7.7 C
Roma
Gio, 3 Dicembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Papa Francesco nella Terra dei Fuochi il prossimo 24 maggio

Papa Francesco nella Terra dei Fuochi il prossimo 24 maggio

"Una grazia speciale" commenta il vescovo Antonio Di Donna

- Advertisement -

In occasione del quinto anniversario dell’Enciclica Laudato si’, Papa Francesco visiterà la Diocesi di Acerra domenica 24 maggio. “Una grazia speciale” commenta il vescovo Antonio Di Donna

A cinque anni dalla Lettera enciclica Laudato si’ sulla cura della casa comune Papa Francesco ne celebra l’anniversario raggiungendo la diocesi di Acerra il prossimo il 24 maggio 2020 proprio al centro di quei territori inquinati tra Napoli e Caserta. La notizia annunciata dalla diocesi è confermata dalla Sala stampa della Santa Sede.

“La presenza di Papa Francesco nelle nostre terre, e in particolare nella nostra diocesi di Acerra, è una grazia speciale”, dichiara il vescovo Antonio Di Donna, perché “il Papa viene ad ascoltare insieme ai vescovi, soprattutto delle diocesi più colpite dall’inquinamento, le sofferenze della nostra gente, e per ricordare le altre Terre dei fuochi d’Italia”. Sul sito della diocesi campana il presule definisce la visita un “evento storico”, “una iniezione di fiducia e di speranza per le famiglie, in modo speciale quelle dei bambini e dei ragazzi colpiti dalla malattia”. E di sicuro, aggiunge, “darà nuova linfa al cammino che le diocesi della Conferenza episcopale campana stanno già facendo per educare i cristiani, adulti e bambini, alla giustizia, alla pace e alla salvaguardia del creato” per il quale, il quinto anno della Laudato si’ ad Acerra, è anche una esortazione a “verificare lo stato di accoglienza di quel profetico documento”.

La visita del Papa è infine – conclude il presule – un forte appello alle Istituzioni, perché finalmente venga fatta verità nei nostri territori, e soprattutto venga garantito uno sviluppo vero alle nostre terre, che ponga al centro l’uomo, il suo sviluppo integrale, compatibile con la fondamentale e originaria vocazione agricola, archeologica e turistica.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Papa Francesco nella Terra dei Fuochi il prossimo 24 maggio

"Una grazia speciale" commenta il vescovo Antonio Di Donna

- Advertisement -

In occasione del quinto anniversario dell’Enciclica Laudato si’, Papa Francesco visiterà la Diocesi di Acerra domenica 24 maggio. “Una grazia speciale” commenta il vescovo Antonio Di Donna

A cinque anni dalla Lettera enciclica Laudato si’ sulla cura della casa comune Papa Francesco ne celebra l’anniversario raggiungendo la diocesi di Acerra il prossimo il 24 maggio 2020 proprio al centro di quei territori inquinati tra Napoli e Caserta. La notizia annunciata dalla diocesi è confermata dalla Sala stampa della Santa Sede.

“La presenza di Papa Francesco nelle nostre terre, e in particolare nella nostra diocesi di Acerra, è una grazia speciale”, dichiara il vescovo Antonio Di Donna, perché “il Papa viene ad ascoltare insieme ai vescovi, soprattutto delle diocesi più colpite dall’inquinamento, le sofferenze della nostra gente, e per ricordare le altre Terre dei fuochi d’Italia”. Sul sito della diocesi campana il presule definisce la visita un “evento storico”, “una iniezione di fiducia e di speranza per le famiglie, in modo speciale quelle dei bambini e dei ragazzi colpiti dalla malattia”. E di sicuro, aggiunge, “darà nuova linfa al cammino che le diocesi della Conferenza episcopale campana stanno già facendo per educare i cristiani, adulti e bambini, alla giustizia, alla pace e alla salvaguardia del creato” per il quale, il quinto anno della Laudato si’ ad Acerra, è anche una esortazione a “verificare lo stato di accoglienza di quel profetico documento”.

La visita del Papa è infine – conclude il presule – un forte appello alle Istituzioni, perché finalmente venga fatta verità nei nostri territori, e soprattutto venga garantito uno sviluppo vero alle nostre terre, che ponga al centro l’uomo, il suo sviluppo integrale, compatibile con la fondamentale e originaria vocazione agricola, archeologica e turistica.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
291FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
640FollowerSegui
140IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Libri consigliati

Morandini: Cambiare rotta

“Beati” nel nostro tempo

Accompagnare gli adulti nella fede

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x