10 C
Roma
Sab, 6 Marzo 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale Noi vescovi e il dolore della nostra gente

Noi vescovi e il dolore della nostra gente

- Advertisement -

«Sgomento. Avevo visto diversi di questi luoghi nei miei primi di episcopato qui. Rivederli ora stringe il cuore». Domenico Pompili, vescovo di Rieti, dall’altro giorno continua a percorrere in lungo e in largo la porzione della sua diocesi devastata dal terremoto. «Incontro le persone che vivono ancora l’incredulità per quanto accaduto – prosegue nel suo racconto il vescovo, che raggiungiamo mentre prosegue questo suo peregrinare –. È come vivere in un mondo sospeso, in cui il presente appare cancellato e il futuro appare cancellato».

Un vescovo in questa situazione cosa può dire? O fare? «Deve porsi accanto a queste persone disperate e dare anche sepoltura alle vittime. Penso che non si tratti di dire parole, ma di mettersi al fianco di questi uomini, donne e bambini – quanti bambini -, che stanno vivendo un momento terribile della propria vita. Io stesso in questi giorni nella sola Amatrice ho benedetto un centinaio di salme raccolte in una delle tendopoli, in attesa di identificazione. Un dramma che rischia di essere «cancellato» dalla comprensibile frenesia dei soccorsi e dal bisogno di affrontare necessità contingenti, dopo aver perso non solo i propri cari, ma anche le proprie cose».

Lo stesso strenuo impegno che anima dalla notte della tragedia Giovanni D’Ercole, vescovo di Ascoli Piceno. Nella Messa celebrata ieri all’obitorio, di fronte a decine di vite spezzate dall’insensatezza del terremoto, ha indicato il senso della morte di Cristo in croce. E ha invitato ad andare oltre, a scoprire la luce della Resurrezione dopo il buio del sepolcro.

Come uomini di fede cosa ci insegna questo terremoto? «Che siamo veramente come un filo di erba e che non siamo noi padroni della nostra vita, ma che, proprio per questo, la dobbiamo valorizzare nel modo migliore possibile, perché tutto può finire in un istante. I nostri sogni si infrangono e tutto sembra crollare. Ma oltre il dolore c’è un senso che dobbiamo impegnarci a trovare. Sono un vescovo che cerca di stare con la gente, per la gente. E ho capito che tutti noi abbiamo bisogno di un abbraccio che ci sostenga, che esprima un affetto, una condivisione, una partecipazione. Il terremoto ci dimostra che nessuno basta a se stesso, che ciascuno di noi ha bisogno degli altri. Che nessuno può considerarsi autosufficiente, che tutti siamo bisognosi di accoglienza».

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Noi vescovi e il dolore della nostra gente

- Advertisement -

«Sgomento. Avevo visto diversi di questi luoghi nei miei primi di episcopato qui. Rivederli ora stringe il cuore». Domenico Pompili, vescovo di Rieti, dall’altro giorno continua a percorrere in lungo e in largo la porzione della sua diocesi devastata dal terremoto. «Incontro le persone che vivono ancora l’incredulità per quanto accaduto – prosegue nel suo racconto il vescovo, che raggiungiamo mentre prosegue questo suo peregrinare –. È come vivere in un mondo sospeso, in cui il presente appare cancellato e il futuro appare cancellato».

Un vescovo in questa situazione cosa può dire? O fare? «Deve porsi accanto a queste persone disperate e dare anche sepoltura alle vittime. Penso che non si tratti di dire parole, ma di mettersi al fianco di questi uomini, donne e bambini – quanti bambini -, che stanno vivendo un momento terribile della propria vita. Io stesso in questi giorni nella sola Amatrice ho benedetto un centinaio di salme raccolte in una delle tendopoli, in attesa di identificazione. Un dramma che rischia di essere «cancellato» dalla comprensibile frenesia dei soccorsi e dal bisogno di affrontare necessità contingenti, dopo aver perso non solo i propri cari, ma anche le proprie cose».

Lo stesso strenuo impegno che anima dalla notte della tragedia Giovanni D’Ercole, vescovo di Ascoli Piceno. Nella Messa celebrata ieri all’obitorio, di fronte a decine di vite spezzate dall’insensatezza del terremoto, ha indicato il senso della morte di Cristo in croce. E ha invitato ad andare oltre, a scoprire la luce della Resurrezione dopo il buio del sepolcro.

Come uomini di fede cosa ci insegna questo terremoto? «Che siamo veramente come un filo di erba e che non siamo noi padroni della nostra vita, ma che, proprio per questo, la dobbiamo valorizzare nel modo migliore possibile, perché tutto può finire in un istante. I nostri sogni si infrangono e tutto sembra crollare. Ma oltre il dolore c’è un senso che dobbiamo impegnarci a trovare. Sono un vescovo che cerca di stare con la gente, per la gente. E ho capito che tutti noi abbiamo bisogno di un abbraccio che ci sostenga, che esprima un affetto, una condivisione, una partecipazione. Il terremoto ci dimostra che nessuno basta a se stesso, che ciascuno di noi ha bisogno degli altri. Che nessuno può considerarsi autosufficiente, che tutti siamo bisognosi di accoglienza».

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
201IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

La grande città e la salvezza

Eva e il serpente

La simbolica del grido nel Vangelo di Marco

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x