14.6 C
Rome
lunedì, 18 20 Novembre19

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale Papa: servono laici che si sporchino le mani

Papa: servono laici che si sporchino le mani

- Advertisement -

«Abbiamo bisogno di laici che rischino, che si sporchino le mani, che non abbiamo paura di sbagliare, che vadano avanti. Abbiamo bisogno di laici con visione di futuro, non chiusi nelle piccolezze della vita. E vengo dal dirlo ai giovani: abbiamo bisogno di laici col sapore di esperienza della vita che si animano a sognare».

È quanto ha sottolineato Papa Francesco ricevendo in udienza i partecipanti all’assemblea plenaria del Pontificio Consiglio per i Laici. «Vorrei proporvi, come orizzonte di riferimento per il vostro immediato futuro – si è soffermato -, un binomio che si potrebbe formulare così: Chiesa in uscita – laicato in uscita».

«Il vostro Pontificio Consiglio assumerà una nuova fisionomia. Si tratta della conclusione di una tappa importante e dell’apertura di una nuova per il dicastero della Curia Romana che ha accompagnato la vita, la maturazione e le trasformazioni del laicato cattolico dal Concilio Vaticano II ad oggi» ha proseguito il Papa nell’udienza nella Sala Clementina.

Ripercorrendo la storia e le realizzazioni del dicastero – tra cui le Giornate Mondiali della Gioventù -, nato per volontà del Concilio per «spingere i fedeli laici a coinvolgersi sempre più e meglio nella missione evangelizzatrice della Chiesa», e istituito da Paolo VI che non esitò a definirlo appunto «uno dei frutti migliori del Concilio Vaticano II», Francesco ha spiegato che “alla luce di questo cammino percorso, è tempo di guardare nuovamente con speranza al futuro».

«Molto resta ancora da fare allargando gli orizzonti e raccogliendo le nuove sfide che la realtà ci presenta», ha sottolineato. «È da qui – ha proseguito il Pontefice – che nasce il progetto di riforma della Curia, in particolare dell’accorpamento del vostro Dicastero con il Pontificio Consiglio per la Famiglia in connessione con l’Accademia per la Vita».

«Vi invito perciò ad accogliere questa riforma, che vi vedrà coinvolti – ha aggiunto -, come segno di valorizzazione e di stima per il lavoro che svolgete e come segno di rinnovata fiducia nella vocazione e missione dei laici nella Chiesa di oggi».

Il nuovo Dicastero che nascerà, ha detto ancora, «avrà come “timone” per proseguire nella sua navigazione, da un lato la Christifideles laici e dall’altro la Evangelii gaudium e la Amoris laetitia, avendo come campi privilegiati di lavoro la famiglia e la difesa della vita». «Io non vorrei che queste parole fossero la “valedictio” (rito delle esequie, ndr) alla Congregazione – ha sottolineato il Papa in alcune parole a braccio -. È il congedo, ma che fossero proprio parole di ringraziamento per tutto il lavoro fatto».

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Papa: servono laici che si sporchino le mani

  

- Advertisement -

«Abbiamo bisogno di laici che rischino, che si sporchino le mani, che non abbiamo paura di sbagliare, che vadano avanti. Abbiamo bisogno di laici con visione di futuro, non chiusi nelle piccolezze della vita. E vengo dal dirlo ai giovani: abbiamo bisogno di laici col sapore di esperienza della vita che si animano a sognare».

È quanto ha sottolineato Papa Francesco ricevendo in udienza i partecipanti all’assemblea plenaria del Pontificio Consiglio per i Laici. «Vorrei proporvi, come orizzonte di riferimento per il vostro immediato futuro – si è soffermato -, un binomio che si potrebbe formulare così: Chiesa in uscita – laicato in uscita».

«Il vostro Pontificio Consiglio assumerà una nuova fisionomia. Si tratta della conclusione di una tappa importante e dell’apertura di una nuova per il dicastero della Curia Romana che ha accompagnato la vita, la maturazione e le trasformazioni del laicato cattolico dal Concilio Vaticano II ad oggi» ha proseguito il Papa nell’udienza nella Sala Clementina.

Ripercorrendo la storia e le realizzazioni del dicastero – tra cui le Giornate Mondiali della Gioventù -, nato per volontà del Concilio per «spingere i fedeli laici a coinvolgersi sempre più e meglio nella missione evangelizzatrice della Chiesa», e istituito da Paolo VI che non esitò a definirlo appunto «uno dei frutti migliori del Concilio Vaticano II», Francesco ha spiegato che “alla luce di questo cammino percorso, è tempo di guardare nuovamente con speranza al futuro».

«Molto resta ancora da fare allargando gli orizzonti e raccogliendo le nuove sfide che la realtà ci presenta», ha sottolineato. «È da qui – ha proseguito il Pontefice – che nasce il progetto di riforma della Curia, in particolare dell’accorpamento del vostro Dicastero con il Pontificio Consiglio per la Famiglia in connessione con l’Accademia per la Vita».

- Advertisement -

«Vi invito perciò ad accogliere questa riforma, che vi vedrà coinvolti – ha aggiunto -, come segno di valorizzazione e di stima per il lavoro che svolgete e come segno di rinnovata fiducia nella vocazione e missione dei laici nella Chiesa di oggi».

Il nuovo Dicastero che nascerà, ha detto ancora, «avrà come “timone” per proseguire nella sua navigazione, da un lato la Christifideles laici e dall’altro la Evangelii gaudium e la Amoris laetitia, avendo come campi privilegiati di lavoro la famiglia e la difesa della vita». «Io non vorrei che queste parole fossero la “valedictio” (rito delle esequie, ndr) alla Congregazione – ha sottolineato il Papa in alcune parole a braccio -. È il congedo, ma che fossero proprio parole di ringraziamento per tutto il lavoro fatto».

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
870FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Perché le suore indossano il velo?

Interrogare la sofferenza

La tenerezza nel vangelo di Marco

Libri consigliati – Aprile 2019

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO