5.2 C
Roma
Gio, 27 Febbraio 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Papa Francesco: non viviamo una fede “da sacrestia”

Papa Francesco: non viviamo una fede “da sacrestia”

Nei Vespri che aprono il Mese Missionario Straordinario, Papa Francesco esorta la Chiesa a non cercare “oasi protette” ma ad essere sempre “sale della terra e lievito per il mondo”.

- Advertisement -
Nei Vespri che aprono il Mese Missionario Straordinario, Papa Francesco esorta la Chiesa a non cercare “oasi protette” ma ad essere sempre “sale della terra e lievito per il mondo”. Invita ad offrire i propri talenti, a mettere in gioco la vita che non è “un peso” ma “un dono”, ad essere Chiesa “in uscita e missionaria”, martiri perché primi testimoni della fede

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

Splendono i colori del mondo nella Basilica di San Pietro. Un mondo che ha bisogno ancora dell’annuncio di Gesù, della speranza di Cristo, di credere a testimoni veri, pieni dell’amore di Dio, che hanno avuto il coraggio di scommettere su di Lui, fidandosi e lasciandosi portare negli angoli lontani della Terra. Sono suore, religiosi e anche due laici che, al termine dei Vespri, il Papa invia in missione, consegnando loro un crocifisso: l’ancora sicura alla quale aggrapparsi senza paura. Andranno in Brasile, in Sud Sudan, in Repubblica Democratica del Congo, in Kazakistan ma anche in Cambogia, a Taiwan, in Bangladesh e in Kirghizistan.

Attivi nel bene non notai della fede

Aprendo il Mese Missionario Straordinario sul tema: “Battezzati e inviati: la Chiesa di Cristo in missione nel mondo”, indetto all’Angelus del 22 ottobre 2017, Francesco, nella memoria di Santa Teresa di Lisieux, patrona delle missioni, chiede “audacia e creatività” per mettere a frutto i talenti che Dio ha donato ad ognuno di noi, beni da non lasciare in cassaforte, perché sono “una chiamata”.

Dio ci domanderà se ci saremo messi in gioco, rischiando, magari perdendoci la faccia. Questo Mese missionario straordinario vuole essere una scossa per provocarci a diventare attivi nel bene. Non notai della fede e guardiani della grazia, ma missionari.

Missionari, testimoni e martiri

Il Papa ricorda che, sperimentando l’amore di Dio, non si può restare indifferenti, muti, inattivi. Invita a chiedersi, in questo mese, come testimoniamo, quanto ci mettiamo in gioco.

Testimone è la parola-chiave, una parola che ha la stessa radice di senso di martire. E i martiri sono i primi testimoni della fede: non a parole, ma con la vita. Sanno che la fede non è propaganda o proselitismo, è dono di vita. Vivono diffondendo pace e gioia, amando tutti, anche i nemici per amore di Gesù.

Omissione contrario di missione

Non aver fatto il bene che si può fare significa peccare di omissione. Francesco lo spiega con una serie di esempi semplici, ricorda che chiudersi “in un triste vittimismo” è “contro la missione”; così come quando ci lamentiamo del mondo e della Chiesa, quando siamo “schiavi delle paure “, paralizzati dal “si è sempre fatto così”. “Pecchiamo contro la missione – dice il Papa – quando viviamo la vita come un peso e non come un dono; quando al centro ci siamo noi con le nostre fatiche, non i fratelli e le sorelle che attendono di essere amati”

Chi sta con Gesù sa che si ha quello che si dà, si possiede quello che si dona; e il segreto per possedere la vita è donarla. Vivere di omissioni è rinnegare la nostra vocazione: l’omissione è il contrario della missione.

Una Chiesa in uscita

Così la Chiesa è chiamata ad essere sempre in missione, a rinnovarsi, a guardare avanti nell’amore umile e gratuito. “Se non è in uscita – evidenzia il Papa – non è Chiesa”.

Una Chiesa in uscita, missionaria, è una Chiesa che non perde tempo a piangere le cose che non vanno, i fedeli che non ha più, i valori di un tempo che non ci sono più. Una Chiesa che non cerca oasi protette per stare tranquilla; desidera solo essere sale della terra e lievito per il mondo. Questa Chiesa sa che questa è la sua forza, la stessa di Gesù: non la rilevanza sociale o istituzionale, ma l’amore umile e gratuito.

Missionari luminosi

Francesco per l’ottobre missionario indica tre luminose figure, “tre servi che hanno portato molto frutto”. Santa Teresa di Gesù Bambino “che fece della preghiera il combustibile dell’azione missionaria nel mondo”; San Francesco Saverio, “uno dei  grandi missionari della Chiesa”, che chiede di uscire dal proprio guscio e infine la Venerabile Pauline Jaricot, pioniera delle Pontificie Opere Missionarie, che con il suo lavoro di operaia sosteneva le missioni.

E noi, facciamo di ogni giorno un dono per superare la frattura tra Vangelo e vita? Per favore, non viviamo una fede “da sacrestia”.

Il Signore chiama anche te

Nessuno è escluso dalla missione della Chiesa, dice Francesco, bisogna partire per andare dove mancano speranza e dignità, vivere con coraggio e con la certezza, rassicura il Papa, che lo Spirito Santo ha già preparato la strada per l’annuncio perché “troppa gente vive ancora senza la gioia del Vangelo”. “In questo mese il Signore chiama anche te”: dice Francesco regalando parole che profumano di preghiera.

“ Chiama te, padre e madre di famiglia; te, giovane che sogni grandi cose; te, che lavori in una fabbrica, in un negozio, in una banca, in un ristorante; te, che sei senza lavoro; te, che sei in un letto di ospedale… Il Signore ti chiede di farti dono lì dove sei, così come sei, con chi ti sta vicino; di non subire la vita, ma di donarla; di non piangerti addosso, ma di lasciarti scavare dalle lacrime di chi soffre. Coraggio, il Signore si aspetta tanto da te. ”

La veglia

Nella veglia, prima dei Vespri, alcuni religiosi hanno dato testimonianza della loro conversione e della loro missione. La catechista della Mongolia, Rufina ha raccontato come è diventata cattolica e ha parlato dello stupore di vedere nel suo Paese missionari a meno 40 gradi sottozero. “Solo allora – ha spiegato – ho capito che erano animati dalla Buona Notizia, non erano libri ma persone portatori di Gesù”. Don Gbeni ha ricordato come la voce della Chiesa nella Repubblica Centrafricana abbia denunciato tutte le violazioni perpetrate al popolo. Infine la testimonianza di una suora della Papua Nuova Guinea che ha spiegato come solo “il Vangelo fa la sua strada come la vita di fede sia la prima testimonianza del Vangelo, prima via di evangelizzazione”.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Papa Francesco: non viviamo una fede “da sacrestia”

Nei Vespri che aprono il Mese Missionario Straordinario, Papa Francesco esorta la Chiesa a non cercare “oasi protette” ma ad essere sempre “sale della terra e lievito per il mondo”.

  

- Advertisement -
Nei Vespri che aprono il Mese Missionario Straordinario, Papa Francesco esorta la Chiesa a non cercare “oasi protette” ma ad essere sempre “sale della terra e lievito per il mondo”. Invita ad offrire i propri talenti, a mettere in gioco la vita che non è “un peso” ma “un dono”, ad essere Chiesa “in uscita e missionaria”, martiri perché primi testimoni della fede

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

Splendono i colori del mondo nella Basilica di San Pietro. Un mondo che ha bisogno ancora dell’annuncio di Gesù, della speranza di Cristo, di credere a testimoni veri, pieni dell’amore di Dio, che hanno avuto il coraggio di scommettere su di Lui, fidandosi e lasciandosi portare negli angoli lontani della Terra. Sono suore, religiosi e anche due laici che, al termine dei Vespri, il Papa invia in missione, consegnando loro un crocifisso: l’ancora sicura alla quale aggrapparsi senza paura. Andranno in Brasile, in Sud Sudan, in Repubblica Democratica del Congo, in Kazakistan ma anche in Cambogia, a Taiwan, in Bangladesh e in Kirghizistan.

Attivi nel bene non notai della fede

Aprendo il Mese Missionario Straordinario sul tema: “Battezzati e inviati: la Chiesa di Cristo in missione nel mondo”, indetto all’Angelus del 22 ottobre 2017, Francesco, nella memoria di Santa Teresa di Lisieux, patrona delle missioni, chiede “audacia e creatività” per mettere a frutto i talenti che Dio ha donato ad ognuno di noi, beni da non lasciare in cassaforte, perché sono “una chiamata”.

Dio ci domanderà se ci saremo messi in gioco, rischiando, magari perdendoci la faccia. Questo Mese missionario straordinario vuole essere una scossa per provocarci a diventare attivi nel bene. Non notai della fede e guardiani della grazia, ma missionari.

Missionari, testimoni e martiri

Il Papa ricorda che, sperimentando l’amore di Dio, non si può restare indifferenti, muti, inattivi. Invita a chiedersi, in questo mese, come testimoniamo, quanto ci mettiamo in gioco.

- Advertisement -

Testimone è la parola-chiave, una parola che ha la stessa radice di senso di martire. E i martiri sono i primi testimoni della fede: non a parole, ma con la vita. Sanno che la fede non è propaganda o proselitismo, è dono di vita. Vivono diffondendo pace e gioia, amando tutti, anche i nemici per amore di Gesù.

Omissione contrario di missione

Non aver fatto il bene che si può fare significa peccare di omissione. Francesco lo spiega con una serie di esempi semplici, ricorda che chiudersi “in un triste vittimismo” è “contro la missione”; così come quando ci lamentiamo del mondo e della Chiesa, quando siamo “schiavi delle paure “, paralizzati dal “si è sempre fatto così”. “Pecchiamo contro la missione – dice il Papa – quando viviamo la vita come un peso e non come un dono; quando al centro ci siamo noi con le nostre fatiche, non i fratelli e le sorelle che attendono di essere amati”

Chi sta con Gesù sa che si ha quello che si dà, si possiede quello che si dona; e il segreto per possedere la vita è donarla. Vivere di omissioni è rinnegare la nostra vocazione: l’omissione è il contrario della missione.

Una Chiesa in uscita

Così la Chiesa è chiamata ad essere sempre in missione, a rinnovarsi, a guardare avanti nell’amore umile e gratuito. “Se non è in uscita – evidenzia il Papa – non è Chiesa”.

Una Chiesa in uscita, missionaria, è una Chiesa che non perde tempo a piangere le cose che non vanno, i fedeli che non ha più, i valori di un tempo che non ci sono più. Una Chiesa che non cerca oasi protette per stare tranquilla; desidera solo essere sale della terra e lievito per il mondo. Questa Chiesa sa che questa è la sua forza, la stessa di Gesù: non la rilevanza sociale o istituzionale, ma l’amore umile e gratuito.

Missionari luminosi

Francesco per l’ottobre missionario indica tre luminose figure, “tre servi che hanno portato molto frutto”. Santa Teresa di Gesù Bambino “che fece della preghiera il combustibile dell’azione missionaria nel mondo”; San Francesco Saverio, “uno dei  grandi missionari della Chiesa”, che chiede di uscire dal proprio guscio e infine la Venerabile Pauline Jaricot, pioniera delle Pontificie Opere Missionarie, che con il suo lavoro di operaia sosteneva le missioni.

E noi, facciamo di ogni giorno un dono per superare la frattura tra Vangelo e vita? Per favore, non viviamo una fede “da sacrestia”.

Il Signore chiama anche te

Nessuno è escluso dalla missione della Chiesa, dice Francesco, bisogna partire per andare dove mancano speranza e dignità, vivere con coraggio e con la certezza, rassicura il Papa, che lo Spirito Santo ha già preparato la strada per l’annuncio perché “troppa gente vive ancora senza la gioia del Vangelo”. “In questo mese il Signore chiama anche te”: dice Francesco regalando parole che profumano di preghiera.

“ Chiama te, padre e madre di famiglia; te, giovane che sogni grandi cose; te, che lavori in una fabbrica, in un negozio, in una banca, in un ristorante; te, che sei senza lavoro; te, che sei in un letto di ospedale… Il Signore ti chiede di farti dono lì dove sei, così come sei, con chi ti sta vicino; di non subire la vita, ma di donarla; di non piangerti addosso, ma di lasciarti scavare dalle lacrime di chi soffre. Coraggio, il Signore si aspetta tanto da te. ”

La veglia

Nella veglia, prima dei Vespri, alcuni religiosi hanno dato testimonianza della loro conversione e della loro missione. La catechista della Mongolia, Rufina ha raccontato come è diventata cattolica e ha parlato dello stupore di vedere nel suo Paese missionari a meno 40 gradi sottozero. “Solo allora – ha spiegato – ho capito che erano animati dalla Buona Notizia, non erano libri ma persone portatori di Gesù”. Don Gbeni ha ricordato come la voce della Chiesa nella Repubblica Centrafricana abbia denunciato tutte le violazioni perpetrate al popolo. Infine la testimonianza di una suora della Papua Nuova Guinea che ha spiegato come solo “il Vangelo fa la sua strada come la vita di fede sia la prima testimonianza del Vangelo, prima via di evangelizzazione”.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
280FansMi piace
915FollowerSegui
13,000FollowerSegui
622FollowerSegui
64IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

12 storie di ordinaria santità

Le lettere di Paolo

L’ateismo interroga la fede

Liturgia e secolarizzazione

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO