11.1 C
Rome
lunedì, 20 Maggio 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Papa Francesco. Memoria, speranza e pazienza: la strada per il futuro

Papa Francesco. Memoria, speranza e pazienza: la strada per il futuro

apa Francesco ha preso la parola per ringraziare l’abate Gianni che lo ha accompagnato, insieme alla Curia Romana, “nel capire che Dio si fa presente nell’umano”

- Advertisement -
Al termine degli Esercizi spirituali nella Casa Divin Maestro di Ariccia, Papa Francesco ha preso la parola per ringraziare l’abate Gianni che lo ha accompagnato, insieme alla Curia Romana, “nel capire che Dio si fa presente nell’umano”
 

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

“Voglio ringraziarti, fratello Bernardo, per il tuo aiuto in questi giorni”. Sono parole di gratitudine quelle che Papa Francesco usa per esprimere la sua riconoscenza all’abate di San Miniato al Monte di Firenze Bernardo Francesco Maria Gianni. Parole che arrivano al termine dell’ultima meditazione del benedettino, nella Casa Divin Maestro di Ariccia, che ha concluso così gli Esercizi spirituali per il Papa e la Curia Romana sul tema: “La città dagli ardenti desideri per sguardi e gesti pasquali nella vita del mondo”. (Ascolta qui il servizio con la voce del Papa)

Una strada segnata per il futuro

“Mi ha colpito – spiega Papa Francesco – il tuo lavoro per farci entrare, come ha fatto il Verbo, nell’umano; e capire che Dio sempre si fa presente nell’umano. Lo ha fatto la prima volta nell’incarnazione del Verbo, totale, ma Lui è presente anche nelle tracce che lascia nell’umano”. Il Pontefice esorta così a continuare sulla strada tracciata dalle meditazioni dell’abate:

E il lavoro nostro è forse andare avanti. Ti ringrazio tanto di questo lavoro. Ti ringrazio di averci parlato di memoria: questa dimensione deuteronomica che dimentichiamo; di averci parlato di speranza, di lavoro, di pazienza, come segnandoci la strada per avere quella memoria del futuro che ci porta sempre avanti.

Francesco confessa di aver pensato molto in questi giorni alla Gaudium et Spes, “il documento conciliare – afferma il Papa – che ha fatto più resistenze anche oggi”.

E in qualche momento io ti ho visto così: come con il coraggio dei Padre conciliari quando hanno firmato quel documento. Ti ringrazio tanto, prega per noi che siamo tutti peccatori – tutti, eh? – ma vogliamo andare avanti così servendo il Signore.

Nelle parole del Papa c’è spazio per i saluti ai monaci di San Miniato al Monte di Firenze ma pure per l’ironia, confessando un certo disorientamento nella lettura dei titoli delle meditazioni:  

E mi ha fatto ridere quando hai detto che qualcuno, leggendo i titoli delle meditazioni, forse non capiva cosa ha fatto la Curia: forse hanno affittato una guida turistica che li portasse a conoscere Firenze e i suoi poeti… E anch’io nella prima meditazione sono stato un po’ disorientato, poi ho capito il messaggio.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Papa Francesco. Memoria, speranza e pazienza: la strada per il futuro

apa Francesco ha preso la parola per ringraziare l’abate Gianni che lo ha accompagnato, insieme alla Curia Romana, “nel capire che Dio si fa presente nell’umano”

  

- Advertisement -
Al termine degli Esercizi spirituali nella Casa Divin Maestro di Ariccia, Papa Francesco ha preso la parola per ringraziare l’abate Gianni che lo ha accompagnato, insieme alla Curia Romana, “nel capire che Dio si fa presente nell’umano”
 

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

“Voglio ringraziarti, fratello Bernardo, per il tuo aiuto in questi giorni”. Sono parole di gratitudine quelle che Papa Francesco usa per esprimere la sua riconoscenza all’abate di San Miniato al Monte di Firenze Bernardo Francesco Maria Gianni. Parole che arrivano al termine dell’ultima meditazione del benedettino, nella Casa Divin Maestro di Ariccia, che ha concluso così gli Esercizi spirituali per il Papa e la Curia Romana sul tema: “La città dagli ardenti desideri per sguardi e gesti pasquali nella vita del mondo”. (Ascolta qui il servizio con la voce del Papa)

Una strada segnata per il futuro

“Mi ha colpito – spiega Papa Francesco – il tuo lavoro per farci entrare, come ha fatto il Verbo, nell’umano; e capire che Dio sempre si fa presente nell’umano. Lo ha fatto la prima volta nell’incarnazione del Verbo, totale, ma Lui è presente anche nelle tracce che lascia nell’umano”. Il Pontefice esorta così a continuare sulla strada tracciata dalle meditazioni dell’abate:

E il lavoro nostro è forse andare avanti. Ti ringrazio tanto di questo lavoro. Ti ringrazio di averci parlato di memoria: questa dimensione deuteronomica che dimentichiamo; di averci parlato di speranza, di lavoro, di pazienza, come segnandoci la strada per avere quella memoria del futuro che ci porta sempre avanti.

Francesco confessa di aver pensato molto in questi giorni alla Gaudium et Spes, “il documento conciliare – afferma il Papa – che ha fatto più resistenze anche oggi”.

- Advertisement -

E in qualche momento io ti ho visto così: come con il coraggio dei Padre conciliari quando hanno firmato quel documento. Ti ringrazio tanto, prega per noi che siamo tutti peccatori – tutti, eh? – ma vogliamo andare avanti così servendo il Signore.

Nelle parole del Papa c’è spazio per i saluti ai monaci di San Miniato al Monte di Firenze ma pure per l’ironia, confessando un certo disorientamento nella lettura dei titoli delle meditazioni:  

E mi ha fatto ridere quando hai detto che qualcuno, leggendo i titoli delle meditazioni, forse non capiva cosa ha fatto la Curia: forse hanno affittato una guida turistica che li portasse a conoscere Firenze e i suoi poeti… E anch’io nella prima meditazione sono stato un po’ disorientato, poi ho capito il messaggio.

- Advertisement -
Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
271FansMi piace
762FollowerSegui
13,000FollowerSegui
568FollowerSegui
55IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO