25.2 C
Rome
mercoledì, 18 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Notizie Papa all’Angelus: regno di Dio dà pace, quelli fondati su armi crollano

Papa all’Angelus: regno di Dio dà pace, quelli fondati su armi crollano

Solo Gesù potrà dare un senso nuovo alla nostra vita

- Advertisement -
All’Angelus Francesco ricorda che la storia insegna come i regni fondati sul potere delle armi e sulla prevaricazione siano fragili e prima o poi crollano. Il regno di Dio invece è fondato sull’amore e si radica nei cuori: solo Gesù, sottolinea, potrà dare un senso nuovo alla nostra vita, a volte messa a dura prova anche da sbagli e peccati, soltanto a condizione che non si seguano le logiche del mondo e dei suoi “re”.
 

Giada Aquilino – Città del Vaticano

È Gesù il “re della nostra vita”, diffondiamo “il suo regno”, dando testimonianza alla verità “che è l’amore”. Così il Papa all’Angelus in una Piazza San Pietro bagnata dalla pioggia, che non ha fermato però il radunarsi dei fedeli (Ascolta il servizio con la voce del Papa).

La storia ci insegna che i regni fondati sul potere delle armi e sulla prevaricazione sono fragili e prima o poi crollano. Ma il regno di Dio è fondato sul suo amore e si radica nei cuori – il regno di Dio si radica nei cuori –, conferendo a chi lo accoglie pace, libertà e pienezza di vita. Tutti noi vogliamo pace, tutti noi vogliamo libertà e vogliamo pienezza. E come si fa? Lascia che l’amore di Dio, il regno di Dio, l’amore di Gesù si radichi nel tuo cuore e avrai pace, avrai libertà e avrai pienezza.

Il regno eterno di Cristo

Francesco riflette sull’odierna solennità di Gesù Cristo Re dell’universo, posta al termine dell’anno liturgico, che ricorda come la vita del creato proceda verso la “meta finale” che è “la manifestazione definitiva di Cristo”: la conclusione della storia sarà – spiega – “il suo regno eterno”. Il Pontefice si riallaccia al brano evangelico di Giovanni che racconta la “situazione umiliante” di Gesù dopo l’arresto nel Getsemani: condotto a forza dinanzi alle autorità di Gerusalemme, viene presentato al procuratore romano “come uno che attenta al potere politico, a diventare il re dei giudei”. A Pilato Gesù spiega come il suo regno non sia “di questo mondo”, affermando: “Tu lo dici: io sono re”.

È evidente da tutta la sua vita che Gesù non ha ambizioni politiche. Dopo la moltiplicazione dei pani, la gente, entusiasta del miracolo, avrebbe voluto proclamarlo re, per rovesciare il potere romano e ristabilire il regno d’Israele. Ma per Gesù il regno è un’altra cosa, e non si realizza certo con la rivolta, la violenza e la forza delle armi.

Amore e testimonianza di verità

Rispondendo ancora a Pilato, Gesù – osserva il Papa – gli fa notare come i suoi discepoli non abbiano combattuto per difenderlo.

Gesù vuole far capire che al di sopra del potere politico ce n’è un altro molto più grande, che non si consegue con mezzi umani. Lui è venuto sulla terra per esercitare questo potere, che è l’amore, rendendo testimonianza alla verità.

Regno di amore, giustizia e pace

Si tratta, spiega Francesco, della “verità divina” che è il messaggio essenziale del Vangelo, “Dio è amore” – come riporta l’evangelista Giovanni – e vuole “stabilire nel mondo il suo regno di amore, di giustizia e di pace”. Questo è, dunque, “il regno di cui Gesù è il re”, che si estende “fino alla fine dei tempi”. È proprio Gesù, dice il Papa, a chiederci oggi di “lasciare che Lui diventi il nostro re”.

Un re che con la sua parola, il suo esempio e la sua vita immolata sulla croce ci ha salvato dalla morte, indica questo re la strada all’uomo smarrito, dà luce nuova alla nostra esistenza segnata dal dubbio, dalla paura e dalle prove di ogni giorno. Ma non dobbiamo dimenticare che il regno di Gesù non è di questo mondo. Egli potrà dare un senso nuovo alla nostra vita, a volte messa a dura prova anche dai nostri sbagli e dai nostri peccati, soltanto a condizione che noi non seguiamo le logiche del mondo e dei suoi “re”.

I saluti dopo la preghiera mariana

Nei saluti finali, Francesco ricorda tra gli altri i partecipanti al Congresso sulla fertilità, promosso dall’Università Cattolica del Sacro Cuore nel 50° anniversario dell’Enciclica Humanae vitae di San Paolo VI. E, prima di accomiatarsi, definisce i presenti “coraggiosi” perché arrivati in Piazza sotto la pioggia.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Papa all’Angelus: regno di Dio dà pace, quelli fondati su armi crollano

Solo Gesù potrà dare un senso nuovo alla nostra vita

  

- Advertisement -
All’Angelus Francesco ricorda che la storia insegna come i regni fondati sul potere delle armi e sulla prevaricazione siano fragili e prima o poi crollano. Il regno di Dio invece è fondato sull’amore e si radica nei cuori: solo Gesù, sottolinea, potrà dare un senso nuovo alla nostra vita, a volte messa a dura prova anche da sbagli e peccati, soltanto a condizione che non si seguano le logiche del mondo e dei suoi “re”.
 

Giada Aquilino – Città del Vaticano

È Gesù il “re della nostra vita”, diffondiamo “il suo regno”, dando testimonianza alla verità “che è l’amore”. Così il Papa all’Angelus in una Piazza San Pietro bagnata dalla pioggia, che non ha fermato però il radunarsi dei fedeli (Ascolta il servizio con la voce del Papa).

La storia ci insegna che i regni fondati sul potere delle armi e sulla prevaricazione sono fragili e prima o poi crollano. Ma il regno di Dio è fondato sul suo amore e si radica nei cuori – il regno di Dio si radica nei cuori –, conferendo a chi lo accoglie pace, libertà e pienezza di vita. Tutti noi vogliamo pace, tutti noi vogliamo libertà e vogliamo pienezza. E come si fa? Lascia che l’amore di Dio, il regno di Dio, l’amore di Gesù si radichi nel tuo cuore e avrai pace, avrai libertà e avrai pienezza.

Il regno eterno di Cristo

Francesco riflette sull’odierna solennità di Gesù Cristo Re dell’universo, posta al termine dell’anno liturgico, che ricorda come la vita del creato proceda verso la “meta finale” che è “la manifestazione definitiva di Cristo”: la conclusione della storia sarà – spiega – “il suo regno eterno”. Il Pontefice si riallaccia al brano evangelico di Giovanni che racconta la “situazione umiliante” di Gesù dopo l’arresto nel Getsemani: condotto a forza dinanzi alle autorità di Gerusalemme, viene presentato al procuratore romano “come uno che attenta al potere politico, a diventare il re dei giudei”. A Pilato Gesù spiega come il suo regno non sia “di questo mondo”, affermando: “Tu lo dici: io sono re”.

È evidente da tutta la sua vita che Gesù non ha ambizioni politiche. Dopo la moltiplicazione dei pani, la gente, entusiasta del miracolo, avrebbe voluto proclamarlo re, per rovesciare il potere romano e ristabilire il regno d’Israele. Ma per Gesù il regno è un’altra cosa, e non si realizza certo con la rivolta, la violenza e la forza delle armi.

Amore e testimonianza di verità

- Advertisement -

Rispondendo ancora a Pilato, Gesù – osserva il Papa – gli fa notare come i suoi discepoli non abbiano combattuto per difenderlo.

Gesù vuole far capire che al di sopra del potere politico ce n’è un altro molto più grande, che non si consegue con mezzi umani. Lui è venuto sulla terra per esercitare questo potere, che è l’amore, rendendo testimonianza alla verità.

Regno di amore, giustizia e pace

Si tratta, spiega Francesco, della “verità divina” che è il messaggio essenziale del Vangelo, “Dio è amore” – come riporta l’evangelista Giovanni – e vuole “stabilire nel mondo il suo regno di amore, di giustizia e di pace”. Questo è, dunque, “il regno di cui Gesù è il re”, che si estende “fino alla fine dei tempi”. È proprio Gesù, dice il Papa, a chiederci oggi di “lasciare che Lui diventi il nostro re”.

Un re che con la sua parola, il suo esempio e la sua vita immolata sulla croce ci ha salvato dalla morte, indica questo re la strada all’uomo smarrito, dà luce nuova alla nostra esistenza segnata dal dubbio, dalla paura e dalle prove di ogni giorno. Ma non dobbiamo dimenticare che il regno di Gesù non è di questo mondo. Egli potrà dare un senso nuovo alla nostra vita, a volte messa a dura prova anche dai nostri sbagli e dai nostri peccati, soltanto a condizione che noi non seguiamo le logiche del mondo e dei suoi “re”.

I saluti dopo la preghiera mariana

Nei saluti finali, Francesco ricorda tra gli altri i partecipanti al Congresso sulla fertilità, promosso dall’Università Cattolica del Sacro Cuore nel 50° anniversario dell’Enciclica Humanae vitae di San Paolo VI. E, prima di accomiatarsi, definisce i presenti “coraggiosi” perché arrivati in Piazza sotto la pioggia.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Le 110 parabole di papa Francesco

Teilhard, rivoluzione teologica

Lo scandalo della tenerezza

12 storie di ordinaria santità

Teologia spirituale

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO