18.6 C
Rome
domenica, 22 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Papa: “Da quella notte non mi sono mai più addormentato senza pregare”

Papa: “Da quella notte non mi sono mai più addormentato senza pregare”

"In quel luogo c'era purezza, non ossessione sessuale"

- Advertisement -

Francesco racconta uno dei momenti cruciali della sua vocazione. Aveva 13 anni e si trovava al collegio salesiano: “In quel luogo c’era purezza, non ossessione sessuale”

Pregare prima di andare a dormire per dare un senso alla propria quotidianità, alla propria vita. La preghiera notturna, da quasi 70 anni, si è trasformata in un momento di riflessione per Papa Francesco. Prima non gli dava tutta quella importanza. Ci fu un episodio nel collegio salesiano di Buenos Aires, che Bergoglio iniziò a frequentare nel 1943 (quando aveva 7 anni), che gli fece cambiare idea.

Padre Emilio

Nel 1949 Bergoglio frequentò il sesto anno nel collegio, sotto la direzione di padre Emilio Cantarutti. Per lui, la vita in collegio “era tutto”. Scrive, in una lettera del 1990, al riguardo: «Il collegio creava, attraverso il risvegliarsi della coscienza, nella verità delle cose, una cultura cattolica che non era per nulla ‘bigotta’ o ‘disorientata’. Lo studio, i valori sociali di convivenza, i riferimenti sociali ai più bisognosi (ricordo di aver appreso lì a privarmi di alcune cose per darle alle persone più povere di me), lo sport, la competenza, la pietà… tutto era reale».

La “Buonanotte”

«Uno dei momenti chiave (…) era la “Buonanotte». Era un’attività riservata al direttore, anche se alcune volte lo faceva l’ispettore (padre Miguel Raspanti), e una di quelle occasioni all’inizio di ottobre del 1949, segnò particolarmente il giovane Bergoglio: «[Padre Cantarutti] era andato a Córdoba perché sua madre era morta… Al suo ritorno ci parlò della morte. Ora, quasi cinquant’anni dopo, riconosco che quella piccola riflessione serale è il punto di riferimento di tutta la mia vita successiva riguardo al problema della morte. Quella sera, senza paura, sentii che un giorno sarei morto, e questo mi sembrò la cosa più naturale».

Chiedere la vocazione alla Madonna

Un’altra conversazione che ha ricordato dettagliatamente è stata quella in cui padre Cantarutti gli parlò della «necessità di chiedere alla Santissima Vergine di accettare la propria vocazioneRicordo che quella notte pregai intensamente fino al dormitorio (…) e da quella notte non mi sono mai più addormentato senza pregare. Era un momento psicologicamente adatto a dare un senso al giorno e alle cose».

Studio e gioco

«Nel collegio ho imparato a studiare», prosegue nella lettera. Ogni giorno c’erano ore di studio durante le quali doveva regnare il silenzio. Per lui, quelle ore furono vitali per creare l’abitudine alla concentrazione, il dominio alla distrazione, che a quell’età è molto forte. In questo gioco pedagogico si includeva lo sport: «Si giocava bene e molto (…) Tanto nello studio quanto nello sport aveva molta importanza la dimensione della competizione: ci insegnavano a competere bene e a competere da cristiani».

Educare al sentimento

Un’altra dimensione chiave era educare il sentimento. Scrisse Bergoglio: «Una dimensione che crebbe molto negli anni successivi a quello trascorso nel collegio fu la mia capacità di sentire bene; e mi resi conto che la base era stata posta nell’anno di internato (…). Non mi riferisco al sentimentalismo ma al sentimento come valore del cuore. Non aver paura di sentire e dire a se stesso ciò che uno sta sentendo».

“Non c’era ossessione sessuale”

Strettamente unito all’amore e alla devozione alla Vergine era l’amore per la purezza. Dirà Bergoglio: «Mi insegnarono ad amare la purezza senza nessun tipo di insegnamento ossessivo. Non c’era ossessione sessuale nel collegio. L’ossessione sessuale la incontrai in seguito in altri educatori o psicologi che facevano ostentatamente mostra di un atteggiamento di laissez-passer al riguardo (però in fondo interpretavano le condotte sessuali in chiave freudiana, che vedeva sesso ovunque)».

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Papa: “Da quella notte non mi sono mai più addormentato senza pregare”

"In quel luogo c'era purezza, non ossessione sessuale"

  

- Advertisement -

Francesco racconta uno dei momenti cruciali della sua vocazione. Aveva 13 anni e si trovava al collegio salesiano: “In quel luogo c’era purezza, non ossessione sessuale”

Pregare prima di andare a dormire per dare un senso alla propria quotidianità, alla propria vita. La preghiera notturna, da quasi 70 anni, si è trasformata in un momento di riflessione per Papa Francesco. Prima non gli dava tutta quella importanza. Ci fu un episodio nel collegio salesiano di Buenos Aires, che Bergoglio iniziò a frequentare nel 1943 (quando aveva 7 anni), che gli fece cambiare idea.

Padre Emilio

Nel 1949 Bergoglio frequentò il sesto anno nel collegio, sotto la direzione di padre Emilio Cantarutti. Per lui, la vita in collegio “era tutto”. Scrive, in una lettera del 1990, al riguardo: «Il collegio creava, attraverso il risvegliarsi della coscienza, nella verità delle cose, una cultura cattolica che non era per nulla ‘bigotta’ o ‘disorientata’. Lo studio, i valori sociali di convivenza, i riferimenti sociali ai più bisognosi (ricordo di aver appreso lì a privarmi di alcune cose per darle alle persone più povere di me), lo sport, la competenza, la pietà… tutto era reale».

La “Buonanotte”

- Advertisement -

«Uno dei momenti chiave (…) era la “Buonanotte». Era un’attività riservata al direttore, anche se alcune volte lo faceva l’ispettore (padre Miguel Raspanti), e una di quelle occasioni all’inizio di ottobre del 1949, segnò particolarmente il giovane Bergoglio: «[Padre Cantarutti] era andato a Córdoba perché sua madre era morta… Al suo ritorno ci parlò della morte. Ora, quasi cinquant’anni dopo, riconosco che quella piccola riflessione serale è il punto di riferimento di tutta la mia vita successiva riguardo al problema della morte. Quella sera, senza paura, sentii che un giorno sarei morto, e questo mi sembrò la cosa più naturale».

Chiedere la vocazione alla Madonna

Un’altra conversazione che ha ricordato dettagliatamente è stata quella in cui padre Cantarutti gli parlò della «necessità di chiedere alla Santissima Vergine di accettare la propria vocazioneRicordo che quella notte pregai intensamente fino al dormitorio (…) e da quella notte non mi sono mai più addormentato senza pregare. Era un momento psicologicamente adatto a dare un senso al giorno e alle cose».

Studio e gioco

«Nel collegio ho imparato a studiare», prosegue nella lettera. Ogni giorno c’erano ore di studio durante le quali doveva regnare il silenzio. Per lui, quelle ore furono vitali per creare l’abitudine alla concentrazione, il dominio alla distrazione, che a quell’età è molto forte. In questo gioco pedagogico si includeva lo sport: «Si giocava bene e molto (…) Tanto nello studio quanto nello sport aveva molta importanza la dimensione della competizione: ci insegnavano a competere bene e a competere da cristiani».

Educare al sentimento

Un’altra dimensione chiave era educare il sentimento. Scrisse Bergoglio: «Una dimensione che crebbe molto negli anni successivi a quello trascorso nel collegio fu la mia capacità di sentire bene; e mi resi conto che la base era stata posta nell’anno di internato (…). Non mi riferisco al sentimentalismo ma al sentimento come valore del cuore. Non aver paura di sentire e dire a se stesso ciò che uno sta sentendo».

“Non c’era ossessione sessuale”

Strettamente unito all’amore e alla devozione alla Vergine era l’amore per la purezza. Dirà Bergoglio: «Mi insegnarono ad amare la purezza senza nessun tipo di insegnamento ossessivo. Non c’era ossessione sessuale nel collegio. L’ossessione sessuale la incontrai in seguito in altri educatori o psicologi che facevano ostentatamente mostra di un atteggiamento di laissez-passer al riguardo (però in fondo interpretavano le condotte sessuali in chiave freudiana, che vedeva sesso ovunque)».

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Guida alla Grecia biblica

Wilmer: Mosè, lezioni di deserto

12 storie di ordinaria santità

Flavio Giuseppe: santo o traditore?

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO