22.9 C
Rome
mercoledì, 26 Giugno 2019
  • MEDIA

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Media Foto Papa battezza 27 neonati. Ai genitori: trasmettete la fede e non litigate...

Papa battezza 27 neonati. Ai genitori: trasmettete la fede e non litigate davanti ai bambini

Non litigare mai davanti a bambini: genera angoscia

- Advertisement -
Prima che venga studiata al catechismo, la fede va trasmessa dai genitori a casa, con l’esempio e la vita. Lo ricorda il Papa stamani nell’omelia della Messa durante la quale ha amministrato il Battesimo a 27 neonati, 12 bambini e 15 bambine, nella Cappella Sistina. Francesco raccomanda anche ai genitori di non litigare mai davanti ai bambini
 

Debora Donnini – Città del Vaticano

Il compito che oggi ricevete è di trasmettere la fede ai vostri figli. E’ il forte invito che stamani Papa Francesco ha rivolto, nell’omelia a braccio, ai genitori dei 27 neonati a cui impartisce il Sacramento del Battesimo. La sua riflessione ruota sulla trasmissione delle fede ai figli e, in questo – raccomanda – è di aiuto non litigare mai davanti ai bambini, perché genera loro angoscia. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

È proprio in occasione della Festa del Battesimo di Gesù nel Giordano, ad opera di San Giovanni Battista – che chiude del tempo del Natale – che il Papa tradizionalmente battezza alcuni bambini. “Oggi – sottolinea – voi chiedete la fede alla Chiesa per i vostri figli” e loro riceveranno lo Spirito Santo ma la fede poi deve “crescere”:

Sì, quando andranno al catechismo studieranno bene la fede, impareranno la catechesi. Ma prima che studiata, la fede va trasmessa, e questo è un lavoro che tocca a voi. È un compito che voi oggi ricevete: trasmettere la fede, la trasmissione della fede. E questo si fa a casa. Perché la fede sempre va trasmessa “in dialetto”: il dialetto della famiglia, il dialetto della casa, nel clima della casa.

Non litigare mai davanti a bambini: genera angoscia

Come altre volte, il Papa chiede ai genitori di insegnare ai figli a farsi il segno della Croce perché ci sono bambini che non sanno farlo. Poi torna a ribadire l’importanza di trasmettere la fede e di non litigare davanti ai bambini:  

Ma l’importante è trasmettere la fede con la vostra vita di fede: che vedano l’amore dei coniugi, che vedano la pace della casa, che vedano che Gesù è lì. E mi permetto un consiglio – scusatemi, ma io vi consiglio questo –: non litigate mai davanti ai bambini, mai. È normale che gli sposi litighino, è normale. Sarebbe strano il contrario. Fatelo, ma che loro non sentano, che loro non vedano. Voi non sapete l’angoscia che riceve un bambino quando vede litigare i genitori. Questo, mi permetto, è un consiglio che vi aiuterà a trasmettere la fede. È brutto litigare? Non sempre, ma è normale, è normale. Però che i bambini non vedano, non sentano, per l’angoscia.

Quindi, Francesco raccomanda alle mamme di allattare i bambini se hanno fame. Magari piangono per il caldo che sentono o perché hanno fame o per il “pianto preventivo”, perché non sanno cosa succederà, come una difesa:

Io vi dico: che siano comodi. State attenti a non coprirli troppo, e se piangono per fame, allattateli. Alle mamme dico: “Allattate i bambini, tranquille, il Signore vuole quello”. Perché loro – dov’è il pericolo? – che anche hanno una vocazione polifonica. Incomincia a piangere uno, e l’altro gli fa il contrappunto, e l’altro, e poi questo è un coro di pianto. E così andiamo avanti in questa cerimonia in pace con la consapevolezza che tocca a voi la trasmissione della fede.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Papa battezza 27 neonati. Ai genitori: trasmettete la fede e non litigate davanti ai bambini

Non litigare mai davanti a bambini: genera angoscia

  

- Advertisement -
Prima che venga studiata al catechismo, la fede va trasmessa dai genitori a casa, con l’esempio e la vita. Lo ricorda il Papa stamani nell’omelia della Messa durante la quale ha amministrato il Battesimo a 27 neonati, 12 bambini e 15 bambine, nella Cappella Sistina. Francesco raccomanda anche ai genitori di non litigare mai davanti ai bambini
 

Debora Donnini – Città del Vaticano

Il compito che oggi ricevete è di trasmettere la fede ai vostri figli. E’ il forte invito che stamani Papa Francesco ha rivolto, nell’omelia a braccio, ai genitori dei 27 neonati a cui impartisce il Sacramento del Battesimo. La sua riflessione ruota sulla trasmissione delle fede ai figli e, in questo – raccomanda – è di aiuto non litigare mai davanti ai bambini, perché genera loro angoscia. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

È proprio in occasione della Festa del Battesimo di Gesù nel Giordano, ad opera di San Giovanni Battista – che chiude del tempo del Natale – che il Papa tradizionalmente battezza alcuni bambini. “Oggi – sottolinea – voi chiedete la fede alla Chiesa per i vostri figli” e loro riceveranno lo Spirito Santo ma la fede poi deve “crescere”:

Sì, quando andranno al catechismo studieranno bene la fede, impareranno la catechesi. Ma prima che studiata, la fede va trasmessa, e questo è un lavoro che tocca a voi. È un compito che voi oggi ricevete: trasmettere la fede, la trasmissione della fede. E questo si fa a casa. Perché la fede sempre va trasmessa “in dialetto”: il dialetto della famiglia, il dialetto della casa, nel clima della casa.

Non litigare mai davanti a bambini: genera angoscia

Come altre volte, il Papa chiede ai genitori di insegnare ai figli a farsi il segno della Croce perché ci sono bambini che non sanno farlo. Poi torna a ribadire l’importanza di trasmettere la fede e di non litigare davanti ai bambini:  

- Advertisement -

Ma l’importante è trasmettere la fede con la vostra vita di fede: che vedano l’amore dei coniugi, che vedano la pace della casa, che vedano che Gesù è lì. E mi permetto un consiglio – scusatemi, ma io vi consiglio questo –: non litigate mai davanti ai bambini, mai. È normale che gli sposi litighino, è normale. Sarebbe strano il contrario. Fatelo, ma che loro non sentano, che loro non vedano. Voi non sapete l’angoscia che riceve un bambino quando vede litigare i genitori. Questo, mi permetto, è un consiglio che vi aiuterà a trasmettere la fede. È brutto litigare? Non sempre, ma è normale, è normale. Però che i bambini non vedano, non sentano, per l’angoscia.

Quindi, Francesco raccomanda alle mamme di allattare i bambini se hanno fame. Magari piangono per il caldo che sentono o perché hanno fame o per il “pianto preventivo”, perché non sanno cosa succederà, come una difesa:

Io vi dico: che siano comodi. State attenti a non coprirli troppo, e se piangono per fame, allattateli. Alle mamme dico: “Allattate i bambini, tranquille, il Signore vuole quello”. Perché loro – dov’è il pericolo? – che anche hanno una vocazione polifonica. Incomincia a piangere uno, e l’altro gli fa il contrappunto, e l’altro, e poi questo è un coro di pianto. E così andiamo avanti in questa cerimonia in pace con la consapevolezza che tocca a voi la trasmissione della fede.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato di SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
272FansMi piace
799FollowerSegui
13,000FollowerSegui
581FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

La tenerezza nel vangelo di Marco

Teilhard, rivoluzione teologica

Libri consigliati – Dicembre 2018

Vincere ansietà e paure

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO