11.1 C
Rome
lunedì, 20 Maggio 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Papa Francesco: ai giovani non serve mediocrità ma sana inquietudine

Papa Francesco: ai giovani non serve mediocrità ma sana inquietudine

Nuovo ciclo di catechesi sui comandamenti

- Advertisement -

I giovani siano affamati di vita autentica e gli adulti diano l’esempio e non abbiano il cuore rimpicciolito. Così Papa Francesco che stamani ha iniziato un nuovo ciclo di catechesi dedicato ai comandamenti

Sono i Comandamenti il cuore del nuovo itinerario di catechesi di Papa Francesco all’udienza generale, che prende il via oggi. Mercoledì scorso si è, quindi, concluso, il ciclo di riflessioni sui sacramenti. Il punto di partenza è la domanda del giovane ricco, che chiede a Gesù come ereditare la vita eterna, quella domanda di “vita piena, infinita” che è dentro ogni uomo. Alcuni per arrivarvi si distruggono andando dietro a “cose effimere”. Altri pensano che sia meglio spegnere questo impulso perché pericoloso.

Il peggior nemico è la pusillanimità

Ma – nota il Papa rivolgendosi specialmente ai giovani – “il nostro peggior nemico non sono i problemi concreti, per quanto seri e drammatici: il pericolo più grande della vita è un cattivo spirito di adattamento che non è mitezza o umiltà, ma mediocrità, pusillanimità”. Francesco esorta, quindi, con forza i giovani a non essere mediocri perché un giovane mediocre è senza futuro, “non cresce, non avrà successo”:

Mitezza, forza e niente, niente pusillanimità, niente mediocrità. Il Beato Pier Giorgio Frassati – che era un giovane – diceva che bisogna vivere, non vivacchiare. I mediocri vivacchiano.  Vivere con la forza della vita. Bisogna chiedere al Padre celeste per i giovani di oggi il dono della sana inquietudine.

Tanto è vero che quando un giovane sta seduto tutto il giorno i genitori pensano che sia malato e lo portano dal medico. I giovani, invece, devono essere affamati di vita autentica, non accontentarsi di una vita senza bellezza perché – si chiede il Papa – “dove andrà l’umanità con giovani quieti, non inquieti”.

Accettare i propri limiti: passaggio da giovinezza a maturità

Francesco sottolinea poi che Gesù risponde al giovane ricco citando una parte del Decalogo: si tratta di “un processo pedagogico”, perché è chiaro che quell’uomo non ha la vita piena. E il passaggio dalla giovinezza alla maturità avviene proprio quando si iniziano ad “accettare i propri limiti”, si prende coscienza di quello che manca. L’esistenza è preziosa, ma c’è una verità che nella storia degli ultimi secoli l’uomo ha spesso rifiutato, con tragiche conseguenze: “la verità dei suoi limiti”.

No al cuore rimpicciolito

Il giovane ricco, quindi, “doveva arrivare sulla soglia di un salto, dove si apre la possibilità di smettere di vivere per se stessi” e la proposta finale che gli fa Gesù non è quella della povertà, ma della ricchezza vera: “avrai un tesoro in cielo”, gli dice.

Ecco la sfida: trovare l’originale della vita, non la copia. Gesù non offre surrogati, ma vita vera, amore vero, ricchezza vera! Come potranno i giovani seguirci nella fede se non ci vedono scegliere l’originale, se ci vedono assuefatti alle mezze misure? È brutto trovare cristiani a mezza misura, cristiani – mi permetto la parola – “nani”; crescono fino ad una certa statura e poi no, cristiani con il cuore rimpicciolito, chiuso. È brutto trovare questo. Ci vuole l’esempio di qualcuno che mi invita a un “oltre”, a un “di più”, a crescere un po’.

Sant’Ignazio lo chiamava il “magis”, il di più. E il Papa intende quindi con queste nuove catechesi prendere le due tavole di Mosè da cristiani “per passare dalle illusioni della giovinezza al tesoro che è nel cielo, camminando dietro di Lui”.

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Papa Francesco: ai giovani non serve mediocrità ma sana inquietudine

Nuovo ciclo di catechesi sui comandamenti

  

- Advertisement -

I giovani siano affamati di vita autentica e gli adulti diano l’esempio e non abbiano il cuore rimpicciolito. Così Papa Francesco che stamani ha iniziato un nuovo ciclo di catechesi dedicato ai comandamenti

Sono i Comandamenti il cuore del nuovo itinerario di catechesi di Papa Francesco all’udienza generale, che prende il via oggi. Mercoledì scorso si è, quindi, concluso, il ciclo di riflessioni sui sacramenti. Il punto di partenza è la domanda del giovane ricco, che chiede a Gesù come ereditare la vita eterna, quella domanda di “vita piena, infinita” che è dentro ogni uomo. Alcuni per arrivarvi si distruggono andando dietro a “cose effimere”. Altri pensano che sia meglio spegnere questo impulso perché pericoloso.

Il peggior nemico è la pusillanimità

Ma – nota il Papa rivolgendosi specialmente ai giovani – “il nostro peggior nemico non sono i problemi concreti, per quanto seri e drammatici: il pericolo più grande della vita è un cattivo spirito di adattamento che non è mitezza o umiltà, ma mediocrità, pusillanimità”. Francesco esorta, quindi, con forza i giovani a non essere mediocri perché un giovane mediocre è senza futuro, “non cresce, non avrà successo”:

Mitezza, forza e niente, niente pusillanimità, niente mediocrità. Il Beato Pier Giorgio Frassati – che era un giovane – diceva che bisogna vivere, non vivacchiare. I mediocri vivacchiano.  Vivere con la forza della vita. Bisogna chiedere al Padre celeste per i giovani di oggi il dono della sana inquietudine.

- Advertisement -

Tanto è vero che quando un giovane sta seduto tutto il giorno i genitori pensano che sia malato e lo portano dal medico. I giovani, invece, devono essere affamati di vita autentica, non accontentarsi di una vita senza bellezza perché – si chiede il Papa – “dove andrà l’umanità con giovani quieti, non inquieti”.

Accettare i propri limiti: passaggio da giovinezza a maturità

Francesco sottolinea poi che Gesù risponde al giovane ricco citando una parte del Decalogo: si tratta di “un processo pedagogico”, perché è chiaro che quell’uomo non ha la vita piena. E il passaggio dalla giovinezza alla maturità avviene proprio quando si iniziano ad “accettare i propri limiti”, si prende coscienza di quello che manca. L’esistenza è preziosa, ma c’è una verità che nella storia degli ultimi secoli l’uomo ha spesso rifiutato, con tragiche conseguenze: “la verità dei suoi limiti”.

No al cuore rimpicciolito

Il giovane ricco, quindi, “doveva arrivare sulla soglia di un salto, dove si apre la possibilità di smettere di vivere per se stessi” e la proposta finale che gli fa Gesù non è quella della povertà, ma della ricchezza vera: “avrai un tesoro in cielo”, gli dice.

Ecco la sfida: trovare l’originale della vita, non la copia. Gesù non offre surrogati, ma vita vera, amore vero, ricchezza vera! Come potranno i giovani seguirci nella fede se non ci vedono scegliere l’originale, se ci vedono assuefatti alle mezze misure? È brutto trovare cristiani a mezza misura, cristiani – mi permetto la parola – “nani”; crescono fino ad una certa statura e poi no, cristiani con il cuore rimpicciolito, chiuso. È brutto trovare questo. Ci vuole l’esempio di qualcuno che mi invita a un “oltre”, a un “di più”, a crescere un po’.

Sant’Ignazio lo chiamava il “magis”, il di più. E il Papa intende quindi con queste nuove catechesi prendere le due tavole di Mosè da cristiani “per passare dalle illusioni della giovinezza al tesoro che è nel cielo, camminando dietro di Lui”.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
271FansMi piace
762FollowerSegui
13,000FollowerSegui
568FollowerSegui
55IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO