6.9 C
Roma
Ven, 15 Gennaio 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Ecumenismo Papa Francesco: “La mitezza ci avvicina a Gesù e ci fa essere...

Papa Francesco: “La mitezza ci avvicina a Gesù e ci fa essere uniti tra di noi”

- Advertisement -

La messa di Francesco a Malmö: «Le Beatitudini sono la carta di identità del cristiano»

Le Beatitudini «sono in qualche modo la carta d’identità del cristiano». Lo ha detto Papa Francesco nell’omelia della messa celebrata allo Swedbank Stadion di Malmö, nell’ultimo atto della sua visita-lampo in Svezia. Nella struttura a cielo aperto si sono radunati cattolici arrivati dalla vicina Danimarca. I presenti sono più di diecimila. Prima della messa il Papa ha salutato personalmente alcuni malati. Ci sono immigrati di origine filippina e latinoamericana.

Nel giorno della festa di tutti i santi, Bergoglio spiega che proprio le beatitudini evangeliche identificano chi segue Gesù. «Siamo chiamati ad essere beati, seguaci di Gesù, affrontando i dolori e le angosce del nostro tempo con lo spirito e l’amore di Gesù. In tal senso, potremmo indicare nuove situazioni per viverle con spirito rinnovato e sempre attuale: beati coloro che sopportano con fede i mali che altri infliggono loro e perdonano di cuore; beati coloro che guardano negli occhi gli scartati e gli emarginati mostrando loro vicinanza; beati coloro che riconoscono Dio in ogni persona e lottano perché anche altri lo scoprano; beati coloro che proteggono e curano la casa comune; beati coloro che rinunciano al proprio benessere per il bene degli altri; beati coloro che pregano e lavorano per la piena comunione dei cristiani… Tutti costoro sono portatori della misericordia e della tenerezza di Dio, e certamente riceveranno da Lui la ricompensa meritata».

Francesco ha spiegato che a volte la santità «non si manifesta in grandi opere o in successi straordinari, ma sa vivere fedelmente e quotidianamente le esigenze del battesimo. Una santità fatta di amore per Dio e per i fratelli. Amore fedele fino a dimenticarsi di sé stesso e a darsi totalmente agli altri, come la vita di quelle madri e quei padri che si sacrificano per le loro famiglie sapendo rinunciare volentieri, benché non sia sempre facile, a tante cose, a tanti progetti o programmi personali».

Se c’è qualcosa che caratterizza i santi, ha aggiunto il Pontefice, «è che sono veramente felici. Hanno scoperto il segreto della felicità autentica, che dimora in fondo all’anima ed ha la sua sorgente nell’amore di Dio. Perciò i santi sono chiamati beati».

Il Papa ha sottolineato in particolare una delle beatitudini: «Beati i miti». «Gesù dice di sé stesso: “Imparate da me, che sono mite e umile di cuore”. Questo è il suo ritratto spirituale e ci svela la ricchezza del suo amore. La mitezza è un modo di essere e di vivere che ci avvicina a Gesù e ci fa essere uniti tra di noi; fa sì che lasciamo da parte tutto ciò che ci divide e ci oppone, e che cerchiamo modi sempre nuovi per progredire sulla via dell’unità».

La messa di questo martedì 1° novembre non era prevista inizialmente: il programma della visita papale prevedeva un solo giorno, per la commemorazione dei cinquecento anni della Riforma. Nell’intervista su questi temi realizzata da padre Ulf Jonsson, direttore della rivista dei gesuiti svedesi “Signum”, rispondendo a una domanda su come vede il ruolo dei cattolici nella cultura svedese, Francesco ha detto: «Vedo una sana convivenza, dove ognuno può vivere la propria fede ed esprimere la propria testimonianza vivendo uno spirito aperto ed ecumenico. Non si può essere cattolici e settari. Bisogna tendere a stare insieme agli altri. “Cattolico” e “settario” sono due parole in contraddizione. Per questo all’inizio non prevedevo di celebrare una messa per i cattolici in questo viaggio: volevo insistere su una testimonianza ecumenica. Poi ho riflettuto bene sul mio ruolo di pastore di un gregge cattolico che arriverà anche da altri Paesi vicini, come la Norvegia e la Danimarca. Allora, rispondendo alla fervida richiesta della comunità cattolica, ho deciso di celebrare una messa, allungando il viaggio di un giorno».

«Infatti volevo che la messa – ha concluso – fosse celebrata non nello stesso giorno e non nello stesso luogo dell’incontro ecumenico per evitare di confondere i piani.L’incontro ecumenico va preservato nel suo significato profondo secondo uno spirito di unità, che è il mio. Questo ha creato problemi organizzativi, lo so, perché sarò in Svezia anche nel giorno dei santi, che qui a Roma è importante. Ma pur di evitare fraintendimenti, ho voluto che fosse così».

LEGGI ANCHE – Caritas e Federazione Luterana: “Lavoriamo insieme”

LEGGI ANCHE – “Per noi cristiani è una priorità andare incontro agli emarginati”

LEGGI ANCHE – “Esortiamo luterani e cattolici ad accogliere insieme lo straniero”

LEGGI ANCHE – “Abbiamo la possibilità di riparare, superando i malintesi”

LEGGI ANCHE – “È un viaggio importante per l’ecumenismo”

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Papa Francesco: “La mitezza ci avvicina a Gesù e ci fa essere uniti tra di noi”

- Advertisement -

La messa di Francesco a Malmö: «Le Beatitudini sono la carta di identità del cristiano»

Le Beatitudini «sono in qualche modo la carta d’identità del cristiano». Lo ha detto Papa Francesco nell’omelia della messa celebrata allo Swedbank Stadion di Malmö, nell’ultimo atto della sua visita-lampo in Svezia. Nella struttura a cielo aperto si sono radunati cattolici arrivati dalla vicina Danimarca. I presenti sono più di diecimila. Prima della messa il Papa ha salutato personalmente alcuni malati. Ci sono immigrati di origine filippina e latinoamericana.

Nel giorno della festa di tutti i santi, Bergoglio spiega che proprio le beatitudini evangeliche identificano chi segue Gesù. «Siamo chiamati ad essere beati, seguaci di Gesù, affrontando i dolori e le angosce del nostro tempo con lo spirito e l’amore di Gesù. In tal senso, potremmo indicare nuove situazioni per viverle con spirito rinnovato e sempre attuale: beati coloro che sopportano con fede i mali che altri infliggono loro e perdonano di cuore; beati coloro che guardano negli occhi gli scartati e gli emarginati mostrando loro vicinanza; beati coloro che riconoscono Dio in ogni persona e lottano perché anche altri lo scoprano; beati coloro che proteggono e curano la casa comune; beati coloro che rinunciano al proprio benessere per il bene degli altri; beati coloro che pregano e lavorano per la piena comunione dei cristiani… Tutti costoro sono portatori della misericordia e della tenerezza di Dio, e certamente riceveranno da Lui la ricompensa meritata».

Francesco ha spiegato che a volte la santità «non si manifesta in grandi opere o in successi straordinari, ma sa vivere fedelmente e quotidianamente le esigenze del battesimo. Una santità fatta di amore per Dio e per i fratelli. Amore fedele fino a dimenticarsi di sé stesso e a darsi totalmente agli altri, come la vita di quelle madri e quei padri che si sacrificano per le loro famiglie sapendo rinunciare volentieri, benché non sia sempre facile, a tante cose, a tanti progetti o programmi personali».

Se c’è qualcosa che caratterizza i santi, ha aggiunto il Pontefice, «è che sono veramente felici. Hanno scoperto il segreto della felicità autentica, che dimora in fondo all’anima ed ha la sua sorgente nell’amore di Dio. Perciò i santi sono chiamati beati».

- Advertisement -

Il Papa ha sottolineato in particolare una delle beatitudini: «Beati i miti». «Gesù dice di sé stesso: “Imparate da me, che sono mite e umile di cuore”. Questo è il suo ritratto spirituale e ci svela la ricchezza del suo amore. La mitezza è un modo di essere e di vivere che ci avvicina a Gesù e ci fa essere uniti tra di noi; fa sì che lasciamo da parte tutto ciò che ci divide e ci oppone, e che cerchiamo modi sempre nuovi per progredire sulla via dell’unità».

La messa di questo martedì 1° novembre non era prevista inizialmente: il programma della visita papale prevedeva un solo giorno, per la commemorazione dei cinquecento anni della Riforma. Nell’intervista su questi temi realizzata da padre Ulf Jonsson, direttore della rivista dei gesuiti svedesi “Signum”, rispondendo a una domanda su come vede il ruolo dei cattolici nella cultura svedese, Francesco ha detto: «Vedo una sana convivenza, dove ognuno può vivere la propria fede ed esprimere la propria testimonianza vivendo uno spirito aperto ed ecumenico. Non si può essere cattolici e settari. Bisogna tendere a stare insieme agli altri. “Cattolico” e “settario” sono due parole in contraddizione. Per questo all’inizio non prevedevo di celebrare una messa per i cattolici in questo viaggio: volevo insistere su una testimonianza ecumenica. Poi ho riflettuto bene sul mio ruolo di pastore di un gregge cattolico che arriverà anche da altri Paesi vicini, come la Norvegia e la Danimarca. Allora, rispondendo alla fervida richiesta della comunità cattolica, ho deciso di celebrare una messa, allungando il viaggio di un giorno».

«Infatti volevo che la messa – ha concluso – fosse celebrata non nello stesso giorno e non nello stesso luogo dell’incontro ecumenico per evitare di confondere i piani.L’incontro ecumenico va preservato nel suo significato profondo secondo uno spirito di unità, che è il mio. Questo ha creato problemi organizzativi, lo so, perché sarò in Svezia anche nel giorno dei santi, che qui a Roma è importante. Ma pur di evitare fraintendimenti, ho voluto che fosse così».

LEGGI ANCHE – Caritas e Federazione Luterana: “Lavoriamo insieme”

LEGGI ANCHE – “Per noi cristiani è una priorità andare incontro agli emarginati”

LEGGI ANCHE – “Esortiamo luterani e cattolici ad accogliere insieme lo straniero”

LEGGI ANCHE – “Abbiamo la possibilità di riparare, superando i malintesi”

LEGGI ANCHE – “È un viaggio importante per l’ecumenismo”

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
168IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x