33.7 C
Roma
Mar, 27 Luglio 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiPapaPapa Francesco: «Maria esprime la ricchezza della Divina misericordia»

Papa Francesco: «Maria esprime la ricchezza della Divina misericordia»

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

“La preghiera del rosario è per molti aspetti la sintesi della storia della misericordia di Dio”. E “nella fede”, “nella abnegazione” e “nelle lacrime”, “in ognuno di questi momenti, Maria esprime la ricchezza della Divina misericordia, che va incontro alle necessità quotidiane”. Lo ha detto Papa Francesco ai partecipanti alla veglia di preghiera in piazza San Pietro per il Giubileo mariano, che si celebra a Roma da venerdì a domenica.

Papa Francesco è arrivato con quasi un quarto d’ora d’anticipo sul previsto, alle 17.15 circa, in piazza San Pietro. Ad accoglierlo festosamente 94 delegazioni mariane, con statue e icone, provenienti da51 santuari sparsi in tutto il mondo, in rappresentanza di almeno 40 nazioni, tra cui Germania, Francia, Belgio, Spagna, Ungheria, Argentina, Brasile, Costa Rica, Filippine, Venezuela, Vietnam. L’Italia è rappresentata da circa 20 santuari.

papaG.JPG

Questo colorato mosaico di Paesi ha sfilato in processione che è partita alle ore 16.30, dopo aver effettuato in mattinata il pellegrinaggio alla Porta Santa. Dopo la Veglia di stasera. Il Giubileo mariano si concluderàdomenica mattina con la Messa presieduta da Papa Francesco in piazza San Pietro alle 10.30.

papa.jpgFrancesco, all’arrivo, è stato salutato da monsignor Rino Fisichella, presidente del Pontificio consiglio per la nuova evangelizzazione. Poi è seguita la intronizzazione della icona “Maria salus populi romani”, cara ai romani e anche al papa latinoamericano. Icona del primo millennio cristiano, è custodita a Santa Maria Maggiore, dove Bergoglio si recava a pregare da gesuita e dove va prima e dopo ogni viaggio a pregare per la riuscita del pellegrinaggio e ringraziare per i risultati.

- Advertisement -

papamaria.jpg

Dopo il bacio del Papa alla icona, è cominciata la recita del rosario, per tutta la durata della quale papa Francesco è stato seduto di fronte alla icona Salus populi romani.

procpapa.jpg
“Nella sua fede, – ha spiegato papa Francesco a proposito della Madonna – vediamo come aprire la porta del nostro cuore per obbedire a Dio; nella sua abnegazione, scopriamo quanto dobbiamo essere attenti alle necessità degli altri; nelle sue lacrime, troviamo la forza per consolare quanti sono nel dolore. In ognuno di questi momenti, Maria esprime la ricchezza della divina misericordia, che va incontro ad ognuno nelle necessità quotidiane”.

proa.jpg
Sono state recitate le litanie lauretane, che anziché i vari santi, invocano la Madonna nei suoi diversi appellativi. Prima di impartire la benedizione, papa Francesco ha invitato a pregare con la più antica preghiera che i cristiani hanno dedicato alla Madonna: “Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio, Santa Madre di Dio: non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova, e liberaci da ogni pericolo, o Vergine gloriosa e benedetta”.

prob.jpg
Prima di lasciare il sagrato, papa Bergoglio ha salutato alcuni presenti, tra cui l’arcivescovo maronita di Aleppo, che prima del suo arrivo aveva raccontato la tremenda esperienza della città siriana sotto le bombe, e ricordato anche la preghiera dei bambini per la pace, che due giorni fa circa duecento bimbi hanno fatto proprio ad Aleppo.

papamaria2.jpg

Il giubileo è cominciato venerdì, festa della Vergine del Rosario, con la messa a Santa Maria Maggiore e poi la recita del rosario nella basilica di San Pietro. Si conclude domenica con la Messa in piazza San Pietro.

- Advertisement -
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Papa Francesco: «Maria esprime la ricchezza della Divina misericordia»

- Advertisement -

“La preghiera del rosario è per molti aspetti la sintesi della storia della misericordia di Dio”. E “nella fede”, “nella abnegazione” e “nelle lacrime”, “in ognuno di questi momenti, Maria esprime la ricchezza della Divina misericordia, che va incontro alle necessità quotidiane”. Lo ha detto Papa Francesco ai partecipanti alla veglia di preghiera in piazza San Pietro per il Giubileo mariano, che si celebra a Roma da venerdì a domenica.

Papa Francesco è arrivato con quasi un quarto d’ora d’anticipo sul previsto, alle 17.15 circa, in piazza San Pietro. Ad accoglierlo festosamente 94 delegazioni mariane, con statue e icone, provenienti da51 santuari sparsi in tutto il mondo, in rappresentanza di almeno 40 nazioni, tra cui Germania, Francia, Belgio, Spagna, Ungheria, Argentina, Brasile, Costa Rica, Filippine, Venezuela, Vietnam. L’Italia è rappresentata da circa 20 santuari.

papaG.JPG

Questo colorato mosaico di Paesi ha sfilato in processione che è partita alle ore 16.30, dopo aver effettuato in mattinata il pellegrinaggio alla Porta Santa. Dopo la Veglia di stasera. Il Giubileo mariano si concluderàdomenica mattina con la Messa presieduta da Papa Francesco in piazza San Pietro alle 10.30.

papa.jpgFrancesco, all’arrivo, è stato salutato da monsignor Rino Fisichella, presidente del Pontificio consiglio per la nuova evangelizzazione. Poi è seguita la intronizzazione della icona “Maria salus populi romani”, cara ai romani e anche al papa latinoamericano. Icona del primo millennio cristiano, è custodita a Santa Maria Maggiore, dove Bergoglio si recava a pregare da gesuita e dove va prima e dopo ogni viaggio a pregare per la riuscita del pellegrinaggio e ringraziare per i risultati.

- Advertisement -

papamaria.jpg

Dopo il bacio del Papa alla icona, è cominciata la recita del rosario, per tutta la durata della quale papa Francesco è stato seduto di fronte alla icona Salus populi romani.

procpapa.jpg
“Nella sua fede, – ha spiegato papa Francesco a proposito della Madonna – vediamo come aprire la porta del nostro cuore per obbedire a Dio; nella sua abnegazione, scopriamo quanto dobbiamo essere attenti alle necessità degli altri; nelle sue lacrime, troviamo la forza per consolare quanti sono nel dolore. In ognuno di questi momenti, Maria esprime la ricchezza della divina misericordia, che va incontro ad ognuno nelle necessità quotidiane”.

proa.jpg
Sono state recitate le litanie lauretane, che anziché i vari santi, invocano la Madonna nei suoi diversi appellativi. Prima di impartire la benedizione, papa Francesco ha invitato a pregare con la più antica preghiera che i cristiani hanno dedicato alla Madonna: “Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio, Santa Madre di Dio: non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova, e liberaci da ogni pericolo, o Vergine gloriosa e benedetta”.

prob.jpg
Prima di lasciare il sagrato, papa Bergoglio ha salutato alcuni presenti, tra cui l’arcivescovo maronita di Aleppo, che prima del suo arrivo aveva raccontato la tremenda esperienza della città siriana sotto le bombe, e ricordato anche la preghiera dei bambini per la pace, che due giorni fa circa duecento bimbi hanno fatto proprio ad Aleppo.

- Advertisement -

papamaria2.jpg

Il giubileo è cominciato venerdì, festa della Vergine del Rosario, con la messa a Santa Maria Maggiore e poi la recita del rosario nella basilica di San Pietro. Si conclude domenica con la Messa in piazza San Pietro.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
648FollowerSegui
312IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Liturgia e secolarizzazione

Marconi: L’infanzia di Maria

Salire a Gerusalemme

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x