12 C
Rome
giovedì, 17 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Etica e Vita Papa: eutanasia e suicidio assistito sono una sconfitta per tutti

Papa: eutanasia e suicidio assistito sono una sconfitta per tutti

La risposta non è abbandonare chi soffre.

- Advertisement -
Di fronte alla drammatica vicenda di Noa Pothoven, il Papa afferma che la risposta non è abbandonare chi soffre. Mons. Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita: l’Europa soffre di una grande povertà spirituale, siamo tutti più soli e più fragili

Sergio Centofanti – Città del Vaticano

“L’eutanasia e il suicidio assistito sono una sconfitta per tutti. La risposta a cui siamo chiamati è non abbandonare mai chi soffre, non arrendersi, ma prendersi cura e amare per ridare la speranza”: è quanto scrive Papa Francesco in un tweet sull’account @Pontifex, col pensiero e la preghiera rivolti a Noa Pothoven, la ragazza diciassettenne olandese che ha scelto di morire, domenica scorsa, assistita da medici specializzati nel suicidio assistito.

No alla cultura dello scarto

Papa Francesco, sulla scia dei suoi predecessori, ha richiamato molte volte, e con forza, al rispetto della vita dal concepimento fino alla morte naturale. In particolare, riguardo all’eutanasia e al suicidio assistito, ha detto che “sono gravi minacce per le famiglie in tutto il mondo”. Mentre “la loro pratica è legale in molti Stati” – ha affermato – la Chiesa “contrasta fermamente queste prassi” e “sente il dovere di aiutare le famiglie che si prendono cura” dei loro cari sia malati sia anziani (Amoris laetitia, 48). Cultura della morte e cultura dello scarto non sono un segno di civiltà – sottolinea – ma un segno di abbandono che può mascherarsi anche di “falsa compassione”. Invece, è necessario assumere la fatica di affiancarsi e accompagnare chi soffre.

Ritrovare il vero senso della vita

“Il dolore, la sofferenza, il senso della vita e della morte – afferma Papa Francesco – sono realtà che la mentalità contemporanea fatica ad affrontare con uno sguardo pieno di speranza. Eppure, senza una speranza affidabile che lo aiuti ad affrontare anche il dolore e la morte, l’uomo non riesce a vivere bene e a conservare una prospettiva fiduciosa davanti al suo futuro. È questo uno dei servizi che la Chiesa è chiamata a rendere all’uomo contemporaneo” perché l’amore, quello che si fa vicino in modo concreto e che trova in Gesù risorto la pienezza del senso della vita, apre nuove prospettive e nuovi orizzonti anche a chi pensa di non farcela più.

Sulla vicenda, abbiamo raccolto la riflessione di mons. Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita.

Mons. Paglia, la vicenda drammatica di questa ragazza mostra tanta disperazione ma anche tanto abbandono …

Vorrei anzitutto affidare alle mani di Dio, che non abbandona nessuno, questa ragazza, ma anche tutti i suoi familiari. Siamo giunti alla drammatica conclusione di una vita altrettanto drammatica: gli abusi, poi l’anoressia e infine la depressione … tutto questo pone una grande domanda: non è possibile che una società non sappia rispondere a queste successive richieste d’amore che sono espresse anche all’interno delle diverse situazioni così difficili che lei ha vissuto. E’ una grande sconfitta per la nostra società, e per la società europea in particolare, pensando che soprattutto i Paesi del Nord rappresentano anche una società sviluppata, benestante, ricca ma come spesso purtroppo oggi accade caratterizzata da una solitudine imperante. Siamo forse più ricchi, ma certamente tutti più soli e tutti più fragili. La generazione adulta dell’Europa non sta dando una speranza forte ai più giovani. Papa Francesco, con il Sinodo sui giovani, ha voluto suscitare in tutti un sussulto di responsabilità verso di loro nella consapevolezza che hanno bisogno di un fuoco interiore che noi più adulti dobbiamo avere la responsabilità di trasmettere, senza spegnerlo. Io mi auguro che non resti un grido inascoltato.

E’ possibile che nessuno sia riuscito ad aiutare questa ragazza? Noa lo aveva denunciato, aveva detto che in Olanda non esistono strutture specializzate per supportare gli adolescenti che soffrono come lei. E’ sicuramente più facile eliminare una persona che accompagnarla nella sua sofferenza …

Io non conosco bene la situazione olandese ma certamente il tema dell’aumento dei suicidi nel mondo giovanile, persino degli adolescenti, deve allarmarci moltoQuel che sorprende è che la seconda causa di morte dei giovani in Europa è il suicidio: questo dovrebbe farci riflettere. L’Europa è già vecchia, ha pochi figli e non riesce neppure a mantenere quei pochi che ha. Assieme alla sterilità c’è un’assenza di futuro che deve essere rivista: c’è bisogno di una vera rivoluzione di fraternità, di amore, di futuro, di cambiamento di prospettiva in vista di un bene comune per tutti; altrimenti, i ragazzi, gli adolescenti più fragili, come è accaduto a questa ragazza, saranno le prime vittime. Dobbiamo fare un serio esame di coscienza – tutti – per quanto è accaduto.

Questa è una vicenda che interroga tutti noi: come è possibile tollerare che si lasci morire una ragazza? Sempre di più oggi, nella nostra società, si vede la mancanza del senso della vita che è anche incapacità di trovare un senso alla propria sofferenza, segno di profonda solitudine e di mancanza di amore…

Questa è la fotografia della grande povertà spirituale, oltre che culturale e umana, della società che noi stiamo edificando. Il ritirarsi in sé stessi porta a quella solitudine radicale, che trova poi nella depressione una sua forma anche clinica che certamente richiede, oltre a tutti gli aspetti della cura medica, oltre a tutte le legislazioni e scelte economiche adeguate, richiede anche uno scatto di umanità che è indispensabile in un mondo dove, purtroppo, gli ideali materialistici e del benessere assoluto impediscono quella consapevolezza del limite che è parte della nostra vita. La vita va accolta, difesa, custodita e accompagnata. A noi non viene chiesto mai di fare il lavoro sporco della morte: chi ama, aiuta a vivere. E se questo amore è forte, non aiuta mai ad accorciare la vita; semmai, ad accompagnarla perché sia un passaggio il più possibile umano. Ma l’amore è più forte della sofferenza e persino della morte.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Papa: eutanasia e suicidio assistito sono una sconfitta per tutti

La risposta non è abbandonare chi soffre.

  

- Advertisement -
Di fronte alla drammatica vicenda di Noa Pothoven, il Papa afferma che la risposta non è abbandonare chi soffre. Mons. Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita: l’Europa soffre di una grande povertà spirituale, siamo tutti più soli e più fragili

Sergio Centofanti – Città del Vaticano

“L’eutanasia e il suicidio assistito sono una sconfitta per tutti. La risposta a cui siamo chiamati è non abbandonare mai chi soffre, non arrendersi, ma prendersi cura e amare per ridare la speranza”: è quanto scrive Papa Francesco in un tweet sull’account @Pontifex, col pensiero e la preghiera rivolti a Noa Pothoven, la ragazza diciassettenne olandese che ha scelto di morire, domenica scorsa, assistita da medici specializzati nel suicidio assistito.

No alla cultura dello scarto

Papa Francesco, sulla scia dei suoi predecessori, ha richiamato molte volte, e con forza, al rispetto della vita dal concepimento fino alla morte naturale. In particolare, riguardo all’eutanasia e al suicidio assistito, ha detto che “sono gravi minacce per le famiglie in tutto il mondo”. Mentre “la loro pratica è legale in molti Stati” – ha affermato – la Chiesa “contrasta fermamente queste prassi” e “sente il dovere di aiutare le famiglie che si prendono cura” dei loro cari sia malati sia anziani (Amoris laetitia, 48). Cultura della morte e cultura dello scarto non sono un segno di civiltà – sottolinea – ma un segno di abbandono che può mascherarsi anche di “falsa compassione”. Invece, è necessario assumere la fatica di affiancarsi e accompagnare chi soffre.

Ritrovare il vero senso della vita

“Il dolore, la sofferenza, il senso della vita e della morte – afferma Papa Francesco – sono realtà che la mentalità contemporanea fatica ad affrontare con uno sguardo pieno di speranza. Eppure, senza una speranza affidabile che lo aiuti ad affrontare anche il dolore e la morte, l’uomo non riesce a vivere bene e a conservare una prospettiva fiduciosa davanti al suo futuro. È questo uno dei servizi che la Chiesa è chiamata a rendere all’uomo contemporaneo” perché l’amore, quello che si fa vicino in modo concreto e che trova in Gesù risorto la pienezza del senso della vita, apre nuove prospettive e nuovi orizzonti anche a chi pensa di non farcela più.

Sulla vicenda, abbiamo raccolto la riflessione di mons. Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita.

- Advertisement -

Mons. Paglia, la vicenda drammatica di questa ragazza mostra tanta disperazione ma anche tanto abbandono …

Vorrei anzitutto affidare alle mani di Dio, che non abbandona nessuno, questa ragazza, ma anche tutti i suoi familiari. Siamo giunti alla drammatica conclusione di una vita altrettanto drammatica: gli abusi, poi l’anoressia e infine la depressione … tutto questo pone una grande domanda: non è possibile che una società non sappia rispondere a queste successive richieste d’amore che sono espresse anche all’interno delle diverse situazioni così difficili che lei ha vissuto. E’ una grande sconfitta per la nostra società, e per la società europea in particolare, pensando che soprattutto i Paesi del Nord rappresentano anche una società sviluppata, benestante, ricca ma come spesso purtroppo oggi accade caratterizzata da una solitudine imperante. Siamo forse più ricchi, ma certamente tutti più soli e tutti più fragili. La generazione adulta dell’Europa non sta dando una speranza forte ai più giovani. Papa Francesco, con il Sinodo sui giovani, ha voluto suscitare in tutti un sussulto di responsabilità verso di loro nella consapevolezza che hanno bisogno di un fuoco interiore che noi più adulti dobbiamo avere la responsabilità di trasmettere, senza spegnerlo. Io mi auguro che non resti un grido inascoltato.

E’ possibile che nessuno sia riuscito ad aiutare questa ragazza? Noa lo aveva denunciato, aveva detto che in Olanda non esistono strutture specializzate per supportare gli adolescenti che soffrono come lei. E’ sicuramente più facile eliminare una persona che accompagnarla nella sua sofferenza …

Io non conosco bene la situazione olandese ma certamente il tema dell’aumento dei suicidi nel mondo giovanile, persino degli adolescenti, deve allarmarci moltoQuel che sorprende è che la seconda causa di morte dei giovani in Europa è il suicidio: questo dovrebbe farci riflettere. L’Europa è già vecchia, ha pochi figli e non riesce neppure a mantenere quei pochi che ha. Assieme alla sterilità c’è un’assenza di futuro che deve essere rivista: c’è bisogno di una vera rivoluzione di fraternità, di amore, di futuro, di cambiamento di prospettiva in vista di un bene comune per tutti; altrimenti, i ragazzi, gli adolescenti più fragili, come è accaduto a questa ragazza, saranno le prime vittime. Dobbiamo fare un serio esame di coscienza – tutti – per quanto è accaduto.

Questa è una vicenda che interroga tutti noi: come è possibile tollerare che si lasci morire una ragazza? Sempre di più oggi, nella nostra società, si vede la mancanza del senso della vita che è anche incapacità di trovare un senso alla propria sofferenza, segno di profonda solitudine e di mancanza di amore…

Questa è la fotografia della grande povertà spirituale, oltre che culturale e umana, della società che noi stiamo edificando. Il ritirarsi in sé stessi porta a quella solitudine radicale, che trova poi nella depressione una sua forma anche clinica che certamente richiede, oltre a tutti gli aspetti della cura medica, oltre a tutte le legislazioni e scelte economiche adeguate, richiede anche uno scatto di umanità che è indispensabile in un mondo dove, purtroppo, gli ideali materialistici e del benessere assoluto impediscono quella consapevolezza del limite che è parte della nostra vita. La vita va accolta, difesa, custodita e accompagnata. A noi non viene chiesto mai di fare il lavoro sporco della morte: chi ama, aiuta a vivere. E se questo amore è forte, non aiuta mai ad accorciare la vita; semmai, ad accompagnarla perché sia un passaggio il più possibile umano. Ma l’amore è più forte della sofferenza e persino della morte.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
603FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO