13.7 C
Rome
giovedì, 17 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Papa a Santa Marta: non dimenticare quello che il Signore ha fatto...

Papa a Santa Marta: non dimenticare quello che il Signore ha fatto nella nostra vita

Così stamani il Papa alla Messa a Casa Santa Marta

- Advertisement -
Custodire la memoria della storia della salvezza. Quando ci si volge indietro, si rischia di avere “un cuore senza bussola”. Così stamani il Papa alla Messa a Casa Santa Marta
 

Debora Donnini – Città del vaticano

La riflessione di Papa Francesco stamani nell’omelia della Messa a Casa Santa Marta parte dalla Prima Lettura di oggi, tratta dal Libro del Deuteronomio (Dt 30,15-20). Si tratta di una parte del discorso che Mosè fa al popolo per prepararlo ad entrare nella Terra promessa, ponendolo davanti ad una sfida che è anche scelta fra la vita e la morte. “E’ un appello alla nostra libertà”, spiega il Papa soffermandosi in particolare su tre parole-chiave di Mosè: se “il tuo cuore si volge indietro”, “se tu non ascolti” – seconda parola – “e ti lasci trascinare a prostrarti davanti ad altri dei”.

Quando il cuore si volge indietro, quando prende una strada che non è quella giusta – sia indietro sia un’altra strada, ma non va per la strada giusta –, perde l’orientamento, perde la bussola, con la quale deve andare avanti. E un cuore senza bussola è un pericolo pubblico: è un pericolo per la persona e per gli altri. E un cuore prende questa strada sbagliata quando non ascolta, quando si lascia trascinare, portare dagli dei, quando diventa idolatra.

Ma noi non siamo capaci di ascoltare, “tanti sordi nell’anima”. “Anche noi in qualche momento diventiamo sordi nell’anima, non ascoltiamo il Signore”, ribadisce il Papa che mette in guardia anche dai “fuochi di artificio” che ci richiamano, “gli dei falsi” che chiamano verso un’idolatria. Questo è il pericolo lungo la strada, “verso la terra che a tutti noi è stata promessa: la terra dell’incontro con Cristo risorto”.

E “la Quaresima ci aiuta ad andare su questa strada”, afferma il Papa ricordando che “non ascoltare il Signore” e le promesse che ci ha fatto, è perdere la memoria: è quando si perde “la memoria delle grandi cose che il Signore ha fatto nella nostra vita, che ha fatto nella sua Chiesa, nel suo popolo, e ci abituiamo ad andare noi, con le nostre forze”, con la nostra autosufficienza. Francesco esorta quindi a iniziare la Quaresima chiedendo “la grazia della memoria”. Poi, riprende il discorso che Mosè ha rivolto al popolo poco prima, quando, appunto, lo ha esortato, una volta arrivato a “quella terra” che non ha conquistato, quando avrà mangiato del grano che non ha seminato, a ricordarsi di “tutto il cammino” che il Signore gli ha fatto fare. Ma quando stiamo bene, abbiamo tutto a portata di mano, “spiritualmente andiamo bene”, c’è pericolo di perdere “la memoria del cammino”.

Il benessere, anche il benessere spirituale ha questo pericolo: il pericolo di cadere in una certa amnesia, una mancanza di memoria: sto bene così e mi dimentico di quello che ha fatto il Signore nella mia vita, di tutte le grazie che ci ha dato e credo che è merito mio e vado avanti così. E lì il cuore incomincia ad andare indietro, perché non ascolta la voce del proprio cuore: la memoria. La grazia della memoria.

Richiamato, poi, anche un passo della Lettera agli Ebrei che sembra seguire lo stesso schema, nel quale si esorta a ricordare “i primi giorni”. “Perdere la memoria è molto comune”, sottolinea il Pontefice: “anche il popolo di Israele ha perso la memoria”, perché in questo dimenticare c’è qualcosa di selettivo: “ricordo quello che mi conviene adesso e non ricordo qualcosa che mi minaccia”. Ad esempio il popolo ricordava nel deserto che Dio lo aveva salvato, “non poteva dimenticarlo”. Ma cominciò a lamentarsi per la mancanza di acqua e carne “e a pensare alle cose che aveva in Egitto”, come le cipolle. Il Papa nota che però si tratta di qualcosa di “selettivo” perché si dimentica che tutte queste cose le mangiavano nella “tavola della schiavitù”. Viene quindi ribadito l’invito alla memoria che ci mette sulla strada giusta. Bisogna “ricordare per andare avanti; non perdere la storia: la storia della salvezza, la storia della mia vita, la storia di Gesù con me”. E non fermarsi, non tornare indietro, non lasciarci trascinare dagli idoli. L’idolatria infatti “non è soltanto andare in un tempio pagano ed adorare una statua”.

L’idolatria è un atteggiamento del cuore, quando tu preferisci questo perché è più comodo per me e non il Signore perché hai dimenticato il Signore. All’inizio della Quaresima ci farà bene a tutti chiedere la grazia di custodire la memoria, custodire la memoria di tutto il Signore, di tutto quello che il Signore ha fatto nella mia vita: come mi ha voluto bene, come mi ha amato. E dal quel ricordo, continuare ad andare avanti. E ci farà anche bene ripetere continuamente il consiglio di Paolo a Timoteo, il suo amato discepolo: “Ricordati di Gesù Cristo risorto dai morti”. Ripeto: “Ricordati di Gesù Cristo risorto”, ricordati di Gesù, Gesù che mi ha accompagnato fino ad adesso e che mi accompagnerà fino al momento nel quale devo comparire davanti a Lui glorioso. Il Signore ci dia questa grazia di custodire la memoria.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Papa a Santa Marta: non dimenticare quello che il Signore ha fatto nella nostra vita

Così stamani il Papa alla Messa a Casa Santa Marta

  

- Advertisement -
Custodire la memoria della storia della salvezza. Quando ci si volge indietro, si rischia di avere “un cuore senza bussola”. Così stamani il Papa alla Messa a Casa Santa Marta
 

Debora Donnini – Città del vaticano

La riflessione di Papa Francesco stamani nell’omelia della Messa a Casa Santa Marta parte dalla Prima Lettura di oggi, tratta dal Libro del Deuteronomio (Dt 30,15-20). Si tratta di una parte del discorso che Mosè fa al popolo per prepararlo ad entrare nella Terra promessa, ponendolo davanti ad una sfida che è anche scelta fra la vita e la morte. “E’ un appello alla nostra libertà”, spiega il Papa soffermandosi in particolare su tre parole-chiave di Mosè: se “il tuo cuore si volge indietro”, “se tu non ascolti” – seconda parola – “e ti lasci trascinare a prostrarti davanti ad altri dei”.

Quando il cuore si volge indietro, quando prende una strada che non è quella giusta – sia indietro sia un’altra strada, ma non va per la strada giusta –, perde l’orientamento, perde la bussola, con la quale deve andare avanti. E un cuore senza bussola è un pericolo pubblico: è un pericolo per la persona e per gli altri. E un cuore prende questa strada sbagliata quando non ascolta, quando si lascia trascinare, portare dagli dei, quando diventa idolatra.

Ma noi non siamo capaci di ascoltare, “tanti sordi nell’anima”. “Anche noi in qualche momento diventiamo sordi nell’anima, non ascoltiamo il Signore”, ribadisce il Papa che mette in guardia anche dai “fuochi di artificio” che ci richiamano, “gli dei falsi” che chiamano verso un’idolatria. Questo è il pericolo lungo la strada, “verso la terra che a tutti noi è stata promessa: la terra dell’incontro con Cristo risorto”.

E “la Quaresima ci aiuta ad andare su questa strada”, afferma il Papa ricordando che “non ascoltare il Signore” e le promesse che ci ha fatto, è perdere la memoria: è quando si perde “la memoria delle grandi cose che il Signore ha fatto nella nostra vita, che ha fatto nella sua Chiesa, nel suo popolo, e ci abituiamo ad andare noi, con le nostre forze”, con la nostra autosufficienza. Francesco esorta quindi a iniziare la Quaresima chiedendo “la grazia della memoria”. Poi, riprende il discorso che Mosè ha rivolto al popolo poco prima, quando, appunto, lo ha esortato, una volta arrivato a “quella terra” che non ha conquistato, quando avrà mangiato del grano che non ha seminato, a ricordarsi di “tutto il cammino” che il Signore gli ha fatto fare. Ma quando stiamo bene, abbiamo tutto a portata di mano, “spiritualmente andiamo bene”, c’è pericolo di perdere “la memoria del cammino”.

- Advertisement -

Il benessere, anche il benessere spirituale ha questo pericolo: il pericolo di cadere in una certa amnesia, una mancanza di memoria: sto bene così e mi dimentico di quello che ha fatto il Signore nella mia vita, di tutte le grazie che ci ha dato e credo che è merito mio e vado avanti così. E lì il cuore incomincia ad andare indietro, perché non ascolta la voce del proprio cuore: la memoria. La grazia della memoria.

Richiamato, poi, anche un passo della Lettera agli Ebrei che sembra seguire lo stesso schema, nel quale si esorta a ricordare “i primi giorni”. “Perdere la memoria è molto comune”, sottolinea il Pontefice: “anche il popolo di Israele ha perso la memoria”, perché in questo dimenticare c’è qualcosa di selettivo: “ricordo quello che mi conviene adesso e non ricordo qualcosa che mi minaccia”. Ad esempio il popolo ricordava nel deserto che Dio lo aveva salvato, “non poteva dimenticarlo”. Ma cominciò a lamentarsi per la mancanza di acqua e carne “e a pensare alle cose che aveva in Egitto”, come le cipolle. Il Papa nota che però si tratta di qualcosa di “selettivo” perché si dimentica che tutte queste cose le mangiavano nella “tavola della schiavitù”. Viene quindi ribadito l’invito alla memoria che ci mette sulla strada giusta. Bisogna “ricordare per andare avanti; non perdere la storia: la storia della salvezza, la storia della mia vita, la storia di Gesù con me”. E non fermarsi, non tornare indietro, non lasciarci trascinare dagli idoli. L’idolatria infatti “non è soltanto andare in un tempio pagano ed adorare una statua”.

L’idolatria è un atteggiamento del cuore, quando tu preferisci questo perché è più comodo per me e non il Signore perché hai dimenticato il Signore. All’inizio della Quaresima ci farà bene a tutti chiedere la grazia di custodire la memoria, custodire la memoria di tutto il Signore, di tutto quello che il Signore ha fatto nella mia vita: come mi ha voluto bene, come mi ha amato. E dal quel ricordo, continuare ad andare avanti. E ci farà anche bene ripetere continuamente il consiglio di Paolo a Timoteo, il suo amato discepolo: “Ricordati di Gesù Cristo risorto dai morti”. Ripeto: “Ricordati di Gesù Cristo risorto”, ricordati di Gesù, Gesù che mi ha accompagnato fino ad adesso e che mi accompagnerà fino al momento nel quale devo comparire davanti a Lui glorioso. Il Signore ci dia questa grazia di custodire la memoria.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
603FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Libri Consigliati – Luglio 2018

Le tre lettere di Giovanni

“Non fare come gli ipocriti”

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO