14.7 C
Rome
sabato, 21 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vaticano Müller: “Non ci sarà alcuna correzione al Papa”

Müller: “Non ci sarà alcuna correzione al Papa”

- Advertisement -

Il Prefetto della dottrina della fede intervistato da Tgcom24: «In questo momento non è possibile, non c’è alcun pericolo per la fede. Non mi è piaciuta la pubblicazione dei dubia»

Sulla vicenda dei «dubia» espressi dai quattro cardinali sull’esortazione «Amoris laetitia» interviene nuovamente il cardinale Gerhard Ludwig Müller, Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, affermando che «in questo momento non è possibile una correzione al Papa perché non c’è alcun pericolo per la fede». Il porporato, intervistato dal vaticanista del Tgcom24, Fabio Marchese Ragona nell’ambito della trasmissione «Stanze Vaticane», ha anche espresso il suo disaccordo sulla pubblicazione dei «dubia».

Come si ricorderà, poco più di un mese dopo aver presentato cinque «dubia» – interrogativi sull’interpretazione di «Amoris laetitia» a proposito della questione dei sacramenti per i divorziati in seconda unione presentati secondo la modalità tecnica delle richieste di chiarimento alla Congregazione per la dottrina della fede – i quattro cardinali firmatari, Walter Brandmüller, Raymond Leo Burke, Carlo Caffarra e Joachim Meisner, hanno deciso di renderli pubblici diffondendoli sui media. La pubblicazione è avvenuta alcuni giorni prima del concistoro di ottobre. Nelle settimane successive il cardinale Burke ha più volte parlato di una possibile e prossima «correzione formale» del Papa, in caso di mancata risposta. Intervistato da Vatican Insider, il cardinale Brandmüller precisava che questa correzione sarebbe avvenuta in prima istanza «in camera caritatis» e dunque non sarebbe stata pubblica.

Ora il Prefetto della dottrina della fede, sembra allontanare l’ipotesi della «correzione». «Ognuno», ha detto Müller a Tgcom24, «soprattutto i cardinali della Chiesa Romana, hanno il diritto di scrivere una lettera al Papa. Mi sono stupito perché questa però è diventata pubblica, costringendo quasi il Papa a dire sì o no. Questo non mi piace. Anche una possibile correzione fraterna del Papa», ha continuato, «mi sembra molto lontana, non è possibile in questo momento perché non si tratta di un pericolo per la fede come San Tommaso ha detto».

Il Prefetto dell’ex Sant’Uffizio ha poi aggiunto: «Siamo molto lontani da una correzione e dico che è un danno per la Chiesa discutere di queste cose pubblicamente. “Amoris Laetitia” è molto chiara nella sua dottrina e possiamo interpretare tutta la dottrina di Gesù sul matrimonio, tutta la dottrina della Chiesa in 2000 anni di storia». Papa Francesco, ha concluso il cardinale, «chiede di discernere la situazione di queste persone che vivono un’unione non regolare, cioè non secondo la dottrina della Chiesa su matrimonio, e chiede di aiutare queste persone a trovare un cammino per una nuova integrazione nella Chiesa secondo le condizioni dei sacramenti, del messaggio cristiano sul matrimonio. Ma io non vedo alcuna contrapposizione: da un lato abbiamo la dottrina chiara sul matrimonio, dall’altro l’obbligazione della Chiesa di preoccuparsi di queste persone in difficoltà». 

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Müller: “Non ci sarà alcuna correzione al Papa”

  

- Advertisement -

Il Prefetto della dottrina della fede intervistato da Tgcom24: «In questo momento non è possibile, non c’è alcun pericolo per la fede. Non mi è piaciuta la pubblicazione dei dubia»

Sulla vicenda dei «dubia» espressi dai quattro cardinali sull’esortazione «Amoris laetitia» interviene nuovamente il cardinale Gerhard Ludwig Müller, Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, affermando che «in questo momento non è possibile una correzione al Papa perché non c’è alcun pericolo per la fede». Il porporato, intervistato dal vaticanista del Tgcom24, Fabio Marchese Ragona nell’ambito della trasmissione «Stanze Vaticane», ha anche espresso il suo disaccordo sulla pubblicazione dei «dubia».

Come si ricorderà, poco più di un mese dopo aver presentato cinque «dubia» – interrogativi sull’interpretazione di «Amoris laetitia» a proposito della questione dei sacramenti per i divorziati in seconda unione presentati secondo la modalità tecnica delle richieste di chiarimento alla Congregazione per la dottrina della fede – i quattro cardinali firmatari, Walter Brandmüller, Raymond Leo Burke, Carlo Caffarra e Joachim Meisner, hanno deciso di renderli pubblici diffondendoli sui media. La pubblicazione è avvenuta alcuni giorni prima del concistoro di ottobre. Nelle settimane successive il cardinale Burke ha più volte parlato di una possibile e prossima «correzione formale» del Papa, in caso di mancata risposta. Intervistato da Vatican Insider, il cardinale Brandmüller precisava che questa correzione sarebbe avvenuta in prima istanza «in camera caritatis» e dunque non sarebbe stata pubblica.

Ora il Prefetto della dottrina della fede, sembra allontanare l’ipotesi della «correzione». «Ognuno», ha detto Müller a Tgcom24, «soprattutto i cardinali della Chiesa Romana, hanno il diritto di scrivere una lettera al Papa. Mi sono stupito perché questa però è diventata pubblica, costringendo quasi il Papa a dire sì o no. Questo non mi piace. Anche una possibile correzione fraterna del Papa», ha continuato, «mi sembra molto lontana, non è possibile in questo momento perché non si tratta di un pericolo per la fede come San Tommaso ha detto».

Il Prefetto dell’ex Sant’Uffizio ha poi aggiunto: «Siamo molto lontani da una correzione e dico che è un danno per la Chiesa discutere di queste cose pubblicamente. “Amoris Laetitia” è molto chiara nella sua dottrina e possiamo interpretare tutta la dottrina di Gesù sul matrimonio, tutta la dottrina della Chiesa in 2000 anni di storia». Papa Francesco, ha concluso il cardinale, «chiede di discernere la situazione di queste persone che vivono un’unione non regolare, cioè non secondo la dottrina della Chiesa su matrimonio, e chiede di aiutare queste persone a trovare un cammino per una nuova integrazione nella Chiesa secondo le condizioni dei sacramenti, del messaggio cristiano sul matrimonio. Ma io non vedo alcuna contrapposizione: da un lato abbiamo la dottrina chiara sul matrimonio, dall’altro l’obbligazione della Chiesa di preoccuparsi di queste persone in difficoltà». 

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Teologia spirituale

Razzismo 2.0, l’odio online

Paolo e il suo Vangelo

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO