9.7 C
Rome
venerdì, 22 20 Novembre19

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana Nullità matrimoniali La Rota sarà gratuita

Nullità matrimoniali La Rota sarà gratuita

- Advertisement -

L’obiettivo della riforma dei processi per la nullità matrimoniale era già stata indicato con chiarezza dal Papa nel Motu propriopubblicato lo scorso settembre ed entrato in vigore il giorno dell’Immacolata: la salvezza delle anime e la vicinanza alle persone in difficoltà per il fallimento del proprio matrimonio. Ieri, con il “Rescritto” che definisce meglio la nuova norma e chiarisce alcuni passaggi, Francesco ribadisce che la Chiesa vuole manifestare «prossimità alle famiglie ferite, desiderando che la moltitudine di coloro che vivono il dramma del fallimento coniugale sia raggiunta dall’opera risanatrice di Cristo». Un impegno coerente con l’Anno giubilare della misericordia e con le indicazioni del Sinodo che aveva sollecitato la Chiesa a chinarsi «verso i suoi figli più fragili, segnati dall’amore ferito e smarrito». In questa prospettiva il Papa, con il “Rescritto” di ieri ha innanzi tutto abrogato le norme precedenti, compreso il Motu proprio di Pio XI del 1938 che istituiva in Italia i tribunali regionali.

Chiarita la questione – che aveva suscitato un ampio dibattito nei mesi scorsi, con richieste di chiarimenti piovute da più parti sul Pontificio Consiglio per i testi legislativi – la parola passa ora ai singoli vescovi che avranno ampia facoltà di istituire un proprio tribunale diocesano o di accordarsi per la creazione di strutture interdiocesane, come indicato dalMotu proprio di papa Francesco. E gli attuali Tribunali regionali? Facile prevedere che in alcune regioni ecclesiastiche saranno trasformati in “interdiocesani”, in altre la decisione potrebbe essere diversa. I criteri da seguire saranno probabilmente di carattere pastorale, ma anche logistico ed economico. Obiettivo primario in ogni caso, come indica il Motu proprio,quello di assicurare quella vicinanza umana e quella celerità di intervento nella logica dell’accoglienza e dell’ascolto delle fragilità. Ma certo sarà posta ogni attenzione per non disperdere il tesoro di competenze e di professionalità accumulato da tante realtà giuridiche della Chiesa italiana. Altro importante punto, nel secondo paragrafo del “Rescritto”, quello che prevede per la Rota Romana la “gratuità evangelica”. Unica eccezione «i fedeli abbienti» che avranno l’obbligo – ma solo morale – di versare una quota «a favore delle cause dei poveri». Si può dire che, in questo caso, la Santa Sede si adegua alle scelte della Chiesa italiana che, già dal 2001, aveva previsto il gratuito patrocinio per le persone con difficoltà economiche. E, per tutte le altre coppie, un tetto massimo di 500 euro. Ma anche per la definizione di questi aspetti economici occorrerà attendere le decisioni delle varie regioni ecclesiastiche.

Oggi la Cei copre l’80 per cento delle spese relative ai Tribunali ecclesiastici. Gli altri punti del documento diffuso ieri sono molto più tecnici e riguardano esclusivamente la Rota. Il Papa stabilisce tra l’altro che nelle cause di nullità davanti al Tribunale di terzo grado «il dubbio sia fissato secondo l’antica formula An constet de matrimonii nullitate, in casu ». Il riferimento è al cosiddetto dubbio generico, che esclude cioè la formulazione specifica dell’eventuale motivo di nullità da verificare. Inoltre viene stabilito che «non si dà appello contro le decisioni rotali in materia di nullità di sentenze o di decreti». Si tratta dei casi in cui la Rota interviene in merito all’ipotesi che una sentenza emessa da un tribunale diocesano sia nulla. In questa eventualità la sua decisione non sarà più appellabile presso la Segnatura Apostolica. Altre disposizioni del “Rescritto” riguardano il ricorso di una delle parti «ha contratto un nuovo matrimonio canonico » e i poteri del decano della Rota.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Nullità matrimoniali La Rota sarà gratuita

  

- Advertisement -

L’obiettivo della riforma dei processi per la nullità matrimoniale era già stata indicato con chiarezza dal Papa nel Motu propriopubblicato lo scorso settembre ed entrato in vigore il giorno dell’Immacolata: la salvezza delle anime e la vicinanza alle persone in difficoltà per il fallimento del proprio matrimonio. Ieri, con il “Rescritto” che definisce meglio la nuova norma e chiarisce alcuni passaggi, Francesco ribadisce che la Chiesa vuole manifestare «prossimità alle famiglie ferite, desiderando che la moltitudine di coloro che vivono il dramma del fallimento coniugale sia raggiunta dall’opera risanatrice di Cristo». Un impegno coerente con l’Anno giubilare della misericordia e con le indicazioni del Sinodo che aveva sollecitato la Chiesa a chinarsi «verso i suoi figli più fragili, segnati dall’amore ferito e smarrito». In questa prospettiva il Papa, con il “Rescritto” di ieri ha innanzi tutto abrogato le norme precedenti, compreso il Motu proprio di Pio XI del 1938 che istituiva in Italia i tribunali regionali.

Chiarita la questione – che aveva suscitato un ampio dibattito nei mesi scorsi, con richieste di chiarimenti piovute da più parti sul Pontificio Consiglio per i testi legislativi – la parola passa ora ai singoli vescovi che avranno ampia facoltà di istituire un proprio tribunale diocesano o di accordarsi per la creazione di strutture interdiocesane, come indicato dalMotu proprio di papa Francesco. E gli attuali Tribunali regionali? Facile prevedere che in alcune regioni ecclesiastiche saranno trasformati in “interdiocesani”, in altre la decisione potrebbe essere diversa. I criteri da seguire saranno probabilmente di carattere pastorale, ma anche logistico ed economico. Obiettivo primario in ogni caso, come indica il Motu proprio,quello di assicurare quella vicinanza umana e quella celerità di intervento nella logica dell’accoglienza e dell’ascolto delle fragilità. Ma certo sarà posta ogni attenzione per non disperdere il tesoro di competenze e di professionalità accumulato da tante realtà giuridiche della Chiesa italiana. Altro importante punto, nel secondo paragrafo del “Rescritto”, quello che prevede per la Rota Romana la “gratuità evangelica”. Unica eccezione «i fedeli abbienti» che avranno l’obbligo – ma solo morale – di versare una quota «a favore delle cause dei poveri». Si può dire che, in questo caso, la Santa Sede si adegua alle scelte della Chiesa italiana che, già dal 2001, aveva previsto il gratuito patrocinio per le persone con difficoltà economiche. E, per tutte le altre coppie, un tetto massimo di 500 euro. Ma anche per la definizione di questi aspetti economici occorrerà attendere le decisioni delle varie regioni ecclesiastiche.

Oggi la Cei copre l’80 per cento delle spese relative ai Tribunali ecclesiastici. Gli altri punti del documento diffuso ieri sono molto più tecnici e riguardano esclusivamente la Rota. Il Papa stabilisce tra l’altro che nelle cause di nullità davanti al Tribunale di terzo grado «il dubbio sia fissato secondo l’antica formula An constet de matrimonii nullitate, in casu ». Il riferimento è al cosiddetto dubbio generico, che esclude cioè la formulazione specifica dell’eventuale motivo di nullità da verificare. Inoltre viene stabilito che «non si dà appello contro le decisioni rotali in materia di nullità di sentenze o di decreti». Si tratta dei casi in cui la Rota interviene in merito all’ipotesi che una sentenza emessa da un tribunale diocesano sia nulla. In questa eventualità la sua decisione non sarà più appellabile presso la Segnatura Apostolica. Altre disposizioni del “Rescritto” riguardano il ricorso di una delle parti «ha contratto un nuovo matrimonio canonico » e i poteri del decano della Rota.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
607FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Lo Spirito nell’agire umano

Razzismo 2.0, l’odio online

Paolo e il suo Vangelo

La ricerca storica su Gesù

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO