9.5 C
Roma
Ven, 27 Novembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Media Video Video: Recita su "Il Piccolo Principe" - Scuola Monteodorisio

Video: Recita su “Il Piccolo Principe” – Scuola Monteodorisio

- Advertisement -

 

Video Vari
Video Vari

 

Discorso di accoglienza della maestra Giovina Vennitti

20130608_102319Carissimi,

l’Anno Scolastico è ormai terminato. Noi docenti desideriamo esprimere tutta la nostra gratitudine a quanti – in modo generoso e spontaneo – ci hanno dato l’opportunità di lavorare con serenità e fiducia; arricchendo la nostra quotidianità sia umanamente sia professionalmente: alunni, genitori, collaboratori scolastici e amministrativi, sponsors e altre figure vicine alla comunità scolastica stessa.

          Un ringraziamento particolare lo rivolgiamo alla Dott.ssa Letizia Daniele, nostra dirigente scolastica, la quale ci ha guidato con grande professionalità e speciale cura, consentendoci di lavorare in armonia e sostenendoci nei momenti di difficoltà.

          Preziosa e indispensabile è stata la vicinanza del Sindaco e dell’Amministrazione Comunale di Monteodorisio che, nella difficile contingenza, hanno saputo trovare risorse per la scuola sia in termini economici sia di sostegno partecipativo concreto.

          Vogliamo ringraziare anche gli esperti che ci hanno accompagnato durante il nostro percorso, perché oggi la scuola è una comunità di sistema dove ognuno si arricchisce e si completa con l’altro. Il nostro grazie, dunque, agli esperti dell’Unità Multidisciplinare della ASL02 Lanciano – Vasto – Chieti, per la proficua collaborazione instaurata nell’ambito dei progetti di integrazione e per il sostegno ai processi di inclusione scolastica.

          Invito-IL PICCOLO PRINCIPEL’incontro con la ricchezza dell’altro è stato, pertanto, l’aspetto più significativo di questo meraviglioso anno scolastico che ha rafforzato i valori fondanti del vivere comune, a conferma del fatto che, come dice un proverbio africano: “Da soli si va più veloci. Ma insieme si va più lontano”.

          Il libro più fortunato di Antoine de Saint – Exupéry: “Il Piccolo Principe”, gioiello di poesia, filosofia e narrativa per lettori di ogni età è stato lo sfondo integratore di questo stupendo anno scolastico; parlando dritto al cuore, ha appassionato moltissimo i nostri alunni e con loro noi grandi (famiglie comprese), invitando a prenderci cura degli altri.

Metafora del passaggio all’età adulta, questo libro, capitolo dopo capitolo, ci ha insegnato che crescere significa diventare responsabili; il più delle volte, per raggiungere questo grado di consapevolezza, occorre viaggiare, fare ricerca in se stessi, confrontarsi, parlare con gli altri; i quali, possono essere buoni, cattivi, ma il più delle volte tutte e due le cose insieme. È necessario allora, coltivare l’amicizia e non perdere mai la speranza; l’importante, però, è trovare un amico sul proprio cammino e capire che spesso, le cose che ci accadono, non sono mai fini a se stesse. Ogni piccolo evento racchiude in sé un significato: “È essenziale vedere con il cuore”.

        2L’atmosfera di serena cooperazione che si è creata intorno alla realizzazione di questo bellissimo “Progetto lettura” – del quale avete avuto già l’opportunità di apprezzare i capolavori realizzati dai bambini – ha largamente ricompensato l’impegno profuso dagli alunni; i quali, sono cresciuti in socializzazione, originalità e autoconsapevolezza.

Dopo lo spettacolo, ne sono certa, la grande fatica lascerà spazio alla soddisfazione di aver lavorato bene e di essere cresciuti insieme.

     … E adesso buon divertimento …

Giovina Vennitti

 

Stralci di immagini inerenti alla recita scolastica su “Il Piccolo Principe”, realizzata dai bambini della Scuola Primaria di Monteodorisio (CH), nella quale sono stato insegnante.

Giuseppe Gravante

 

 

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

6 Commenti

Iscriviti
Notificami
guest
6 Commenti
Più nuovi
Più vecchi Più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Video: Recita su “Il Piccolo Principe” – Scuola Monteodorisio

- Advertisement -

 

Video Vari
Video Vari

 

Discorso di accoglienza della maestra Giovina Vennitti

20130608_102319Carissimi,

- Advertisement -

l’Anno Scolastico è ormai terminato. Noi docenti desideriamo esprimere tutta la nostra gratitudine a quanti – in modo generoso e spontaneo – ci hanno dato l’opportunità di lavorare con serenità e fiducia; arricchendo la nostra quotidianità sia umanamente sia professionalmente: alunni, genitori, collaboratori scolastici e amministrativi, sponsors e altre figure vicine alla comunità scolastica stessa.

          Un ringraziamento particolare lo rivolgiamo alla Dott.ssa Letizia Daniele, nostra dirigente scolastica, la quale ci ha guidato con grande professionalità e speciale cura, consentendoci di lavorare in armonia e sostenendoci nei momenti di difficoltà.

          Preziosa e indispensabile è stata la vicinanza del Sindaco e dell’Amministrazione Comunale di Monteodorisio che, nella difficile contingenza, hanno saputo trovare risorse per la scuola sia in termini economici sia di sostegno partecipativo concreto.

          Vogliamo ringraziare anche gli esperti che ci hanno accompagnato durante il nostro percorso, perché oggi la scuola è una comunità di sistema dove ognuno si arricchisce e si completa con l’altro. Il nostro grazie, dunque, agli esperti dell’Unità Multidisciplinare della ASL02 Lanciano – Vasto – Chieti, per la proficua collaborazione instaurata nell’ambito dei progetti di integrazione e per il sostegno ai processi di inclusione scolastica.

          Invito-IL PICCOLO PRINCIPEL’incontro con la ricchezza dell’altro è stato, pertanto, l’aspetto più significativo di questo meraviglioso anno scolastico che ha rafforzato i valori fondanti del vivere comune, a conferma del fatto che, come dice un proverbio africano: “Da soli si va più veloci. Ma insieme si va più lontano”.

          Il libro più fortunato di Antoine de Saint – Exupéry: “Il Piccolo Principe”, gioiello di poesia, filosofia e narrativa per lettori di ogni età è stato lo sfondo integratore di questo stupendo anno scolastico; parlando dritto al cuore, ha appassionato moltissimo i nostri alunni e con loro noi grandi (famiglie comprese), invitando a prenderci cura degli altri.

Metafora del passaggio all’età adulta, questo libro, capitolo dopo capitolo, ci ha insegnato che crescere significa diventare responsabili; il più delle volte, per raggiungere questo grado di consapevolezza, occorre viaggiare, fare ricerca in se stessi, confrontarsi, parlare con gli altri; i quali, possono essere buoni, cattivi, ma il più delle volte tutte e due le cose insieme. È necessario allora, coltivare l’amicizia e non perdere mai la speranza; l’importante, però, è trovare un amico sul proprio cammino e capire che spesso, le cose che ci accadono, non sono mai fini a se stesse. Ogni piccolo evento racchiude in sé un significato: “È essenziale vedere con il cuore”.

        2L’atmosfera di serena cooperazione che si è creata intorno alla realizzazione di questo bellissimo “Progetto lettura” – del quale avete avuto già l’opportunità di apprezzare i capolavori realizzati dai bambini – ha largamente ricompensato l’impegno profuso dagli alunni; i quali, sono cresciuti in socializzazione, originalità e autoconsapevolezza.

Dopo lo spettacolo, ne sono certa, la grande fatica lascerà spazio alla soddisfazione di aver lavorato bene e di essere cresciuti insieme.

     … E adesso buon divertimento …

Giovina Vennitti

 

Stralci di immagini inerenti alla recita scolastica su “Il Piccolo Principe”, realizzata dai bambini della Scuola Primaria di Monteodorisio (CH), nella quale sono stato insegnante.

Giuseppe Gravante

 

 

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

6 Commenti

Iscriviti
Notificami
guest
6 Commenti
Più nuovi
Più vecchi Più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
289FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
638FollowerSegui
137IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
6
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x