15.3 C
Rome
martedì, 15 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Famiglia e Vita di Coppia Matrimoni forzati: reato anche in Italia?

Matrimoni forzati: reato anche in Italia?

Diffusione del fenomeno

- Advertisement -

Se ne possono ricordare alcuni di particolare importanza:

* la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo del 1948, la quale, pur non intervenendo espressamente sul fenomeno dei matrimoni forzati e precoci, riconosce il diritto al matrimonio e tutela la libertà di contrarre tale vincolo. L’articolo 16 afferma, infatti, che «gli uomini e le donne di età adulta… hanno il diritto di sposarsi e di fondare una famiglia. Nel matrimonio, nell’unione coniugale e al momento del suo scioglimento, essi hanno pari diritti. Il matrimonio sarà contratto esclusivamente con il pieno e libero consenso delle parti»;

* la Convenzione sul consenso al matrimoniosull’età minima per il matrimonio e sulla registrazione dei matrimoni adottata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 7 novembre 1962 la quale, agli articoli 1, 2 e 3, oltre a vietare i matrimoni forzati (rectius i matrimoni contratti senza il libero e pieno consenso delle due parti), impone agli Stati che hanno accettato la Convenzione di fissare un limite minimo di età per sposarsi (non inferiore a 15 anni, secondo le raccomandazioni non vincolanti che accompagnano la Convenzione) precisando che «nessun matrimonio verrà contratto legalmente da persone che abbiano un’età inferiore a questa, fatti salvi i casi nei quali un’autorità competente abbia concesso una deroga relativa all’età, a fronte di valide ragioni e nell’interesse dei futuri sposi»;

* la Risoluzione del Parlamento europeo sulle donne e il fondamentalismo del 13 marzo 2002 che, oltre ad affermare l’assoluta incompatibilità dei matrimoni forzati con i principi dell’ordinamento europeo, stabilisce anche che «i diritti della donna sanciti dai trattati e dalle convenzioni internazionali non possono essere limitati né trasgrediti con il pretesto di interpretazioni religiose, di tradizioni culturali, di costumi o di legislazioni» e che, «all’interno dell’Unione Europea, la difesa dei diritti della donna comporti l’impossibilità di applicare normative o tradizioni opposte o non compatibili». Nell’atto di indirizzo si ritiene «necessario che i diritti derivanti dal diritto di famiglia degli Stati membri prevalgano su quelli dei paesi di origine»;

* la Raccomandazione n. 1723 del 2005 dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, con la quale si invitano gli Stati ad adottare politiche di contrasto al fenomeno dei matrimoni precoci e forzati, sanzionando espressamente le persone che concorrono o aiutano nella celebrazione di tali accordi matrimoniali;

* la Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica del 2011 (Convenzione di Istanbul), che tratta la problematica dei matrimoni forzati soprattutto negli articoli 32 e 37, stabilisce un chiaro legame tra l’obiettivo della parità tra i sessi e quello dell’eliminazione della violenza nei confronti delle donne, interviene poi direttamente sulla questione dei matrimoni forzati, imponendo agli Stati di adottare misure, civili e penali, per contrastare tale pratica;

* la Risoluzione del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite “Rafforzare gli sforzi per prevenire ed eliminare i matrimoni precoci e forzati” del 2 luglio 2015 nella quale i matrimoni precoci e forzati sono considerati come una grave violazione dei diritti umani, che limita la possibilità delle donne e delle ragazze di vivere libere e lontane dalla violenza;

* la Risoluzione del Parlamento europeo del 4 luglio 2018 «verso una strategia esterna dell’UE contro i matrimoni precoci e forzati».

Il contenuto della proposta di legge

Contrariamente a quanto previsto da altri paesi europei,[10] l’Italia non dispone, ad oggi, di una disposizione ad hoc per reprimere penalmente queste condotte.[11] Il disegno di legge in esame colma la lacuna.

L’articolo 7 del Disegno di legge n. S 1200, recante Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e altre disposizioni in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere, prevede l’introduzione del delitto di cui l’articolo 558-bis del codice penale, che sanziona con la reclusione da uno a cinque anni, chi costringa (1° comma) o induca (2° comma) “una persona” a contrarre matrimonio o l’unione civile, per effetto, rispettivamente, di violenza o minaccia o dell’approfittamento delle condizioni di diminuita capacità critica e suggestionabilità in cui essa versi, dovute ad inferiorità psichica, particolare vulnerabilità o necessità.

Autore del reato di cui al primo comma può essere chiunque.

Diversamente, l’ipotesi delittuosa di cui al secondo comma richiede una relazione qualificata – derivante da relazioni familiari, domestiche, lavorative o di affidamento, per ragioni di cura, istruzione, educazione, vigilanza o custodia – tra la vittima e l’autore del fatto, avendo carattere costitutivo del reato anche l’abuso, da parte di quest’ultimo, della qualità rivestita.

Aumenti di pena, diversamente modulati, sono previsti per i casi in cui il fatto è commesso in danno di minori di anni diciotto o di anni quattordici.

Il quinto comma introduce una specifica deroga al principio di territorialità del diritto penale, prevedendo che le disposizioni precedenti si applichino altresì quando il fatto sia commesso all’estero non solo da o nei confronti di un cittadino italiano, ma anche da o nei confronti di uno straniero residente in Italia. Questa previsione è quanto mai opportuna, dovendosi reprimere efficacemente un fenomeno caratterizzato da una accentuata transnazionalità: i reati previsti dalla norma, infatti, sono molto spesso commessi all’estero, ai danni e ad opera di soggetti che risiedono stabilmente (e talvolta sono nati) in Italia.

La finalità di quest’ultima previsione è quella di evitare l’elusione delle sanzioni, ponendo in essere le condotte in questi paesi esteri in cui la pratica dei matrimoni combinati è lecita, nonché di fornire uguale protezione sia al cittadino italiano sia a quello straniero che sia stabilmente presente sul territorio nazionale.

Ciò che manca nella proposta di legge

La sola tutela penalistica dei matrimoni forzati non basta. Potrebbe, anzi, determinare un effetto contrario a quello perseguito, dissuadendo le vittime a denunciare le condotte poste in essere nei loro confronti per il timore di incriminare membri della propria famiglia con cui sussiste un legame stretto.

Sarebbe utile prevedere contestualmente interventi di sensibilizzazione e di formazione che consentano di intercettare subito situazioni a rischio e costruire una rete di protezione che coinvolga servizi sociali, scuola, centri antiviolenza e/o case-rifugio, forze dell’ordine e magistratura.

È innegabile che un ruolo chiave nel far emergere il fenomeno possa essere svolto dalla scuola, che rappresenta un luogo in cui le vittime hanno la possibilità di esternare i loro dubbi e le loro paure. Un primo campanello di allarme è certamente rappresentato dall’alta dispersione scolastica o dall’improvvisa decisione di abbandonare la scuola, anche se in apparenza giustificata da problemi familiari: morte di un parente, perdita di lavoro da parte del padre, annuncio di un improvviso “fidanzamento” nel Paese d’origine…

Ai fini di un’adeguata prevenzione, è da ritenere assolutamente urgente monitorare il fenomeno. Andrebbe, pertanto, data attuazione alla Convenzione di Istanbul, laddove si richiede agli Stati di raccogliere a intervalli regolari dati statistici disaggregati riferiti ai matrimoni forzati.


[1] Cf. SettimanaNews.it n. 19/2019 (dal 6 al 12 maggio), Andrea Lebra, Violenza di genere: in arrivo nuove misure ?

[2] Definiti come «matrimoni contratti senza il libero e valido consenso di uno o di entrambi i coniugi o prima del compimento dei 18 anni», secondo la Convenzione dell’ONU del 7 novembre 1962 sul consenso al matrimonio, l’età minima per contrarre matrimonio e la registrazione dei matrimoni del 7 novembre 1962 e la Risoluzione 1468 (2005) dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa sui matrimoni forzati e i matrimoni di minori.

[3] https://data.unicef.org/topic/child–protection/child–marriage.

[4] Cassazione Sez. Civile VI-1, ordinanza n. 25873 del 18 novembre 2013.

[5] Cassazione Sez. Civile VI-1, ordinanza n. 25643 del 12 dicembre 2016.

[6] In Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 315/57 del 14 novembre 2012.

[7] Il diritto internazionale ed europeo considerano il matrimonio precoce di per sé come una forma di matrimonio forzato, in quanto i bambini, a motivo della loro età, sono innatamente privi della capacità di acconsentire pienamente, liberamente e consapevolmente al matrimonio o all’età in cui sposarsi.

[8] Ratificata dall’Italia con legge 27 giugno 2013 n. 77.

[9] Che nel 2014 ha realizzato un prezioso Vademecum per chi opera nel settore dei “matrimoni forzati, combinati e precoci”. Il Vademecum è reperibile in https://docplayer.it/5580957–Vademecum–per–operatori–e–operatrici.html.

[10] Sono solo 13 le nazioni della UE che considerano il matrimonio forzato perseguibile (Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Germania, Spagna, Ungheria, Lussemburgo, Malta, Portogallo, Svezia, Norvegia, Slovenia e Gran Bretagna) e solo alcuni di questi hanno statistiche affidabili sul numero dei matrimoni forzati che vengono stipulati all’interno dei propri confini. Il Paese che più diligentemente di altri raccoglie, analizza e rende disponibili i dati con maggiore precisione è la Gran Bretagna, dove i matrimoni forzati si contano in circa 1.500 l’anno.

[11] L’interprete è quindi costretto a ricorrere all’applicazione di più fattispecie incriminatrici: l’articolo 558 c.p. (induzione al matrimonio mediante inganno); l’articolo 573 c.p. (sottrazione consensuale di minorenni), che peraltro prevede un’attenuante laddove il fatto sia stato commesso “per fine di matrimonio”; l’articolo 574 c.p. (sottrazione di persone incapaci); entrambi i reati possono concorrere con il più grave reato di sequestro di persona; l’articolo 574-bis c.p. (sottrazione e trattenimento di minore all’estero); l’articolo 610 c.p. (violenza privata), che tuttavia disegna una fattispecie sussidiaria a debole tassatività, e l’articolo 601 c.p. (tratta di persone), per le ipotesi più gravi, contemplate dal secondo comma dell’articolo 37 della Convenzione di Istanbul.

Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Matrimoni forzati: reato anche in Italia?

Diffusione del fenomeno

  

- Advertisement -

Se ne possono ricordare alcuni di particolare importanza:

* la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo del 1948, la quale, pur non intervenendo espressamente sul fenomeno dei matrimoni forzati e precoci, riconosce il diritto al matrimonio e tutela la libertà di contrarre tale vincolo. L’articolo 16 afferma, infatti, che «gli uomini e le donne di età adulta… hanno il diritto di sposarsi e di fondare una famiglia. Nel matrimonio, nell’unione coniugale e al momento del suo scioglimento, essi hanno pari diritti. Il matrimonio sarà contratto esclusivamente con il pieno e libero consenso delle parti»;

* la Convenzione sul consenso al matrimoniosull’età minima per il matrimonio e sulla registrazione dei matrimoni adottata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 7 novembre 1962 la quale, agli articoli 1, 2 e 3, oltre a vietare i matrimoni forzati (rectius i matrimoni contratti senza il libero e pieno consenso delle due parti), impone agli Stati che hanno accettato la Convenzione di fissare un limite minimo di età per sposarsi (non inferiore a 15 anni, secondo le raccomandazioni non vincolanti che accompagnano la Convenzione) precisando che «nessun matrimonio verrà contratto legalmente da persone che abbiano un’età inferiore a questa, fatti salvi i casi nei quali un’autorità competente abbia concesso una deroga relativa all’età, a fronte di valide ragioni e nell’interesse dei futuri sposi»;

* la Risoluzione del Parlamento europeo sulle donne e il fondamentalismo del 13 marzo 2002 che, oltre ad affermare l’assoluta incompatibilità dei matrimoni forzati con i principi dell’ordinamento europeo, stabilisce anche che «i diritti della donna sanciti dai trattati e dalle convenzioni internazionali non possono essere limitati né trasgrediti con il pretesto di interpretazioni religiose, di tradizioni culturali, di costumi o di legislazioni» e che, «all’interno dell’Unione Europea, la difesa dei diritti della donna comporti l’impossibilità di applicare normative o tradizioni opposte o non compatibili». Nell’atto di indirizzo si ritiene «necessario che i diritti derivanti dal diritto di famiglia degli Stati membri prevalgano su quelli dei paesi di origine»;

* la Raccomandazione n. 1723 del 2005 dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, con la quale si invitano gli Stati ad adottare politiche di contrasto al fenomeno dei matrimoni precoci e forzati, sanzionando espressamente le persone che concorrono o aiutano nella celebrazione di tali accordi matrimoniali;

- Advertisement -

* la Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica del 2011 (Convenzione di Istanbul), che tratta la problematica dei matrimoni forzati soprattutto negli articoli 32 e 37, stabilisce un chiaro legame tra l’obiettivo della parità tra i sessi e quello dell’eliminazione della violenza nei confronti delle donne, interviene poi direttamente sulla questione dei matrimoni forzati, imponendo agli Stati di adottare misure, civili e penali, per contrastare tale pratica;

* la Risoluzione del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite “Rafforzare gli sforzi per prevenire ed eliminare i matrimoni precoci e forzati” del 2 luglio 2015 nella quale i matrimoni precoci e forzati sono considerati come una grave violazione dei diritti umani, che limita la possibilità delle donne e delle ragazze di vivere libere e lontane dalla violenza;

* la Risoluzione del Parlamento europeo del 4 luglio 2018 «verso una strategia esterna dell’UE contro i matrimoni precoci e forzati».

Il contenuto della proposta di legge

Contrariamente a quanto previsto da altri paesi europei,[10] l’Italia non dispone, ad oggi, di una disposizione ad hoc per reprimere penalmente queste condotte.[11] Il disegno di legge in esame colma la lacuna.

L’articolo 7 del Disegno di legge n. S 1200, recante Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e altre disposizioni in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere, prevede l’introduzione del delitto di cui l’articolo 558-bis del codice penale, che sanziona con la reclusione da uno a cinque anni, chi costringa (1° comma) o induca (2° comma) “una persona” a contrarre matrimonio o l’unione civile, per effetto, rispettivamente, di violenza o minaccia o dell’approfittamento delle condizioni di diminuita capacità critica e suggestionabilità in cui essa versi, dovute ad inferiorità psichica, particolare vulnerabilità o necessità.

Autore del reato di cui al primo comma può essere chiunque.

Diversamente, l’ipotesi delittuosa di cui al secondo comma richiede una relazione qualificata – derivante da relazioni familiari, domestiche, lavorative o di affidamento, per ragioni di cura, istruzione, educazione, vigilanza o custodia – tra la vittima e l’autore del fatto, avendo carattere costitutivo del reato anche l’abuso, da parte di quest’ultimo, della qualità rivestita.

Aumenti di pena, diversamente modulati, sono previsti per i casi in cui il fatto è commesso in danno di minori di anni diciotto o di anni quattordici.

Il quinto comma introduce una specifica deroga al principio di territorialità del diritto penale, prevedendo che le disposizioni precedenti si applichino altresì quando il fatto sia commesso all’estero non solo da o nei confronti di un cittadino italiano, ma anche da o nei confronti di uno straniero residente in Italia. Questa previsione è quanto mai opportuna, dovendosi reprimere efficacemente un fenomeno caratterizzato da una accentuata transnazionalità: i reati previsti dalla norma, infatti, sono molto spesso commessi all’estero, ai danni e ad opera di soggetti che risiedono stabilmente (e talvolta sono nati) in Italia.

La finalità di quest’ultima previsione è quella di evitare l’elusione delle sanzioni, ponendo in essere le condotte in questi paesi esteri in cui la pratica dei matrimoni combinati è lecita, nonché di fornire uguale protezione sia al cittadino italiano sia a quello straniero che sia stabilmente presente sul territorio nazionale.

Ciò che manca nella proposta di legge

La sola tutela penalistica dei matrimoni forzati non basta. Potrebbe, anzi, determinare un effetto contrario a quello perseguito, dissuadendo le vittime a denunciare le condotte poste in essere nei loro confronti per il timore di incriminare membri della propria famiglia con cui sussiste un legame stretto.

Sarebbe utile prevedere contestualmente interventi di sensibilizzazione e di formazione che consentano di intercettare subito situazioni a rischio e costruire una rete di protezione che coinvolga servizi sociali, scuola, centri antiviolenza e/o case-rifugio, forze dell’ordine e magistratura.

È innegabile che un ruolo chiave nel far emergere il fenomeno possa essere svolto dalla scuola, che rappresenta un luogo in cui le vittime hanno la possibilità di esternare i loro dubbi e le loro paure. Un primo campanello di allarme è certamente rappresentato dall’alta dispersione scolastica o dall’improvvisa decisione di abbandonare la scuola, anche se in apparenza giustificata da problemi familiari: morte di un parente, perdita di lavoro da parte del padre, annuncio di un improvviso “fidanzamento” nel Paese d’origine…

Ai fini di un’adeguata prevenzione, è da ritenere assolutamente urgente monitorare il fenomeno. Andrebbe, pertanto, data attuazione alla Convenzione di Istanbul, laddove si richiede agli Stati di raccogliere a intervalli regolari dati statistici disaggregati riferiti ai matrimoni forzati.


[1] Cf. SettimanaNews.it n. 19/2019 (dal 6 al 12 maggio), Andrea Lebra, Violenza di genere: in arrivo nuove misure ?

[2] Definiti come «matrimoni contratti senza il libero e valido consenso di uno o di entrambi i coniugi o prima del compimento dei 18 anni», secondo la Convenzione dell’ONU del 7 novembre 1962 sul consenso al matrimonio, l’età minima per contrarre matrimonio e la registrazione dei matrimoni del 7 novembre 1962 e la Risoluzione 1468 (2005) dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa sui matrimoni forzati e i matrimoni di minori.

[3] https://data.unicef.org/topic/child–protection/child–marriage.

[4] Cassazione Sez. Civile VI-1, ordinanza n. 25873 del 18 novembre 2013.

[5] Cassazione Sez. Civile VI-1, ordinanza n. 25643 del 12 dicembre 2016.

[6] In Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 315/57 del 14 novembre 2012.

[7] Il diritto internazionale ed europeo considerano il matrimonio precoce di per sé come una forma di matrimonio forzato, in quanto i bambini, a motivo della loro età, sono innatamente privi della capacità di acconsentire pienamente, liberamente e consapevolmente al matrimonio o all’età in cui sposarsi.

[8] Ratificata dall’Italia con legge 27 giugno 2013 n. 77.

[9] Che nel 2014 ha realizzato un prezioso Vademecum per chi opera nel settore dei “matrimoni forzati, combinati e precoci”. Il Vademecum è reperibile in https://docplayer.it/5580957–Vademecum–per–operatori–e–operatrici.html.

[10] Sono solo 13 le nazioni della UE che considerano il matrimonio forzato perseguibile (Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Germania, Spagna, Ungheria, Lussemburgo, Malta, Portogallo, Svezia, Norvegia, Slovenia e Gran Bretagna) e solo alcuni di questi hanno statistiche affidabili sul numero dei matrimoni forzati che vengono stipulati all’interno dei propri confini. Il Paese che più diligentemente di altri raccoglie, analizza e rende disponibili i dati con maggiore precisione è la Gran Bretagna, dove i matrimoni forzati si contano in circa 1.500 l’anno.

[11] L’interprete è quindi costretto a ricorrere all’applicazione di più fattispecie incriminatrici: l’articolo 558 c.p. (induzione al matrimonio mediante inganno); l’articolo 573 c.p. (sottrazione consensuale di minorenni), che peraltro prevede un’attenuante laddove il fatto sia stato commesso “per fine di matrimonio”; l’articolo 574 c.p. (sottrazione di persone incapaci); entrambi i reati possono concorrere con il più grave reato di sequestro di persona; l’articolo 574-bis c.p. (sottrazione e trattenimento di minore all’estero); l’articolo 610 c.p. (violenza privata), che tuttavia disegna una fattispecie sussidiaria a debole tassatività, e l’articolo 601 c.p. (tratta di persone), per le ipotesi più gravi, contemplate dal secondo comma dell’articolo 37 della Convenzione di Istanbul.

- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
601FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO