18.4 C
Rome
domenica, 22 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Papa: i Movimenti Popolari forza di trasformazione sociale

Papa: i Movimenti Popolari forza di trasformazione sociale

Papa Francesco inizia la sua riflessione affermando che quanti vivono nelle periferie territoriali ed esistenziali non sono solo un settore della popolazione a cui bisogna arrivare come Chiesa, ma sono "un seme, un ramo che come il granello di senape porterà molto frutto", perché li concepisce come "la leva di una grande trasformazione sociale".

- Advertisement -
Con una sua prefazione, il Santo Padre introduce un libro della LEV, raccolta di cinque anni di riflessione sul lavoro di migliaia di associazioni che, agendo come “leva di trasformazione sociale”, lottano per un modello di sviluppo giusto e inclusivo

Felipe Herrera-Espaliat – Città del Vaticano

Il valore profondo e le sfide di centinaia di associazioni sociali che lottano contro l’esclusione nel mondo è il tema centrale della presentazione che Papa Francesco ha scritto per il libro “L’irruzione dei movimenti popolari: Rerum Novarum del nostro tempo”, edito dalla LEV. Questa edizione, a cura della Pontificia Commissione per l’America Latina, che verrà presentata a settembre, raccoglie i principali interventi degli Incontri Mondiali che dal 2014 hanno riunito migliaia di rappresentanti dei Movimenti Popolari in diverse parti del continente americano.

Papa Francesco inizia la sua riflessione affermando che quanti vivono nelle periferie territoriali ed esistenziali non sono solo un settore della popolazione a cui bisogna arrivare come Chiesa, ma sono “un seme, un ramo che come il granello di senape porterà molto frutto”, perché li concepisce come “la leva di una grande trasformazione sociale”. Non sono quindi attori passivi o semplici destinatari di assistenza sociale, che devono rassegnarsi alla contemplazione di come le élite amministrino l’ordine mondiale, ma sono veri protagonisti attivi, agenti del futuro dell’umanità, la cui “ribellione pacifica” conta sulla solidarietà del Papa.

Francesco riconosce in questa articolazione di movimenti sociali di carattere transnazionale e transculturale quel “modello poliedrico” a cui si riferiva nella sua Esortazione Apostolica Evangelii Gaudium (n. 2), e che è costituito da un paradigma sociale basato sulla cultura dell’incontro.

Per il Papa questa pluralità di movimenti, le cui esperienze nella lotta per la giustizia figurano nel libro, “rappresenta una grande alternativa sociale, un grido profondo, un segno di contraddizione, una speranza che “tutto può cambiare”. Il loro modo di resistere al modello dominante attraverso una testimonianza di lavoro e sofferenza li rivela – secondo Francesco – come “sentinelle” di un futuro migliore.

Riaffermando la sua convinzione che l’umanità oggi affronta un cambiamento epocale caratterizzato da paura, xenofobia e razzismo, il Papa assicura che “i Movimenti Popolari possono rappresentare una fonte di energia morale, per rivitalizzare le nostre democrazie”. Infatti, prosegue, in una società globale ferita da un’economia sempre più lontana dall’etica, queste realtà sociali possono agire come antidoto contro i populismi e la “politica spettacolo”, poiché introducono un senso di partecipazione dei cittadini con una coscienza più positiva dell’altro. Questa è la conseguenza della promozione di una “forza del noi” che si oppone alla “cultura dell’io”.

Concludendo, il Santo Padre sottolinea il tema del lavoro umano come uno di quei diritti sacri che deve essere custodito in ogni persona. Di fronte alle derive delle tesi neoliberali e neostatali che soffocano e opprimono gli uomini nelle loro esperienze lavorative, Francesco invoca un “nuovo umanesimo che ponga fine all’analfabetismo della compassione e alla progressiva eclissi della cultura e della nozione di bene comune”.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Papa: i Movimenti Popolari forza di trasformazione sociale

Papa Francesco inizia la sua riflessione affermando che quanti vivono nelle periferie territoriali ed esistenziali non sono solo un settore della popolazione a cui bisogna arrivare come Chiesa, ma sono "un seme, un ramo che come il granello di senape porterà molto frutto", perché li concepisce come "la leva di una grande trasformazione sociale".

  

- Advertisement -
Con una sua prefazione, il Santo Padre introduce un libro della LEV, raccolta di cinque anni di riflessione sul lavoro di migliaia di associazioni che, agendo come “leva di trasformazione sociale”, lottano per un modello di sviluppo giusto e inclusivo

Felipe Herrera-Espaliat – Città del Vaticano

Il valore profondo e le sfide di centinaia di associazioni sociali che lottano contro l’esclusione nel mondo è il tema centrale della presentazione che Papa Francesco ha scritto per il libro “L’irruzione dei movimenti popolari: Rerum Novarum del nostro tempo”, edito dalla LEV. Questa edizione, a cura della Pontificia Commissione per l’America Latina, che verrà presentata a settembre, raccoglie i principali interventi degli Incontri Mondiali che dal 2014 hanno riunito migliaia di rappresentanti dei Movimenti Popolari in diverse parti del continente americano.

Papa Francesco inizia la sua riflessione affermando che quanti vivono nelle periferie territoriali ed esistenziali non sono solo un settore della popolazione a cui bisogna arrivare come Chiesa, ma sono “un seme, un ramo che come il granello di senape porterà molto frutto”, perché li concepisce come “la leva di una grande trasformazione sociale”. Non sono quindi attori passivi o semplici destinatari di assistenza sociale, che devono rassegnarsi alla contemplazione di come le élite amministrino l’ordine mondiale, ma sono veri protagonisti attivi, agenti del futuro dell’umanità, la cui “ribellione pacifica” conta sulla solidarietà del Papa.

Francesco riconosce in questa articolazione di movimenti sociali di carattere transnazionale e transculturale quel “modello poliedrico” a cui si riferiva nella sua Esortazione Apostolica Evangelii Gaudium (n. 2), e che è costituito da un paradigma sociale basato sulla cultura dell’incontro.

Per il Papa questa pluralità di movimenti, le cui esperienze nella lotta per la giustizia figurano nel libro, “rappresenta una grande alternativa sociale, un grido profondo, un segno di contraddizione, una speranza che “tutto può cambiare”. Il loro modo di resistere al modello dominante attraverso una testimonianza di lavoro e sofferenza li rivela – secondo Francesco – come “sentinelle” di un futuro migliore.

- Advertisement -

Riaffermando la sua convinzione che l’umanità oggi affronta un cambiamento epocale caratterizzato da paura, xenofobia e razzismo, il Papa assicura che “i Movimenti Popolari possono rappresentare una fonte di energia morale, per rivitalizzare le nostre democrazie”. Infatti, prosegue, in una società globale ferita da un’economia sempre più lontana dall’etica, queste realtà sociali possono agire come antidoto contro i populismi e la “politica spettacolo”, poiché introducono un senso di partecipazione dei cittadini con una coscienza più positiva dell’altro. Questa è la conseguenza della promozione di una “forza del noi” che si oppone alla “cultura dell’io”.

Concludendo, il Santo Padre sottolinea il tema del lavoro umano come uno di quei diritti sacri che deve essere custodito in ogni persona. Di fronte alle derive delle tesi neoliberali e neostatali che soffocano e opprimono gli uomini nelle loro esperienze lavorative, Francesco invoca un “nuovo umanesimo che ponga fine all’analfabetismo della compassione e alla progressiva eclissi della cultura e della nozione di bene comune”.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

La preghiera, la sete, le radici

Flavio Giuseppe: santo o traditore?

Rut, la moabita

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO