25.7 C
Roma
Dom, 12 Luglio 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Papa Francesco: musica sacra crea ponti e avvicina al trascendente

Papa Francesco: musica sacra crea ponti e avvicina al trascendente

L’amore e la fedeltà per la Chiesa che si esprime in note, in armonia, in canto di lode.

- Advertisement -
Ricevendo l’Associazione Italiana Santa Cecilia, il Pontefice ricorda che fare musica nella Chiesa è un dono di Dio ma anche un modo per aiutare a far capire il messaggio cristiano a chi è lontano

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

L’amore e la fedeltà per la Chiesa che si esprime in note, in armonia, in canto di lode. Questo è lo spirito che da almeno 140 anni anima l’Associazione Italiana Santa Cecilia, in questi giorni riunita a Roma in occasione del Convegno nazionale delle Scholae Cantorum. Nell’udienza in Vaticano, Francesco incoraggia l’Associazione a continuare sulla strada intrapresa, servendo la Liturgia, facendosi “voce qualificata di spiritualità, di comunione, di tradizione e di cultura liturgica”. Il Papa sottolinea come la musica sacra sia “ponte” che avvicina e abbatte le barriere anche con chi non sentiamo vicini e ricorda che “chi canta prega due volte”.

Una musica santa e universale

Francesco sottolinea l’affetto e la stima dei Papi precedenti come san Pio X che con il “Motu Proprio Tra le sollecitudini” del 1903 diede disposizioni sulla musica sacra o come San Paolo VI che chiese maggiore integrazione con la liturgia, coltivando il sensus ecclesiae. Una particolare attenzione richiesta anche da Benedetto XVI.

Non una musica qualunque, ma una musica santa, perché santi sono i riti; dotata della nobiltà dell’arte, perché a Dio si deve dare il meglio; universale, perché tutti possano comprendere e celebrare. Soprattutto, ben distinta e diversa da quella usata per altri scopi.

Vicini al popolo di Dio

Esortando a camminare ancora sulla via intrapresa, il Papa ricorda che l’Associazione non deve essere “protagonista” né “proprietaria di nessuna musica” ma deve portare avanti l’amore e la fedeltà alla Chiesa, prendendo spunto dal canto gregoriano e promuovendo la presenza della schola cantorum in ogni comunità parrocchiale.

Il coro infatti guida l’assemblea e – con i suoi repertori specifici – è voce qualificata di spiritualità, di comunione, di tradizione e di cultura liturgica. Vi raccomando di aiutare a cantare tutto il popolo di Dio, con partecipazione consapevole e attiva alla Liturgia. Questo è importante: la vicinanza al popolo di Dio.

Privilegio e dono di Dio

Conoscendo i sacrifici che spesso compie chi dedica la propria vita alla musica, Francesco sottolinea come la dedizione rappresenti “una via di evangelizzazione a tutti i livelli dai bambini agli adulti”. “La Liturgia infatti è la prima maestra di catechismo”.

Cantare, suonare, comporre, dirigere, fare musica nella Chiesa sono tra le cose più belle a gloria di Dio. È un privilegio, un dono di Dio esprimere l’arte musicale e aiutare la partecipazione ai divini misteri. Una bella e buona musica è strumento privilegiato per l’avvicinamento al trascendente, e spesso aiuta a capire un messaggio anche chi è distratto.

La musica riduce le distanze

Nella musica si salda insieme la vita cristiana, evidenzia il Papa, perché in essa risuona il canto gregoriano, la polifonia, la musica popolare e contemporanea. Una sinfonia nella quale a cantare lode a Dio ci sono “tutte le generazioni passate e presenti, ognuna con la propria sensibilità”.

Non solo, ma la musica sacra – e la musica in genere – crea ponti, avvicina le persone, anche le più lontane; non conosce barriere di nazionalità, di etnia, di colore della pelle, ma coinvolge tutti in un linguaggio superiore, e riesce sempre a mettere in sintonia persone e gruppi di provenienze anche molto differenti. La musica sacra riduce le distanze anche con quei fratelli che a volte sentiamo non vicini.

Un lavoro intriso di bellezza, di passione, che allontana e disintossica dalla mediocrità per elevarsi verso l’alto, verso Dio unendo i cuori, spiega il Papa, “nella lode e nella tenerezza”.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Papa Francesco: musica sacra crea ponti e avvicina al trascendente

L’amore e la fedeltà per la Chiesa che si esprime in note, in armonia, in canto di lode.

  

- Advertisement -
Ricevendo l’Associazione Italiana Santa Cecilia, il Pontefice ricorda che fare musica nella Chiesa è un dono di Dio ma anche un modo per aiutare a far capire il messaggio cristiano a chi è lontano

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

L’amore e la fedeltà per la Chiesa che si esprime in note, in armonia, in canto di lode. Questo è lo spirito che da almeno 140 anni anima l’Associazione Italiana Santa Cecilia, in questi giorni riunita a Roma in occasione del Convegno nazionale delle Scholae Cantorum. Nell’udienza in Vaticano, Francesco incoraggia l’Associazione a continuare sulla strada intrapresa, servendo la Liturgia, facendosi “voce qualificata di spiritualità, di comunione, di tradizione e di cultura liturgica”. Il Papa sottolinea come la musica sacra sia “ponte” che avvicina e abbatte le barriere anche con chi non sentiamo vicini e ricorda che “chi canta prega due volte”.

Una musica santa e universale

Francesco sottolinea l’affetto e la stima dei Papi precedenti come san Pio X che con il “Motu Proprio Tra le sollecitudini” del 1903 diede disposizioni sulla musica sacra o come San Paolo VI che chiese maggiore integrazione con la liturgia, coltivando il sensus ecclesiae. Una particolare attenzione richiesta anche da Benedetto XVI.

Non una musica qualunque, ma una musica santa, perché santi sono i riti; dotata della nobiltà dell’arte, perché a Dio si deve dare il meglio; universale, perché tutti possano comprendere e celebrare. Soprattutto, ben distinta e diversa da quella usata per altri scopi.

Vicini al popolo di Dio

Esortando a camminare ancora sulla via intrapresa, il Papa ricorda che l’Associazione non deve essere “protagonista” né “proprietaria di nessuna musica” ma deve portare avanti l’amore e la fedeltà alla Chiesa, prendendo spunto dal canto gregoriano e promuovendo la presenza della schola cantorum in ogni comunità parrocchiale.

- Advertisement -

Il coro infatti guida l’assemblea e – con i suoi repertori specifici – è voce qualificata di spiritualità, di comunione, di tradizione e di cultura liturgica. Vi raccomando di aiutare a cantare tutto il popolo di Dio, con partecipazione consapevole e attiva alla Liturgia. Questo è importante: la vicinanza al popolo di Dio.

Privilegio e dono di Dio

Conoscendo i sacrifici che spesso compie chi dedica la propria vita alla musica, Francesco sottolinea come la dedizione rappresenti “una via di evangelizzazione a tutti i livelli dai bambini agli adulti”. “La Liturgia infatti è la prima maestra di catechismo”.

Cantare, suonare, comporre, dirigere, fare musica nella Chiesa sono tra le cose più belle a gloria di Dio. È un privilegio, un dono di Dio esprimere l’arte musicale e aiutare la partecipazione ai divini misteri. Una bella e buona musica è strumento privilegiato per l’avvicinamento al trascendente, e spesso aiuta a capire un messaggio anche chi è distratto.

La musica riduce le distanze

Nella musica si salda insieme la vita cristiana, evidenzia il Papa, perché in essa risuona il canto gregoriano, la polifonia, la musica popolare e contemporanea. Una sinfonia nella quale a cantare lode a Dio ci sono “tutte le generazioni passate e presenti, ognuna con la propria sensibilità”.

Non solo, ma la musica sacra – e la musica in genere – crea ponti, avvicina le persone, anche le più lontane; non conosce barriere di nazionalità, di etnia, di colore della pelle, ma coinvolge tutti in un linguaggio superiore, e riesce sempre a mettere in sintonia persone e gruppi di provenienze anche molto differenti. La musica sacra riduce le distanze anche con quei fratelli che a volte sentiamo non vicini.

Un lavoro intriso di bellezza, di passione, che allontana e disintossica dalla mediocrità per elevarsi verso l’alto, verso Dio unendo i cuori, spiega il Papa, “nella lode e nella tenerezza”.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
285FansMi piace
949FollowerSegui
13,000FollowerSegui
625FollowerSegui
99IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x
È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO