17.5 C
Roma
Dom, 18 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Culmen et Fons Nella messa l’oggi della storia

Nella messa l’oggi della storia

- Advertisement -

di: Francesca Cocchini

Ancora una volta sento il desiderio di esplicitare un pensiero che si sta facendo sempre più profondo e chiaro in me. L’hanno suscitato alcuni interventi, che ho letto in vari “siti”, di persone che ritengono non appropriato, addirittura non giusto celebrare la messa nelle condizioni nelle quali ci troviamo a doverla celebrare: con mascherine, sedendoci in posti distanziati, con sacerdoti che devono mettersi i guanti per distribuire la comunione, senza potersi dare la mano per la pace, senza poter cantare…

Alcuni ritengono che si dovrebbe piuttosto avere la pazienza di aspettare il ritorno alla “normalità”. Ebbene, mi sto invece sempre più convincendo che è davvero importante, addirittura in certo senso ancora più necessario andare a messa ogni giorno, e andarci proprio così: con la mascherina, con i posti segnati e distanziati, ricevendo la comunione da un sacerdote che prima si è dovuto ben disinfettare le mani e mettersi anche lui la mascherina, e che ci consegna quel Pane con i guanti e noi lo dobbiamo prendere e far passare sotto la nostra mascherina…!

Sì, è importante, e lo è perché è la storia di oggi, quella, oltre tutto, che oggi vive quasi tutta l’umanità. È la storia nella quale siamo tutti inseriti, l’umanità oggi vive con questi segni così evidenti di debolezza, di sofferenza, di negatività.

E nella messa noi abbiamo la grazia di portare ad essa questa realtà segnata dalla debolezza, dalla sofferenza, dalla negatività. Nella messa siamo chiamati proprio a “fare questo”: portare la realtà di ogni OGGI, perché Lui possa in ogni OGGI prenderla su di sé e così trasformarla. Perché è questo il lavoro che dà gloria al Padre e che Lui in noi e noi in Lui possiamo continuare a compiere.

La situazione che oggi avvertiamo come di “anormalità”, è invece ora la situazione “normale”, talmente “normale” che è praticamente la stessa in tutto il mondo, ed è questo “anormale-normale” che Lui vuole e deve assumere, ma se noi non glielo portiamo, se diciamo: finché le cose non tornano com’erano… ci mettiamo fuori dalla storia, disubbidiamo alla storia.

Lui continua a incarnarsi nella storia e ora la storia è questa. Lui si è fatto ubbidiente alla storia, e così anche noi, chiamati ad avere i suoi stessi sentimenti, mi sembra che in maniera particolarissima dobbiamo ubbidire alla storia, a questa storia. È il dono che possiamo fare al Dio della storia e all’umanità che vive nella storia.

Vi abbraccio così, è il modo che abbiamo oggi e oggi va bene così, siamo capaci di riempire anche questo “non abbraccio” di intensità nuova.

Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Nella messa l’oggi della storia

  

- Advertisement -

di: Francesca Cocchini

Ancora una volta sento il desiderio di esplicitare un pensiero che si sta facendo sempre più profondo e chiaro in me. L’hanno suscitato alcuni interventi, che ho letto in vari “siti”, di persone che ritengono non appropriato, addirittura non giusto celebrare la messa nelle condizioni nelle quali ci troviamo a doverla celebrare: con mascherine, sedendoci in posti distanziati, con sacerdoti che devono mettersi i guanti per distribuire la comunione, senza potersi dare la mano per la pace, senza poter cantare…

Alcuni ritengono che si dovrebbe piuttosto avere la pazienza di aspettare il ritorno alla “normalità”. Ebbene, mi sto invece sempre più convincendo che è davvero importante, addirittura in certo senso ancora più necessario andare a messa ogni giorno, e andarci proprio così: con la mascherina, con i posti segnati e distanziati, ricevendo la comunione da un sacerdote che prima si è dovuto ben disinfettare le mani e mettersi anche lui la mascherina, e che ci consegna quel Pane con i guanti e noi lo dobbiamo prendere e far passare sotto la nostra mascherina…!

Sì, è importante, e lo è perché è la storia di oggi, quella, oltre tutto, che oggi vive quasi tutta l’umanità. È la storia nella quale siamo tutti inseriti, l’umanità oggi vive con questi segni così evidenti di debolezza, di sofferenza, di negatività.

E nella messa noi abbiamo la grazia di portare ad essa questa realtà segnata dalla debolezza, dalla sofferenza, dalla negatività. Nella messa siamo chiamati proprio a “fare questo”: portare la realtà di ogni OGGI, perché Lui possa in ogni OGGI prenderla su di sé e così trasformarla. Perché è questo il lavoro che dà gloria al Padre e che Lui in noi e noi in Lui possiamo continuare a compiere.

- Advertisement -

La situazione che oggi avvertiamo come di “anormalità”, è invece ora la situazione “normale”, talmente “normale” che è praticamente la stessa in tutto il mondo, ed è questo “anormale-normale” che Lui vuole e deve assumere, ma se noi non glielo portiamo, se diciamo: finché le cose non tornano com’erano… ci mettiamo fuori dalla storia, disubbidiamo alla storia.

Lui continua a incarnarsi nella storia e ora la storia è questa. Lui si è fatto ubbidiente alla storia, e così anche noi, chiamati ad avere i suoi stessi sentimenti, mi sembra che in maniera particolarissima dobbiamo ubbidire alla storia, a questa storia. È il dono che possiamo fare al Dio della storia e all’umanità che vive nella storia.

Vi abbraccio così, è il modo che abbiamo oggi e oggi va bene così, siamo capaci di riempire anche questo “non abbraccio” di intensità nuova.

- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
632FollowerSegui
121IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Il Libro della Sapienza

Le ultime parole del Crocifisso

Il mondo mistico dell’ebraismo

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x