22.9 C
Rome
mercoledì, 26 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Storie Mogol: la musica, il talento e Dio. “Se muoio non è colpa...

Mogol: la musica, il talento e Dio. “Se muoio non è colpa mia!”

Il più grande autore della canzone italiana si racconta a Famiglia Cristiana

- Advertisement -

Il più grande autore della canzone italiana, da sempre associato all’indimenticato Lucio Battisti, si racconta a Famiglia Cristiana e dichiara senza timidezza la centralità della propria fede cattolica. E ai ragazzi della sua scuola dice

Un uomo di 82 anni che fa progetti dalla mattina alla sera e ha investito tutti i proventi dei diritti d’autore in una scuola dedicata ai giovani che vogliano coltivare -sudando!- il proprio talento. Direste mai che una delle parole chiave della sua vita sia “rassegnazione”?

E invece è così. Ma è proprio grazie a questa sua posizione così integralmente e coraggiosamente umana che Giulio Rapetti, in arte Mogol, riesce a macinare progetti, costruire opere, tirare su giovani artisti pensando prima di farne degli uomini.

Nella ricca intervista rilasciata a Famiglia Cristiana racconta il suo impegno per la scuola fondata nel cuore dell’Umbria e costruita secondo un’idea di bellezza vera, seria, che tiene conto di come sia fatta davvero la creatura umana. Si capisce bene che nella sua lucida visionarietà Mogol scorge la statura gigantesca di ogni persona, spesso ridotta per ignoranza, pigrizia o contro-educazione a camminare gobba, a farsi piccola e meschina.

Mi pare di ritrovare insomma in questo rapido schizzo di una vita lunga che ne intreccia altre migliaia le tinte forti tipiche del paradosso cristiano che conosce i limiti e le altezze di quello strano ibrido che è l’uomo, corpo e anima, bassi appetiti e aneliti sublimi. E in esso trova anche la sola possibile composizione: accettati, lasciati conoscere, dialoga col Padre, curati, procedi entro gli argini che ti trovi attorno e scorri impetuoso fino al mare.

Missione pop: nei giovani che si misurano con la musica vede uomini capaci di servire il bene

Nel Cet – il Centro europeo di Toscolano – la cittadella che ha costruito tra i boschi umbri, in cui ha investito «tutti i diritti dei miei testi», l’autore più famoso della canzone italiana forma i giovani che hanno voglia di mettersi in gioco, come autori, compositori, interpreti: «Questa scuola è la mia missione». Il suo motto? «Formiamo l’uomo per formare l’artista». Ma quale idea di uomo ha in mente? «Sono cattolico e cerco Dio. La mia idea parte da ciò in cui credo: formare una persona responsabile, che capisca qual è il senso della vita e comunichi cose utili a tutti». (Famiglia Cristiana)

Non è questo il vero talent show di cui abbiamo bisogno? Non è così che si prendono sul serio desideri, speranze e alti ideali dei nostri giovani per aiutarli a metterli al servizio di un bene più grande? Più che aizzarli gli uni contro gli altri salvo poi vendersi come comprensivi pacieri in programmi dove tutto è filmato, proposto, montato allo scopo di suscitare curiosità e accendere tifoserie, qua si educano persone.

La scuola: oasi e palestra di umanità

Anche solo dando un’occhiata alle pagine social del Centro Europeo di Toscolano in Umbria non possiamo che arrenderci: qui regna la bellezza. La natura, gli spazi, gli edifici: tutto comunica bellezza, ma non selvaggia e primordiale; piuttosto una bellezza frutto di lavoro e armonia tra uomo e natura. Se leggete qualche recensione o commento è tutta un’esclamazione di gratitudine e piacere per la meraviglia dei luoghi, dell’atmosfera, delle relazioni.

Oltre ai locali dedicati alla scuola vera e propria al Cet si trovano un maneggio, più di una piscinaaule congresso e servizi per accogliere ospiti. Mogol, perennemente man at work, si affretta ad aggiornare la lista col progetto più recente e forse di imminente realizzazione:

Sto pensando di realizzare undici ambulatori medici per fare prevenzione, dove la gente impari soprattutto a non ammalarsi: viene qui, passeggia, nuota, pesca, va a cavallo e fa un check up generale. (Ibidem)

Un vero sollievo immaginare un luogo come questo, sebbene solo per i pochi che lo frequentano (non pochissimi in verità: sono diecimila le persone che a vario titolo frequentano il Cet!) che sembra ricomporre in unità l’uomo post moderno così crudelmente sbriciolato in tante piccole parti e mai guardato per intero. Non siamo solo corpo, non siamo solo anima. Non abbiamo solo fame, né solo bisogno di lavorare o riposare. Agli uomini di oggi manca il ritmo, ci manca l’ordine, siamo pieni di note ma strappate agli spartiti. Sembra quasi che qui si possa davvero tornare a far cantare la vita…

Per questo non è difficile immaginare a quale idea di uomo Mogol intenda riferirsi:

Sono cattolico e cerco Dio. La mia idea parte da ciò in cui credo: formare una persona responsabile, che capisca qual è il senso della vita e comunichi cose utili a tutti.

Non sembra anche a voi di sentire l’eco del quaerere Deum benedettino che, come allora, perseguito con tenacia ha permesso di trovare e ricomporre anche il volto dell’uomo?

La fede e il dialogo con il Signore al centro di tutto

Senza questa relazione saremmo al centro del nulla, dice Mogol riportando uno dei suoi aforismi preferiti. Invece il Signore è presente e misteriosamente accessibile.

Per questo, oltre alle tante strutture già elencate, Mogol ha voluto che nella tenuta fosse presente anche una cappella.  E per questo racconta senza smussare spigoli e cercare inutili accomodamenti che il sasso gettato nello stagno della sua vita che continua a generare cerchi su cerchi è il rapporto con Dio. Da dove gli verrà mai tutta questa energia infatti?

Da lui, il Signore che mi protegge, non ho un’altra risposta che sia onesta.

Quanto poco sa di posticcio, di manieroso una affermazione del genere fatta da un uomo del genere con tanti anni di vita già alle spalle. Eppure è tutto concentrato sul presente, proteso verso il futuro e sinceramente grato di ciò che ha già ricevuto.

La sua preghiera infatti dice sia soprattutto per dire grazie e ricordarequanto il Signore e la Madonna gli abbiano già donato. L’accento mariano nella lingua della fede lo ha imparato dalla seconda moglie, Daniela. Ed è a lei che deve la sempre maggiore serietà con la quale la vive.  Non ci stupisce, questo fatto. Dobbiamo ricordarci che, come donne, abbiamo una grande responsabilità nella trasmissione viva della fede ai figli e spesso anche ai mariti (come i supereroi: è perché abbiamo un grande potere!).

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Mogol: la musica, il talento e Dio. “Se muoio non è colpa mia!”

Il più grande autore della canzone italiana si racconta a Famiglia Cristiana

  

- Advertisement -

Il più grande autore della canzone italiana, da sempre associato all’indimenticato Lucio Battisti, si racconta a Famiglia Cristiana e dichiara senza timidezza la centralità della propria fede cattolica. E ai ragazzi della sua scuola dice

Un uomo di 82 anni che fa progetti dalla mattina alla sera e ha investito tutti i proventi dei diritti d’autore in una scuola dedicata ai giovani che vogliano coltivare -sudando!- il proprio talento. Direste mai che una delle parole chiave della sua vita sia “rassegnazione”?

E invece è così. Ma è proprio grazie a questa sua posizione così integralmente e coraggiosamente umana che Giulio Rapetti, in arte Mogol, riesce a macinare progetti, costruire opere, tirare su giovani artisti pensando prima di farne degli uomini.

Nella ricca intervista rilasciata a Famiglia Cristiana racconta il suo impegno per la scuola fondata nel cuore dell’Umbria e costruita secondo un’idea di bellezza vera, seria, che tiene conto di come sia fatta davvero la creatura umana. Si capisce bene che nella sua lucida visionarietà Mogol scorge la statura gigantesca di ogni persona, spesso ridotta per ignoranza, pigrizia o contro-educazione a camminare gobba, a farsi piccola e meschina.

Mi pare di ritrovare insomma in questo rapido schizzo di una vita lunga che ne intreccia altre migliaia le tinte forti tipiche del paradosso cristiano che conosce i limiti e le altezze di quello strano ibrido che è l’uomo, corpo e anima, bassi appetiti e aneliti sublimi. E in esso trova anche la sola possibile composizione: accettati, lasciati conoscere, dialoga col Padre, curati, procedi entro gli argini che ti trovi attorno e scorri impetuoso fino al mare.

- Advertisement -

Missione pop: nei giovani che si misurano con la musica vede uomini capaci di servire il bene

Nel Cet – il Centro europeo di Toscolano – la cittadella che ha costruito tra i boschi umbri, in cui ha investito «tutti i diritti dei miei testi», l’autore più famoso della canzone italiana forma i giovani che hanno voglia di mettersi in gioco, come autori, compositori, interpreti: «Questa scuola è la mia missione». Il suo motto? «Formiamo l’uomo per formare l’artista». Ma quale idea di uomo ha in mente? «Sono cattolico e cerco Dio. La mia idea parte da ciò in cui credo: formare una persona responsabile, che capisca qual è il senso della vita e comunichi cose utili a tutti». (Famiglia Cristiana)

Non è questo il vero talent show di cui abbiamo bisogno? Non è così che si prendono sul serio desideri, speranze e alti ideali dei nostri giovani per aiutarli a metterli al servizio di un bene più grande? Più che aizzarli gli uni contro gli altri salvo poi vendersi come comprensivi pacieri in programmi dove tutto è filmato, proposto, montato allo scopo di suscitare curiosità e accendere tifoserie, qua si educano persone.

La scuola: oasi e palestra di umanità

Anche solo dando un’occhiata alle pagine social del Centro Europeo di Toscolano in Umbria non possiamo che arrenderci: qui regna la bellezza. La natura, gli spazi, gli edifici: tutto comunica bellezza, ma non selvaggia e primordiale; piuttosto una bellezza frutto di lavoro e armonia tra uomo e natura. Se leggete qualche recensione o commento è tutta un’esclamazione di gratitudine e piacere per la meraviglia dei luoghi, dell’atmosfera, delle relazioni.

Oltre ai locali dedicati alla scuola vera e propria al Cet si trovano un maneggio, più di una piscinaaule congresso e servizi per accogliere ospiti. Mogol, perennemente man at work, si affretta ad aggiornare la lista col progetto più recente e forse di imminente realizzazione:

Sto pensando di realizzare undici ambulatori medici per fare prevenzione, dove la gente impari soprattutto a non ammalarsi: viene qui, passeggia, nuota, pesca, va a cavallo e fa un check up generale. (Ibidem)

Un vero sollievo immaginare un luogo come questo, sebbene solo per i pochi che lo frequentano (non pochissimi in verità: sono diecimila le persone che a vario titolo frequentano il Cet!) che sembra ricomporre in unità l’uomo post moderno così crudelmente sbriciolato in tante piccole parti e mai guardato per intero. Non siamo solo corpo, non siamo solo anima. Non abbiamo solo fame, né solo bisogno di lavorare o riposare. Agli uomini di oggi manca il ritmo, ci manca l’ordine, siamo pieni di note ma strappate agli spartiti. Sembra quasi che qui si possa davvero tornare a far cantare la vita…

Per questo non è difficile immaginare a quale idea di uomo Mogol intenda riferirsi:

Sono cattolico e cerco Dio. La mia idea parte da ciò in cui credo: formare una persona responsabile, che capisca qual è il senso della vita e comunichi cose utili a tutti.

Non sembra anche a voi di sentire l’eco del quaerere Deum benedettino che, come allora, perseguito con tenacia ha permesso di trovare e ricomporre anche il volto dell’uomo?

La fede e il dialogo con il Signore al centro di tutto

Senza questa relazione saremmo al centro del nulla, dice Mogol riportando uno dei suoi aforismi preferiti. Invece il Signore è presente e misteriosamente accessibile.

Per questo, oltre alle tante strutture già elencate, Mogol ha voluto che nella tenuta fosse presente anche una cappella.  E per questo racconta senza smussare spigoli e cercare inutili accomodamenti che il sasso gettato nello stagno della sua vita che continua a generare cerchi su cerchi è il rapporto con Dio. Da dove gli verrà mai tutta questa energia infatti?

Da lui, il Signore che mi protegge, non ho un’altra risposta che sia onesta.

Quanto poco sa di posticcio, di manieroso una affermazione del genere fatta da un uomo del genere con tanti anni di vita già alle spalle. Eppure è tutto concentrato sul presente, proteso verso il futuro e sinceramente grato di ciò che ha già ricevuto.

La sua preghiera infatti dice sia soprattutto per dire grazie e ricordarequanto il Signore e la Madonna gli abbiano già donato. L’accento mariano nella lingua della fede lo ha imparato dalla seconda moglie, Daniela. Ed è a lei che deve la sempre maggiore serietà con la quale la vive.  Non ci stupisce, questo fatto. Dobbiamo ricordarci che, come donne, abbiamo una grande responsabilità nella trasmissione viva della fede ai figli e spesso anche ai mariti (come i supereroi: è perché abbiamo un grande potere!).

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato di SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
272FansMi piace
800FollowerSegui
13,000FollowerSegui
581FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO