14.6 C
Roma
Dom, 5 Aprile 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale Monasteri trasformati in laboratori di mascherine! Ad Avellino ci pensano le suore

Monasteri trasformati in laboratori di mascherine! Ad Avellino ci pensano le suore

“Siamo pronte a fare anche le notti”

- Advertisement -

Emergenza coronavirus: nella città capoluogo dell’Irpinia e nel vicino comune si Mercogliano si lavora come in azienda: turni e una rigida organizzazione. “Siamo pronte a fare anche le notti”

Anche le suore dei conventi si stanno adoperando per la realizzazione di mascherine per prevenire i rischi di contagio da coronavirus. In particolare accade nella diocesi di Avellino.

«Due dei monasteri della diocesi, sono attualmente impegnati nella realizzazione di mascherine: le suore Oblate di Avellino e le suore Benedettine di Mercogliano ne hanno già realizzate qualche centinaio per distribuirle a quanti ne facciano richiesta nella diocesi»: lo ha riferito a Vatican News lo stesso vescovo di Avellino, monsignor Arturo Aiello.

“La Chiesa non è sull’Aventino”

Come Chiesa «il primo imperativo è essere presenti, vicini. Le campane suonano lo stesso, anche se segnano l’orario di celebrazione a cui non si può partecipare, ma costituiscono una sorta di segnale per i fedeli, il segnale che la Chiesa – sottolinea il vescovo – non si è ritirata sull’Aventino» (La Repubblica Napoli, 19 marzo).

La richiesta di Don Vitaliano

A dare il ritmo alle laboriose sorelle nel monastero benedettino di Mercogliano, ci pensa la madre generale del convento, suor Ildegarda: «Il ricamo da sempre fa parte della nostra tradizione – spiega all’ANSA (19 marzo) – anche se con il tempo si va perdendo».

La richiesta di produrre le mascherine è arrivata su sollecitazione di Don Vitaliano Della Sala, parroco a Mercogliano, già noto per le sue battaglie no-global.

Una piccolo azienda!

«Tutte abbiamo sentito il desiderio di fare qualcosa che accompagnasse la preghiera – aggiunge suor Ildegarda – e cosi’ quando don Vitaliano ci ha chiesto una mano non abbiamo esitato».

E siccome l’organizzazione è tutto in certe imprese, per prima cosa sono stati divisi i ruoli: «C’è chi cuce, chi taglia la tela, chi prepara l’elastico e chi stira. C’è chi lavora la mattina e chi il pomeriggio. Ci alterniamo, in modo che chi non è impegnato nella preghiera lavori alle mascherine».

“Tela resistente e buona qualità”

Quanto alla qualità del manufatto nulla da invidiare a quelle che si vedono comunemente in giro: «Non parliamo di mascherine chirurgiche – precisa suor Ildegarde – ma di quelle in uso alla popolazione. Tuttavia la nostra tela è resistente e di buona qualità. E l’elastico è stretto».

«Le produrremo – spiega la Madre Generale – fino a quando ce ne sarà bisogno. E se la richiesta aumenterà siamo pronte a incrementare il ritmo, e se serve a lavorare anche di sera nel nostro laboratorio.  Contemporaneamente aumenteremo anche i momenti di preghiera perché il Signore dica presto basta a questa piaga».

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Monasteri trasformati in laboratori di mascherine! Ad Avellino ci pensano le suore

“Siamo pronte a fare anche le notti”

  

- Advertisement -

Emergenza coronavirus: nella città capoluogo dell’Irpinia e nel vicino comune si Mercogliano si lavora come in azienda: turni e una rigida organizzazione. “Siamo pronte a fare anche le notti”

Anche le suore dei conventi si stanno adoperando per la realizzazione di mascherine per prevenire i rischi di contagio da coronavirus. In particolare accade nella diocesi di Avellino.

«Due dei monasteri della diocesi, sono attualmente impegnati nella realizzazione di mascherine: le suore Oblate di Avellino e le suore Benedettine di Mercogliano ne hanno già realizzate qualche centinaio per distribuirle a quanti ne facciano richiesta nella diocesi»: lo ha riferito a Vatican News lo stesso vescovo di Avellino, monsignor Arturo Aiello.

“La Chiesa non è sull’Aventino”

Come Chiesa «il primo imperativo è essere presenti, vicini. Le campane suonano lo stesso, anche se segnano l’orario di celebrazione a cui non si può partecipare, ma costituiscono una sorta di segnale per i fedeli, il segnale che la Chiesa – sottolinea il vescovo – non si è ritirata sull’Aventino» (La Repubblica Napoli, 19 marzo).

- Advertisement -

La richiesta di Don Vitaliano

A dare il ritmo alle laboriose sorelle nel monastero benedettino di Mercogliano, ci pensa la madre generale del convento, suor Ildegarda: «Il ricamo da sempre fa parte della nostra tradizione – spiega all’ANSA (19 marzo) – anche se con il tempo si va perdendo».

La richiesta di produrre le mascherine è arrivata su sollecitazione di Don Vitaliano Della Sala, parroco a Mercogliano, già noto per le sue battaglie no-global.

Una piccolo azienda!

«Tutte abbiamo sentito il desiderio di fare qualcosa che accompagnasse la preghiera – aggiunge suor Ildegarda – e cosi’ quando don Vitaliano ci ha chiesto una mano non abbiamo esitato».

E siccome l’organizzazione è tutto in certe imprese, per prima cosa sono stati divisi i ruoli: «C’è chi cuce, chi taglia la tela, chi prepara l’elastico e chi stira. C’è chi lavora la mattina e chi il pomeriggio. Ci alterniamo, in modo che chi non è impegnato nella preghiera lavori alle mascherine».

“Tela resistente e buona qualità”

Quanto alla qualità del manufatto nulla da invidiare a quelle che si vedono comunemente in giro: «Non parliamo di mascherine chirurgiche – precisa suor Ildegarde – ma di quelle in uso alla popolazione. Tuttavia la nostra tela è resistente e di buona qualità. E l’elastico è stretto».

«Le produrremo – spiega la Madre Generale – fino a quando ce ne sarà bisogno. E se la richiesta aumenterà siamo pronte a incrementare il ritmo, e se serve a lavorare anche di sera nel nostro laboratorio.  Contemporaneamente aumenteremo anche i momenti di preghiera perché il Signore dica presto basta a questa piaga».

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
285FansMi piace
930FollowerSegui
13,000FollowerSegui
630FollowerSegui
70IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO