4.9 C
Rome
Mer, 11 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Papa a autorità: famiglia, migrazioni e piaga degli abusi. Mai dimenticare il...

Papa a autorità: famiglia, migrazioni e piaga degli abusi. Mai dimenticare il Vangelo

I primi atti ufficiali del 24esimo viaggio apostolico di Francesco in Irlanda

- Advertisement -
La visita al Presidente Higgins, l’incontro con le autorità: i primi atti ufficiali del 24esimo viaggio apostolico di Francesco in Irlanda. Misure efficaci per debellare il crimine ripugnante dell’abuso sui minori, crisi migratoria, difesa della vita e della famiglia, pace duratura nel Paese, i temi al centro del primo discorso
 

Cecilia Seppia – Città del Vaticano

E’ il capo di Stato Michael Higgins con la moglie Sabine Coyne ad accogliere il Papa dopo 40 anni dalla visita di San Giovanni Paolo II. Alle 11.15 ora locale, Francesco arriva nella Residenza presidenziale, conosciuta anche come la “Casa Bianca” d’Irlanda. Gli inni, gli onori alle bandiere, il saluto col picchetto delle guardie, le foto di rito scandiscono questo primo atto protocollare. Subito dopo, nella State Appointment Room, l’incontro privato tra Francesco e il Presidente Higgins, con la firma sul libro d’onore, il consueto scambio dei doni e la consegna da parte del Pontefice della medaglia di questo 24esimo viaggio apostolico, che su un lato riporta lo stemma papale e sull’altro la figura di San Patrizio mentre stringe nella mano destra il trifoglio, simbolo dell’Irlanda.

Al termine dell’incontro privato, nel giardino della Residenza il Santo Padre pianta un albero come ricordo della visita, auspicio di pace e speranza e segno di una stagione nuova per il Paese e poi saluta una famiglia di rifugiati e un’altra famiglia, irlandese, che ha fatto la scelta di aprire le porte della propria casa agli immigrati, ospitandoli ed aiutandoli.

Famiglia, migrazioni, abusi

Pochi minuti dopo, percorrendo appena 5 km di strada, Francesco arriva al Castello di Dublino, una fortezza situata nel cuore della città sulla sponda meridionale del fiume Liffey per incontrare le autorità, la società civile e il corpo diplomatico e una delegazione dell’Irlanda del Nord che egli menziona subito con affetto nel suo primo discorso ufficiale.  Parole appassionate sulla storia del Paese, sulla famiglia e la necessità di difenderla dagli attacchi e dalle difficoltà che da ogni parte la sferzano;  sulla crisi migratoria e l’urgenza di soluzioni sagge, infine sul grave scandalo degli abusi sessuali sui minori da parte di membri della Chiesa.

Sofferenza e vergogna

Il fallimento delle autorità ecclesiastiche – vescovi, superiori religiosi, sacerdoti e altri – nell’affrontare adeguatamente questi crimini ripugnanti, ha giustamente suscitato indignazione e rimane causa di sofferenza e di vergogna per la comunità cattolica. Io stesso condivido questi sentimenti. Il mio predecessore, Papa Benedetto, non risparmiò parole per riconoscere la gravità della situazione e domandare che fossero prese misure «veramente evangeliche, giuste ed efficaci» in risposta a questo tradimento di fiducia. Il suo intervento franco e deciso continua a servire da incentivo agli sforzi delle autorità ecclesiali per rimediare agli errori passati e adottare norme stringenti volte ad assicurare che non accadano di nuovo. 

Proteggere i minori

Eliminare a tutti i costi “questo flagello nella Chiesa”, ripete Francesco, facendo riferimento alla recente Lettera al Popolo di Dio sullo scandalo degli abusi sessuali commessi in ogni Paese del mondo. Ogni bambino è infatti dono prezioso di Dio da custodire – afferma a gran voce – mentre ribadisce che la Chiesa d’Irlanda ha svolto nel passato e nel presente un ruolo di promozione del bene dei più piccoli “che non può essere oscurato”.

È mio auspicio che la gravità degli scandali degli abusi, che hanno fatto emergere le mancanze di tanti, serva a sottolineare l’importanza della protezione di minori e adulti vulnerabili da parte dell’intera società. In questo senso, siamo tutti consapevoli dell’urgente necessità di offrire ai giovani un saggio accompagnamento e valori sani per il loro cammino di crescita.

Testimonianza profetica

Poco prima aveva manifestato la sua gioia per questo nono Incontro mondiale delle Famiglie descrivendolo come “una testimonianza profetica del ricco patrimonio di valori etici e spirituali, che è compito di ogni generazione custodire e proteggere”, soprattutto di fronte alle costanti minacce che la famiglia subisce ad ogni livello con il dissesto del matrimonio e della vita quotidiana.

La famiglia è il collante della società; il suo bene non può essere dato per scontato, ma va promosso e tutelato con ogni mezzo appropriato. È nella famiglia che ciascuno di noi ha mosso i primi passi nella vita. Lì abbiamo imparato a convivere in armonia, a controllare i nostri istinti egoistici, a riconciliare le diversità e soprattutto a discernere e ricercare quei valori che danno autentico significato e pienezza alla vita.

Unica famiglia di popoli

Il Papa insiste sui legami dell’umanità che vanno consolidati per fare del mondo un’unica famiglia di popoli; e forte è la sua chiamata all’unità e alla solidarietà, specialmente nei riguardi dei fratelli e delle sorelle più deboli, per contrastare i mali persistenti dell’odio razziale, della violenza, del divario tra ricchi e poveri, del disprezzo per la dignità e i diritti umani.

Quanto bisogno abbiamo di recuperare, in ogni ambito della vita politica e sociale, il senso di essere una vera famiglia di popoli! E di non perdere mai la speranza e il coraggio di perseverare nell’imperativo morale di essere operatori di pace, riconciliatori e custodi l’uno dell’altro.

Pace per l’Irlanda

Tale sfida – afferma Francesco – ha una risonanza particolare in Irlanda, considerando il lungo conflitto che ha separato fratelli e sorelle e che è stato sanato dalla firma, 20 anni fa, dell’Accordo del Venerdì Santo. Ringrazia per la pace raggiunta ma esprime anche speranza che essa vinca ogni ostacolo residuo, favorendo così la nascita di un futuro di concordia e riconciliazione. Senza la pace che sgorga dalla conversione dei cuori, “l’ideale di una famiglia globale di nazioni, incalza Papa Bergoglio, rischia di diventare un vuoto luogo comune” favorendo piuttosto il diffondersi della cultura dello scarto che rende indifferenti verso i poveri e gli indifesi, “compresi i non nati, privati dello stesso diritto alla vita”.

Sfida migratoria

Forse la sfida che più provoca le nostre coscienze in questi tempi è la massiccia crisi migratoria, che non è destinata a scomparire e la cui soluzione esige saggezza, ampiezza di vedute e una preoccupazione umanitaria che vada ben al di là di decisioni politiche a breve termine.

Relazioni diplomatiche

Il Papa chiude lodando l’impegno e gli sforzi fatti per costruire solide relazioni tra la Santa Sede e il libero Stato d’Irlanda che poggiano su quella storia millenaria del messaggio cristiano, predicato da Palladio e Patrizio, trasmesso poi da santi e studiosi tra cui Columba, Colombano, Brigida, Gallo, Killian, Brendan e molti altri, onorati in tutta l’Europa e non solo. Mai perdere e dimenticare le vibranti melodie del messaggio cristiano che hanno sostenuto l’Irlanda e continuano a sostenerla: è l’auspicio finale di Francesco.

Il messaggio cristiano

Oggi come in passato, uomini e donne che abitano questo Paese si sforzano di arricchire la vita della nazione con la sapienza nata dalla fede.  Anche nelle ore più buie dell’Irlanda, essi hanno trovato nella fede la sorgente di quel coraggio e di quell’impegno che sono indispensabili per forgiare un avvenire di libertà e dignità, giustizia e solidarietà. Il messaggio cristiano è stato parte integrante di tale esperienza e ha dato forma al linguaggio, al pensiero e alla cultura della gente di quest’isola.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Papa a autorità: famiglia, migrazioni e piaga degli abusi. Mai dimenticare il Vangelo

I primi atti ufficiali del 24esimo viaggio apostolico di Francesco in Irlanda

  

- Advertisement -
La visita al Presidente Higgins, l’incontro con le autorità: i primi atti ufficiali del 24esimo viaggio apostolico di Francesco in Irlanda. Misure efficaci per debellare il crimine ripugnante dell’abuso sui minori, crisi migratoria, difesa della vita e della famiglia, pace duratura nel Paese, i temi al centro del primo discorso
 

Cecilia Seppia – Città del Vaticano

E’ il capo di Stato Michael Higgins con la moglie Sabine Coyne ad accogliere il Papa dopo 40 anni dalla visita di San Giovanni Paolo II. Alle 11.15 ora locale, Francesco arriva nella Residenza presidenziale, conosciuta anche come la “Casa Bianca” d’Irlanda. Gli inni, gli onori alle bandiere, il saluto col picchetto delle guardie, le foto di rito scandiscono questo primo atto protocollare. Subito dopo, nella State Appointment Room, l’incontro privato tra Francesco e il Presidente Higgins, con la firma sul libro d’onore, il consueto scambio dei doni e la consegna da parte del Pontefice della medaglia di questo 24esimo viaggio apostolico, che su un lato riporta lo stemma papale e sull’altro la figura di San Patrizio mentre stringe nella mano destra il trifoglio, simbolo dell’Irlanda.

Al termine dell’incontro privato, nel giardino della Residenza il Santo Padre pianta un albero come ricordo della visita, auspicio di pace e speranza e segno di una stagione nuova per il Paese e poi saluta una famiglia di rifugiati e un’altra famiglia, irlandese, che ha fatto la scelta di aprire le porte della propria casa agli immigrati, ospitandoli ed aiutandoli.

Famiglia, migrazioni, abusi

Pochi minuti dopo, percorrendo appena 5 km di strada, Francesco arriva al Castello di Dublino, una fortezza situata nel cuore della città sulla sponda meridionale del fiume Liffey per incontrare le autorità, la società civile e il corpo diplomatico e una delegazione dell’Irlanda del Nord che egli menziona subito con affetto nel suo primo discorso ufficiale.  Parole appassionate sulla storia del Paese, sulla famiglia e la necessità di difenderla dagli attacchi e dalle difficoltà che da ogni parte la sferzano;  sulla crisi migratoria e l’urgenza di soluzioni sagge, infine sul grave scandalo degli abusi sessuali sui minori da parte di membri della Chiesa.

Sofferenza e vergogna

Il fallimento delle autorità ecclesiastiche – vescovi, superiori religiosi, sacerdoti e altri – nell’affrontare adeguatamente questi crimini ripugnanti, ha giustamente suscitato indignazione e rimane causa di sofferenza e di vergogna per la comunità cattolica. Io stesso condivido questi sentimenti. Il mio predecessore, Papa Benedetto, non risparmiò parole per riconoscere la gravità della situazione e domandare che fossero prese misure «veramente evangeliche, giuste ed efficaci» in risposta a questo tradimento di fiducia. Il suo intervento franco e deciso continua a servire da incentivo agli sforzi delle autorità ecclesiali per rimediare agli errori passati e adottare norme stringenti volte ad assicurare che non accadano di nuovo. 

Proteggere i minori

- Advertisement -

Eliminare a tutti i costi “questo flagello nella Chiesa”, ripete Francesco, facendo riferimento alla recente Lettera al Popolo di Dio sullo scandalo degli abusi sessuali commessi in ogni Paese del mondo. Ogni bambino è infatti dono prezioso di Dio da custodire – afferma a gran voce – mentre ribadisce che la Chiesa d’Irlanda ha svolto nel passato e nel presente un ruolo di promozione del bene dei più piccoli “che non può essere oscurato”.

È mio auspicio che la gravità degli scandali degli abusi, che hanno fatto emergere le mancanze di tanti, serva a sottolineare l’importanza della protezione di minori e adulti vulnerabili da parte dell’intera società. In questo senso, siamo tutti consapevoli dell’urgente necessità di offrire ai giovani un saggio accompagnamento e valori sani per il loro cammino di crescita.

Testimonianza profetica

Poco prima aveva manifestato la sua gioia per questo nono Incontro mondiale delle Famiglie descrivendolo come “una testimonianza profetica del ricco patrimonio di valori etici e spirituali, che è compito di ogni generazione custodire e proteggere”, soprattutto di fronte alle costanti minacce che la famiglia subisce ad ogni livello con il dissesto del matrimonio e della vita quotidiana.

La famiglia è il collante della società; il suo bene non può essere dato per scontato, ma va promosso e tutelato con ogni mezzo appropriato. È nella famiglia che ciascuno di noi ha mosso i primi passi nella vita. Lì abbiamo imparato a convivere in armonia, a controllare i nostri istinti egoistici, a riconciliare le diversità e soprattutto a discernere e ricercare quei valori che danno autentico significato e pienezza alla vita.

Unica famiglia di popoli

Il Papa insiste sui legami dell’umanità che vanno consolidati per fare del mondo un’unica famiglia di popoli; e forte è la sua chiamata all’unità e alla solidarietà, specialmente nei riguardi dei fratelli e delle sorelle più deboli, per contrastare i mali persistenti dell’odio razziale, della violenza, del divario tra ricchi e poveri, del disprezzo per la dignità e i diritti umani.

Quanto bisogno abbiamo di recuperare, in ogni ambito della vita politica e sociale, il senso di essere una vera famiglia di popoli! E di non perdere mai la speranza e il coraggio di perseverare nell’imperativo morale di essere operatori di pace, riconciliatori e custodi l’uno dell’altro.

Pace per l’Irlanda

Tale sfida – afferma Francesco – ha una risonanza particolare in Irlanda, considerando il lungo conflitto che ha separato fratelli e sorelle e che è stato sanato dalla firma, 20 anni fa, dell’Accordo del Venerdì Santo. Ringrazia per la pace raggiunta ma esprime anche speranza che essa vinca ogni ostacolo residuo, favorendo così la nascita di un futuro di concordia e riconciliazione. Senza la pace che sgorga dalla conversione dei cuori, “l’ideale di una famiglia globale di nazioni, incalza Papa Bergoglio, rischia di diventare un vuoto luogo comune” favorendo piuttosto il diffondersi della cultura dello scarto che rende indifferenti verso i poveri e gli indifesi, “compresi i non nati, privati dello stesso diritto alla vita”.

Sfida migratoria

Forse la sfida che più provoca le nostre coscienze in questi tempi è la massiccia crisi migratoria, che non è destinata a scomparire e la cui soluzione esige saggezza, ampiezza di vedute e una preoccupazione umanitaria che vada ben al di là di decisioni politiche a breve termine.

Relazioni diplomatiche

Il Papa chiude lodando l’impegno e gli sforzi fatti per costruire solide relazioni tra la Santa Sede e il libero Stato d’Irlanda che poggiano su quella storia millenaria del messaggio cristiano, predicato da Palladio e Patrizio, trasmesso poi da santi e studiosi tra cui Columba, Colombano, Brigida, Gallo, Killian, Brendan e molti altri, onorati in tutta l’Europa e non solo. Mai perdere e dimenticare le vibranti melodie del messaggio cristiano che hanno sostenuto l’Irlanda e continuano a sostenerla: è l’auspicio finale di Francesco.

Il messaggio cristiano

Oggi come in passato, uomini e donne che abitano questo Paese si sforzano di arricchire la vita della nazione con la sapienza nata dalla fede.  Anche nelle ore più buie dell’Irlanda, essi hanno trovato nella fede la sorgente di quel coraggio e di quell’impegno che sono indispensabili per forgiare un avvenire di libertà e dignità, giustizia e solidarietà. Il messaggio cristiano è stato parte integrante di tale esperienza e ha dato forma al linguaggio, al pensiero e alla cultura della gente di quest’isola.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
607FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO