20.3 C
Rome
venerdì, 20 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Giovani Il Papa affida a 15 giovani i testi per la Via Crucis

Il Papa affida a 15 giovani i testi per la Via Crucis

Via Crucis al Colosseo

- Advertisement -

Sotto la regia del professore Monda, i liceali hanno preparato le meditazioni per il Venerdì Santo. Vediamo come si è arrivati a questa scelta innovativa, che ricorda quella di Benedetto nel 2013

Papa Francesco ha affidato quest’anno la preparazione dei testi per la Via Crucis del Venerdì Santo, presieduta dal Pontefice al Colosseo, a un gruppo di giovani studenti, coordinati dal professor Andrea Monda, scrittore, saggista e docente di religione al liceo classico “Pilo Albertelli” di Roma. Lo stesso Monda li ha selezionati tra i suoi alunni ed ex alunni.

“Un’altra idea eccezionale”

«Ho ricevuto una telefonata direttamente dal cardinale Gianfranco Ravasi che mi conosce da tempo. Mi ha detto che il Papa essendo l’anno dei giovani aveva avuto l’idea di far scrivere ai ragazzi le meditazioni della Via Crucis. Questa è veramente un’altra idea eccezionale di questo Papa. Il lavoro lo hanno fatto i ragazzi, io ho solo fatto da coordinatore. È emerso un lavoro corale», ha raccontato il professore in un’ intervista al Tg2000, il telegiornale di Tv2000.

© ANDREA MONDA / FACEBOOK

Dai migranti agli smartphone

«Sono 14 sguardi diversi – ha sottolineato Monda – accomunati dai sentimenti e i desideri della fascia di età dai 20 ai 25 anni. Lo sguardo è simile ma ciascuno ha la propria particolarità che parte dall’esperienza quotidiana. C’è chi si è riferito al tema dei migranti, guardando Cristo rifiutato e chi ha parlato della tecnologia e dei telefonini» (Il Sole 24 Ore, 9 marzo).

Ognuno ha espresso, racconta il professore, «ciò che scaturiva dal proprio cuore». «C’è chi si è sentito più toccato dal brano della Veronica, chi dal Cireneo, e così l’assegnazione delle stazioni è stata semplice».

I commenti dei giovani autori

«Ho riflettuto su Gesù davanti a Pilato e sulla folla che lo condanna e predilige Barabba», ha raccontato Valerio De Felice che ha meditato la prima stazione, «In quella folla c’è una “non decisione”, una responsabilità diffusa dove si perde la volontà del singolo. È la decisione che in realtà spesso preferiamo adottare perché ci manca il coraggio di esprimere ciò che realmente pensiamo».

Marta Croppo si è soffermata sulla morte di Gesù. Nel suo commento alla XIV stazione, sottolinea che Gesù nel sepolcro insegna ad entrare dentro se stessi, «nel proprio sepolcro, dove spesso non si ha il coraggio di scendere», in quell’interiorità che solo Cristo può vedere e può sondare. Scrivere le meditazioni per la Via Crucis al Colosseo insieme ad altri coetanei? Per Marta Croppo è «un’esperienza che fa scoprire la bellezza della fede condivisa» (Vatican News, 9 marzo).

Leggi anche: Meditare la Via Crucis per rivivere l’evento che ha cambiato la storia dell’umanità

Lavoro decisamente “social”

«Durante il lavoro di coordinamento – sottolinea, infine, Monda – ho apprezzato diversi aspetti positivi insiti nella proposta del Papa: chi meditava erano dei giovani, in alcuni casi dei millennials, e questo lo si percepiva dai testi che mi arrivavano per mail o su Facebook o tramite Whatsapp, ed erano tanti, ben 15 giovani simili ma diversi tra loro».

E così il mondo intero, il 30 marzo, Venerdì Santo, ascolterà i lavori di Maria, Margherita, Valerio, Agnese, Greta, Francesco, Chiara, Marta… e tutti gli altri.

Leggi anche: 23 cose che possiamo fare il Venerdì santo per ricordare la Passione di Cristo

L’esperimento di Benedetto

Cinque anni fa, prima delle dimissioni, Benedetto XVI aveva chiesto che a dar voce alle meditazioni della Via Crucis fossero dei giovani libanesi, che, sotto la guida del patriarca di Antiochia dei maroniti, il cardinale Béchara Boutros Raï, hanno manifestato le ansie e le attese dei popoli del Medio Oriente.

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Il Papa affida a 15 giovani i testi per la Via Crucis

Via Crucis al Colosseo

  

- Advertisement -

Sotto la regia del professore Monda, i liceali hanno preparato le meditazioni per il Venerdì Santo. Vediamo come si è arrivati a questa scelta innovativa, che ricorda quella di Benedetto nel 2013

Papa Francesco ha affidato quest’anno la preparazione dei testi per la Via Crucis del Venerdì Santo, presieduta dal Pontefice al Colosseo, a un gruppo di giovani studenti, coordinati dal professor Andrea Monda, scrittore, saggista e docente di religione al liceo classico “Pilo Albertelli” di Roma. Lo stesso Monda li ha selezionati tra i suoi alunni ed ex alunni.

“Un’altra idea eccezionale”

«Ho ricevuto una telefonata direttamente dal cardinale Gianfranco Ravasi che mi conosce da tempo. Mi ha detto che il Papa essendo l’anno dei giovani aveva avuto l’idea di far scrivere ai ragazzi le meditazioni della Via Crucis. Questa è veramente un’altra idea eccezionale di questo Papa. Il lavoro lo hanno fatto i ragazzi, io ho solo fatto da coordinatore. È emerso un lavoro corale», ha raccontato il professore in un’ intervista al Tg2000, il telegiornale di Tv2000.

© ANDREA MONDA / FACEBOOK
- Advertisement -

Dai migranti agli smartphone

«Sono 14 sguardi diversi – ha sottolineato Monda – accomunati dai sentimenti e i desideri della fascia di età dai 20 ai 25 anni. Lo sguardo è simile ma ciascuno ha la propria particolarità che parte dall’esperienza quotidiana. C’è chi si è riferito al tema dei migranti, guardando Cristo rifiutato e chi ha parlato della tecnologia e dei telefonini» (Il Sole 24 Ore, 9 marzo).

Ognuno ha espresso, racconta il professore, «ciò che scaturiva dal proprio cuore». «C’è chi si è sentito più toccato dal brano della Veronica, chi dal Cireneo, e così l’assegnazione delle stazioni è stata semplice».

I commenti dei giovani autori

«Ho riflettuto su Gesù davanti a Pilato e sulla folla che lo condanna e predilige Barabba», ha raccontato Valerio De Felice che ha meditato la prima stazione, «In quella folla c’è una “non decisione”, una responsabilità diffusa dove si perde la volontà del singolo. È la decisione che in realtà spesso preferiamo adottare perché ci manca il coraggio di esprimere ciò che realmente pensiamo».

Marta Croppo si è soffermata sulla morte di Gesù. Nel suo commento alla XIV stazione, sottolinea che Gesù nel sepolcro insegna ad entrare dentro se stessi, «nel proprio sepolcro, dove spesso non si ha il coraggio di scendere», in quell’interiorità che solo Cristo può vedere e può sondare. Scrivere le meditazioni per la Via Crucis al Colosseo insieme ad altri coetanei? Per Marta Croppo è «un’esperienza che fa scoprire la bellezza della fede condivisa» (Vatican News, 9 marzo).

Leggi anche: Meditare la Via Crucis per rivivere l’evento che ha cambiato la storia dell’umanità

Lavoro decisamente “social”

«Durante il lavoro di coordinamento – sottolinea, infine, Monda – ho apprezzato diversi aspetti positivi insiti nella proposta del Papa: chi meditava erano dei giovani, in alcuni casi dei millennials, e questo lo si percepiva dai testi che mi arrivavano per mail o su Facebook o tramite Whatsapp, ed erano tanti, ben 15 giovani simili ma diversi tra loro».

E così il mondo intero, il 30 marzo, Venerdì Santo, ascolterà i lavori di Maria, Margherita, Valerio, Agnese, Greta, Francesco, Chiara, Marta… e tutti gli altri.

Leggi anche: 23 cose che possiamo fare il Venerdì santo per ricordare la Passione di Cristo

L’esperimento di Benedetto

Cinque anni fa, prima delle dimissioni, Benedetto XVI aveva chiesto che a dar voce alle meditazioni della Via Crucis fossero dei giovani libanesi, che, sotto la guida del patriarca di Antiochia dei maroniti, il cardinale Béchara Boutros Raï, hanno manifestato le ansie e le attese dei popoli del Medio Oriente.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Dell’essere e dell’amore

L’ateismo interroga la fede

Il “counseling” pastorale

Le lettere di Paolo

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO