22.8 C
Rome
giovedì, 27 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Famiglia e Vita di Coppia Papa Francesco: Chiesa, famiglia, società, mai rinunciare all'incontro

Papa Francesco: Chiesa, famiglia, società, mai rinunciare all’incontro

- Advertisement -

Di Massimiliano Menichetti

“Non esiste una vita cristiana fatta a tavolino, scientificamente costruita, dove basta adempiere qualche dettame per acquietarsi la coscienza”. Così Francesco pronunciando l’ omelia davanti a migliaia di persone nello Stadio Dall’Ara, dove, questo pomeriggio a conclusione del suo viaggio a Cesena e Bologna, ha presieduto la Santa Messa.

 

Partendo dal Vangelo odierno, citando la parabola dei due figli, “che alla richiesta del padre di andare nella sua vigna rispondono: il primo no, ma poi va; il secondo sì, ma poi non va”, ha messo in evidenza l’ipocrisia dell’uomo che seppellisce “la voce del padre”, ma anche che “la Parola di Dio fa ardere il cuore, perché ci fa sentire amati e consolati”.

Due i percorsi per il Papa: essere “peccatori in cammino”, restare in ascolto del Signore, poter cadere ma pentirsi e rialzarsi, oppure essere “peccatori seduti”, pronti a giustificarsi sempre e solo a parole secondo quello che conviene.

Francesco ha sottolineato che “la vita cristiana è un cammino umile di una coscienza” che non è “mai rigida” ed è sempre in rapporto con Dio. Una coscienza che “sa pentirsi e affidarsi a Lui nelle sue povertà, senza mai presumere di bastare a sé stessa”.

“Pentirsi” è la parola chiave per non cadere “nell’ipocrisia, la doppiezza di vita, il clericalismo che si accompagna al legalismo, il distacco dalla gente”.

Nel cammino di ciascuno, ha proseguito, ci sono due strade: “essere peccatori pentiti o peccatori ipocriti”. Per il Papa però quel che conta “non sono i ragionamenti che giustificano e tentano di salvare le apparenze, ma un cuore che avanza col Signore, lotta ogni giorno, si pente e ritorna a Lui. Perché il Signore cerca puri di cuore, non puri “di fuori”.

Il Papa ha guardato anche al rapporto tra padri e figli ed in un contesto di rapidi cambiamenti ha esortato al dialogo, ha parlato dei conflitti che possono esserci tra generazioni come di uno stimolo “per cercare nuovi equilibri”.

Ha esortato a non rinunciare mai all’incontro, a cercare vie nuove per camminare insieme e questo in famiglia, nella Chiesa e nella società.

Infine ha parlato delle tre “P”, “tre punti di riferimento”, tre “alimenti-base” per vivere: Parola, Pane e poveri. La Parola come “bussola per camminare umili, per non perdere la strada di Dio e cadere nella mondanità”, il Pane eucaristico, perché “dall’Eucaristia tutto comincia” e infine la “P” dei poveri, coloro ai quali manca il necessario e coloro, ma anche chi è povero di affetto, le persone sole, i poveri di Dio. “In tutti loro – ha sottolineato – troviamo Gesù” e sostegno per “il nostro cammino”.

 

(Video con commento di Radio Vaticana Italia)

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Papa Francesco: Chiesa, famiglia, società, mai rinunciare all’incontro

  

- Advertisement -

Di Massimiliano Menichetti

“Non esiste una vita cristiana fatta a tavolino, scientificamente costruita, dove basta adempiere qualche dettame per acquietarsi la coscienza”. Così Francesco pronunciando l’ omelia davanti a migliaia di persone nello Stadio Dall’Ara, dove, questo pomeriggio a conclusione del suo viaggio a Cesena e Bologna, ha presieduto la Santa Messa.

 

Partendo dal Vangelo odierno, citando la parabola dei due figli, “che alla richiesta del padre di andare nella sua vigna rispondono: il primo no, ma poi va; il secondo sì, ma poi non va”, ha messo in evidenza l’ipocrisia dell’uomo che seppellisce “la voce del padre”, ma anche che “la Parola di Dio fa ardere il cuore, perché ci fa sentire amati e consolati”.

- Advertisement -

Due i percorsi per il Papa: essere “peccatori in cammino”, restare in ascolto del Signore, poter cadere ma pentirsi e rialzarsi, oppure essere “peccatori seduti”, pronti a giustificarsi sempre e solo a parole secondo quello che conviene.

Francesco ha sottolineato che “la vita cristiana è un cammino umile di una coscienza” che non è “mai rigida” ed è sempre in rapporto con Dio. Una coscienza che “sa pentirsi e affidarsi a Lui nelle sue povertà, senza mai presumere di bastare a sé stessa”.

“Pentirsi” è la parola chiave per non cadere “nell’ipocrisia, la doppiezza di vita, il clericalismo che si accompagna al legalismo, il distacco dalla gente”.

Nel cammino di ciascuno, ha proseguito, ci sono due strade: “essere peccatori pentiti o peccatori ipocriti”. Per il Papa però quel che conta “non sono i ragionamenti che giustificano e tentano di salvare le apparenze, ma un cuore che avanza col Signore, lotta ogni giorno, si pente e ritorna a Lui. Perché il Signore cerca puri di cuore, non puri “di fuori”.

Il Papa ha guardato anche al rapporto tra padri e figli ed in un contesto di rapidi cambiamenti ha esortato al dialogo, ha parlato dei conflitti che possono esserci tra generazioni come di uno stimolo “per cercare nuovi equilibri”.

Ha esortato a non rinunciare mai all’incontro, a cercare vie nuove per camminare insieme e questo in famiglia, nella Chiesa e nella società.

Infine ha parlato delle tre “P”, “tre punti di riferimento”, tre “alimenti-base” per vivere: Parola, Pane e poveri. La Parola come “bussola per camminare umili, per non perdere la strada di Dio e cadere nella mondanità”, il Pane eucaristico, perché “dall’Eucaristia tutto comincia” e infine la “P” dei poveri, coloro ai quali manca il necessario e coloro, ma anche chi è povero di affetto, le persone sole, i poveri di Dio. “In tutti loro – ha sottolineato – troviamo Gesù” e sostegno per “il nostro cammino”.

 

(Video con commento di Radio Vaticana Italia)

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato di SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
273FansMi piace
803FollowerSegui
13,000FollowerSegui
582FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

La teologia di papa Francesco

Libri consigliati – Aprile 2019

Desiderio e sequela

Il Vangelo di Marco

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO