14.5 C
Rome
giovedì, 17 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Papa: cristiani uniti nel sangue, non dividiamoci nella vita

Papa: cristiani uniti nel sangue, non dividiamoci nella vita

- Advertisement -

Un’invocazione per “l’unità di tutti i cristiani”. L’ha levata Papa Francesco in Piazza San Pietro, intervenendo all’iniziativa “Vie di unità e di pace – Voci in preghiera per i martiri di oggi e per un ecumenismo spirituale”, che ieri pomeriggio ha dato il via alla 38.ma convocazione di Rinnovamento nello Spirito. L’evento di preghiera, spiritualità ed evangelizzazione, alla presenza di rappresentanti delle comunità cristiane di tutto il mondo, prosegue allo Stadio Olimpico di Roma e sarà seguito, nel 2017, da un altro appuntamento in Piazza San Pietro “per festeggiare – ha annunciato il Papa – questa corrente di grazia”. Il servizio di Giada Aquilino:

Signore, dacci l’unità di tutti i cristiani
Una preghiera ecumenica che è sgorgata dal cuore, non letta né recitata. In un pomeriggio prima caldo e assolato, poi bagnato dalla pioggia, davanti a vescovi, pastori, testimoni e gente comune provenienti da Oriente e Occidente, tutti uniti per mano, Papa Francesco ha chiesto al Signore di inviarci lo Spirito Santo, affinché “ci insegni tutto quello che Gesù ci ha insegnato” e ci dia memoria “di quello che Gesù ha detto”, perché “è quello che dà i carismi, che fa le differenze nella Chiesa” e che “fa l’unità”:

“Gesù, Signore, tu hai chiesto per tutti noi la grazia dell’unità in questa Chiesa che è Tua, non è nostra. La storia ci ha divisi. Gesù, aiutaci ad andare sulla strada dell’unità o di questa diversità riconciliata. Signore, Tu sempre fai quello che hai promesso, dacci l’unità di tutti i cristiani”.

Divisioni sono contro-testimonianza
“L’unico insostituibile nella Chiesa – ha spiegato – è lo Spirito Santo e l’unico Signore è Gesù”. Le divisioni tra i cristiani, quindi, sono “una contro-testimonianza”:

“L’unità dei cristiani è opera dello Spirito Santo e dobbiamo pregare insieme. L’ecumenismo spirituale, l’ecumenismo della preghiera. ‘Padre, io posso pregare con un evangelico, con un ortodosso, con un luterano?’ Devi, devi: avete ricevuto lo stesso Battesimo”.

Ecumenismo del sangue
D’altra parte – ha proseguito – la realtà di oggi e i nostri martiri ci uniscono in un “ecumenismo del sangue”, ricordando che pochi mesi fa, 23 egiziani copti sono stati sgozzati su una spiaggia  della Libia:

“Se il nemico ci unisce nella morte, ma chi siamo noi per dividerci nella vita? Lasciamo entrare lo Spirito, preghiamo per andare avanti tutti insieme”.

Agire e “perdersi nell’oceano”
Al Rinnovamento ha chiesto di proseguire l’impegno per i poveri ed i bisognosi, nell’unità e nella diversità, secondo “il modello del poliedro che riflette la convergenza di tutte le parti”. Rifacendosi alle parole del cardinale Leon-Joseph Suenens, tra i primi promotori del movimento che fu per questo ringraziato anche da Paolo VI nel 1975, l’invito del Pontefice è stato ad agire: “il fiume – ha detto – deve perdersi nell’oceano, se diventa fermo si corrompe”. Per questo, ha proseguito, se “questa corrente di grazia non finisce nell’oceano di Dio, lavora per sé stessa” e ciò è opera del maligno, “del padre della menzogna”. Come pure la vanità che tenta chi ha il potere:

“Quanti leader diventano pavoni? Il potere ti porta alla vanità! E anche ti senti capace di fare qualsiasi cosa, puoi scivolare negli affari, perché il diavolo sempre entra per i portafogli! Questa è  la porta d’entrata”.

Relazioni artigianali anche nei movimenti
Anche nella Chiesa, ha sottolineato Francesco, è conveniente che tutti i servizi “abbiano una scadenza” nel tempo. Leader “a vita” ci sono solo “in alcuni Paesi dove esiste la dittatura”. Francesco ha quindi esortato i presenti in Piazza ad investire nelle “relazioni artigianali”, di tutti i giorni, invece che in quei “grandi raduni che spesso finiscono lì”. Alla fine dell’udienza ha benedetto le Bibbie dei fedeli, esortando ad avere sempre in tasca il Vangelo.

Preghiere e canti
I canti affidati alle voci di Andrea Bocelli, Noa, Don Moen e altri artisti internazionali si sono intrecciati alle testimonianze da tutto il mondo, per un ‘concerto in preghiera’ – come l’hanno definito gli organizzatori – centrato sul dramma delle persecuzioni religiose in Medio Oriente, in Asia e in altre parti del mondo. Salvatore Martinez, presidente nazionale di Rinnovamento nello Spirito, ha sottolineato come Piazza San Pietro sia “una delle poche piazze al mondo in cui sia ancora possibile confessare pubblicamente la propria fede senza essere fermati o anche essere oggetto di sanzioni o di violenze”.

Le testimonianze
Il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana, ha ribadito come si creda davvero “alla necessità e alla bellezza della fraternità tra i cristiani”. Il cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, e il vescovo siro ortodosso Policarpo Eugenio Aydin hanno pregato assieme per la pace, ricordando che “ogni elemento di divisione può essere vinto e superato”. A loro si sono uniti il pastore pentecostale Giovanni Traettino, presidente della Chiesa evangelica della riconciliazione in Italia e amico di Papa Francesco, e i rappresentanti copto ortodosso, anglicano, evangelico, siro-cattolico. Quindi il cardinale Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali, ha esortato all’unità e a scambiarsi un segno di pace, perché se è vero che “l’uomo può trasformare il mondo in un giardino di pace” è anche vero che quello stesso uomo è capace di trasformarlo in “un cumulo di macerie”.

Vittorio Aliquò, palermitano, magistrato, già membro del ‘pool antimafia’: fu lui a dirigere l’arresto del boss Totò Riina. Si è definito “un sopravvissuto”, per essere venuto a contatto con “ogni tipo di criminalità”. Ha ricordato commosso i colleghi magistrati, gli uomini delle scorte e delle forze dell’ordine, i giornalisti, gli imprenditori uccisi, come il beato don Pino Puglisi:

“Ho visto tanto, tanto sangue innocente scorrere sotto i miei occhi. Guardando ai martiri di oggi e di ieri, e pensando alle nuove generazioni, vorrei dire che la memoria di questo sangue versato nelle strade delle nostre città non deve essere cancellata”.

Il diciassettenne marchigiano Ugo Esposto, dopo un’infanzia travagliata in famiglia che gli ha portato sfiducia e solitudine, ha conosciuto la “grande famiglia” del Rinnovamento nello Spirito:

“Con la preghiera per una nuova effusione dello Spirito la mia esistenza si è completamente trasformata! Ora ho qualcosa anche io da dire e da dare al mondo. La Parola ha acceso un fuoco che non posso più trattenere. La Parola di Dio mi ha rivelato che sono amato e non abbandonato, che sono prezioso, che la mia esistenza ha un senso e un fine. Se Gesù ha ridato speranza alla mia vita, allora può donarla a tutti i ragazzi come me”.

Decine di migliaia, dunque, i fedeli accorsi all’incontro promosso dal Rinnovamento nello Spirito per ascoltare le parole di Papa Francesco e per pregare insieme per i martiri della fede, di ieri e di oggi. Ascoltiamo alcuni commenti raccolti da Marina Tomarro:

R. – E’ importante essere qui per pregare per la fede: oggi siamo coinvolti, perché il mondo sta vivendo una situazione un po’ drammatica e ha bisogno della preghiera e soprattutto dell’intervento dello Spirito Santo, affinché ci dia la forza per andare avanti.

R. – Oggi siamo qui proprio per unire in un’unica preghiera i fratelli cristiani, ma lungo i secoli separati. Confidando che una preghiera forte possa avvicinarci sempre di più in Gesù fino a raggiungere l’unità piena per cui Lui stesso ha pregato.

R. – I martiri della fede ci fanno sentire veramente una comunione ecclesiale di tutte le confessioni cristiane. Noi, in comunione con loro, con tutti i Santi, preghiamo affinché riceviamo questa forza. Preghiamo anche e soprattutto per coloro che sono in questa vita di difficoltà e di problemi.

D. – E questo silenzio, su questi martiri, come si vince?

R. – Vivendo noi stessi la testimonianza di ogni giorno.

R. – Dobbiamo reagire di fronte a questo silenzio: il male avanza, ma noi come cristiani non possiamo essere indifferenti. Dobbiamo essere uniti nella fede e lottare!

D. – Il Papa vi ha anche invitato ad un lavoro comune. In che modo si potrà fare una cosa del genere, secondo lei?

R. – La risposta la dà lo Spirito Santo, perché quando ci sono incontri carismatici ecumenici non c’è nessuna divisione, siamo tutti uniti nella gioia, nella pace e nell’invocazione allo Spirito.

D. – E a lei cosa ha colpito di questo incontro?

R. – Mi ha colpito la grande comunione, anche con le altre Chiese.

R. – Secondo me, trovando dei momenti di preghiera insieme. Quella penso sia la base di partenza. L’essere – diciamo – movimento nel quale si prega lo Spirito Santo sicuramente può aiutarci.

R. – Il Papa ci ha anche indicato che tutti abbiamo ricevuto lo stesso Spirito, ed è lo Spirito che ci rende figli di Dio e fratelli tra di noi. Lo Spirito ci fa camminare verso la verità e l’unità.

D. – In che modo si porta il messaggio del Rinnovamento anche al di fuori?

R. – La semplicità, quella che ci insegna ancora oggi Papa Francesco; la concordia; il saperci abbracciare, senza guardare ciò che ci divide, ma ciò che ci unisce, e così la pace scenderà nei nostri cuori.

R. – Noi portiamo la Parola attraverso l’esempio, con le opere concrete. Il Papa a noi chiede di dare testimonianza con il sorriso alla gente che incontriamo per strada.

R. – Prima di tutto, noi come Rinnovamento abbiamo questo desiderio di andare fuori e di chiamare le altre persone per conoscere Gesù e non per forza per entrare all’interno del Rinnovamento. Noi lo vogliamo testimoniare così. Per esempio, l’anno scorso abbiamo vissuto l’esperienza “E-state evangelizzando”, a Policoro, in cui abbiamo fatto proprio l’evangelizzazione per la strada, per far capire che il messaggio di Gesù è attuale; è un messaggio vivo anche nella nostra vita quotidiana.   

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Papa: cristiani uniti nel sangue, non dividiamoci nella vita

  

- Advertisement -

Un’invocazione per “l’unità di tutti i cristiani”. L’ha levata Papa Francesco in Piazza San Pietro, intervenendo all’iniziativa “Vie di unità e di pace – Voci in preghiera per i martiri di oggi e per un ecumenismo spirituale”, che ieri pomeriggio ha dato il via alla 38.ma convocazione di Rinnovamento nello Spirito. L’evento di preghiera, spiritualità ed evangelizzazione, alla presenza di rappresentanti delle comunità cristiane di tutto il mondo, prosegue allo Stadio Olimpico di Roma e sarà seguito, nel 2017, da un altro appuntamento in Piazza San Pietro “per festeggiare – ha annunciato il Papa – questa corrente di grazia”. Il servizio di Giada Aquilino:

Signore, dacci l’unità di tutti i cristiani
Una preghiera ecumenica che è sgorgata dal cuore, non letta né recitata. In un pomeriggio prima caldo e assolato, poi bagnato dalla pioggia, davanti a vescovi, pastori, testimoni e gente comune provenienti da Oriente e Occidente, tutti uniti per mano, Papa Francesco ha chiesto al Signore di inviarci lo Spirito Santo, affinché “ci insegni tutto quello che Gesù ci ha insegnato” e ci dia memoria “di quello che Gesù ha detto”, perché “è quello che dà i carismi, che fa le differenze nella Chiesa” e che “fa l’unità”:

“Gesù, Signore, tu hai chiesto per tutti noi la grazia dell’unità in questa Chiesa che è Tua, non è nostra. La storia ci ha divisi. Gesù, aiutaci ad andare sulla strada dell’unità o di questa diversità riconciliata. Signore, Tu sempre fai quello che hai promesso, dacci l’unità di tutti i cristiani”.

Divisioni sono contro-testimonianza
“L’unico insostituibile nella Chiesa – ha spiegato – è lo Spirito Santo e l’unico Signore è Gesù”. Le divisioni tra i cristiani, quindi, sono “una contro-testimonianza”:

- Advertisement -

“L’unità dei cristiani è opera dello Spirito Santo e dobbiamo pregare insieme. L’ecumenismo spirituale, l’ecumenismo della preghiera. ‘Padre, io posso pregare con un evangelico, con un ortodosso, con un luterano?’ Devi, devi: avete ricevuto lo stesso Battesimo”.

Ecumenismo del sangue
D’altra parte – ha proseguito – la realtà di oggi e i nostri martiri ci uniscono in un “ecumenismo del sangue”, ricordando che pochi mesi fa, 23 egiziani copti sono stati sgozzati su una spiaggia  della Libia:

“Se il nemico ci unisce nella morte, ma chi siamo noi per dividerci nella vita? Lasciamo entrare lo Spirito, preghiamo per andare avanti tutti insieme”.

Agire e “perdersi nell’oceano”
Al Rinnovamento ha chiesto di proseguire l’impegno per i poveri ed i bisognosi, nell’unità e nella diversità, secondo “il modello del poliedro che riflette la convergenza di tutte le parti”. Rifacendosi alle parole del cardinale Leon-Joseph Suenens, tra i primi promotori del movimento che fu per questo ringraziato anche da Paolo VI nel 1975, l’invito del Pontefice è stato ad agire: “il fiume – ha detto – deve perdersi nell’oceano, se diventa fermo si corrompe”. Per questo, ha proseguito, se “questa corrente di grazia non finisce nell’oceano di Dio, lavora per sé stessa” e ciò è opera del maligno, “del padre della menzogna”. Come pure la vanità che tenta chi ha il potere:

“Quanti leader diventano pavoni? Il potere ti porta alla vanità! E anche ti senti capace di fare qualsiasi cosa, puoi scivolare negli affari, perché il diavolo sempre entra per i portafogli! Questa è  la porta d’entrata”.

Relazioni artigianali anche nei movimenti
Anche nella Chiesa, ha sottolineato Francesco, è conveniente che tutti i servizi “abbiano una scadenza” nel tempo. Leader “a vita” ci sono solo “in alcuni Paesi dove esiste la dittatura”. Francesco ha quindi esortato i presenti in Piazza ad investire nelle “relazioni artigianali”, di tutti i giorni, invece che in quei “grandi raduni che spesso finiscono lì”. Alla fine dell’udienza ha benedetto le Bibbie dei fedeli, esortando ad avere sempre in tasca il Vangelo.

Preghiere e canti
I canti affidati alle voci di Andrea Bocelli, Noa, Don Moen e altri artisti internazionali si sono intrecciati alle testimonianze da tutto il mondo, per un ‘concerto in preghiera’ – come l’hanno definito gli organizzatori – centrato sul dramma delle persecuzioni religiose in Medio Oriente, in Asia e in altre parti del mondo. Salvatore Martinez, presidente nazionale di Rinnovamento nello Spirito, ha sottolineato come Piazza San Pietro sia “una delle poche piazze al mondo in cui sia ancora possibile confessare pubblicamente la propria fede senza essere fermati o anche essere oggetto di sanzioni o di violenze”.

Le testimonianze
Il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana, ha ribadito come si creda davvero “alla necessità e alla bellezza della fraternità tra i cristiani”. Il cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, e il vescovo siro ortodosso Policarpo Eugenio Aydin hanno pregato assieme per la pace, ricordando che “ogni elemento di divisione può essere vinto e superato”. A loro si sono uniti il pastore pentecostale Giovanni Traettino, presidente della Chiesa evangelica della riconciliazione in Italia e amico di Papa Francesco, e i rappresentanti copto ortodosso, anglicano, evangelico, siro-cattolico. Quindi il cardinale Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali, ha esortato all’unità e a scambiarsi un segno di pace, perché se è vero che “l’uomo può trasformare il mondo in un giardino di pace” è anche vero che quello stesso uomo è capace di trasformarlo in “un cumulo di macerie”.

Vittorio Aliquò, palermitano, magistrato, già membro del ‘pool antimafia’: fu lui a dirigere l’arresto del boss Totò Riina. Si è definito “un sopravvissuto”, per essere venuto a contatto con “ogni tipo di criminalità”. Ha ricordato commosso i colleghi magistrati, gli uomini delle scorte e delle forze dell’ordine, i giornalisti, gli imprenditori uccisi, come il beato don Pino Puglisi:

“Ho visto tanto, tanto sangue innocente scorrere sotto i miei occhi. Guardando ai martiri di oggi e di ieri, e pensando alle nuove generazioni, vorrei dire che la memoria di questo sangue versato nelle strade delle nostre città non deve essere cancellata”.

Il diciassettenne marchigiano Ugo Esposto, dopo un’infanzia travagliata in famiglia che gli ha portato sfiducia e solitudine, ha conosciuto la “grande famiglia” del Rinnovamento nello Spirito:

“Con la preghiera per una nuova effusione dello Spirito la mia esistenza si è completamente trasformata! Ora ho qualcosa anche io da dire e da dare al mondo. La Parola ha acceso un fuoco che non posso più trattenere. La Parola di Dio mi ha rivelato che sono amato e non abbandonato, che sono prezioso, che la mia esistenza ha un senso e un fine. Se Gesù ha ridato speranza alla mia vita, allora può donarla a tutti i ragazzi come me”.

Decine di migliaia, dunque, i fedeli accorsi all’incontro promosso dal Rinnovamento nello Spirito per ascoltare le parole di Papa Francesco e per pregare insieme per i martiri della fede, di ieri e di oggi. Ascoltiamo alcuni commenti raccolti da Marina Tomarro:

R. – E’ importante essere qui per pregare per la fede: oggi siamo coinvolti, perché il mondo sta vivendo una situazione un po’ drammatica e ha bisogno della preghiera e soprattutto dell’intervento dello Spirito Santo, affinché ci dia la forza per andare avanti.

R. – Oggi siamo qui proprio per unire in un’unica preghiera i fratelli cristiani, ma lungo i secoli separati. Confidando che una preghiera forte possa avvicinarci sempre di più in Gesù fino a raggiungere l’unità piena per cui Lui stesso ha pregato.

R. – I martiri della fede ci fanno sentire veramente una comunione ecclesiale di tutte le confessioni cristiane. Noi, in comunione con loro, con tutti i Santi, preghiamo affinché riceviamo questa forza. Preghiamo anche e soprattutto per coloro che sono in questa vita di difficoltà e di problemi.

D. – E questo silenzio, su questi martiri, come si vince?

R. – Vivendo noi stessi la testimonianza di ogni giorno.

R. – Dobbiamo reagire di fronte a questo silenzio: il male avanza, ma noi come cristiani non possiamo essere indifferenti. Dobbiamo essere uniti nella fede e lottare!

D. – Il Papa vi ha anche invitato ad un lavoro comune. In che modo si potrà fare una cosa del genere, secondo lei?

R. – La risposta la dà lo Spirito Santo, perché quando ci sono incontri carismatici ecumenici non c’è nessuna divisione, siamo tutti uniti nella gioia, nella pace e nell’invocazione allo Spirito.

D. – E a lei cosa ha colpito di questo incontro?

R. – Mi ha colpito la grande comunione, anche con le altre Chiese.

R. – Secondo me, trovando dei momenti di preghiera insieme. Quella penso sia la base di partenza. L’essere – diciamo – movimento nel quale si prega lo Spirito Santo sicuramente può aiutarci.

R. – Il Papa ci ha anche indicato che tutti abbiamo ricevuto lo stesso Spirito, ed è lo Spirito che ci rende figli di Dio e fratelli tra di noi. Lo Spirito ci fa camminare verso la verità e l’unità.

D. – In che modo si porta il messaggio del Rinnovamento anche al di fuori?

R. – La semplicità, quella che ci insegna ancora oggi Papa Francesco; la concordia; il saperci abbracciare, senza guardare ciò che ci divide, ma ciò che ci unisce, e così la pace scenderà nei nostri cuori.

R. – Noi portiamo la Parola attraverso l’esempio, con le opere concrete. Il Papa a noi chiede di dare testimonianza con il sorriso alla gente che incontriamo per strada.

R. – Prima di tutto, noi come Rinnovamento abbiamo questo desiderio di andare fuori e di chiamare le altre persone per conoscere Gesù e non per forza per entrare all’interno del Rinnovamento. Noi lo vogliamo testimoniare così. Per esempio, l’anno scorso abbiamo vissuto l’esperienza “E-state evangelizzando”, a Policoro, in cui abbiamo fatto proprio l’evangelizzazione per la strada, per far capire che il messaggio di Gesù è attuale; è un messaggio vivo anche nella nostra vita quotidiana.   

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
603FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Un solo Libro, due eredi

La simbolica del grido nel Vangelo di Marco

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO