8.9 C
Rome
Mar, 10 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Risponde il teologo Pagare le tasse, un «dovere di solidarietà» secondo la dottrina sociale della...

Pagare le tasse, un «dovere di solidarietà» secondo la dottrina sociale della Chiesa

Risponde don Leonardo Salutati, docente di Teologia morale alla Facoltà teologica dell'Italia centrale

- Advertisement -

Un lettore è rimasto colpito dall’aver saputo che un prete chiede in confessione se sono in regola con il pagamento delle tasse e chiede cosa dica in proposito la Chiesa. Risponde don Leonardo Salutati, docente di Teologia morale alla Facoltà teologica dell’Italia centrale

Ho sentito dire di un prete che in confessione chiede alle persone se sono in regola con il pagamento delle tasse, se hanno fatto pagamenti in nero etc. La cosa mi ha fatto sorridere, ma poi mi ha fatto anche riflettere: forse è più seria di quanto sembri. In fondo (a parte la famosa frase di Gesù, «dare a Cesare quel che è di Cesare») pagare le tasse è un dovere, anche per i cristiani. Cosa dice in proposito la dottrina della chiesa?

Emanuele Bianchi

La persona umana è costitutivamente, essere sociale e può conseguire la sua pienezza soltanto relazionandosi con gli altri nella vita associata. La società, dove ciò avviene, è un insieme di persone, di famiglie e di altre società, ognuna con i propri fini, nei confronti dei quali lo Stato svolge un ruolo di servizio. Lo Stato infatti non deve invadere ambiti che non gli competono, ma deve piuttosto garantire le condizioni di libertà, facilitando ogni membro della società nel conseguire il proprio fine, combattendo le ingiustizie e favorendo l’armonia tra i singoli.

In questo quadro, pertanto, il pagamento delle imposte non è espressione di sudditanza del cittadino allo Stato ma, piuttosto, fornisce le risorse necessarie allo Stato per perseguire i propri fini istituzionali a favore dei singoli membri della società. Potremmo dire che è interesse del singolo che le imposte siano pagate, in quanto esse non sono una limitazione dei diritti e della libertà dei singoli bensì, piuttosto, ne sono il necessario presupposto, perché senza Stato non esisterebbe il diritto e la libertà sarebbe assoggettata alla legge del più forte. Pertanto versare il tributo da parte del cittadino, contribuisce al perseguimento dei suoi stessi fini e in generale alla giustizia.

Ovviamente il primo dovere etico compete allo Stato, in quanto deve dimostrare, attraverso i suoi atti, di comportarsi con onestà, particolarmente in ambito tributario. È stata esperienza anche italiana che nel momento in cui si è verificato un abbassamento della pressione fiscale, ciò ha favorito una risposta eticamente buona del cittadino, facendo registrare dal 1949 al 1956, non solo e non primariamente a causa dell’espansione della base imponibile, un aumento del gettito fiscale del 58%, con a fronte un aumento della spesa pubblica del 41%. Infatti dopo la Seconda Guerra Mondiale l’evasione era cresciuta ed era socialmente cresciuta la giustificazione, o almeno l’autogiustificazione, dell’evasione. In seguito però gli atti dello Stato italiano di quell’epoca produssero un’inversione di marcia, perché la diminuzione delle tasse riduceva la convenienza di evadere ed essendo l’imposta più sopportabile, agevolava l’emergere dei redditi in precedenza occultati, diffondendo nei cittadini la percezione di un’eticità del sistema fiscale.

Quando invece un sistema fiscale diventa oppressivo si assiste alla moltiplicazione di strategie legali e non, per evadere le tasse, vissute in molti casi come forme di legittima difesa dopo aver già versato un certo importo. Per esempio lo spostamento dei propri capitali all’estero, il ricorso a consulenti fiscali, l’individuazione di attività deducibili, il trasferimento delle imprese in altri Paesi, tutte cose che comportano risultati complessivi negativi sul gettito fiscale di un Paese e sul bene comune. Al riguardo, inoltre, San Tommaso ammoniva che i governanti con la tassazione possono peccare sia «se non si prefiggono l’utilità del popolo, bensì mirano solo a depredarlo», sia per il fatto che tassano «al di sopra della capacità [contributiva] del popolo» (Commento alla Lettera ai Romani).

Per la Dottrina sociale della Chiesa, comunque, non vi è dubbio che ogni cittadino debba sopportare una parte delle spese pubbliche come «dovere di solidarietà» e lo Stato, in quanto incaricato di proteggere e di promuovere il bene comune dei cittadini, abbia l’obbligo di ripartire fra essi soltanto carichi necessari e proporzionati alle loro risorse (cf. Compendio della Dottrina sociale della Chiesa, 355), nella considerazione anche che: «La sottomissione all’autorità e la corresponsabilità nel bene comune comportano l’esigenza morale del versamento delle imposte» (Catechismo della Chiesa cattolica, 2240).

Leonardo Salutati

Originale: ToscanaOggi.it
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Pagare le tasse, un «dovere di solidarietà» secondo la dottrina sociale della Chiesa

Risponde don Leonardo Salutati, docente di Teologia morale alla Facoltà teologica dell'Italia centrale

  

- Advertisement -

Un lettore è rimasto colpito dall’aver saputo che un prete chiede in confessione se sono in regola con il pagamento delle tasse e chiede cosa dica in proposito la Chiesa. Risponde don Leonardo Salutati, docente di Teologia morale alla Facoltà teologica dell’Italia centrale

Ho sentito dire di un prete che in confessione chiede alle persone se sono in regola con il pagamento delle tasse, se hanno fatto pagamenti in nero etc. La cosa mi ha fatto sorridere, ma poi mi ha fatto anche riflettere: forse è più seria di quanto sembri. In fondo (a parte la famosa frase di Gesù, «dare a Cesare quel che è di Cesare») pagare le tasse è un dovere, anche per i cristiani. Cosa dice in proposito la dottrina della chiesa?

Emanuele Bianchi

La persona umana è costitutivamente, essere sociale e può conseguire la sua pienezza soltanto relazionandosi con gli altri nella vita associata. La società, dove ciò avviene, è un insieme di persone, di famiglie e di altre società, ognuna con i propri fini, nei confronti dei quali lo Stato svolge un ruolo di servizio. Lo Stato infatti non deve invadere ambiti che non gli competono, ma deve piuttosto garantire le condizioni di libertà, facilitando ogni membro della società nel conseguire il proprio fine, combattendo le ingiustizie e favorendo l’armonia tra i singoli.

In questo quadro, pertanto, il pagamento delle imposte non è espressione di sudditanza del cittadino allo Stato ma, piuttosto, fornisce le risorse necessarie allo Stato per perseguire i propri fini istituzionali a favore dei singoli membri della società. Potremmo dire che è interesse del singolo che le imposte siano pagate, in quanto esse non sono una limitazione dei diritti e della libertà dei singoli bensì, piuttosto, ne sono il necessario presupposto, perché senza Stato non esisterebbe il diritto e la libertà sarebbe assoggettata alla legge del più forte. Pertanto versare il tributo da parte del cittadino, contribuisce al perseguimento dei suoi stessi fini e in generale alla giustizia.

Ovviamente il primo dovere etico compete allo Stato, in quanto deve dimostrare, attraverso i suoi atti, di comportarsi con onestà, particolarmente in ambito tributario. È stata esperienza anche italiana che nel momento in cui si è verificato un abbassamento della pressione fiscale, ciò ha favorito una risposta eticamente buona del cittadino, facendo registrare dal 1949 al 1956, non solo e non primariamente a causa dell’espansione della base imponibile, un aumento del gettito fiscale del 58%, con a fronte un aumento della spesa pubblica del 41%. Infatti dopo la Seconda Guerra Mondiale l’evasione era cresciuta ed era socialmente cresciuta la giustificazione, o almeno l’autogiustificazione, dell’evasione. In seguito però gli atti dello Stato italiano di quell’epoca produssero un’inversione di marcia, perché la diminuzione delle tasse riduceva la convenienza di evadere ed essendo l’imposta più sopportabile, agevolava l’emergere dei redditi in precedenza occultati, diffondendo nei cittadini la percezione di un’eticità del sistema fiscale.

Quando invece un sistema fiscale diventa oppressivo si assiste alla moltiplicazione di strategie legali e non, per evadere le tasse, vissute in molti casi come forme di legittima difesa dopo aver già versato un certo importo. Per esempio lo spostamento dei propri capitali all’estero, il ricorso a consulenti fiscali, l’individuazione di attività deducibili, il trasferimento delle imprese in altri Paesi, tutte cose che comportano risultati complessivi negativi sul gettito fiscale di un Paese e sul bene comune. Al riguardo, inoltre, San Tommaso ammoniva che i governanti con la tassazione possono peccare sia «se non si prefiggono l’utilità del popolo, bensì mirano solo a depredarlo», sia per il fatto che tassano «al di sopra della capacità [contributiva] del popolo» (Commento alla Lettera ai Romani).

- Advertisement -

Per la Dottrina sociale della Chiesa, comunque, non vi è dubbio che ogni cittadino debba sopportare una parte delle spese pubbliche come «dovere di solidarietà» e lo Stato, in quanto incaricato di proteggere e di promuovere il bene comune dei cittadini, abbia l’obbligo di ripartire fra essi soltanto carichi necessari e proporzionati alle loro risorse (cf. Compendio della Dottrina sociale della Chiesa, 355), nella considerazione anche che: «La sottomissione all’autorità e la corresponsabilità nel bene comune comportano l’esigenza morale del versamento delle imposte» (Catechismo della Chiesa cattolica, 2240).

Leonardo Salutati

- Advertisement -
Originale: ToscanaOggi.it

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO