9.7 C
Rome
venerdì, 22 20 Novembre19

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Società e Politica Nuova laicità e inclusione dei poveri

Nuova laicità e inclusione dei poveri

Vita sociale e laicità

- Advertisement -
di: Lorenzo Prezzi
 

Dall’incontro del presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, con i vescovi del paese (9 aprile 2018) è emersa una nuova declinazione della laicità, di «confrontazione» o aperta: il superamento di una laicità intesa come religione di stato che costringe le fedi e le confessioni al puro «privato» (cf. SettimanaNews, qui).

La qualità dell’evento e dell’indirizzo ha suggerito alla segreteria generale della conferenza episcopale di pubblicare l’insieme delle testimonianze e dei discorsi. Sono state in particolare le prime a creare quella simpatia emotiva e il giusto tono agli autorevoli interventi di Georges Pontier, presidente della conferenza e vescovo di Marsiglia, e del presidente della Repubblica (cf. Documents episcopat, n. 6, 2018).

Segnato da un grave handicap, Samuel Bernard, ospite di una comunità dell’Arche, ha ricordato il sostegno della famiglia e del movimento ecclesiale “Fede e luce”, come anche il suo desiderio di incontrare le persone. «Non è facile, perché la gente ha paura ed è indifferente. Se le persone fossero più aperte, si sarebbe meno soli e tutti ci guadagneremmo». Il fratello che l’accompagnava ha confermato e ha aggiunto, guardando Samuel: «Grazie, grazie di avermi aiutato a diventare l’uomo che sono. Sei la mia fierezza, la mia gioia, la mia roccia».

Vanina Desanges ha ricordato la sua esistenza di marginale, di pittrice disordinata e povera, e dell’incontro con Charles Plumey della società di san Vincenzo de’ Paoli, che l’«ha molto arricchita», «facendole toccare con mano il buono presente negli altri». Gli ha risposto Charles: «Scoprire l’altro è superare le sue difficoltà, la prima immagine, ma la seconda è quella del cuore di Vanina, che mi ha scosso. Ho trovato una persona fedele, onesta, generosa, buona e sensibile».

Martine Zacharie ha vissuto a lungo per strada dopo la perdita della sua casa, fino a quando è stata ospitata in uno degli appartamenti gestiti dall’“Associazione per l’amicizia”, dopo aver sperimentato la pesantezza dello sguardo degli altri, «soprattutto quando si è donna». Martine Barbéreau, che condivide, da salariata, l’appartamento e la vita quotidiana con lei, ricorda l’incoraggiamento reciproco e la fantasia necessaria per convivere con altre sei donne. In nome della comune lotta «contro tutte le forme di esclusione, materiali e soprattutto affettive».

La silenziosa e preziosa pratica della carità ha dato il giusto contesto e rilievo agli interventi successivi.

Mons. Pontier ha ricordato con pertinenza che «la grandezza di una società si misura nella cura dei più fragili fra suoi membri. È questo che può qualificarla come umana o no». Per poi sviluppare i temi del vivace dibattito pubblico sulla bioetica: dalla procreazione assistita all’eutanasia. Fino alla difesa dei cristiani in Medio Oriente e alle nuove e pesanti sfide di una comunicazione sociale aggressiva.

Il testo di Macron è giunto al termine di una serie di incontri con i rappresentanti delle religioni in Francia: i musulmani (21 giugno 2017), i protestanti (22 settembre 2017), i rappresentanti di tutte le religioni (4 gennaio 2018), gli ebrei (9 marzo 2018) e, infine, i cattolici (9 aprile 2018).

Quest’ultimo, nel mosaico della riconfigurazione fra società francese, religione e potere pubblico è stato probabilmente il più impegnativo e sintonico, come ha mostrato la visita al papa il 26 giugno 2018. Intravedendo nel cattolicesimo una forma di declinazione della religione meglio attrezzata a innervare nella società una dimensione che la eccede. Un sorta di banco di prova per tutte le religioni nei confronti dello Stato laico.

Nell’orizzonte secolare, faticosamente e congenialmente accettato, essa propone la questione inquieta della salvezza della vita di tutti, quell’«essere intempestiva» che Mounier indicava come la specifica genialità dell’incontro fra Chiesa, Vangelo e società.

Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Nuova laicità e inclusione dei poveri

Vita sociale e laicità

  

- Advertisement -
di: Lorenzo Prezzi
 

Dall’incontro del presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, con i vescovi del paese (9 aprile 2018) è emersa una nuova declinazione della laicità, di «confrontazione» o aperta: il superamento di una laicità intesa come religione di stato che costringe le fedi e le confessioni al puro «privato» (cf. SettimanaNews, qui).

La qualità dell’evento e dell’indirizzo ha suggerito alla segreteria generale della conferenza episcopale di pubblicare l’insieme delle testimonianze e dei discorsi. Sono state in particolare le prime a creare quella simpatia emotiva e il giusto tono agli autorevoli interventi di Georges Pontier, presidente della conferenza e vescovo di Marsiglia, e del presidente della Repubblica (cf. Documents episcopat, n. 6, 2018).

Segnato da un grave handicap, Samuel Bernard, ospite di una comunità dell’Arche, ha ricordato il sostegno della famiglia e del movimento ecclesiale “Fede e luce”, come anche il suo desiderio di incontrare le persone. «Non è facile, perché la gente ha paura ed è indifferente. Se le persone fossero più aperte, si sarebbe meno soli e tutti ci guadagneremmo». Il fratello che l’accompagnava ha confermato e ha aggiunto, guardando Samuel: «Grazie, grazie di avermi aiutato a diventare l’uomo che sono. Sei la mia fierezza, la mia gioia, la mia roccia».

Vanina Desanges ha ricordato la sua esistenza di marginale, di pittrice disordinata e povera, e dell’incontro con Charles Plumey della società di san Vincenzo de’ Paoli, che l’«ha molto arricchita», «facendole toccare con mano il buono presente negli altri». Gli ha risposto Charles: «Scoprire l’altro è superare le sue difficoltà, la prima immagine, ma la seconda è quella del cuore di Vanina, che mi ha scosso. Ho trovato una persona fedele, onesta, generosa, buona e sensibile».

Martine Zacharie ha vissuto a lungo per strada dopo la perdita della sua casa, fino a quando è stata ospitata in uno degli appartamenti gestiti dall’“Associazione per l’amicizia”, dopo aver sperimentato la pesantezza dello sguardo degli altri, «soprattutto quando si è donna». Martine Barbéreau, che condivide, da salariata, l’appartamento e la vita quotidiana con lei, ricorda l’incoraggiamento reciproco e la fantasia necessaria per convivere con altre sei donne. In nome della comune lotta «contro tutte le forme di esclusione, materiali e soprattutto affettive».

- Advertisement -

La silenziosa e preziosa pratica della carità ha dato il giusto contesto e rilievo agli interventi successivi.

Mons. Pontier ha ricordato con pertinenza che «la grandezza di una società si misura nella cura dei più fragili fra suoi membri. È questo che può qualificarla come umana o no». Per poi sviluppare i temi del vivace dibattito pubblico sulla bioetica: dalla procreazione assistita all’eutanasia. Fino alla difesa dei cristiani in Medio Oriente e alle nuove e pesanti sfide di una comunicazione sociale aggressiva.

Il testo di Macron è giunto al termine di una serie di incontri con i rappresentanti delle religioni in Francia: i musulmani (21 giugno 2017), i protestanti (22 settembre 2017), i rappresentanti di tutte le religioni (4 gennaio 2018), gli ebrei (9 marzo 2018) e, infine, i cattolici (9 aprile 2018).

Quest’ultimo, nel mosaico della riconfigurazione fra società francese, religione e potere pubblico è stato probabilmente il più impegnativo e sintonico, come ha mostrato la visita al papa il 26 giugno 2018. Intravedendo nel cattolicesimo una forma di declinazione della religione meglio attrezzata a innervare nella società una dimensione che la eccede. Un sorta di banco di prova per tutte le religioni nei confronti dello Stato laico.

Nell’orizzonte secolare, faticosamente e congenialmente accettato, essa propone la questione inquieta della salvezza della vita di tutti, quell’«essere intempestiva» che Mounier indicava come la specifica genialità dell’incontro fra Chiesa, Vangelo e società.

- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
607FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

“Non fare come gli ipocriti”

Flavio Giuseppe: santo o traditore?

Marconi: L’infanzia di Maria

Dell’essere e dell’amore

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO