14.6 C
Roma
Lun, 6 Aprile 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Carità e Missioni Mozambico: il papa, le sfide, il futuro

Mozambico: il papa, le sfide, il futuro

Una situazione delicata

- Advertisement -

di: Claudio Dalla Zuanna

Claudio Dalla Zuanna, dehoniano arcivescovo di Beira (Mozambico), in un dialogo nella nostra redazione (3 febbraio) ha ripercorso il passaggio di papa Francesco nella Chiesa e nel paese.

Nel racconto sono emersi i principali problemi di ordine politico, sociale ed ecclesiastico presenti nel paese africano.

Nella sua visita in Mozambico (4-6 settembre 2019), il papa è stato accolto benissimo con grande partecipazione della gente; ma le diocesi del centro-nord sono distanti circa 2.000 km dalla capitale, con grosse difficoltà di trasporto, e quindi pochissima gente al di fuori della capitale ha potuto partecipare.

La visita è stata comunque una buona cosa. In particolare, nei suoi messaggi e incontri si è rivolto alle autorità, nell’incontro con i rappresentanti politici del paese e il corpo diplomatico; alla Chiesa, incontrando vescovi, preti e catechisti; e ai giovani, in un incontro a loro riservato.

Nel discorso rivolto alle autorità ha fatto intendere di conoscere bene la situazione del paese e ha toccato i punti nevralgici della situazione in Mozambico. Non è stato quindi un discorso particolarmente gradito dagli ambienti governativi.

Il discorso alla Chiesa – a mio avviso – il papa è stato più generico, meno legato alla realtà locale. Da notare il fatto che, come vescovi, non abbiamo avuto un incontro col papa. Probabilmente questo è il frutto della politica e della volontà dei governi che vogliono relazionarsi direttamente con l’autorità massima senza passare attraverso i livelli intermedi – come può essere quello della Conferenza episcopale.

Risultati elettorali contestati

È stata anche una visita in piena campagna elettorale, con le elezioni che si sono tenute circa un mese e mezzo dopo e che sono state contrassegnate da moltissime irregolarità.

Si è trattato di una campagna elettorale segnata dalla violenza, con l’uccisione non solo di alcuni rappresentanti dell’opposizione ma anche di un osservatore locale del processo elettorale. In maniera fortuita, a causa di un incidente stradale in cui sono incorsi, sono stati scoperti gli autori di questo assassinio, vale a dire le forze speciali della polizia, spesso identificate con gli squadroni della morte che operano nel paese.

Le elezioni hanno sancito l’ampia vittoria delle forze governative: con il 73%, quando, nelle precedenti elezioni, avevano vinto col 52%. È vero che l’opposizione non ha persone preparate, non ha un progetto politico credibile e quindi, in pratica, non c’è alternativa, ma, di fatto, i risultati sono stati viziati da tante irregolarità.

Attacchi politici ai vescovi

Quindici giorni dopo le elezioni, abbiamo avuto l’incontro della Conferenza episcopale e molti si aspettavano una parola dei vescovi sulle elezioni perché il Consiglio Costituzionale, che è l’organo che dichiara i risultati ufficiali delle elezioni, aveva appena detto che questi sarebbero stati annunciati solo alla fine dell’anno.

Quando abbiamo iniziato la nostra assemblea, proprio il primo giorno, un settimanale filo-governativo ha pubblicato un vile attacco contro un vescovo di origine brasiliana la cui diocesi si trova nel nord del Mozambico in una regione segnata da un clima di forte tensione e violenza. Si tratta del vescovo di Pemba, Luiz Fernando Lisboa che, in quel contesto, è l’unico che parla e prende posizione pubblica su quanto avviene nella zona, dato che alcuni giornalisti i quali raccoglievano informazioni sono stati messi in prigione quasi a voler impedire ogni informazione.

Certamente si è trattato di un attacco contro di lui, ma lo abbiamo interpretato anche come un avviso a tutti i vescovi. Non ci siamo certo lasciati intimidire e abbiamo rilasciato un comunicato nel quale dicevamo quello che pensavamo: in un paragrafo si dice che, viste le tante irregolarità, il clima di violenza e altre forme di intimidazione, è comprensibile che l’opposizione abbia difficoltà ad accettare i risultati. Credo che, in questo, il nostro messaggio sia stato chiaro ed esplicito.

Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Mozambico: il papa, le sfide, il futuro

Una situazione delicata

  

- Advertisement -

di: Claudio Dalla Zuanna

Claudio Dalla Zuanna, dehoniano arcivescovo di Beira (Mozambico), in un dialogo nella nostra redazione (3 febbraio) ha ripercorso il passaggio di papa Francesco nella Chiesa e nel paese.

Nel racconto sono emersi i principali problemi di ordine politico, sociale ed ecclesiastico presenti nel paese africano.

Nella sua visita in Mozambico (4-6 settembre 2019), il papa è stato accolto benissimo con grande partecipazione della gente; ma le diocesi del centro-nord sono distanti circa 2.000 km dalla capitale, con grosse difficoltà di trasporto, e quindi pochissima gente al di fuori della capitale ha potuto partecipare.

La visita è stata comunque una buona cosa. In particolare, nei suoi messaggi e incontri si è rivolto alle autorità, nell’incontro con i rappresentanti politici del paese e il corpo diplomatico; alla Chiesa, incontrando vescovi, preti e catechisti; e ai giovani, in un incontro a loro riservato.

Nel discorso rivolto alle autorità ha fatto intendere di conoscere bene la situazione del paese e ha toccato i punti nevralgici della situazione in Mozambico. Non è stato quindi un discorso particolarmente gradito dagli ambienti governativi.

Il discorso alla Chiesa – a mio avviso – il papa è stato più generico, meno legato alla realtà locale. Da notare il fatto che, come vescovi, non abbiamo avuto un incontro col papa. Probabilmente questo è il frutto della politica e della volontà dei governi che vogliono relazionarsi direttamente con l’autorità massima senza passare attraverso i livelli intermedi – come può essere quello della Conferenza episcopale.

- Advertisement -

Risultati elettorali contestati

È stata anche una visita in piena campagna elettorale, con le elezioni che si sono tenute circa un mese e mezzo dopo e che sono state contrassegnate da moltissime irregolarità.

Si è trattato di una campagna elettorale segnata dalla violenza, con l’uccisione non solo di alcuni rappresentanti dell’opposizione ma anche di un osservatore locale del processo elettorale. In maniera fortuita, a causa di un incidente stradale in cui sono incorsi, sono stati scoperti gli autori di questo assassinio, vale a dire le forze speciali della polizia, spesso identificate con gli squadroni della morte che operano nel paese.

Le elezioni hanno sancito l’ampia vittoria delle forze governative: con il 73%, quando, nelle precedenti elezioni, avevano vinto col 52%. È vero che l’opposizione non ha persone preparate, non ha un progetto politico credibile e quindi, in pratica, non c’è alternativa, ma, di fatto, i risultati sono stati viziati da tante irregolarità.

Attacchi politici ai vescovi

Quindici giorni dopo le elezioni, abbiamo avuto l’incontro della Conferenza episcopale e molti si aspettavano una parola dei vescovi sulle elezioni perché il Consiglio Costituzionale, che è l’organo che dichiara i risultati ufficiali delle elezioni, aveva appena detto che questi sarebbero stati annunciati solo alla fine dell’anno.

Quando abbiamo iniziato la nostra assemblea, proprio il primo giorno, un settimanale filo-governativo ha pubblicato un vile attacco contro un vescovo di origine brasiliana la cui diocesi si trova nel nord del Mozambico in una regione segnata da un clima di forte tensione e violenza. Si tratta del vescovo di Pemba, Luiz Fernando Lisboa che, in quel contesto, è l’unico che parla e prende posizione pubblica su quanto avviene nella zona, dato che alcuni giornalisti i quali raccoglievano informazioni sono stati messi in prigione quasi a voler impedire ogni informazione.

Certamente si è trattato di un attacco contro di lui, ma lo abbiamo interpretato anche come un avviso a tutti i vescovi. Non ci siamo certo lasciati intimidire e abbiamo rilasciato un comunicato nel quale dicevamo quello che pensavamo: in un paragrafo si dice che, viste le tante irregolarità, il clima di violenza e altre forme di intimidazione, è comprensibile che l’opposizione abbia difficoltà ad accettare i risultati. Credo che, in questo, il nostro messaggio sia stato chiaro ed esplicito.

- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
285FansMi piace
930FollowerSegui
13,000FollowerSegui
630FollowerSegui
70IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

La tenerezza nel vangelo di Marco

I “beati” dell’Apocalisse

Le 217 domande di Gesù

Paolo apostolo: vita e teologia

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO