25.6 C
Rome
domenica, 25 Agosto 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Papa al Patriarca Neofit: nelle lacerazioni della Chiesa si trovi la gioia...

Papa al Patriarca Neofit: nelle lacerazioni della Chiesa si trovi la gioia del perdono

Nel suo discorso, il Pontefice ricorda l’ecumenismo del sangue, del povero e della missione, invitando a seguire il cammino indicato dai Santi Cirillo e Metodio, patroni d’Europa

- Advertisement -
Presso il Palazzo del Sinodo, sede del patriarcato della Chiesa ortodossa bulgara, l’incontro tra Papa Francesco e Sua Santità Neofit, Patriarca di tutta la Bulgaria. Nel suo discorso, il Pontefice ricorda l’ecumenismo del sangue, del povero e della missione, invitando a seguire il cammino indicato dai Santi Cirillo e Metodio, patroni d’Europa
 

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

“Cristo è risorto”. Francesco pronuncia il saluto pasquale in lingua slava; un saluto che è gioia, la stessa che prova nell’incontro con il Patriarca Neofit, nella sede del Sinodo. Prima del suo discorso, il Pontefice e il Metropolita di Sofia si vedono privatamente con i membri del Santo Sinodo e con la delegazione vaticana.

Le lacerazioni dolorose

Le prime parole di Francesco non nascondono però le ferite che la Chiesa vive e che solo il balsamo del perdono, alimentato dal riconoscere le proprie mancanze, potrà lenire. (Ascolta qui il servizio con le parole del Papa)

Le ferite che lungo la storia si sono aperte tra noi cristiani sono lacerazioni dolorose inferte al Corpo di Cristo che è la Chiesa. Ancora oggi ne tocchiamo con mano le conseguenze. Ma forse, se mettiamo insieme la mano in queste ferite e confessiamo che Gesù è risorto, e lo proclamiamo nostro Signore e nostro Dio, se nel riconoscere le nostre mancanze ci immergiamo nelle sue ferite d’amore, possiamo ritrovare la gioia del perdono e pregustare il giorno in cui, con l’aiuto di Dio, potremo celebrare allo stesso altare il mistero pasquale.

Ecumenismo del sangue

Eppure in questo cammino si incontrano “i testimoni della Pasqua”, coloro che non hanno rinunciato a vivere profondamente la fede pur in tempo di persecuzione, lasciandosi invadere dal profumo di Dio; dal profumo delle rose che in Bulgaria sono il simbolo del Paese. Testimoni di diverse confessioni che guardano anche a quanti oggi soffrono ancora nel nome di Cristo e che hanno seminato in un terreno fertile con radici profonde nel monachesimo.

Quanti cristiani in questo Paese hanno patito sofferenze per il nome di Gesù, in particolare durante la persecuzione del secolo scorso! L’ecumenismo del sangue! Essi hanno diffuso un profumo soave nella “Terra delle rose”. Sono passati attraverso le spine della prova per spandere la fragranza del Vangelo…Credo che questi testimoni della Pasqua, fratelli e sorelle di diverse confessioni uniti in Cielo dalla carità divina, ora guardino a noi come a semi piantati in terra per dare frutto. E mentre tanti altri fratelli e sorelle nel mondo continuano a soffrire a causa della fede, chiedono a noi di non rimanere chiusi, ma di aprirci, perché solo così i semi portano frutto.

Ecumenismo del povero

Francesco dice di provare “la nostalgia del fratello”, la “salutare nostalgia per l’unità tra i figli dello stesso Padre” che Giovanni XXIII sentì nel suo decennio trascorso a Sofia come Delegato Apostolico. Nel cuore del Papa anche l’incontro nel 2002 di Giovanni Paolo II e il Patriarca Maxim che segnò la prima visita di un Pontefice in Bulgaria. Francesco non manca di ricordare i tanti contatti tra il Vaticano e le delegazioni bulgare.

Sono fiducioso che, con l’aiuto di Dio e nei tempi che la Provvidenza disporrà, tali contatti potranno incidere positivamente su tanti altri aspetti del nostro dialogo. Intanto siamo chiamati a camminare e fare insieme per dare testimonianza al Signore, in particolare servendo i fratelli più poveri e dimenticati, nei quali Egli è presente. L’ecumenismo del povero.  

Fedeli al primo annuncio, simboli di comunione, bizantini audaci perché tradussero la Bibbia in lingua salva sono Cirillo e Metodio, “i santi che ci hanno legati sin dal primo millennio – dice Papa Francesco – e la cui memoria viva nelle nostre Chiese rimane come fonte di ispirazione”. Una luce anche oggi dinanzi alla trasmissione della fede alle nuove generazioni “secondo linguaggi e forme che permettano ai giovani di sperimentare la gioia di un Dio che li ama e li chiama”. Modi diversi per non lasciarli tentare dalle “sirene ingannevoli della società dei consumi”.

Missione e comunione: due parole sempre declinate nella vita dei due Santi e che possono illuminare il nostro cammino per crescere in fraternità. L’ecumenismo della missione. Il loro coraggioso apostolato rimane per tutti un modello di evangelizzazione.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Papa al Patriarca Neofit: nelle lacerazioni della Chiesa si trovi la gioia del perdono

Nel suo discorso, il Pontefice ricorda l’ecumenismo del sangue, del povero e della missione, invitando a seguire il cammino indicato dai Santi Cirillo e Metodio, patroni d’Europa

  

- Advertisement -
Presso il Palazzo del Sinodo, sede del patriarcato della Chiesa ortodossa bulgara, l’incontro tra Papa Francesco e Sua Santità Neofit, Patriarca di tutta la Bulgaria. Nel suo discorso, il Pontefice ricorda l’ecumenismo del sangue, del povero e della missione, invitando a seguire il cammino indicato dai Santi Cirillo e Metodio, patroni d’Europa
 

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

“Cristo è risorto”. Francesco pronuncia il saluto pasquale in lingua slava; un saluto che è gioia, la stessa che prova nell’incontro con il Patriarca Neofit, nella sede del Sinodo. Prima del suo discorso, il Pontefice e il Metropolita di Sofia si vedono privatamente con i membri del Santo Sinodo e con la delegazione vaticana.

Le lacerazioni dolorose

Le prime parole di Francesco non nascondono però le ferite che la Chiesa vive e che solo il balsamo del perdono, alimentato dal riconoscere le proprie mancanze, potrà lenire. (Ascolta qui il servizio con le parole del Papa)

Le ferite che lungo la storia si sono aperte tra noi cristiani sono lacerazioni dolorose inferte al Corpo di Cristo che è la Chiesa. Ancora oggi ne tocchiamo con mano le conseguenze. Ma forse, se mettiamo insieme la mano in queste ferite e confessiamo che Gesù è risorto, e lo proclamiamo nostro Signore e nostro Dio, se nel riconoscere le nostre mancanze ci immergiamo nelle sue ferite d’amore, possiamo ritrovare la gioia del perdono e pregustare il giorno in cui, con l’aiuto di Dio, potremo celebrare allo stesso altare il mistero pasquale.

Ecumenismo del sangue

Eppure in questo cammino si incontrano “i testimoni della Pasqua”, coloro che non hanno rinunciato a vivere profondamente la fede pur in tempo di persecuzione, lasciandosi invadere dal profumo di Dio; dal profumo delle rose che in Bulgaria sono il simbolo del Paese. Testimoni di diverse confessioni che guardano anche a quanti oggi soffrono ancora nel nome di Cristo e che hanno seminato in un terreno fertile con radici profonde nel monachesimo.

- Advertisement -

Quanti cristiani in questo Paese hanno patito sofferenze per il nome di Gesù, in particolare durante la persecuzione del secolo scorso! L’ecumenismo del sangue! Essi hanno diffuso un profumo soave nella “Terra delle rose”. Sono passati attraverso le spine della prova per spandere la fragranza del Vangelo…Credo che questi testimoni della Pasqua, fratelli e sorelle di diverse confessioni uniti in Cielo dalla carità divina, ora guardino a noi come a semi piantati in terra per dare frutto. E mentre tanti altri fratelli e sorelle nel mondo continuano a soffrire a causa della fede, chiedono a noi di non rimanere chiusi, ma di aprirci, perché solo così i semi portano frutto.

Ecumenismo del povero

Francesco dice di provare “la nostalgia del fratello”, la “salutare nostalgia per l’unità tra i figli dello stesso Padre” che Giovanni XXIII sentì nel suo decennio trascorso a Sofia come Delegato Apostolico. Nel cuore del Papa anche l’incontro nel 2002 di Giovanni Paolo II e il Patriarca Maxim che segnò la prima visita di un Pontefice in Bulgaria. Francesco non manca di ricordare i tanti contatti tra il Vaticano e le delegazioni bulgare.

Sono fiducioso che, con l’aiuto di Dio e nei tempi che la Provvidenza disporrà, tali contatti potranno incidere positivamente su tanti altri aspetti del nostro dialogo. Intanto siamo chiamati a camminare e fare insieme per dare testimonianza al Signore, in particolare servendo i fratelli più poveri e dimenticati, nei quali Egli è presente. L’ecumenismo del povero.  

Fedeli al primo annuncio, simboli di comunione, bizantini audaci perché tradussero la Bibbia in lingua salva sono Cirillo e Metodio, “i santi che ci hanno legati sin dal primo millennio – dice Papa Francesco – e la cui memoria viva nelle nostre Chiese rimane come fonte di ispirazione”. Una luce anche oggi dinanzi alla trasmissione della fede alle nuove generazioni “secondo linguaggi e forme che permettano ai giovani di sperimentare la gioia di un Dio che li ama e li chiama”. Modi diversi per non lasciarli tentare dalle “sirene ingannevoli della società dei consumi”.

Missione e comunione: due parole sempre declinate nella vita dei due Santi e che possono illuminare il nostro cammino per crescere in fraternità. L’ecumenismo della missione. Il loro coraggioso apostolato rimane per tutti un modello di evangelizzazione.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
845FollowerSegui
13,000FollowerSegui
598FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO