezza della gloria di Dio, portando con sé la nostra umanità”. Il Papa nota che i discepoli non sono tristi per il fatto che Gesù non sia più fisicamente in mezzo a loro, ma tornano con gioia a Gerusalemme, la città che aveva rifiutato il Maestro: “Da quel giorno per gli Apostoli e per ogni discepolo di Cristo è stato possibile abitare a Gerusalemme e in tutte le città del mondo, anche in quelle più travagliate dall’ingiustizia e dalla violenza, perché sopra ogni città c’è lo stesso cielo ed ogni abitante può alzare lo sguardo con speranza. Gesù, Dio, è uomo vero, col suo corpo di uomo è in cielo! E questa è la nostra speranza, è l’àncora nostra, che è là, e noi siamo saldi in questa speranza, se guardiamo il cielo. In questo cielo abita quel Dio che si è rivelato così vicino da prendere il volto di un uomo, Gesù di Nazaret. Egli rimane per sempre il Dio-con-noi – ricordiamo questo: Emmanuel, Dio con noi – e non ci lascia soli!”.

I discepoli possono ora annunciare a tutti la vita nuova che viene dal Crocifisso Risorto: “Questa è la testimonianza – fatta non solo con le parole ma anche con la vita quotidiana – la testimonianza che ogni domenica dovrebbe uscire dalla nostre chiese per entrare durante la settimana nelle case, negli uffici, a scuola, nei luoghi di ritrovo e di divertimento, negli ospedali, nelle carceri, nelle case per gli anziani, nei luoghi affollati degli immigrati, nelle periferie della città…”.

E’ una testimonianza resa possibile dalla Spirito Santo: “Qui sta il segreto di questa missione: la presenza tra noi del Signore risorto, che con il dono dello Spirito continua ad aprire la nostra mente e il nostro cuore, per annunciare il suo amore e la sua misericordia anche negli ambienti più refrattari delle nostre città. È lo Spirito Santo il vero artefice della multiforme testimonianza che la Chiesa e ogni battezzato rendono nel mondo. Pertanto, non possiamo mai trascurare il raccoglimento nella preghiera per lodare Dio e invocare il dono dello Spirito”.

Il Papa si unisce quindi spiritualmente ai fedeli radunati al Santuario di Pompei per la tradizionale Supplica alla Madonna del Rosario. Poi ricorda che oggi ricorre la 50ª Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, voluta dal Concilio Vaticano II nella consapevolezza dell’importanza cruciale delle comunicazioni, che «possono gettare ponti tra le persone, le famiglie, i gruppi sociali, i popoli. E questo sia nell’ambiente fisico sia in quello digitale» (Messaggio 2016): “Rivolgo a tutti gli operatori della comunicazione un saluto cordiale, e auspico che il nostro modo di comunicare nella Chiesa abbia sempre un chiaro stile evangelico, uno stile che unisca la verità e la misericordia”.

Infine, il Papa ricorda che in tanti Paesi oggi si celebra la festa della mamma: “Ricordiamo con gratitudine e affetto tutte le mamme, quelle che sono oggi in piazza, le nostre mamme, quelle che ancora sono fra noi e quelle che sono andate in cielo, affidandole a Maria, la mamma di Gesù. E insieme per tutte le mamme preghiamo l’Ave Maria…”.

Francesco ha salutato partecipanti alla sesta edizione della Marcia per la Vita.
- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato di SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
272FansMi piace
804FollowerSegui
13,000FollowerSegui
582FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO