28 C
Rome
mercoledì, 19 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Carità e Missioni Papa: Chiesa va dai poveri, cristiani e missionari è la stessa cosa

Papa: Chiesa va dai poveri, cristiani e missionari è la stessa cosa

- Advertisement -

Essere cristiano ed essere missionario “è la stessa cosa”, quindi per chi appartiene alla Chiesa la “priorità” è e sarà sempre l’evangelizzazione, soprattutto verso gli “scartati della società”. Papa Francesco lo ha ripetuto all’Angelus celebrato in Piazza San Pietro, durante il quale ha sottolineato che l’evangelizzazione dei poveri non è “assistenza sociale” né “attività politica”, ma “offrire la forza del Vangelo di Dio”. Il servizio di Alessandro De Carolis:

Il cristianesimo è una questione di prossimità con i deboli, le parole sono fondamentali ma non la cosa più importante. Lo dimostra quando la storia della Salvezza arriva all’anno zero e Gesù appare sulla scena a iniziare la sua missione.

Un Maestro diverso

Prima di lui il popolo ebraico aveva conosciuto molti profeti, ma il nuovo Rabbi che viene da Nazareth – spiega Papa Francesco all’Angelus – si staglia subito sugli altri per l’originalità della sua parola, “che rivela il senso delle Scritture”, e per la “potenza” che impone l’obbedienza anche agli “spiriti impuri”:

“Gesù è diverso dai maestri del suo tempo. Per esempio, non ha aperto una scuola per lo studio della Legge, ma va in giro a predicare e insegna dappertutto: nelle sinagoghe, per le strade, nelle case, sempre in giro. Gesù è diverso anche da Giovanni Battista, il quale proclama il giudizio imminente di Dio, mentre Gesù annuncia il suo perdono di Padre”.

Cristiano e missionario “è la stessa cosa”

In un’assolata e fredda domenica, Francesco commenta l’episodio del Vangelo del giorno, Gesù che nella Sinagoga si alza a leggere il passo di Isaia che parla del mandato a proclamare il “lieto annuncio” ai poveri e la liberazione di tutti gli oppressi, concluso da un commento che lascia stupiti i presenti: “Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato”. In questa affermazione si condensa per il Papa tutta l’esperienza cristiana:

“Evangelizzare i poveri: questa è la missione di Gesù, secondo quanto Lui dice; questa è anche la missione della Chiesa, e di ogni battezzato nella Chiesa. Essere cristiano ed essere missionario è la stessa cosa. Annunciare il Vangelo, con la parola e, prima ancora, con la vita, è la finalità principale della comunità cristiana e di ogni suo membro”.

Vangelo, non politica

I destinatari privilegiati della Buona Novella, ricorda il Papa, sono per Gesù “i lontani, i sofferenti, gli ammalati, gli scartati della società”. Evangelizzarli “significa avvicinarli, servirli, liberarli dalla loro oppressione” e il farlo o meno per Francesco è questione di un ininterrotto esame di coscienza per parrocchie, associazioni, movimenti ecclesiali:

“L’evangelizzazione dei poveri, portare loro il lieto annuncio, è la priorità? Attenzione: non si tratta solo di fare assistenza sociale, tanto meno attività politica. Si tratta di offrire la forza del Vangelo di Dio, che converte i cuori, risana le ferite, trasforma i rapporti umani e sociali secondo la logica dell’amore. I poveri, infatti, sono al centro del Vangelo”.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Papa: Chiesa va dai poveri, cristiani e missionari è la stessa cosa

  

- Advertisement -

Essere cristiano ed essere missionario “è la stessa cosa”, quindi per chi appartiene alla Chiesa la “priorità” è e sarà sempre l’evangelizzazione, soprattutto verso gli “scartati della società”. Papa Francesco lo ha ripetuto all’Angelus celebrato in Piazza San Pietro, durante il quale ha sottolineato che l’evangelizzazione dei poveri non è “assistenza sociale” né “attività politica”, ma “offrire la forza del Vangelo di Dio”. Il servizio di Alessandro De Carolis:

Il cristianesimo è una questione di prossimità con i deboli, le parole sono fondamentali ma non la cosa più importante. Lo dimostra quando la storia della Salvezza arriva all’anno zero e Gesù appare sulla scena a iniziare la sua missione.

Un Maestro diverso

Prima di lui il popolo ebraico aveva conosciuto molti profeti, ma il nuovo Rabbi che viene da Nazareth – spiega Papa Francesco all’Angelus – si staglia subito sugli altri per l’originalità della sua parola, “che rivela il senso delle Scritture”, e per la “potenza” che impone l’obbedienza anche agli “spiriti impuri”:

“Gesù è diverso dai maestri del suo tempo. Per esempio, non ha aperto una scuola per lo studio della Legge, ma va in giro a predicare e insegna dappertutto: nelle sinagoghe, per le strade, nelle case, sempre in giro. Gesù è diverso anche da Giovanni Battista, il quale proclama il giudizio imminente di Dio, mentre Gesù annuncia il suo perdono di Padre”.

- Advertisement -

Cristiano e missionario “è la stessa cosa”

In un’assolata e fredda domenica, Francesco commenta l’episodio del Vangelo del giorno, Gesù che nella Sinagoga si alza a leggere il passo di Isaia che parla del mandato a proclamare il “lieto annuncio” ai poveri e la liberazione di tutti gli oppressi, concluso da un commento che lascia stupiti i presenti: “Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato”. In questa affermazione si condensa per il Papa tutta l’esperienza cristiana:

“Evangelizzare i poveri: questa è la missione di Gesù, secondo quanto Lui dice; questa è anche la missione della Chiesa, e di ogni battezzato nella Chiesa. Essere cristiano ed essere missionario è la stessa cosa. Annunciare il Vangelo, con la parola e, prima ancora, con la vita, è la finalità principale della comunità cristiana e di ogni suo membro”.

Vangelo, non politica

I destinatari privilegiati della Buona Novella, ricorda il Papa, sono per Gesù “i lontani, i sofferenti, gli ammalati, gli scartati della società”. Evangelizzarli “significa avvicinarli, servirli, liberarli dalla loro oppressione” e il farlo o meno per Francesco è questione di un ininterrotto esame di coscienza per parrocchie, associazioni, movimenti ecclesiali:

“L’evangelizzazione dei poveri, portare loro il lieto annuncio, è la priorità? Attenzione: non si tratta solo di fare assistenza sociale, tanto meno attività politica. Si tratta di offrire la forza del Vangelo di Dio, che converte i cuori, risana le ferite, trasforma i rapporti umani e sociali secondo la logica dell’amore. I poveri, infatti, sono al centro del Vangelo”.

- Advertisement -
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
271FansMi piace
790FollowerSegui
13,000FollowerSegui
572FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO