28.4 C
Rome
martedì, 18 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Papa Francesco: promuoviamo la cultura del bambino e dell’adozione

Papa Francesco: promuoviamo la cultura del bambino e dell’adozione

il Pontefice riceve in udienza i dirigenti, gli operatori, i bambini e le bambine dell’Istituto degli Innocenti di Firenze

- Advertisement -
Nella sala del Concistoro, il Pontefice riceve in udienza i dirigenti, gli operatori, i bambini e le bambine dell’Istituto degli Innocenti di Firenze, istituzione che da seicento anni accoglie, assiste e promuove l’infanzia

Barbara Castelli – Città del Vaticano

“Il nostro Dio è il Dio delle sorprese” e per entrare nel “Regno dei cieli”, bisogna “in qualche modo tornare alla semplicità di un bambino e soprattutto alla capacità di sorprenderci”. Con questa riflessione Papa Francesco accoglie in Vaticano la famiglia dell’Istituto degli Innocenti di Firenze, una delle più antiche istituzioni italiane dedicate alla tutela dell’infanzia. Nel discorsopronunciato a braccio, consegnando quello previsto, il Pontefice rimarca l’urgenza di promuovere nel mondo una “cultura del bambino”, “una cultura della sorpresa nel vedere crescere”.

L’altra metà della medaglia spezzata

La realtà fiorentina, che conta già sei secoli di attività, deve le sue origini a un lascito testamentario del mercante pratese Francesco Datini, mentre la progettazione dell’opera porta la firma di Filippo Brunelleschi. In questo luogo di accoglienza e di amore comunitario, le mamme in difficoltà lasciavano i propri piccoli insieme con una medaglia spezzata a metà, con la speranza di potersi ricongiungere ai figli in tempi migliori. Papa Bergoglio riprende queste storie di fiducia nel futuro tracciando un parallelo con le tante storie di dolore che oggi popolano il mondo:

Oggi nel mondo ci sono tanti bambini che idealmente hanno la metà della medaglia. Sono soli. Le vittime delle guerre, le vittime delle migrazioni, i bambini non accompagnati, le vittime della fame. Bambini con metà medaglia. E chi ha l’altra metà? La Madre Chiesa. Noi abbiamo l’altra metà. Bisogna riflettere e far capire alla gente che noi siamo responsabili di quest’altra metà e aiutare a fare oggi un’altra “casa degli innocenti”, più mondiale, con l’atteggiamento dell’adozione.

Purtroppo, riconosce, sono tante le difficoltà disseminate entro quell’abbraccio tanto sospirato: la “burocrazia”, non di rado “la corruzione”:

Ma aiutatemi in questo: a seminare coscienza che noi abbiamo l’altra metà della medaglia di quel bambino. Tante, tante famiglie che non hanno figli e avrebbero sicuramente il desiderio di averne uno con l’adozione: andare avanti, creare una cultura di adozione perché i bambini abbandonati, soli, vittime di guerre e altro sono tanti; che la gente impari a guardare quella metà e dire: “Anch’io ne ho un’altra”. Vi chiedo di lavorare su questo.

Dare il meglio a chi non ha un futuro

Nel discorso consegnato, il Pontefice metteva a fuoco anche l’importanza di “offrire il meglio” ai “poveri, alle creature fragili, a chi vive nelle periferie”, nel solco dell’opera dell’Istituto degli Innocenti di Firenze, che all’attività di accoglienza residenziale ed educativa ha affiancato anche attività di ricerca e monitoraggio della condizione dell’infanzia. “Tra le persone più fragili di cui dobbiamo prenderci cura – si legge nel testo consegnato – ci sono sicuramente tanti bambini rifiutati, derubati della loro infanzia e del loro futuro; minori che affrontano viaggi disperati per fuggire dalla fame o dalla guerra. Bambini che non vedono la luce perché le loro mamme subiscono condizionamenti economici, sociali, culturali che le spingono a rinunciare a quel dono meraviglioso che è la nascita di un figlio. Quanto abbiamo bisogno di una cultura che riconosca il valore della vita, soprattutto di quella debole, minacciata, offesa, e anziché pensare di poterla mettere in disparte, di escluderla con muri e chiusure, si preoccupi di offrire cure e bellezza”.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Papa Francesco: promuoviamo la cultura del bambino e dell’adozione

il Pontefice riceve in udienza i dirigenti, gli operatori, i bambini e le bambine dell’Istituto degli Innocenti di Firenze

  

- Advertisement -
Nella sala del Concistoro, il Pontefice riceve in udienza i dirigenti, gli operatori, i bambini e le bambine dell’Istituto degli Innocenti di Firenze, istituzione che da seicento anni accoglie, assiste e promuove l’infanzia

Barbara Castelli – Città del Vaticano

“Il nostro Dio è il Dio delle sorprese” e per entrare nel “Regno dei cieli”, bisogna “in qualche modo tornare alla semplicità di un bambino e soprattutto alla capacità di sorprenderci”. Con questa riflessione Papa Francesco accoglie in Vaticano la famiglia dell’Istituto degli Innocenti di Firenze, una delle più antiche istituzioni italiane dedicate alla tutela dell’infanzia. Nel discorsopronunciato a braccio, consegnando quello previsto, il Pontefice rimarca l’urgenza di promuovere nel mondo una “cultura del bambino”, “una cultura della sorpresa nel vedere crescere”.

L’altra metà della medaglia spezzata

La realtà fiorentina, che conta già sei secoli di attività, deve le sue origini a un lascito testamentario del mercante pratese Francesco Datini, mentre la progettazione dell’opera porta la firma di Filippo Brunelleschi. In questo luogo di accoglienza e di amore comunitario, le mamme in difficoltà lasciavano i propri piccoli insieme con una medaglia spezzata a metà, con la speranza di potersi ricongiungere ai figli in tempi migliori. Papa Bergoglio riprende queste storie di fiducia nel futuro tracciando un parallelo con le tante storie di dolore che oggi popolano il mondo:

Oggi nel mondo ci sono tanti bambini che idealmente hanno la metà della medaglia. Sono soli. Le vittime delle guerre, le vittime delle migrazioni, i bambini non accompagnati, le vittime della fame. Bambini con metà medaglia. E chi ha l’altra metà? La Madre Chiesa. Noi abbiamo l’altra metà. Bisogna riflettere e far capire alla gente che noi siamo responsabili di quest’altra metà e aiutare a fare oggi un’altra “casa degli innocenti”, più mondiale, con l’atteggiamento dell’adozione.

Purtroppo, riconosce, sono tante le difficoltà disseminate entro quell’abbraccio tanto sospirato: la “burocrazia”, non di rado “la corruzione”:

- Advertisement -

Ma aiutatemi in questo: a seminare coscienza che noi abbiamo l’altra metà della medaglia di quel bambino. Tante, tante famiglie che non hanno figli e avrebbero sicuramente il desiderio di averne uno con l’adozione: andare avanti, creare una cultura di adozione perché i bambini abbandonati, soli, vittime di guerre e altro sono tanti; che la gente impari a guardare quella metà e dire: “Anch’io ne ho un’altra”. Vi chiedo di lavorare su questo.

Dare il meglio a chi non ha un futuro

Nel discorso consegnato, il Pontefice metteva a fuoco anche l’importanza di “offrire il meglio” ai “poveri, alle creature fragili, a chi vive nelle periferie”, nel solco dell’opera dell’Istituto degli Innocenti di Firenze, che all’attività di accoglienza residenziale ed educativa ha affiancato anche attività di ricerca e monitoraggio della condizione dell’infanzia. “Tra le persone più fragili di cui dobbiamo prenderci cura – si legge nel testo consegnato – ci sono sicuramente tanti bambini rifiutati, derubati della loro infanzia e del loro futuro; minori che affrontano viaggi disperati per fuggire dalla fame o dalla guerra. Bambini che non vedono la luce perché le loro mamme subiscono condizionamenti economici, sociali, culturali che le spingono a rinunciare a quel dono meraviglioso che è la nascita di un figlio. Quanto abbiamo bisogno di una cultura che riconosca il valore della vita, soprattutto di quella debole, minacciata, offesa, e anziché pensare di poterla mettere in disparte, di escluderla con muri e chiusure, si preoccupi di offrire cure e bellezza”.

- Advertisement -
Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
271FansMi piace
792FollowerSegui
13,000FollowerSegui
571FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Desiderio e sequela

La preghiera, la sete, le radici

Libri consigliati – Aprile 2019

Marconi: L’infanzia di Maria

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO