20.3 C
Rome
venerdì, 20 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Papa Francesco: «Esiste un prima e un dopo Cristo. Chi accetta la...

Papa Francesco: «Esiste un prima e un dopo Cristo. Chi accetta la fede, poi deve viverla».

- Advertisement -

papa_francesco_fa_ok

Papa Francesco, nella Messa di questa mattina alla Casa Santa Marta, ha preso spunto dal passaggio della lettera di san Paolo ai romani in cui si parla del mistero della nostra redenzione. L’apostolo, ha sottolineato il Pontefice, ci parla di un “prima” e di un “dopo” l’incontro con Gesù. «Siamo stati ri-fatti in Cristo!», ha detto. «Quello che ha fatto Cristo in noi è una ri-creazione: il sangue di Cristo ci ha ri-creato. Se prima tutta la nostra vita, il nostro corpo, la nostra anima, le nostre abitudini erano sulla strada del peccato, dell’iniquità, dopo questa ri-creazione dobbiamo fare lo sforzo di camminare sulla strada della giustizia, della santificazione. Utilizzate questa parola: la santità».
LA SANTIFICAZIONE. La fede, ha aggiunto il Santo Padre in Gesù Cristo, «dobbiamo portarla avanti col nostro modo di vivere. Vivere da cristiano è portare avanti questa fede in Cristo, questa ri-creazione». Con le «opere per la santificazione». Tante volte, ha spiegato papa Francesco, «siamo deboli, facciamo peccati, imperfezioni… E questo è sulla strada della santificazione? Sì e no! Se tu ti abitui: “Ho una vita un po’ così, ma io credo in Gesù Cristo, ma vivo come voglio…”, eh no, quello non ti santifica; quello non va! È un controsenso! Ma se tu dici: “Io, sì, sono peccatore; io sono debole” e vai sempre dal Signore e gli dici: “Signore, tu hai la forza, dammi la fede! Tu puoi guarirmi!”. E nel Sacramento della riconciliazione ti fai guarire, sì anche le nostre imperfezioni servono a questa strada di santificazione. Ma sempre questo è: prima e dopo».
LE OPERE DI RI-CREAZIONE. Per prendere sul serio questa strada di santificazione, ha detto il Pontefice, bisogna fare le «opere di giustizia, opere di ri-creazione». Opere «semplici»: «Adorare Dio: Dio è il primo sempre! E poi fare ciò che Gesù ci consiglia: aiutare gli altri». Queste «sono le opere che Gesù ha fatto nella sua vita». Al contrario, «se accettiamo la fede e poi non la viviamo, siamo cristiani soltanto a memoria». «Senza questa coscienza del prima e del dopo della quale ci parla Paolo – ha insistito papa Francesco – il nostro cristianesimo non serve a nessuno! E più: va sulla strada dell’ipocrisia. “Mi dico cristiano, ma vivo come pagano!”». Se non portano avanti la santificazione attraverso il sangue di Cristo, i cristiani sono «cristiani tiepidi. Un po’ come dicevano le nostre mamme: “Cristiano all’acqua di rosa”, no! Un po’ così… Un po’ di vernice di cristiano, un po’ di vernice di catechesi… Ma dentro non c’è una vera conversione».
TUTTO IL RESTO È SPAZZATURA. La vera «passione di un cristiano» invece, ha concluso il Santo Padre, è «questa convinzione di Paolo: “Tutto ho lasciato perdere e considero spazzatura, per guadagnare Cristo e essere trovato in Lui”». I cristiani per papa Francesco devono «lasciare perdere tutto quello che ci allontana da Gesù Cristo» e «fare tutto nuovo: tutto è novità in Cristo!». «Chiediamo a san Paolo che ci dia la grazia di vivere come cristiani sul serio, di credere davvero che siamo stati santificati per il sangue di Gesù Cristo».

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Papa Francesco: «Esiste un prima e un dopo Cristo. Chi accetta la fede, poi deve viverla».

  

- Advertisement -

papa_francesco_fa_ok

Papa Francesco, nella Messa di questa mattina alla Casa Santa Marta, ha preso spunto dal passaggio della lettera di san Paolo ai romani in cui si parla del mistero della nostra redenzione. L’apostolo, ha sottolineato il Pontefice, ci parla di un “prima” e di un “dopo” l’incontro con Gesù. «Siamo stati ri-fatti in Cristo!», ha detto. «Quello che ha fatto Cristo in noi è una ri-creazione: il sangue di Cristo ci ha ri-creato. Se prima tutta la nostra vita, il nostro corpo, la nostra anima, le nostre abitudini erano sulla strada del peccato, dell’iniquità, dopo questa ri-creazione dobbiamo fare lo sforzo di camminare sulla strada della giustizia, della santificazione. Utilizzate questa parola: la santità».
LA SANTIFICAZIONE. La fede, ha aggiunto il Santo Padre in Gesù Cristo, «dobbiamo portarla avanti col nostro modo di vivere. Vivere da cristiano è portare avanti questa fede in Cristo, questa ri-creazione». Con le «opere per la santificazione». Tante volte, ha spiegato papa Francesco, «siamo deboli, facciamo peccati, imperfezioni… E questo è sulla strada della santificazione? Sì e no! Se tu ti abitui: “Ho una vita un po’ così, ma io credo in Gesù Cristo, ma vivo come voglio…”, eh no, quello non ti santifica; quello non va! È un controsenso! Ma se tu dici: “Io, sì, sono peccatore; io sono debole” e vai sempre dal Signore e gli dici: “Signore, tu hai la forza, dammi la fede! Tu puoi guarirmi!”. E nel Sacramento della riconciliazione ti fai guarire, sì anche le nostre imperfezioni servono a questa strada di santificazione. Ma sempre questo è: prima e dopo».
LE OPERE DI RI-CREAZIONE. Per prendere sul serio questa strada di santificazione, ha detto il Pontefice, bisogna fare le «opere di giustizia, opere di ri-creazione». Opere «semplici»: «Adorare Dio: Dio è il primo sempre! E poi fare ciò che Gesù ci consiglia: aiutare gli altri». Queste «sono le opere che Gesù ha fatto nella sua vita». Al contrario, «se accettiamo la fede e poi non la viviamo, siamo cristiani soltanto a memoria». «Senza questa coscienza del prima e del dopo della quale ci parla Paolo – ha insistito papa Francesco – il nostro cristianesimo non serve a nessuno! E più: va sulla strada dell’ipocrisia. “Mi dico cristiano, ma vivo come pagano!”». Se non portano avanti la santificazione attraverso il sangue di Cristo, i cristiani sono «cristiani tiepidi. Un po’ come dicevano le nostre mamme: “Cristiano all’acqua di rosa”, no! Un po’ così… Un po’ di vernice di cristiano, un po’ di vernice di catechesi… Ma dentro non c’è una vera conversione».
TUTTO IL RESTO È SPAZZATURA. La vera «passione di un cristiano» invece, ha concluso il Santo Padre, è «questa convinzione di Paolo: “Tutto ho lasciato perdere e considero spazzatura, per guadagnare Cristo e essere trovato in Lui”». I cristiani per papa Francesco devono «lasciare perdere tutto quello che ci allontana da Gesù Cristo» e «fare tutto nuovo: tutto è novità in Cristo!». «Chiediamo a san Paolo che ci dia la grazia di vivere come cristiani sul serio, di credere davvero che siamo stati santificati per il sangue di Gesù Cristo».

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO