10.8 C
Roma
Lun, 8 Marzo 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno A Mercoledì delle Ceneri - Anno A - 1 marzo 2017

Mercoledì delle Ceneri – Anno A – 1 marzo 2017

- Advertisement -

IL VANGELO STRABICO

Le Ceneri  – A 

(Gioele 2,12-18; 2 Corinzi 5,20-6,2; Matteo 6,1-6.16-18)

A  cura di Benito Giorgetta 

 

La scandalosa misericordia di Dio

Ascoltiamo il Vangelo:

 

“In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli. Dunque, quando fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipòcriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà. E quando pregate, non siate simili agli ipòcriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà. E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipòcriti, che assumono un’aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà»”.

 

Col mercoledì delle ceneri inizia un periodo liturgico che si chiama Quaresima. Quaranta giorni prima della Pasqua. E’ un cammino. Un itinerario che dovrebbe portarci ad approdare a Dio attratti, sedotti, dalla sua misericordia. E’ un Dio talmente “lento all’ira e ricco di grazia” quello verso cui ci dobbiamo dirigere che, addirittura, è scandaloso. Non solo ci perdona, ci accoglie, ci attende, ci consola, ci rinnova, ma è quasi “costretto”, dalla forza dell’amore, di cui egli è la sorgente e l’essenza, ad elemosinare il nostro sguardo, la nostra considerazione, la nostra disponibilità.

E’ necessario lasciare – convertire – tutte le nostre strade che sono, tutte, senza uscita, ed intraprendere il cammino verso colui che ci attira a sé, ci seduce, promettendo perdono, consolazione, abbraccio paterno con cuore materno. Occorre una decisione forte, generosa per andare incontro a Dio. Occorre effettuare una scelta, esperire un percorso, tagliare col male, col compromesso, con la mediocrità, con l’ipocrisia. E’ necessario fare pulizia, ecologia dello spirito, restauro relazionale, ravvedimento personale, conversione totale. Tutto questo costa fatica ma è necessario fare “rete” con Dio, sinergia con lui. Noi la volontà, la forza che si possiede, lui la grazia con cui ci condisce, ci feconda, solo allora ci sarà possibilità di celebrare l’incontro tra la nostra povertà e la sua grandezza. Questo tempo ci offre la possibilità di intraprendere percorsi animati da buoni desideri e da scelte innovative e purificatrici per la nostra vita: preghiera, digiuno, penitenza. Come conseguenza naturale per ottenere tutto ciò: silenzio, astinenza, spirito di sacrificio.

Non ostentazione spocchiosa ed ipocrita ma nel segreto del proprio cuore, nell’intimità della stanza. Tutto deve accadere non per dimostrare, per apparire ma per essere nuovi nel cuore, nell’incontro con Dio attraverso i fratelli. La ricompensa in cui sperare è quella di Dio che è futura, quella umana, immediata è fuoco di paglia e noi abbiamo bisogno di un fuoco duraturo, eterno e questa è l’orbita solo di Dio. La quaresima ci aiuta ad entrarci.

 

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Mercoledì delle Ceneri – Anno A – 1 marzo 2017

- Advertisement -

IL VANGELO STRABICO

Le Ceneri  – A 

(Gioele 2,12-18; 2 Corinzi 5,20-6,2; Matteo 6,1-6.16-18)

A  cura di Benito Giorgetta 

 

- Advertisement -

La scandalosa misericordia di Dio

Ascoltiamo il Vangelo:

 

“In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli. Dunque, quando fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipòcriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà. E quando pregate, non siate simili agli ipòcriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà. E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipòcriti, che assumono un’aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà»”.

 

Col mercoledì delle ceneri inizia un periodo liturgico che si chiama Quaresima. Quaranta giorni prima della Pasqua. E’ un cammino. Un itinerario che dovrebbe portarci ad approdare a Dio attratti, sedotti, dalla sua misericordia. E’ un Dio talmente “lento all’ira e ricco di grazia” quello verso cui ci dobbiamo dirigere che, addirittura, è scandaloso. Non solo ci perdona, ci accoglie, ci attende, ci consola, ci rinnova, ma è quasi “costretto”, dalla forza dell’amore, di cui egli è la sorgente e l’essenza, ad elemosinare il nostro sguardo, la nostra considerazione, la nostra disponibilità.

E’ necessario lasciare – convertire – tutte le nostre strade che sono, tutte, senza uscita, ed intraprendere il cammino verso colui che ci attira a sé, ci seduce, promettendo perdono, consolazione, abbraccio paterno con cuore materno. Occorre una decisione forte, generosa per andare incontro a Dio. Occorre effettuare una scelta, esperire un percorso, tagliare col male, col compromesso, con la mediocrità, con l’ipocrisia. E’ necessario fare pulizia, ecologia dello spirito, restauro relazionale, ravvedimento personale, conversione totale. Tutto questo costa fatica ma è necessario fare “rete” con Dio, sinergia con lui. Noi la volontà, la forza che si possiede, lui la grazia con cui ci condisce, ci feconda, solo allora ci sarà possibilità di celebrare l’incontro tra la nostra povertà e la sua grandezza. Questo tempo ci offre la possibilità di intraprendere percorsi animati da buoni desideri e da scelte innovative e purificatrici per la nostra vita: preghiera, digiuno, penitenza. Come conseguenza naturale per ottenere tutto ciò: silenzio, astinenza, spirito di sacrificio.

Non ostentazione spocchiosa ed ipocrita ma nel segreto del proprio cuore, nell’intimità della stanza. Tutto deve accadere non per dimostrare, per apparire ma per essere nuovi nel cuore, nell’incontro con Dio attraverso i fratelli. La ricompensa in cui sperare è quella di Dio che è futura, quella umana, immediata è fuoco di paglia e noi abbiamo bisogno di un fuoco duraturo, eterno e questa è l’orbita solo di Dio. La quaresima ci aiuta ad entrarci.

 

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
201IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Le 110 parabole di papa Francesco

Morandini: Cambiare rotta

A scuola di preghiera

Libri consigliati

La tenerezza nel vangelo di Marco

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x