18.1 C
Rome
lunedì, 21 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Papa: il Sinodo non è fare inchieste sociologiche, serve lo Spirito Santo

Papa: il Sinodo non è fare inchieste sociologiche, serve lo Spirito Santo

Lo sottolinea il Papa che stamani ha ricevuto in udienza in Vaticano i vescovi del Sinodo della Chiesa greco-cattolica ucraina

- Advertisement -
Il Sinodo non è un mettersi d’accordo come nella politica”, non è un Parlamento né consiste nel fare inchieste di opinioni, è un’altra cosa: se non c’è lo Spirito Santo, non c’è Sinodo. L’identità della Chiesa è infatti l’evangelizzazione. Lo sottolinea il Papa che stamani ha ricevuto in udienza in Vaticano i vescovi del Sinodo della Chiesa greco-cattolica ucraina

Debora Donnini – Città del Vaticano

Il profondo legame del Sinodo con lo Spirito Santo e con l’identità stessa della Chiesa, che consiste nell’evangelizzare. E’ questo il filo conduttore delle parole che stamani Papa Francesco ha rivolto ai quasi 50 vescovi, provenienti dall’Ucraina e da diversi Paesi. Sono riuniti a Roma per il Sinodo della Chiesa greco-cattolica ucraina, sul tema “Comunione nella vita e nella testimonianza della Chiesa Greco Cattolica Ucraina”, che ha preso il via ieri. Un intervento breve ma intenso quello di Francesco, perché lui stesso chiarisce di aver detto tutto quello che doveva dire nell’incontro in Vaticano, lo scorso 5 luglio. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

Il Papa mette prima di tutto in guardia dal pericolo di credere oggi che “fare un cammino sinodale o avere un atteggiamento di sinodalità voglia dire fare un’inchiesta di opinioni”, poi fare un incontro e “mettersi d’accordo”.

No, il Sinodo non è un Parlamento! Si devono dire le cose, discutere come si fa in Parlamento, ma non è un Parlamento. Sinodo non è un mettersi d’accordo come nella politica: io ti do questo, tu mi dai questo. No. Sinodo non è fare inchieste sociologiche, come qualcuno crede: “Vediamo, chiediamo a un gruppo di laici che faccia un’inchiesta, se dobbiamo cambiare questo, questo, questo…”. Voi certo dovete sapere cosa pensano i vostri laici, ma non è un’inchiesta, è un’altra cosa. Se non c’è lo Spirito Santo, non c’è Sinodo. Se non è presente lo Spirito Santo, non c’è sinodalità. Anzi, se non c’è la Chiesa, l’identità della Chiesa.

E’ lo Spirito a portare avanti 

Il pensiero del Pontefice si concentra quindi sull’identità della Chiesa che è l’evangelizzazione:

San Paolo VI l’ha detto chiaramente: la vocazione della Chiesa è evangelizzare, anzi: la sua identità è evangelizzare. Entrate in questo vostro Sinodo con questo spirito, con lo Spirito Santo. Pregate lo Spirito. Litigate tra voi, tutto quello che volete… Pensate a Efeso, come litigavano quelli! Ma erano bravi… E alla fine è stato lo Spirito a portarli a dire: “Maria, Madre di Dio”. È proprio questa la via. È lo Spirito. Perché noi non vogliamo diventare una Chiesa congregazionalista, bensì una Chiesa sinodale. E andate avanti su questa strada.

In questo senso e – dice –  “non per fare pubblicità”,  il Papa richiama un articolo apparso sull’ultimo numero dell’Osservatore Romano, con la data di domenica, proprio sulla presenza dello Spirito Santo nel cammino sinodale.

Schevchuk: trasmettere la possibilità d’incontro personale con Cristo

E di Sinodo e sinodalità aveva parlato prima, nel saluto, Sua Beatitudine Sviatoslav Shevchuk, capo della Chiesa greco-cattolica ucraina. “Vogliamo essere Sinodo non solo durante le nostre sedute, ma anche quando torneremo alle nostre comunità”, ha sottolineato, mettendo in evidenza il desiderio di camminare insieme. In conclusione, l’arcivescovo maggiore di Kiev-Halyč degli ucraini assicura la conversione pastorale che sta vivendo la Chiesa in Ucraina e mette in luce, in particolare, che “non basta solo avere una bella e ricca tradizione come la nostra, che conserva la memoria millenaria della Chiesa di Rus’ di Kyiv, della Chiesa indivisa del primo millennio e la sua comunione con la Chiesa di Roma” ma bisogna essere capaci di trasmettere all’uomo di oggi il cuore di questa Tradizione Apostolica: “la possibilità d’incontro personale con il Cristo vivente, che anche oggi è presente, per opera della Spirito Santo, nella sua Chiesa e cammina insieme a noi per le strade del mondo moderno”.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Papa: il Sinodo non è fare inchieste sociologiche, serve lo Spirito Santo

Lo sottolinea il Papa che stamani ha ricevuto in udienza in Vaticano i vescovi del Sinodo della Chiesa greco-cattolica ucraina

  

- Advertisement -
Il Sinodo non è un mettersi d’accordo come nella politica”, non è un Parlamento né consiste nel fare inchieste di opinioni, è un’altra cosa: se non c’è lo Spirito Santo, non c’è Sinodo. L’identità della Chiesa è infatti l’evangelizzazione. Lo sottolinea il Papa che stamani ha ricevuto in udienza in Vaticano i vescovi del Sinodo della Chiesa greco-cattolica ucraina

Debora Donnini – Città del Vaticano

Il profondo legame del Sinodo con lo Spirito Santo e con l’identità stessa della Chiesa, che consiste nell’evangelizzare. E’ questo il filo conduttore delle parole che stamani Papa Francesco ha rivolto ai quasi 50 vescovi, provenienti dall’Ucraina e da diversi Paesi. Sono riuniti a Roma per il Sinodo della Chiesa greco-cattolica ucraina, sul tema “Comunione nella vita e nella testimonianza della Chiesa Greco Cattolica Ucraina”, che ha preso il via ieri. Un intervento breve ma intenso quello di Francesco, perché lui stesso chiarisce di aver detto tutto quello che doveva dire nell’incontro in Vaticano, lo scorso 5 luglio. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

Il Papa mette prima di tutto in guardia dal pericolo di credere oggi che “fare un cammino sinodale o avere un atteggiamento di sinodalità voglia dire fare un’inchiesta di opinioni”, poi fare un incontro e “mettersi d’accordo”.

No, il Sinodo non è un Parlamento! Si devono dire le cose, discutere come si fa in Parlamento, ma non è un Parlamento. Sinodo non è un mettersi d’accordo come nella politica: io ti do questo, tu mi dai questo. No. Sinodo non è fare inchieste sociologiche, come qualcuno crede: “Vediamo, chiediamo a un gruppo di laici che faccia un’inchiesta, se dobbiamo cambiare questo, questo, questo…”. Voi certo dovete sapere cosa pensano i vostri laici, ma non è un’inchiesta, è un’altra cosa. Se non c’è lo Spirito Santo, non c’è Sinodo. Se non è presente lo Spirito Santo, non c’è sinodalità. Anzi, se non c’è la Chiesa, l’identità della Chiesa.

E’ lo Spirito a portare avanti 

- Advertisement -

Il pensiero del Pontefice si concentra quindi sull’identità della Chiesa che è l’evangelizzazione:

San Paolo VI l’ha detto chiaramente: la vocazione della Chiesa è evangelizzare, anzi: la sua identità è evangelizzare. Entrate in questo vostro Sinodo con questo spirito, con lo Spirito Santo. Pregate lo Spirito. Litigate tra voi, tutto quello che volete… Pensate a Efeso, come litigavano quelli! Ma erano bravi… E alla fine è stato lo Spirito a portarli a dire: “Maria, Madre di Dio”. È proprio questa la via. È lo Spirito. Perché noi non vogliamo diventare una Chiesa congregazionalista, bensì una Chiesa sinodale. E andate avanti su questa strada.

In questo senso e – dice –  “non per fare pubblicità”,  il Papa richiama un articolo apparso sull’ultimo numero dell’Osservatore Romano, con la data di domenica, proprio sulla presenza dello Spirito Santo nel cammino sinodale.

Schevchuk: trasmettere la possibilità d’incontro personale con Cristo

E di Sinodo e sinodalità aveva parlato prima, nel saluto, Sua Beatitudine Sviatoslav Shevchuk, capo della Chiesa greco-cattolica ucraina. “Vogliamo essere Sinodo non solo durante le nostre sedute, ma anche quando torneremo alle nostre comunità”, ha sottolineato, mettendo in evidenza il desiderio di camminare insieme. In conclusione, l’arcivescovo maggiore di Kiev-Halyč degli ucraini assicura la conversione pastorale che sta vivendo la Chiesa in Ucraina e mette in luce, in particolare, che “non basta solo avere una bella e ricca tradizione come la nostra, che conserva la memoria millenaria della Chiesa di Rus’ di Kyiv, della Chiesa indivisa del primo millennio e la sua comunione con la Chiesa di Roma” ma bisogna essere capaci di trasmettere all’uomo di oggi il cuore di questa Tradizione Apostolica: “la possibilità d’incontro personale con il Cristo vivente, che anche oggi è presente, per opera della Spirito Santo, nella sua Chiesa e cammina insieme a noi per le strade del mondo moderno”.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
856FollowerSegui
13,000FollowerSegui
603FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Libri consigliati

Razzismo 2.0, l’odio online

La simbolica del grido nel Vangelo di Marco

Giovani all’ombra della luce

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO